Programma 101, Salerno, 23 febbraio

Programma 101, Salerno, 23 febbraio

venerdì 26 luglio 2013

DA GOOFYNOOMICS A GOOFYPOLITICS di Fiorenzo Fraioli

26 luglio. Perché polemizzare ancora con Alberto Bagnai? Non perché un giorno sì e l'altro pure egli continui a coprirci d'insulti. Le sue sgradevoli aggressioni verbali hanno due scopi politici precisi. Il primo: sputtanare e delegittimare, assieme a Mpl, la sinistra sovranista e antieurista di questo paese. Il secondo viene di conseguenza: lasciare che il campo sovranista sia occupato solo dai cascami della borghesia berlusconiana. 
Non possiamo dunque lasciar correre. Siamo anzi tenuti a denunciare quest'operazione politica, chi se ne fa portatore e i suoi effettivi committenti.
Ci sbagliamo? Non ci separa molto tempo dal prossimo shock economico-sociale che, tutto  travolgendo, collocherà ogni cosa al posto in cui è destinata. Bagnai al suo, noi al nostro.


Ovvero: dal maestro di Predappio al professore di Pescara*

Curiosa appare l'enfasi posta sul numero dei clicchete —giunti a superare quota 5E6— da parte di uno che non ha mai dato importanza alla lunghezza del CV. Coraggio, fra un po' saranno otto milioni, che non sono baionette ma fanno sempre la loro porca figura!

Prendo atto, con sincero interesse politico, della seguente esternazione del prof. Alberto Bagnai nel suo ultimo post dal titolo "Oggi arriveremo a cinque milioni di contatti": 

«E allora, quando i ceti medio alti hanno capito che toccava anche a loro, è stato relativamente facile trovare la strada verso megafoni più potenti (anche se il fatto che ci siamo riusciti noi ma non altri, e avendo fra l'altro molti meno mezzi di altri - perché non vi ho mai chiesto nulla - indica chiaramente che noi siamo migliori di altri: il mercato, a modo suo, funziona)»
Dunque, i ceti medio alti "hanno capito che toccava anche a loro" e, se ho ben compreso il senso dell'annuncio nella parte finale del post ("scrivo poco perché ho molto da fare, presto saprete cosa, e diventerà anche relativamente più semplice capire come sostenere questo progetto, e quindi decidere se farlo o meno"), presto la coppietta Bagnai-Borghi avrà a disposizione "megafoni più potenti". Ne sono lieto perché, essendo un sincero democratico, non posso non rallegrarmi del fatto che perfino i ceti medio alti avranno la possibilità di far sentire la loro voce: grazie al valido contributo della coppietta Borghi-Bagnai (suona meglio in quest'ordine, che forse è quello giusto), potranno efficacemente difendere i loro interessi nel marasma che si avvicina.

Come è universalmente noto, il professore di Pescara non fa politica, ma parla al "popolo", al suo popolo, mentre il sodale Claudio Borghi Aquilini fa altrettanto con il proprio (che è quello dei lettori di Libero e delle televisioni di Berlusconi). Pare che, di tanto in tanto, si scambino le parti, ma i loro seguaci (la setta degli analbertiti) non ci fanno troppo caso. Sono di bocca buona, molto riverenti verso il capo e pronti ad avventarsi, come mastini feroci, contro chiunque osi criticarlo.

Al capo si deve obbedienza e rispetto, perché ar cavajere nero nun je deve rompe er cazzo nessuno. Coloro che hanno osato sono stati bannati (sennò che setta sarebbe?), ma ad alcuni è andata peggio. Sono quelli che ar cavaere nero je fanno proprio girà i cosiddetti, gente come Ecodellarete, Moreno Pasquinelli, Stefano D'Andrea, Emiliano Brancaccio e tanti altri, colpevoli di condividere solo in parte le sue analisi e di avere la pretesa di pensare in autonomia. Ad essi il professore di Pescara, dal CV corto ma con milioni di clicchete, ha l'abitudine di rivolgersi con squisito bon ton, a dimostrazione del fatto che egli, che pure si spende anima e corpo nella difesa degli interessi popolari, ha ricevuto un'ottima educazione. Quando tutti pensavano solo a divertirsi, lui leggeva i libri senza figure!

Il cuore del dissenso è costituito dal fatto che viene messo in discussione un dogma fondamentale della religione analbertita, quello secondo il quale solo i ceti dominanti, o almeno la parte migliore, avrebbe gli strumenti culturali e i mezzi per rimediare agli errori da essi stessi commessi ("Il vero consenso si costruisce sul mondo dell'informazione mainstream"). Da ciò segue, secondo gli analbertiti, che ogni tentativo di mobilitare i ceti medio bassi è destinato, nel migliore dei casi, all'insuccesso, quando non ad ostacolare la possibilità di un cambiamento che è nel loro stesso interesse. 


Insomma, gli analbertiti hanno una missione, e questi straccioni che non capiscono gli immensi sacrifici, e la dedizione, e il totale disinteresse personale che guida l'azione del sommo maestro, meritano solo il disprezzo e la derisione. Sono, costoro, "quelli che 'facciamo il banchetto pe' 'e firme e ognuno mette 50 euro'" o che organizzano "la sagra della coppietta di Castro dei Volsci", sostenitori talvolta di idee in stridente contrasto con il credo analbertita

Che importanza volete che abbiano i valori di un popolo, il modo in cui spende il denaro, la sua maggiore o minore propensione al risparmio? Il problema è solo il buon funzionamento del mercato il quale, si sa, viene disegnato dai ceti medio alti, e dunque che c'azzeccano i valori del popolino? Stia zitto e aspetti che l'analbertismo porti a termine la sua missione storica!

Quell'idea bizzarra dell'uscita da destra o da sinistra, poi, non vale nemmeno la pena di parlarne! E chi è colui che osa inoculare il dubbio della diagonale del debito nella perfetta costruzione pitagorica del sommo maestro? Un irrazionale, un marxista dell'Illinois, uno che maneggia sì quel rozzo concetto di lotta di classe, ma nulla sa della matematica bellezza delle matrici di flusso!

Presto, grazie ai "megafoni più potenti", le voci di questi dilettanti saranno coperte dall'annuncio della verità, che il popolo conosce già pur non essendone consapevole. L'esercito dei veri credenti, l'invitta schiera degli analbertiti guidata dai sommi profeti Borghi&Bagnai, presto scaccerà i pagani dalla terra promessa per imporre l'avvento dei cambi flessibili. Ci saranno delle perdite, ma che importa davanti al trionfo della verità? Quel giorno anche i pagani saranno perdonati, a patto di riconoscere i loro errori pentendosi delle loro empietà. Ma non Ecodellarete, il traditore, colui che, pur scelto tra mille, trafugò dal tempio le tavole della verità per divulgare i misteriosi numeri del debito pubblico. Credeva, il misero, che il possesso delle magiche formule, che il Maestro gli aveva affidato, lo avrebbe posto sullo stesso piano. L'oblio cada sul suo nome, e sia confinato, per sempre, nelle desolate terre di Ciociaria.


ALBERT III
 


* Fonte: Eco della Rete

Print Friendly and PDF

32 commenti:

  • Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
    Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 16:53

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 17:43

    Giusto! Per prima cosa al rogo l'untore Ecodellarete! Poi finalmente si potrà ragionare serenamente.


    P.S.: Ragazzi io spero tanto che MpL abbia ragione e che succeda quello che deve succedere. Lo spettacolo di questo lento sfacelo è peggio di qualsiasi altra cosa (e penso che se salta il tappo accadrà di tutto).
    Purtroppo non ci credo; vedremo, credo che tra non molti mesi potremo almeno parzialmente tirare le somme sul vero trend politico e sociale di questa epoca.

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 18:01

    Il tappo si stapperà secondo me. Ma penso che le cose invece di migliorare peggioreranno. Mai porre limiti alla divina provvidenza

  • Redazione SollevAzione risponde:
    26 luglio 2013 18:25

    Gente di poca fede!
    Monadi che venite da decenni di letargia consumista non vedete la tempesta sociale che si approssima. E non la vedete perché proiettate sui popoli l'ombra dei vostri io smarriti. Coscienze infelici, quanto impotenti.
    L'apocalisse —nel senso letterale del disvelamento di ciò che sta nascosto, di forze sociali trattenute— è nell'ordine delle cose.
    Ma l'esito non è dato, si deciderà nel corso della lunga battaglia che ci aspetta.

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 18:54

    Cara redazione, complimenti per la prosa.
    Purtroppo nessuno di noi ha la sfera di cristallo per vedere il futuro: quindi ognuno si basa sulle proprie considerazioni.
    Voi pensate in un modo l'anonimo delle 17:43 la pensa in un modo e io la penso in un altro.
    Tutto qui.

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 19:07

    L'ombra del mio io smarrito un cazzo, carissima Redazione.
    Io non ho il minimo problema lavorativo, sono lontanissimo dalla pensione, non ubbidisco a nessuno perché non ho capi e ho tutto il tempo libero che voglio.

    Vedo che la gente è sopraffatta dai propri problemi e io stesso se non fossi decentemente protetto non saprei che pesci pigliare e farei molta più fatica a inquadrare la situazione.

    Voi questo non lo capite e i risultati non vi arrivano...però la colpa è dell'ombra del mio io smarrito...
    Spero che succeda quello che prevedete voi, con tutto il cuore ma non state facendo nulla perché possa accadere in modo efficace e collettivo, state solo aspettando il gran botto ma a cosa porterà dipenderà da quello che capiremo e faremo adesso...in concreto molto poco, questa è la verità.

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 19:10

    ALLA REDAZIONE: la mia piccola critica è questa cari signori: voi parlate di sovranità statale e monetaria, ma la macchina capitalistica, ossia il mercato, non lo si spezza in questo modo.
    Premettendo che senza la conquista del potere politico non si va da nessuna parte, affermo: urge per spezzare il ciclo produttivo che tiene in piedi il dio mercato, NUOVI RAPPORTI DI PRODUZIONE!.
    Mi sembra che questo sia il punto cruciale che manca al vostro movimento...interclassista.
    Ripeto: NUOVI RAPPORTI DI PRODUZIONE URGONO.
    Altrimenti il vostro movimento checchè ne diciate, resterà nei fatti, un movimento "rivoluzionario" piccolo borghese.

    Saluti da Franco.G

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 19:24

    Giusto! Occorrono nuovi rapporti di produzione!

    Parliamo una buona volta del modo di produzione asiatico!
    Così finalmente la platea si scalda...

  • Redazione SollevAzione risponde:
    26 luglio 2013 19:24

    Che splendida cacofonia!
    Sembra una Babele.
    E' davvero singolare che ci si accusi, ad un tempo di essere anticapitalisti/livellatori/ottenebrati dall'ideologia marxista.
    Dall'altra che siamo... un "movimento interclassista".
    Perché non di degnate di leggere i DOCUMENTI PROGRAMMATICI DI MPL (colonna sinistra della home)?

    Poi ci sono quelli che ti dicono "ma che sollevazione andate cianciando, qui non succede un cazzo". E se gli dici che siamo alle porte di grandi sconquassi ti rispondono.. non ho capi, non ubbidisco a nessuno". (?!)

    Dulcis in fundo l'anonimo: "voi la vedete in un modo, lui in un altro, io in un altro ancora".

    Perché non provate a stare al tema dell'articolo pubblicato?
    Questa è la sezione dei commenti, non delle giacultarie tra sordi, né un secchio in cui potete gettare la vostra spazzatura.

    Poiché la domanda metafisica viene spontanea: per quale cazzo di motivo frequentate questo modesto blog?

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 19:38

    @Redazione: a parte il fatto che dovreste essere felici che si frequenti il vostro blog. Perchè perlomeno si creano discussioni, "cacofonie", ma sapete il dibattito è gisuto, il dibattito è bello, è vero che a volte si sfora il tema ma è comunque un segno positivo di voler intraprendere una discussione, o per lanciare input, visto che parlate al 90% dei casi di capitalismo-casinò, classe dirigente incapace, ect... cose sacrosante per carità, ma che a un certo punto capirete stancano. E io penso che questo dovrebbe essere preso come un segnale positivo, non un attacco nei vostri confronti.

    Detto questo. Se proprio volete mmi attengo al tema:
    Bagnai quindi sarà un alfiere di Berlusconi per la prossima campagna elettorale. Mi pare di aver capito così, o sbaglio?

    Grazie in anticipo per la risposta

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 19:45

    Redazione

    No garda, non sate questi mezzucci con me.
    Avete messo insieme due frasi che non avevano relazione per cercare con n espediente da qattro soldi di dimostrare che dicevo assrdità.
    Patetico e inaspettato perché io non vi ho offeso quindi non si capisce perché voi dobbiate attaccare me con degli argomenti more mentula canis come i vostri.

    1) Io sono rimasto sull'articolo e ho detto che non credo che succederà nulla quest'autunno, ok? Vi da fastidio? Non si può dire? Mettete n avviso che certe cose sono tabù e mi adegurò ma non impapocchiate facendo finta di non capie.

    2) Voi non siete rimasti sul tema perché avete tirato fuori "le ombre dei vostri io smarriti" e quando vi ho fatto presente che stavate toppando siete subito passati alle fregnacce.
    Vi spiego: quello che non capite e/o fate finta di non capire è che la gente più è disperata meno si rende conto e meno reagisce. E la colpa è vostra che continuate a parlare di cose che non fanno presa, non del mainstream, non dei padroni.
    Quindi "l'ombra dell'io smarrito" è solo una vostra infantile costruzione di comodo con cui volete scaricare sugli altri la vostra mancanza di fantasia e di coraggio nell'autocritica.
    Io non ho un io smarrito e vedo che la gente con vari assilli economici si spegne e non reagisce ossia il contrario di quello che dite voi.
    Vedremo ma tanto non ammetterete mai la vostra mancanza di fantasia e di capacità di rivolgervi al popolo "volando alto".

    Bagnai o Fraioli, scita da destra o sinistra etc etc sono ttti problemi inesistenti.

    L'UNICA COSA CHE CONTA E' CHE IL POPOLO SI RISVEGLI e nessno, tantomeno voi, sta facendo nulla per quello.

  • Redazione SollevAzione risponde:
    26 luglio 2013 19:55

    «Vi spiego: quello che non capite e/o fate finta di non capire è che la gente più è disperata meno si rende conto e meno reagisce. E la colpa è vostra che continuate a parlare di cose che non fanno presa, non del mainstream, non dei padroni».

    GENIALE! SE IL POPOLO DORME DIPENDE DA NOI CHE CHE PARLIAMO DI COSE CHE NON FANNO PRESA.

    Non per caso dal fatto che gli stolti come te sono (ancora) la maggioranza?

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 20:30

    O.T un pò per sorridere:

    Gloria eterna all'Armata Rossa dei Lavoratori e dei Contadini che col loro sacrificio hanno permesso di nascere liberi e di poter anche, perchè no?, cacofonare in libertà sulla rete :-)))))))))))))

    Su compagni, torniamo a commuoverci e a sorridere e soprattutto ad essere orgogliosi dei nostri simboli, invece di martellarci inutilmente le gonadi

    http://www.youtube.com/watch?feature=fvwp&NR=1&v=xQ2FgBvzHZ0

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 21:36

    Redazione

    Ancora con i ragionamenti capziosi?
    Guardate che la gente vi legge e si accorge che siete dei pecioni.
    Il mainstream ossia il potere addormenta le cosicenze?
    E le coscienze si svegliano cari, basta che si usino gli argomenti giusti espressi con passione e partecipazione affettiva.
    Voi siete degli impiegatizi senza fantasia e senza coraggio.
    Un altro anonimo che non sono io vi ha appena scritto che dite delle cose giuste ma che AVETE ROTTO...dovete parlare degli ideali, dei motivi nobili per cui vale la pena di mettersi in gicoo e rinunciare a un benessere fittizio.
    Non ne siete capaci perché non avete fantasia, mancate dello slancio da sturm und drang che forse avevate da giovanotti, perché SE VONTINUATE COSÌ siete solo pateticamente impiegatizi e LA GENTE LO VEDE E NON VI SEGUE.
    SVEGLIA!

  • tiberio bagnarol scrive:
    26 luglio 2013 22:05

    il capitalismo ha vinto, anche sociologi del calibro di Negri lo affermano, del resto ha in mano tutti gli strumenti di formazione del consenso ,se poi Bagnai o Borghi o Brancaccio in maniera diversa sottolineano i difetti dell'unione monetaria e le conseguenze della redistribuzione di risorse che sta avvenendo in questo momento a scapito dei ceti subalterni, ben vengano i loro commenti chiarificatori che non si trovano nella stampa nazionale; sicuramente la sinistra italiana in tutte le sue componenti , radicali o standard, ha commesso degli errori che ora noi pagheremo, proprio in nome di quell'assurdo assioma che i proletari non sono in grado di capire ed a cui è meglio vendere un sogno fasullo, una speranza vana, piuttosto che comunicargli la realtà dei fatti, ma è stato un errore imperdonabile che ne annienterà purtroppo tutte le componenti alla resa dei conti

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 22:37

    Vabbè, buonanotte

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 22:39

    A quelli che parlano di idealismo, li consiglio di dare un occhiatina a questo modello empirico, il modello di Goodwin. No, giusto per dire che il marxismo è analisi dei e no romanticaglie d'Antan:

    http://zeroconsensus.wordpress.com/

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 22:50

    Bravo. E' proprio la romanticaglia che ci vuole. Ci voglono le analisi e ce ne stanno a iosa; quello che manca sono gli ideali e ve lo stnno dicendo in tanti, non solo io.

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 23:00

    Ma gli ideali sono intrinseci. Rispondevo a quelli che sostengono che il marxismo non è fattibilità. Ma in tutti le analisi, quelle antropologiche-filosofiche gli dieali, secondo me devono esserci sempre poichè sono il succo della vita.

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 23:17

    No, scusa. Gli ideali non sono per niente intrinseci, si sono persi per strada e nessuno li "sente" più.
    E' piuttosto EVIDENTE che vanno riproposti, riaggiustati ai tempi nella sostanza e nel modo di porli, vanno distinti obiettivi di medio e di lungo periodo.

    Inutile lamentarsi che i mass media formano solo loro il consenso o peggio che il popolo si è rincitrullito.

    Se al tentativo delle classi dominanti non sappiamo opporre altro che lamenti e analisi fredde che non smuovono i cuori la colpa della situazione è anche nostra.

    Un marxista dovrebbe saper fare autocritica, giusto?

    Qui si fa l'autocritica agli altri che sono cattivi o ai nostri che dormono.
    E' assurdo.

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 23:24

    Si, hai ragione. Anche se di autocritica secondo me i marxisti ne hanno fatta in questi anni, ma in maniera sbagliata. Comunque questo è un altro discorso

  • Anonimo scrive:
    26 luglio 2013 23:42

    Grazie per la ragione che mi dai.

    Purtroppo Redazione non capisce che non sono solo io a dire queste cose e che questa è la ragione per cui non li segue nessuno.

  • Redazione SollevAzione risponde:
    27 luglio 2013 01:36

    E' pittoresca la critica che noi non avremmo ideali.
    Il nostro ideale si chiama SOCIALISMO, che non è solo un sistema di rapporti sociali, ma implica una rivoluzione totale, ovvero anche spirituale e morale
    Vorremmo capire quali sarebbero gli ideali di quelli che dicono che noi non li abbiamo.

    il fatto è che noi siamo una forza politica e non una confraternita di sognatori. Le grandi masse occuperanno la ribalta perché vi saranno costrette, non si getteranno nella mischia per nobili ideali, quelli implicano una coscienza, e la coscienza si forgia nel fuoco della battaglia sociale ed a patto che vi sia un vettore che la trasmetta.

    Poi questa storia che nessuno ci segue. Godiamo di ottima salute e abbiamo tenacia da vendere e serenità a sufficienza per continuare per la nostra strada, e non ci faranno cambiare idea gli idealisti confusionari che scambiano gli ideali per il centro di gravità permanente che sono condannati a non trovare mai.

  • Anonimo scrive:
    27 luglio 2013 04:42

    Redazione

    Ma allora parlo in turco.
    O parlo in turco io o voi vi rifiutate di leggere.

    Dove ho scritto che non avreste ideali?
    Quello che dico implica che gli ideali sono alla base di tutto.

    La sostanza dei fatti storici, al contrario di quello che dice Marx, sono fatti ideali e culturali secondo la MIA opinione, quindi come farei a pensare che esiste qualcuno senza ideali?

    Allora se aveste letto ho detto che dovete imparare a COMUNICARE i vostri ideali a gente che è scoraggiata.
    DOVETE IMPARARE anche a rimodularli

    *secondo i tempi storici quindi se continuate a usare i vecchi vocaboli non vi ascolta più nessuno

    *secondo obiettivi di medio e di lungo

    *si deve capire che PRIMA vengono gli ideali e poi le analisi che servono a dargli una sostanza teorica e conferma fattuale

    *quindi se la gente ha perso l'orizzonte di senso che gli permette di pensare un ideale è solo l'intellettuale che può e deve ridarglielo (purtroppo per adesso funzionerebbe solo con una persona che abbia un certo prestigio, ma col tempo si supera anche quello)

    *per esempio l'ideale di uguaglianza la gente non sa nemmeno più come intenderlo; la stessa cosa per diritti umani o dei lavoratori; solidarietà è diventato il surrogato un po' miserabile di fratellanza etc etc

    Voi state solo facendo analisi che non servono se non DOPO aver dichiarato degli ideali che portino a RIVENDICAZIONI APPASSIONATE, non a stupide richieste ragionevoli da servo sottomesso.

    Se vi darete la pena di leggere fino a qui vi informo che la vostra idea di una alleanza "larga" con settori della "borghesia" non è sbagliata ma non la sapete proporre perché NON DITE quale sarebbero le rivendicazioni che "gli altri" sarebbero costretti ad accettare.
    SE succederà qualcosa (SE) l'unica via sarà questa alleanza ma allora voi alla borghesia "perdente" che avrà bisogno del vostro/nostro aiuto la tenete per le palle; loro hanno molto di più da perdere.
    La gente non vi segue se non chiarite rapidamente e esplicitamente quali saranno gli obiettivi che si otterranno nell'ambito di NUOVI

    1) rapporti sociali

    2)rapporti di lavoro

    Lo vedete che la gente vi risponde che non capisce questa alleanza, no? Sbagliano ma se non capite che hanno dei motivi di fondo validissimi che hanno disperato bisogno di essere interpretati significa che avete definitivamente perso la sintonia con la vostra gente.

    Oh, è così e ve lo stanno dicendo tutti, non solo io.

  • Anonimo scrive:
    27 luglio 2013 07:58



    Rivolto agli scoraggiati ai quali con intelligenza si rivolge Fiorenzo Fraioli e ad una buona parte di coloro che hanno inviato commenti negli ultimi giorni

    Maurizio Fratta

    Dal Libro I de I Miserabil di Victor Hugo
    X Il Vescovo in presenza di una luce sconosciuta

    ( Il Vescovo incontra un rivoluzionario in punto di morire )


    "Il convenzionale ( membro della Convenzione,l'assemblea esecutiva e legislativa in vigore durante la Rivoluzione francese dal 20 settembre 1792 al 26 ottobre 1795) riaperse gli occhi e sul suo viso si dipinse una gravità in cui v'era già l'ombra.
    «Signor vescovo,» disse, con una lentezza che, forse, proveniva più dalla dignità dell'animo che dall'af- fievolirsi delle forze «ho trascorso la vita nella meditazione, nello studio e nella contemplazione. Avevo sessant'anni, quando il paese mi chiamò e m'ordinò d'occuparmi dei suoi affari. Ubbidii; c'erano degli abusi e li combattei, c'erano tirannie e le distrussi, c'erano diritti e principî ed io li proclamai e sostenni. Il territorio era invaso e lo difesi; la Francia era minacciata ed io offersi il mio petto. Non ero ricco e sono povero; ero uno dei padroni dello Stato in certi momenti in cui le cantine del Tesoro erano così ingombre di valute, che bisognava puntellare i muri, perché non cedessero sotto il peso dell'oro e dell'argento, e andavo a pranzare in via dell'Albero Secco a ventidue soldi per pasto. Ho soccorso gli oppressi e consolato i sofferenti. Ho stracciato, è vero, la tovaglia dell'altare; ma per fasciare le ferite della patria. Ho sempre sostenuto la marcia in avanti del genere umano, verso la luce, ed ho talvolta resistito al progresso spietato; all'occorrenza ho protetto voi, i miei avversari; e a Peteghem, in Fiandra, nel luogo in cui i re merovingi avevano il palazzo d'estate, v'è un convento di clarisse, ch'io salvai nel 1793. Ho fatto il mio dovere secondo le mie forze e tutto il bene che ho potuto; e per questo sono stato schiacciato, stanato, inseguito, perseguitato, diffamato, schernito, fischiato, maledetto, proscritto. Da moltissimi anni in qua, malgrado i miei capelli bianchi, capisco che molti credono d'aver il diritto di disprezzarmi e, per gli occhi della povera folla ignorante, ho la faccia d'un dannato; pure accetto, senza odiare nessuno, l'isolamento dell'odio. Ora ho ottantasei anni e sto per morire; che cosa venite a chiedermi?»
    «La vostra benedizione,» disse il vescovo cadendo in ginocchio.

  • Anonimo scrive:
    27 luglio 2013 10:32

    Vedo a che cosa serve, l'avevo capito da me ma inizio a vederlo praticamente negli effetti, questo finto dibattito tra chi vuole uscire a destra e a sinistra dall'euro/EU (finto, perché basta leggere il libro di Bagnai e si capisce bene come lui ne vorrebbe uscire, solo che non è detto che le forze in campo siano dello stesso avviso e occorre fissare delle priorità).

    Bagnai ora è nella bandiera insieme a Berlusconi e si sottolinea come politicamente allusivo il suo sodalizio con Borghi (schiacciato a sua volta su posizioni berlusconiane).
    Questo il livello della critica.

    E in un Blog sovranista, che vuole costruire il fronte ampio, che in questa fase pone parole d'ordine che sono su un confine incerto tra destra e sinistra, almeno come le conosciamo oggi (la sovranità è di destra o di sinistra? E il fronte ampio popolare? E il fenomeno Grillo al quale guardate con interesse?). E in un Blog che non riesce a creare una sintesi di intenti neanche tra i suoi usuali frequentatori ("i capitalisti sono tutti uguali, piccoli e grandi, facciamoli fuori", "della sovranità non ci frega niente", "quale uscita da euro/ue, facciamo la rivoluzione" ecc...).

    A me pare semplicemente che Bagnai con il suo metodo stia riuscendo infinitamente meglio di voi a coagulare questo benedetto "fronte ampio" sovranista, di persone che vengono da destra o da sinistra ma unite nell'obiettivo e desiderose di essere unite oggi ma di DIVIDERSI domani, quando si aprirà finalmente di nuovo, questa la speranza, lo spazio politico della lotta di classe (non solo quella contro i lavoratori, l'unica possibile oggi).

    Buona fortuna,
    Antonino

  • Redazione SollevAzione risponde:
    27 luglio 2013 12:00

    E' per noi evidentissimo che senza un'ideale sociale la politica diventa un tramestio nel marasma del presente, gestione, diretta o indiretta, dell'ordinario disordine sociale.

    Il SOCIALISMO è il nostro ideale sociale. Lo teniamo ben fermo, non solo nei nostri cuori e nella nostra mente, nel nostro fare politico. E per quanti sputacchi ci date non ci farete cambiare IDEA.

    Dobbiamo adeguare il linguaggio? Sì, dobbiamo. Ma non è affatto questo che spiega la nostra momentanea debolezza, quanto il fatto che il capitalismo ha ottenuto una vittoria epocale sul socialismo nelle sue diverse forme.
    Stiamo solo adesso entrando in un'epoca nuova.
    Chi vivrà vedrà.

    Non siamo idealisti: affinché certi ideali si facciamo strada debbono sposare specifici interessi sociali, gli interessi di quella classe che liberando se stessa liberà l'intera società dalla catene del dominio di una classe che può invece solo difendere il proprio particulare interesse.

    Affinché questo incontro tra l'ideale a la sua forza motrice storica avvenga è necessario ma non è sufficiente lo slancio del soggetto portatore di ideali. Il movimento è biunivoco. Occorre anche che le condizioni storico-materiali spingano grandi masse a cercare l'alternativa.

  • Anonimo scrive:
    27 luglio 2013 16:26

    Certo,senza un chiaro percorso di lotte che abbia come orizzonte ultimo la costruzione di una societa'senza classi,assieme all'auspicabile risveglio di una chiara coscienza dell'urgenza e necessita' storica della sua realizzazione,pone alle forze che si richiamano al marxismo,anche l'individuazione di soggetti non necessariamente riconducibili ad una composizione di classe,diciamo cosi,"omogenea",ma raccogliere attorno ad un programma di NETTO RiFiUTO DELLA PERMANENZA IN QUESTA EUROPA E QUINDI ALLA SUA MONETA,un fronte il piu' ampio possibile in grado di battere l'odiosa oligarchia multinazionale raccolta nella Troika.Mi sembra chei giudizi su Bagnai siano il sintomo piu' di confusione che di corretti confronti sulle possibili vie di uscita dalla crisi del capitale(perche'di questo si tratta),seguite da una serie di
    panegirici poco chiari,a partire da quell'invettiva di Ars Longa contro l'econometrista di Pescara,degno del peggior minculpop (scusate il paragone).Non dimentichiamo che se oggi esiste ,ancora minoritaria purtroppo,una maggiore consapevolezza delle tremende conseguenze sociali provocate dalla Troika e dalla "loro moneta",questo e 'dovuto anche alla testardaggine di persone come Bagnai e non solo che hanno saputo catturare una porzione sempre piu' grande di un popolo anestetizzato da troppi anni di ideologie del "meno peggio".
    Altro particolare di non poco conto e'l'enorme consenso che raccoglieva in Italia il"sogno europeo",a tal punto che in un eventuale referendum sull'unione,i sostenitori dell'adesione avrebbero stravinto a man bassa,UNICI IN EUROPA,ed essere riusciti ad invertire in parte la tendenza non e'stata cosa di poco conto.Non si tratta di costruire un 'unita' antifascista(quella verra'dopo),ma un vero e proprio Comitato di Liberazione Nazionale,adeguato alla fase storica.

  • Anonimo scrive:
    27 luglio 2013 16:51

    Ecco continuate a credere negli interessi "materiali" che smuovono il mondo e resterete fregati per tutta la vita.

    Seguite un ragionamento un momento, che bisogna imparare a pensare fuori dagli schemini triti e ritriti.
    In economia l'entità mitologica "individuo" cerca di massimizzare il profitto con gli scarsi mezzi a disposizione.
    Quindi il signor "individuo" sarà pronto anche a rischiare di perdere la propria vita per ottenere un certo profitto.
    Ma lo fa perché spera di non morire e di ricavare il guadagno.
    Eppure sappiamo che a volte si è pronti a morire per qualcosa, non a "rischiare" di morire ma ad andare certamente a morire perché il signor "individuo" ha deciso che siste qualcosa più importante della sua stessa persona e quindi, come è intuitivo, più importante del profitto strettamente economico. Ossia l'individuo decide che "esiste" qualcosa che non è il sé stesso che la scienza economica reifica (non senza scopo) nel "profitto"; decide che il senso della propria esistenza viene da questa certa cosa e non solo dal cartesiano "ci guadagno quindi sono".

    E di cosa stiamo parlando? Cos'è questa cosa che ci da il senso e per la quale chi ne ha avuto l'intuizione è pronto a sacrificare sé stesso?

    Fate l'elenco delle cose per le quali un uomo è pronto a sacrificarsi e vedrete che si parla sempre e solamente di "senso di apoartenenza" o di "affetti" dove questi ultimi sono la molecola di cui è fromato il secondo.

    Si muore per la famiglia, moglie, figli, nome familiare; per la patria; per la religione; per i compagni comunisti o per i camerati fascisti; sempre e comunque si immola la propria esistenza per qualcosa che è su dimensioni ontologiche del tutto diverse dall' "interesse economico" e LA CLASSE DOMINANTE LO SA E LA PRIMA COSA CHE FA PER ESERCITARE IL PROPRIO DOMINIO È PRIVARE DEL PROPRIO SENSO DI APOARTENENZA ORIGINARIO LE CLASSI SUBAKTERNE per obbligarle ad adorare quello dei dominanti fino a desiderare di appartenervi anche come servi e a costo del tradimento dei propri fratelli.

    Il senso di appartenenza, come diceva Hobsbawm, si fonda sulle "sacre icone" che è un modo ancora un po'troppo involuto di dire che ci vogliono degli "ideali" e che deve esistere un DISCORSO basato su un ermeneutica condivisa.
    Quindi NON quello che fate voi, ossia propaganda di determinati concetti, ma nascita di un discorso.

    Velo ripeto: la ruling class lo sa e vi sta fregando per questo motivo, quindi imparate a pensare al di fuori degli schemi.
    Non metto nemmeno per un istante in dubbio la vostra sincerità, ma siete tanto legnosi ragazzi.

  • Unknown scrive:
    28 luglio 2013 11:33

    Anonimo ti ho detto e ti ripeto che se sai come fare puoi benissimo farlo tu. Io credo forse esagerando ma forse no, che tu non sappia cosa sia la militanza politica e quali difficoltà comporti. Saluti

  • Brezzarossa scrive:
    28 luglio 2013 11:54

    Cu CDC impazza la polemica! :-) (e viene citato Fraioli):
    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=61535

  • Brezzarossa scrive:
    28 luglio 2013 14:34

    An Illinois Marxists&Ciociar leninists production... Troppo forte!!! Madonna le risate....

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (700) euro (673) crisi (609) economia (481) sinistra (413) finanza (258) Movimento Popolare di Liberazione (238) sfascio politico (235) grecia (228) resistenza (217) elezioni (203) banche (198) teoria politica (197) M5S (192) internazionale (190) imperialismo (184) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (149) Syriza (147) Leonardo Mazzei (146) Tsipras (142) Moreno Pasquinelli (126) Matteo Renzi (121) P101 (112) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) sollevazione (99) democrazia (98) sovranità monetaria (96) Grillo (93) destra (93) berlusconismo (91) proletariato (88) costituzione (86) spagna (83) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) neoliberismo (78) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Emiliano Brancaccio (71) Mario Monti (71) sindacato (67) bce (66) Germania (64) filosofia (63) Libia (62) Stefano Fassina (62) Francia (58) capitalismo (58) populismo (58) Alberto Bagnai (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) Rivoluzione Democratica (56) Podemos (55) rifondazione (51) Movimento dei forconi (49) Siria (49) bancocrazia (49) Medio oriente (48) socialismo (48) Alexis Tsipras (47) fiat (47) globalizzazione (47) piemme (46) sinistra anti-nazionale (46) Nichi Vendola (45) renzismo (45) immigrazione (44) inchiesta (43) referendum (43) Sergio Cesaratto (42) Troika (42) programma 101 (42) Yanis Varoufakis (41) cinque stelle (41) immigrati (41) solidarietà (41) campo antimperialista (40) sinistra sovranista (40) sovranità popolare (40) Lega Nord (39) Pablo Iglesias (39) astensionismo (39) geopolitica (39) Carlo Formenti (38) Emmezeta (38) proteste operaie (38) italicum (37) Beppe Grillo (36) brexit (36) moneta (36) legge elettorale (35) III. Forum internazionale no-euro (34) egitto (34) liberismo (34) Mario Draghi (33) Russia (33) azione (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) Diego Fusaro (32) default (32) fiom (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) governo Renzi (31) palestina (31) unità anticapitalisa (31) fiscal compact (30) neofascismo (30) Ucraina (29) Israele (28) Merkel (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) Luciano Barra Caracciolo (27) Manolo Monereo (27) Matteo Salvini (27) menzogne di stato (27) Sicilia (26) Forum europeo (25) Lega (25) Mimmo Porcaro (25) xenofobia (25) Europa (24) Ugo Boghetta (24) immigrazione sostenibile (24) islamofobia (24) Giorgio Cremaschi (23) ora-costituente (23) populismo di sinistra (23) sovranismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) Chianciano Terme (21) Nello de Bellis (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Marcia della Dignità (20) Marine Le Pen (20) Quantitative easing (20) finanziarizzazione (20) scuola (20) Aldo Giannuli (19) Donald Trump (19) Unità Popolare (19) fronte popolare (19) repressione (19) Izquierda Unida (18) Nato (18) Tunisia (18) cina (18) ecologia (18) iraq (18) keynes (18) nazione (18) uscita dall'euro (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) etica (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Pier Carlo Padoan (16) Regno Unito (16) Roma (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) CLN (15) Donbass (15) Front National (15) International no euro forum (15) Prc (15) 15 ottobre (14) Luciano B. Caracciolo (14) Monte dei Paschi (14) Norberto Fragiacomo (14) Renzi (14) USA (14) Vincenzo Baldassarri (14) eurostop (14) iran (14) obama (14) storia (14) Enea Boria (13) Eurogruppo (13) Jobs act (13) MMT (13) Stato Islamico (13) acciaierie Terni (13) coordinamento no-euro europeo (13) finanziaria (13) umbria (13) Bersani (12) Chavez (12) Cremaschi (12) Ernesto Screpanti (12) Forum europeo 2015 (12) Jacques Sapir (12) Legge di stabilità (12) Marco Mori (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Vladimiro Giacchè (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) euro-germania (12) salerno (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Putin (11) Tonguessy (11) Turchia (11) Venezuela (11) Virginia Raggi (11) comunismo (11) corruzione (11) disoccupazione (11) emigrazione (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) piattaforma eurostop (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) de-globalizzazione (10) decrescita (10) golpe (10) iniziative (10) presidenzialismo (10) salari (10) sinistra Italiana (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Brancaccio (9) Fmi (9) Luigi Di Maio (9) Movimento 5 Stelle (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) ballottaggi (9) cultura (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) piano B (9) scienza (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Beppe De Santis (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Def (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Marco Zanni (8) Mirafiori (8) Paolo Ferrero (8) Quirinale (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) diritti civili (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) europeismo (8) grexit (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) sciopero (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Daniela Di Marco (7) Enrico Grazzini (7) ISIL (7) Ilva (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Salvini (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) cosmopolitismo (7) deficit (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) lotta di classe (7) nazismo (7) necrologi (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Ars (6) Bottega partigiana (6) Campagna eurostop (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Samuele Mazzolini (6) Sapir (6) Stefano D'Andrea (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) cosmo-internazionalismo (6) derivati (6) elezioni anticipate 2017 (6) incontro internazionale (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Banca centrale europea (5) Casaleggio (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Noi con Salvini (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Sergio Mattarella (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) cuba (5) debitocrazia (5) destra non euro (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberosambismo (5) pomigliano (5) privatizzazioni (5) questione nazionale (5) rivolta (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Morgan Stanley (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Target 2 (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) al-Sisi (4) alleanze (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) debitori (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) governo Gentiloni (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) liberalismo (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) salvinismo (4) sindacalismo di base (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alfiero Grandi (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Chiavacci Alessandro (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Bertinotti (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) Fratelli d'Italia (3) GIAPPONE (3) Genova (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) L'Altra Europa con Tsipras (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Militant-blog (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Mosul (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Prodi (3) Rodoflo Monacelli (3) Romano Prodi (3) Ruggero Arenella (3) Sarkozy (3) Sharing Economy (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Wolfgang Munchau (3) Xi Jinping (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) giovani (3) ideologia (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) manifestazione (3) massimo fini (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) migranti (3) minijobs. Germania (3) nazionalismo (3) nazionalizzazione (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) populismo democratico (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) senso comune (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) trasporto pubblico (3) trattati europei (3) uber (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Alessandro Visalli (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Eleonora Forenza (2) F.List (2) Fabio Frati (2) Fausto Sorini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Franz Altomare (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gianni Ferrara (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Olanda (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) automazione (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) confederazione (2) curdi (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tassisti (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Galli Della Loggia (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferdinando Pastore (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Flat tax (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Bartolomei (1) Franco Venturini (1) Fratoianni (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgia Meloni (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Basso (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autodeterminazione dei popoli (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) deregulation (1) di Monica Di Sisto (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enel (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) il pedante (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) moneta fiscale (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) sovranità e costituzione (1) squatter (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trasporto aereo (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)