Ci siamo liberati ieri ci liberemo oggi

Ci siamo liberati ieri ci liberemo oggi
25 Aprile 2014: appuntamento in Valnerina. Clicca sull'immagine

giovedì 17 novembre 2011

SALVIAMO L’ITALIA

Roma, 15 ottobre 2011
Appello al popolo lavoratore

La partecipata Assemblea di Chianciano Terme, «Fuori dall’euro! Fuori dal debito», svoltasi il 22-23 ottobre, dopo analisi accurata delle crisi, consapevole del momento storico che attraversa il nostro paese, elesse un Comitato ad interim allo scopo di dare continuità e forma alla comune iniziativa e preparare una seconda assemblea che si svolgerà a Roma entro la fine di gennaio 2012. In questa direzione, per costituire un fronte ampio, va l’Appello [vedi più sotto] che sottoponiamo al giudizio di ognuno, nella speranza che sia condiviso, sottoscritto, diffuso. Sui siti web Sollevazione e Appello al Popolo chiunque potrà seguire il nostro cammino.

Per il Movimento Popolare di Liberazione
(Stefano D’Andrea, Massimo De Santi, Leonardo Mazzei, Moreno Pasquinelli)

«Berlusconi se ne va, defenestrato non dal popolo ma da una congiura ordita dal grande capitalismo finanziario internazionale, di cui egli è stato pedina. Se i poteri forti festeggiano, tra le masse popolari prevale quindi l’incertezza per il futuro e la paura. Con Monti si passerà dalla padella alla brace. Egli è infatti un emissario, incaricato dalla possente mafia finanziaria globale di riscuotere il pizzo, affinché gli italiani siano obbligati a restituire i crediti concessi con i relativi interessi. Debiti raddoppiati da quando l’Italia è entrata nell’Unione europea, contratti da una casta politica corrotta e fluiti in gran parte, sotto forma di titoli e obbligazioni, nei forzieri delle banche e nelle tasche di quel 10% di popolazione che possiede il 50% della ricchezza nazionale.

All’opposto, da quando la curva del debito pubblico è salita in alto, le condizioni di vita e di lavoro della maggioranza degli italiani sono precipitate verso il basso. Sono aumentati i disoccupati, i precari, gli esclusi, a danno del potere d’acquisto dei salari; spingendo così milioni di cittadini ad indebitarsi per vivere decentemente.
Roma, 10 ottobre 2011
Chi pensa che Monti, per sanare il debito pubbico, metterà le mani nelle tasche del 10% dei milionari, dei parassiti e della speculazione si illude. Da buon liberista che crede nel mercato globale, egli ritiene che solo finanziando questa minoranza di paperoni si potranno spostare i soldi dalla rendita all’investimento rimettendo in moto l’economia. Il futuro governo attuerà quindi una gigantesca rapina a danno della maggioranza dei cittadini. Una macelleria sociale bilanciata da una patrimoniale di facciata, e giustificata col miraggio della futura “crescita economica”.

Occorre respingere la cura da cavallo di Monti non solo perché è ingiusta, crudele e classista, ma anche perché spingerà il paese in una recessione ancor più profonda. Il risultato sarà che la cosca finanziario-bancaria e la minoranza dei milionari imboscheranno le loro rendite e non investiranno, che crolleranno le stesse entrate fiscali dello stato, avvicinando così il rischio che l’Italia si veda costretta a non poter rimborsare il debito estero (default).

Vi è poi un altro pericolo. Ammesso e non concesso che Monti riesca a compiere la sua ignobile rapina di massa, quest’impresa potrebbe rivelarsi vana ove uno qualsiasi dei paesi occidentali conoscesse una nuova crisi bancaria, ciò che renderebbe altamente probabile la deprecata insolvenza. Non sono infatti i debiti sovrani che hanno causato la crisi del capitalismo; non sarà dunque l’eventuale “risanamento” dei conti pubblici italiani a sventare il rischio di un’implosione dell’Unione europea e della fine della moneta unica. Entrambi cadranno comunque, e i sacrifici di lacrime e sangue che si richiedono ai popoli, risulteranno inutili. Sarebbe come riempire un recipiente bucato.

C’è infine un’ultima ragione che ci impone di fermare Monti. Egli ci viene presentato come il Salvatore della Patria, in verità la sua patria non è l’Italia, ma il mercato globale. Salito al potere attraverso un golpe finanziario-bancario pilotato dal Presidente Napolitano, Monti rappresenta quelle grandi potenze che vogliono togliere al nostro paese gli ultimi brandelli di sovranità nazionale (senza la quale non c’è né sovranità popolare né democrazia), che puntano a trasformarlo in un protettorato. Il popolo italiano è dunque posto davanti all’alternativa: perire per l’euro o salvarsi abbandonandolo al suo destino.
Fermare Monti quindi, ad ogni costo. Ma come inceppare la sua macchina? Non si può fare affidamento sulle forze politiche esistenti, tutte avvinghiate al sistema di potere, succubi del 10% dei milionari speculatori e quindi incapaci di indicare valide e radicali soluzioni per uscire da questa crisi epocale. Senza una rivoluzione democratica, il popolo italiano non ha scampo. Questa sollevazione è nell’ordine delle cose. Le forze sistemiche lavorano, per adesso solo con la propaganda, per soffocarla sul nascere, noi dobbiamo invece alimentarla, dargli una prospettiva. Per farlo dobbiamo costruire un ampio schieramento popolare, un fronte che non si limiti a respingere la cura da cavallo di Monti, ma che sappia opporre un programma d’emergenza alternativo.

Un programma d’emergenza per dare uno sbocco all’opposizione sociale diffusa ma ancora incerta e frammentata, che dovrà invece candidarsi a guidare il paese per portarlo fuori dall’abisso in cui è sprofondato. Questo programma deve fondarsi su sette principali proposte politiche: (1) l’uscita dall’Unione europea e dalla NATO, la chiusura della basi americane, il ritiro di tutte le missioni militari all’estero, per riconquistare la piena autodeterminazione politica e porre fine ad ogni politica colonialista. (2) L’abbandono dell’euro e la ripresa della sovranità monetaria. (3) Il controllo pubblico sulla Banca d’Italia e l’intero sistema bancario e assicurativo. (4) La nazionalizzazione e la protezione dei settori vitali dell’economia nazionale, e il rafforzamento della gestione pubblica dei beni comuni come l’ambiente, l’acqua, l’energia, l’istruzione, la salute. (5) Una moratoria sul pagamento dei debiti esteri affinché gli eventuali sacrifici richiesti al popolo lavoratore servano per salvare il paese e non per ingrassare la grande finanza predatoria straniera. (6) Un piano nazionale per il lavoro, per debellare la disoccupazione. (7) La difesa e il rilancio della Costituzione repubblicana per un Parlamento popolare eletto con legge elettorale proporzionale».

Per il Movimento Popolare di Liberazione

Per sottoscrivere questo Appello scrivi a: movimentopopolarediliberazione@gmail.com
Indicando nome, cognome, professione e città.
Print Friendly and PDF

6 commenti:

  • Anonimo scrive:
    18 novembre 2011 15:02

    ”... l’unico problema, caro Fratello Silvio, è che non hai fatto i conti con noi di Grande Oriente Democratico e con tutte quelle personalità nazionali ed estere cui sta veramente a cuore il destino presente e futuro dell’italia. Intanto, rinfrescati la memoria sulla serietà e cogenza delle nostre promesse… ti avevamo promesso che ti avremmo mandato a casa (in tempi non sospetti) e a casa te ne stai andando."

    Passiamo al dunque, ovvero a Monti:

    "Grande Oriente Democratico avvisa cordialmente Giorgio Napolitano e Mario Monti che, in merito al felice o infelice esito di un Esecutivo Monti benedetto dal Quirinale, tutto dipende dagli obiettivi reali che vengano posti e dalla buona fede con cui si intenda perseguirli...In questo caso GOD farà appello a fratelli, sorelle e simpatizzanti in Parlamento per appoggiare un tale, autorevole e indipendente Governo a guida dell’ex Commissario europeo, Advisor Goldman Sachs, European Chairman della Trilateral Commission e membro influente del Bilderberg Group, Fratello Mario Monti." (...)

    Chi governa realmente?
    A questo punto contattiamo direttamente il GOdI, ovvero il Grande Oriente d’Italia:
    http://www.grandeoriente-democratico.com/
    il sito della Loggia Massonica.


    Leggete David Icke!!!!

  • Anonimo scrive:
    21 novembre 2011 12:56

    In Italia dall'unità in poi ha sempre comandato la Massoneria.Anzi l'unità d'italia è stata fatta dalla Massoneria, tutti i politici degli alti vertici appartengono alla massoneria. Compresi molti impiegati regionali.

  • Anonimo scrive:
    03 dicembre 2011 14:02

    L'unica cosa sbagliata è l'ultimo punto: questa Costituzione deve essere buttata giù al più presto perchè è la genesi della perdita di sovranità. Voluta ed imposta dai vincitori della seconda guerra mondiale non garantisce la piena sovranità del popolo italiano.

  • Anonimo scrive:
    28 dicembre 2011 15:44

    Concordo pienamente, dopo la seconda guerra mondiale è stato messo in atto la sottrazione della sovranità leggittima e quindi della democrazia con una semplice regola che funziona con popoli ignoranti:

    é più facile tenere schiavo un uomo che si crede libero , che uno schiavo consapevole di esserlo.
    In poche parole, hanno fatto in modo da farci credere di essere liberi ed avere pari opportunità ma non è mai stato così. Gli eletti che devono occupare posizioni e ruoli rilevanti sono già assegnati da generazione in generazioni , da padre a figlio per non interrompere il prgramma del NWO, voluto dalla finanza mondiale che vuole porsi al capo di tutti i governi nazionale e non si tratta di "esoterismo" o fandonie apocalittiche è solo la semplice verità che finalmente abbiamo la possibiltà di vedere ma le nostre menti sono state manipolate dal sistema sin dalla nascita al punto tale da non vedere oltre il nostro naso ( ovvero le piccole cose ) prendendo per buono le notizie pilotate dai Media politicizzati.

    Buona vita a tutti

  • Anonimo scrive:
    31 luglio 2012 16:59

    Giro per tanti blog, di sinistra, apolitici, anarchici, addirittura riluttante sono finito a leggere un blog di "destra europea" ma... non so perchè secondo me non sarà mai possibile cambiare democraticamente questo sistema, nemmeno tanto per quei senza colonna vertebrale che ci governano, ai primi incendi sarebbero i primi a fuggire a gambe levate, ma per il popolo, le vedete le persone come sono ipnotizzate, pecoroni, frammentate? E' questo che mi fa pensare che non ci sarà mai un cambiamento democratico, perchè al momento in cui tutto il popolo si renderà conto di quanti crimini siano stati commessi ai suoi danni, l'ira che ne conseguirà non avrà cabine elettorali, partiti o candidati che tengano....ma solo terra bruciata dopo che saranno passati...

  • Anonimo scrive:
    14 settembre 2012 18:45

    Qulcuno che la sa lunga ha usato l'ideologia di sinistra come un Golem e ha ottenuto quel che voleva: le premesse per il dominio mondiale. Accorgersene adesso, penso sia troppo tardi. Tutt'al più si ha la soddisfazione di perire consapevoli. Il che é melanconicamente una ben magra soddisfazione. Ma c'é stato parecchio tempo per pensarci un po' prima.

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (476) economia (343) euro (320) Unione europea (275) sinistra (241) finanza (215) sfascio politico (206) risveglio sociale (181) resistenza (180) seconda repubblica (153) internazionale (151) alternativa (147) teoria politica (142) banche (126) Movimento Popolare di Liberazione (112) elezioni (112) berlusconismo (87) imperialismo (87) M5S (82) destra (78) sollevazione (76) antimperialismo (74) Grillo (73) debito pubblico (71) marxismo (71) proletariato (71) Mario Monti (67) sovranità nazionale (62) democrazia (60) sindacato (53) Libia (51) Rivoluzione Democratica (51) Movimento dei forconi (49) grecia (49) fiat (47) PD (46) Stati Uniti D'America (40) sovranità monetaria (40) proteste operaie (38) solidarietà (37) astensionismo (36) rifondazione (35) inchiesta (34) socialismo (34) azione (33) Emiliano Brancaccio (32) unità anticapitalisa (31) Leonardo Mazzei (30) Moreno Pasquinelli (30) Nichi Vendola (30) capitalismo (30) austerità (29) egitto (28) 9 dicembre (27) Assemblea di Chianciano terme (27) Siria (27) Germania (26) menzogne di stato (26) Medio oriente (25) costituzione (25) Sicilia (24) filosofia (24) fiom (24) geopolitica (24) islam (23) napolitano (23) sionismo (22) moneta (20) palestina (20) Europa (19) spagna (19) Alberto Bagnai (17) Francia (17) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) ecologia (17) etica (17) guerra (17) Chianciano Terme (16) bce (16) campo antimperialista (16) Enrico Letta (15) Israele (15) immigrati (15) 15 ottobre (14) Matteo Renzi (14) default (14) Syriza (13) capitalismo casinò (13) fiscal compact (13) legge elettorale (13) silvio berlusconi (13) Cremaschi (12) Lega (12) Sel (12) religione (12) 14 dicembre (11) Tsipras (11) cina (11) fronte popolare (11) populismo (11) Bagnai (10) OLTRE L'EURO (10) globalizzazione (10) iniziative (10) nazionalismi (10) repressione (10) vendola (10) Chavez (9) MMT (9) Negri (9) decrescita (9) liberismo (9) pace (9) sovranità popolare (9) storia (9) Algeria (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Ingroia (8) Marcia della Dignità (8) Mirafiori (8) ambiente (8) cultura (8) iran (8) neofascismo (8) nucleare (8) unità anticapitalista (8) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (7) Esm (7) Fiorenzo Fraioli (7) Goracci (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Marine Le Pen (7) Marino Badiale (7) Movimento pastori sardi (7) Venezuela (7) incontri (7) islanda (7) keynes (7) obama (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Bottega partigiana (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Forconi (6) Monte dei Paschi (6) Ugo Boghetta (6) analisi politica (6) chiesa (6) cinque stelle (6) comunismo (6) golpe (6) scienza (6) Art. 18 (5) Bruno Amoroso (5) De Magistris (5) Diego Fusaro (5) Front National (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) Mimmo Porcaro (5) Nello de Bellis (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Perugia (5) Quirinale (5) Regno Unito (5) Sergio Cesaratto (5) anarchismo (5) camusso (5) complottismo (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) lira (5) magistratura (5) salerno (5) tremonti (5) umbria (5) ALBA (4) Aldo Giannuli (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) Articolo 18 (4) CSNR (4) Daniela Di Marco (4) Federalismo (4) Landini (4) Pier Carlo Padoan (4) Portogallo (4) Sefano Rodotà (4) Val di Susa (4) Vincenzo Baldassarri (4) Wilhelm Langthaler (4) afghanistan (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) irisbus (4) media (4) nazione (4) no tav (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) proteste (4) referendum (4) salari (4) scuola (4) sinistra sovranista (4) sovranismo (4) svalutazione (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Anguita (3) Argentina (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Costanzo Preve (3) Danilo Calvani (3) Def (3) Dicotomia (3) Felice Floris (3) Fmi (3) GIAPPONE (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lucio Chiavegato (3) Lupo (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Merkel (3) Nato (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Prc (3) Rete dei Comunisti (3) Russia (3) Stato di diritto (3) Ungheria. jobbink (3) antifascismo (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) carceri (3) cuba (3) fratelli musulmani (3) governo Renzi (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internet (3) laicismo (3) legge truffa (3) partito (3) patrimoniale (3) presidenzialismo (3) ratzinger (3) sardegna (3) terremoto (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 27 ottobre 2012 (2) Agenda Monti (2) Bahrain (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Eugenio Scalfari (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Giorgio Cremaschi (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Imu (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Marocco (2) Mussari (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) PdCI (2) Pdl (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Stato (2) Stefano D'Andrea (2) Stiglitz (2) Turchia (2) Ucraina (2) Yemen (2) anarchici (2) borsa (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) deficit (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) dollaro (2) donna (2) energia (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) liberosambismo (2) marina silva (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sinistra anti-nazionale (2) spesa pubblica (2) terzo polo (2) uniti e diversi (2) università (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 12 aprile (1) 14 novembre (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) Alavanos (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Angelo di Carlo (1) Antonello Cresti (1) Antonio Guarino (1) Ars (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Banca centrale europea (1) Barbara Spinelli (1) Basilicata (1) Belgio (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bulgaria (1) CGIL (1) CLN (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casaleggio (1) Casini (1) Cassazione (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Crimea (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) ECO (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmeffe (1) Emmezeta (1) Enrico Grazzini (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Favia (1) Ferrero (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Salistrari (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Gramsci (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) HAMAS (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Hollande (1) Ida Magli (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) Jacques Sapir (1) James Holmes (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jens Weidmann (1) João Ferreira (1) Jugoslavia (1) Kirchner (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lenin (1) Lidia Undiemi (1) Logistica. Ikea (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MNLA (1) Maastricht (1) Mali (1) Marchionne (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Maria Rita Lorenzetti (1) Mario Draghi (1) Martin Wolf (1) Massimo Bontempelli (1) Maurizio Alfieri (1) Mentana (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michele fabiani (1) Mincuo (1) Moldavia (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Becchi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Patrizia Badii (1) Perù (1) Piero Ricca (1) Piero valerio (1) Pizzarotti (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Prodi (1) Profumo (1) Puglia (1) Quantitative easing (1) Quisling (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Salvatore D'Albergo (1) Sapir (1) Sebastiano Isaia (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stefano Fassina (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Thatcher (1) Tonguessy (1) Transnistria (1) Trilateral (1) Troika (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) Veltroni (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Zizek (1) Zolo (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) corruzione (1) cristianesimo (1) david harvey (1) debitori (1) decescita (1) denaro (1) disoccupazione (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fisco (1) foibe (1) forza nuova (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) i più ricchi del mondo (1) import (1) indulto (1) industria italiana (1) internazionalismo (1) intervista (1) iraq (1) italia (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lula (1) maghreb (1) mandato imperativo (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) marxisti dell'Illinois (1) massimo fini (1) memoria (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) necrologi (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) partiti (1) polizia (1) precarietà (1) primarie (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) sciopero (1) seisàchtheia (1) seminario (1) serbia (1) sindacalismo di base (1) sindalismo di base (1) sinistra critica (1) sme (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) sovrapproduzione (1) studenti (1) tasse (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto pubblico (1) troll (1) tv (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)