giovedì 8 maggio 2014

EURO, UNIONE EUROPEA: I 14 CRIMINI DELLA LEGA NORD (dedicato agli smemorati)

8 maggio. I recenti articoli da noi pubblicati sulle elezioni europee hanno scatenato coloro i quali dicono che occorre votare Lega Nord... "perché è la sola forza politica che è contro l'euro". Riteniamo utile rinfrescare loro la memoria. 


Elenchiamo qui sotto i provvedimenti votati a gogò dalla Lega favorevoli all'euro e all'Unione europea. L'elenco tralascia qquindi, per carità di patria, le scelte indegne della Lega Nord sempre in sintonia con Berlusconi, dal Porcellum al costante rifinanziamento delle missioni militari all'estero, dalla devastante riforma dell'istruzione Gelmini alla miriade di leggi salva-casta, salva-mafiosi e corroti, agli svariati decreti liberisti in materia di mercato del lavoro e pensioni.

Solo una breve premessa. I votatori leghisti si nascondono dietro l'alibi qualunquista che… “non esistono più destra e sinistra”. Ripetiamo quanto altre volte sottolineato: che se fino al 1989 la linea di demarcazione era, tagliando con l'accetta, tra filo-capitalismo e anti-capitalismo; oggigiorno, ammesso e non concesso che le "ideologie" siano morte, lo spartiacque è quello tra liberisti e anti-liberisti. Se questa angolatura è corretta, e secondo noi lo è, la Lega Nord è una formazione nata e cresciuta con le stimmate del liberismo

Rinfrescando la memoria a quelli che… “la lega si oppose all’euro”


XI Legislatura (23 aprile 1992 - 16 gennaio 1994)

(1)  Ottobre 1992. La Lega Lombarda, pur essendo all''opposizione, vota SI in Parlamento ai Trattati di Maastricht, ovvero votò favorevole alla Bibbia del neoliberismo sulla cui base cessò di vivere la Comunità economica europea e nacque l’Unione europea.

XIV Legislatura (maggio 2001-aprile 2006) 

(2)  L'euro entra in circolazione il 1 gennaio 2002, col pieno assenso della Lega Nord che faceva parte del governo Berlusconi.

(3)  Il 1 febbraio 2003, con l’assenso del governo italiano (di cui fa parte la Lega Nord) entra in vigore il Trattato di Nizza (Costituzione europea). Il Trattato viene firmato a Roma il 29 ottobre 2004. Stiamo parlando della “Costtiuzione” che verrà bocciata dai francesi e olandesi con referendum nel maggio e giugno 2005.

(4) Nel 2003, con il pieno consenso in seno al Consiglio europeo del governo Forza Italia-Lega-An, sono sottoscritti i Trattati di adesione alla Ue di Repubblica Ceca, Estonia, Cipro, Lettonia, Lituania, Ungheria, Malta, Polonia, Slovenia e Slovacchia. 


(5) Il 1 maggio 2004, col pieno consenso del governo Forza Italia-Lega-An in seno al Consiglio europeo,  entrano nella Ue: Repubblica Ceca, Estonia, Cipro, Lettonia, Lituania, Ungheria, malta, Polonia, Slovenia e Slovacchia. 

XVI Legislatura Governo Berlusconi IV (dall'8 maggio 2008 al 16 novembre 2011)

(6) Il 19 giugno 2008 il Consiglio europeo (con il consenso del governo Berlusconi-Lega Nord) accetta la Slovacchia nell’euro-zona.

(7) Il 1 dicembre 2009 (con il consenso del governo Berlusconi-Lega Nord) entra in vigore il Tratto di Lisbona. Il 23 luglio 2008 il Senato approva il Trattato di Lisbona all'unanimità con 286 sì. Il 31 luglio 2008 la Camera approva all'unanimità il Trattato di Lisbona con 551 sì.

(8) Il 3 dicembre 2008 il Parlamento approva,  su proposta del governo Pdl-lega Nord, il ddl Salva Banche contenente i cosiddetti Tremonti bond.


(9) Il 17 giugno 2010 il Consiglio europeo (con il consenso del governo Berlusconi-Lega Nord) accetta l’ingresso dell’Estonia nell’euro-zona.

(10) Il18 novembre 2009 il Parlamwento approva definitivamente il decreto Ronchi presentato dal governo Berlusconi-Lega sul pieno adempimento degli obblighi comunitari.

(11) Il 8 settembre 2011 il Consiglio dei Ministri (voto favorevole della Lega Nord), dopo la famigerata "Lettara della Bce" vara la proposta di legge Costituzionale sull'introduzione del principio del pareggio del bilancio nella Costituzione.

(12) Il 26 ottobre 2011, causa "crisi dello spread" e i conseguenti diktat dell'Unione Europea, il presidente del Consiglio Berlusconi, col consenso della Lega Nord, invia una lettera con la promessa di adottare le misure austeritarie di macelleria sociale, quelle che saranno poi adottate dal successivo governo Monti.


(13) Il 3 e il 4 novembre 2011 dopo che Berlusconi partecipa a Cannes al summit del G20, il governo Pdl-Lega accetta che una delegazione del Fondo Monetario Internazionale "monitori i progressi sulle riforme economiche e gli effetti di queste sui conti pubblici", ovvero il definitivo commissariamento.

(14) Poco prima di dimettersi il Presidente del Consiglio Berlusconi, 12 novembre 2011, fa approvare dalla Camera dei deputati i disegni di legge, già approvati dal Senato (consenso della Lega in entrambi le aule), contenenti le disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2012), il bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2012 ed il bilancio pluriennale per il triennio 2012-2014. Tutto ciò che poi Monti metterà in pratica.

Si può credere a tutto, anche che gli asini volino. Noi riteniamo che la conversione della Lega alla linea no-euro, sia tutta strumentale, un trucco tirato fuori da un gruppo dirigente con l'acqua alla gola per evitare la scomparsa della Lega dopo gli scandali che l'hanno travolta. 
Ammesso poi, e non concesso, che la conversione sia sincera, essa viene strillata nel quadro della fede, non solo nel sistema capitalistico, ma nella sua versione liberista. Un liberismo che è inscritto nello stesso codice genetico del leghismo.
Print Friendly and PDF

26 commenti:

  • mariof scrive:
    8 maggio 2014 13:34

    La foto delle callipige è una velata allusione al rigore morale dei leader politici citati in articolo? Se si mi devo dissociare: le tornite fanciulle non hanno colpe così gravi...

  • Karl Melvin scrive:
    8 maggio 2014 15:21

    A me sembra perfino superfluo ricordare queste cose.
    Non voglio sembrare presuntuoso ma questa formulazione di sgangherate strategie di appoggio strumentale a forze storicamente affini al potere é il prodotto di una disintegrazione politica e teorica(quindi anche filosofica oltreche di prassi) concretizzatasi negli ultimi 20 anni.
    A fronte di tutto questo Temo che il percorso sia molto più arduo e tortuoso del previsto.

  • Anonimo scrive:
    8 maggio 2014 15:44

    1 ) Continuate a svicolare dalla domanda : in Francia sperate sì o no che vinca la Le Pen ?
    Ed il fatto che svicoliate è normale perché la sinistra è in estremo ritardo rispetto al tema della sovranità e deve, deve, aggregarsi alle altre forze che vogliono uscire dalla gabbia.
    2 ) E' inutile citare le nefandezze della Lega , le conosciamo, come conosciamo il qualunquismo criminale del M5S, qui non si sta discutendo di un vero parlamento con poteri legislativo NON SONO ELEZIONI POLITICHE.
    3) Le Europee saranno solo n sondaggio sull'Euro e sulla UE ad uso del ceto politico, e per questo bisogna mandarglui un nitido avveertimento e cioè che d'ora in avanti se vorranno mantenere il loro culetto al caldo dovranno orienrtarsi contro l'euro.
    4 ) Siate pragmatici e siate ralisti. Imparate dal buon vecchio Stalin .

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    8 maggio 2014 15:48

    Ben tornite, invero!

  • Redazione SollevAzione risponde:
    8 maggio 2014 17:06

    "SVICOLANDO"

    Ora, ribadito che la Lega nord è stata parte integrante di quello che gli stessi invasati anti-euristi che votano per Salvini chiamo "blocco criminale che ci ha messo sotto il tallone euro-tedesco";

    (1) Uno si può augurare nelle urne la sconfitta del nemico principale eurista (il blocco-PSE-PPE, i servi politici dell'euro-dittatura), e noi ce lo auguriamo, ma che cazzo c'entra con l'arruolamento con il nemico secondario (la destre post-fasciste e liberiste)?
    Infatti non c'entra un cazzo.

    (2) Non è vero che solo le destre sono contro l'euro. In Grecia, a Cipro, in Spagna, in Portogallo, in Francia, in Olanda, in Germania, in Danimarca, in Svezia e in altri paesi della Ue ci sono sinistre no-euro. INFORMATEVI. ALTRO CHE FREAGNACCE PROVINCIALI E QUALUNQUISTE SULLA PRESUNTA FINE DELLA "dicotomia"!

    (3) In Italia non c'è stata la possibilità per noi di presentare liste (anche grazie alla legge infame votata anche dalla Lega del Il 20 febbraio 2009 che chiede 150mila fiem per presentare una lista e lo sbarrammento al 4%). Esiste tuttavia la possibilità di schierarsi contro l'euro-dittatura votando M5S. Scelta che questa redazione perora.

  • Anonimo scrive:
    8 maggio 2014 17:11

    La giusta scelta del m5s pagherà.

  • Anonimo scrive:
    8 maggio 2014 18:26

    @Mariof

    Così a occhio mi sa che più che di tornite fanciulle si tratta di gagliardi giovinotti...

  • pasquino44 scrive:
    8 maggio 2014 19:12

    Non vedo altra alternativa se non quella di votare alle europee M5S e che la fortuna ci sia propizia. Almeno noi italiani l'abbiamo una scelta. Poveri francesi.

  • Anonimo scrive:
    8 maggio 2014 21:59

    Che la Lega sia sempre stata contro l'europa è risaputo, ricorderete anche voi le accuse alla Lega di essere euroscettica, negli anni in cui essere euroscettici era peccato mortale e Prodi &c. ci vendevano il luminoso sol dell'avvenire dell'UE.
    Ad esempio questo:
    http://www.qelsi.it/2011/sullue-bossi-aveva-capito-tutto-nel-1998/
    Che poi una volta al governo si sia adeguata alla volontà della maggioranza invece di far cadere il governo è vero, la critica qui è giusta.
    Qual è il problema? Il problema è che non c'è una forza di sinistra anti euro! Tsipras è per restare nell'euro, Grillo lo stesso.

    http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Casaleggio-Il-M5S-non-e-contro-l-euro-e-nicchia-sui-bilanci-del-blog-136fca65-a7d5-4587-9091-639a9a4215ff.html

    http://www.controinformazione.info/casaleggio-getta-la-maschera-lavora-per-la-grande-finanza/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=casaleggio-getta-la-maschera-lavora-per-la-grande-finanza

    Grillo non chiede l'uscita dall'euro, ma semplicemente <>

    Per voi è sufficiente? Per me è come pensare di riformare l'Unione Sovietica.
    Poi penso abbiate visto le percentuali di elettori contro l'euro nei vari partiti: nella Lega sono il 76%.
    Voi dite: ah ma la Lega è di destra. Vero. Ma guardate che anche l'euro è intrinsecamente di destra e finchè ci siamo dentro qualunque sia il governo sarà obbligato a fare politiche di austerità e smantellare lo stato sociale.
    Per questo qualcuno pensa che non sia un delitto se si fa un pezzetto di strada con la Lega, pur rimanendo di sinistra nel cuore.

  • Anonimo scrive:
    8 maggio 2014 22:08

    Allo stato la " contraddizione principale" non è tra liberisti o antiliberisti. Il problema è invece come assicurare, in una colonia (LItalia) la difesa degli interessi dei ceti sociali di riferimento (salariati, disoccupati, precari). Non c'è chi non veda che Condizione Necessaria (anche se non sufficente) è ritornare alla indipendenza . LEGGERSI ALLO SCOPO COSA DICEVA MARX DELLA POLONIA O DELL'IRLANDA nei confronti rispettivamente della germania o dell'inghilterra.La contraddizione principale passa qui. Dunque se esistono delle forze liberiste (non liberoscambiste)interessate ad un desarrollo nazionale( che implica indipendenza) vanno appoggiate.Essendo la politica cosa leggermente diversa dalla morale ci si turera il naso e si voterà lega.Per quanto sopra occorrerebbe costrure non un CLN ma piuttosto un Fronte di Liberazione Nazionale. Ricordo che propio raccogliendo la bandiera della indipendenza nazionale forze socialiste hanno preso il potere.
    (Viet. Cina. Ageria ecc.).

  • Anonimo scrive:
    8 maggio 2014 23:03

    Forse a qualcuno della redazione non viene in mente che molti che adesso sono antieuristi lo sono perche' qualcuno come Bagnai,Ioppolo,Galloni ecc.. gli ha spiegato che razza di crimine e' l'Euro e magari prima che qualcuno glielo spiegasse erano come me favorevoli all'Europa all'Euro ecc..Ci avevano fatto credere che L'Europa unita e l'Euro ci avrebbero portato benessere e sviluppo sociale e noi ci abbiamo creduto salvo poi risvegliarci in un incubo.Nonostante la Lega fosse il piu' euroscettico dei partiti italiani lo era per ragioni diverse da quelle degli antieuro di oggi lo era perche' rappresentava un movimento federalista ma non aveva coscienza di cosa l'Euro veramente fosse e quindi si e' ripetutaente adeguata alle scelte della maggioranza di cui faceva parte.Salvini ha dichiarato di aver capito cosa l'Euro ha provocato in termini di disastro economico/ sociale solo poco tempo fa' dopo aver letto il libro di Bagnai " il tramonto dell'Euro" da quel giorno la sua posizione antieuro si e' radicalizzata perche' ha capito quale crimine questa moneta sia,in pratica lo stesso percorso che la maggiorparte degli antieuro ha fatto quindi rivangare il passato per non votare Lega sarebbe come dire che voi non votereste mai uno ad esempio com me perche' in passato ho votato ulivo ,Prodi e sono stato favorevole all'Europa bene seguendo questo metro di giudizio non esisterebbe nessuna formazione votabile neanche voi di MPL perche' non venitemi a dire che voi eravate contrari all'Europa e l'Europa dall'inizio perche' non ci credo neanche per sogno ci siamo cascati tutti a parte pochi economisti che non trovavano spazio su nessun media mainstream.Il M5S e' una presa per i fondelli all'intelligenza le sue posizioni sull'Euro sono da barzellette comiche inoltre molti dei suoi esponenti provengono dall'area di centrodestra ed hanno votato Berlusconi Messora,la prima portavoce che adesso mi sfugge il nome e tanti altri e molti altri invece come me votavano centrosinistra come Di Battista ecc quindi secondo il vostro metodo di valutazione sulla purezza ed immacolatzza del passato non sono votabili ed allora asteniamoci e non votiamo nessuno e moriamo tutti d'Euro moriremo felici di essere puri ed immacolati uomini di sinistra senza ombre sul passato e se ai nostri figli e nipoti lasciamo le macerie sociali che ce ne frega volete mettere la soddisfazione di rimanere puri ed immacolati.

  • Claudio Z. scrive:
    8 maggio 2014 23:43

    Spiegatemi una cosa. Se gli unici contro l'euro fossero - che so? - Charles Manson o Jack Lo Squartatore, votereste anche per loro?

    Ve lo chiedo perché, ad esempio, la Lega nel suo programma attuale, non degli anni scorsi, propugna la possibilità di sparare alle navi dei migranti, difende la famiglia tradizionale giudaico-cristiana contro i diritti dei gay, e altre amenità assortite.
    Perché voi – non sia mai! - non pensate che tolto l'euro spariscano tutti i nostri problemi, vero? Epperò, guarda un po', parlate solo ed esclusivamente di quello, solo quello sembra interessarvi.

    Ve lo devo spiegare io, tirando in ballo la più classica delle “reductio”, che con i vostri ragionamenti per cui la ripresa economica nazionale prevale su qualsiasi altra questione e a qualsiasi costo, si sono foraggiate le peggio dittature del secolo scorso? Avete mai letto un libro di storia in vita vostra?

    Ve lo chiedo perché Borghi ha detto che, sui temi in cui non si è mai espresso (il 99% di quelli di cui si discuterà a Strasburgo), voterà in conformità al proprio gruppo. Cioè prenderà gli ordini da un segretario che sta dalla parta dei poliziotti che massacrano un ragazzo inerme, e dalla signora Le Pen la quale – per rispondere all'insistente domanda dell'anonimo – non solo spero che perda, personalmente mi auguro che sparisca dalla circolazione.

  • Anonimo scrive:
    9 maggio 2014 00:01

    Errata corrige Alessandro Di Battista proviene da una famiglia fascista come ha dichiarato di essere suo padre Vittorio ( quindi non si puo' votare secondo il metro di giudizio da voi usato per la lega),inoltre visto che la redazione invita a votare il M5S se ne deduce che la redazione e' favorevole a rimanere nell'Euro sino a quando non verra' fatto un referendum ed in caso di vincita dei favorevoli all'Euro di rimanerci per sempre ed inoltre la redazione e' favorevole agli Eurobond perche' visto che questi sono 2 dei sette punti del programma del M5S invitando a votare 5 stelle voi aderite a quel programma.Concludendo La lega che insieme alla Le Pen vuole smantellare l'Euro non si puo' votare per il suo passato e perche' questa sarebbe una cosa di destra mentre un movimento che contiene un mucchio di riciclati di destra che e' propieta' privata con tanto di atto notarile di due padroni dove chi osa dissentire viene epurato con forme di democrazia molto dubbie e discutibili un movimento che vuole rimanere nell'Euro invece si puo' votare e si deve votare perche' questa invece e' una cosa di di sinistra Per dirla come direbbe toto' "cara redazione ti dico ma mi faccia il piacere"oppure " e poi dice che uno si butta a destra".Allora votate 5 stelle e poi fateci sapere quando si potra'fare il referendum ( che e' incostituzionale quindi di difficilissima fattibilita')nel frattempo noi voteremo quei brutti,sporchi,e cattivi con un pessimo passato dei leghisti cercando di salvare qualche poveraccio della classe operaia ( oggi sarebbe meglio dire della classe cassa integrata) dalla disperazione e dal suicidio ed e' per questo che noi dormiremo sonni agitati sentendoci uomini di destra mentre voi invece dormirete sonni tranquilli sentendovi uomini di sinistra.

  • Lorenzo scrive:
    9 maggio 2014 01:23

    Cara Redazione,

    avete ragioni ma anche torti, e soggiacete alla tentazione innata di chi nutre fedi forti a semplificare la realtà in chiave dicotomica.

    La svolta anti-UE della Lega è un espediente di sopravvivenza come dite voi, ma è anche il recupero delle sue radici originali, legate alla piccola e media imprenditorialità settentrionale, e quindi ostili alla dittatura del grande capitale finanziario, quindi dell'UE.

    Anche il suo liberismo esprime l'antistatalismo di chi vuole liberarsi del costrutto unitario e dei finanziamenti al Meridione. Nel momento in cui per la sopravvivenza dell'industria settentrionale fosse necessario il protezionismo una Lega non più asservita ai poteri forti e alle pratiche romane ci metterebbe nulla a capovolgere come un calzino le sue posizioni in materia economica.

    Più in generale, è discutibile che oggi l'antitesi decisiva sia fra liberisti e non-liberisti. Io vedo piuttosto la linea del politico gravitare attorno alla demarcazione globalismo/antiglobalismo. Anche perché la crisi del regime globalista - cioè dell'impero mondiale anglosassone - aprirebbe scenari talmente innovativi (per dirla in modo gentile) da rendere poco rilevanti le modalità con cui si è innescata la situazione.

    Questo è detto non per confutare ma per controbilanciare le vs. asserzioni. Più che il liberismo antimeridionale della Lega, decisiva mi sembra la questione se il suo antiglobalismo sia finalmente sincero, o se sia soltanto una tattica per rientrare nei giochi di potere.

  • Anonimo scrive:
    9 maggio 2014 07:07

    @Claudio z. forse non ti e' chiaro che chi governa l'Europa sono molto peggio di charles manson o jack lo squartatore perche' loro erano degli squilibrati e fecero qualche decina di vittime questi sono cinici e avidi ben coscienti di quello che stanno facendo e di vittime ne fanno milioni quindi se Toto' Reina e la mafia fossero seriamente intenzionati ad eliminare questi criminali perche' ostacolano i loro traffici li voterei perche' come dicevano i romani ubi major minor cessat inoltre liberarci dalla lega sara' dopo il ritorno alle valute nazionali una cosa facile mentre liberarci dalla dittatura Europea e'molto difficile se mai riusciremo a farlo.E comunque lottare contro la famiglia tradizionale e per il matrimonio gay e' molto piu' importante della lotta alla poverta' certo forse parli cosi' perche' non sei con l'acqua alla gola come milioni di Europei.I libri di storia sei sicuro di aver letto quelli giusti? sai di solito gli scrivono i vincitori e scrivono ad esempio che le guerre preventive furono fatte per esportare la democrazia e preservare la pace nel mondo e tra 50 anni gli studenti crederanno a quella versione della storia.Magari un bel libro sui fatti di Katin tenuti nascosti per piu' di 40 anni potrebbe farti cambiare opinione sull'attendibilita' dei libri di storia che tu hai letto.

  • Anonimo scrive:
    9 maggio 2014 13:04

    @Anonimo 09 maggio 2014 07:07
    Senti, tu la mia situazione non la conosci. Io sono un lavoratore precario che paga l’affitto a fatica. Dici che la Lega ci tiene, ai poveri; io certo ricco non sono. Se la Lega bada a me, perché non prevede l’indicizzazione dei salari per tutelarmi dall’eventuale inflazione derivante dall’uscita dall’euro? Sul precariato interviene? Te lo dico io: no, nel suo programma non c’è una riga dedicata al lavoro. Non so a te, ma a me sembra un tema decisamente importante.
    E poi, la possibilità di respingere con la violenza i migranti… che, sono ricchi anche loro? O contano solo i poveri cattolici e ariani?

    Il voto alla Lega lo lascio a quelli come te: reazionari (perché uno che cita Katyn senza motivo è sicuramente tale), ignoranti (basta leggere il post…), creduloni (perché la credibilità e l’affidabilità della Lega sono pari a zero).

    Claudio Z.

  • Anonimo scrive:
    9 maggio 2014 21:35

    Il partito della Lega non può negare di aver sorretto lo strascico al Duca Conte per vent'anni condividendo politica e gravi errori perché lusingato da vaghe e inconsistenti promesse di appoggio alle sue mire indipendentiste . L'unico risultato tangibile e tutt'altro che positivo è stato ottenere la doppia tassazione: quella del governo e quella periferica. Risultato che si chiama IMU.
    Ora che intendono fare ancora di bello?

  • Anonimo scrive:
    9 maggio 2014 21:37

    Non ho capito cosa c'entrino le "tornite fanciulle" con l'argomento dell'articolo.

  • Anonimo scrive:
    10 maggio 2014 10:11

    @Claudio z.Caro amico ( permettimi di chiamarti cosi)ti garantisco che c'e' gente che sta molto molto peggio di te.Ho una coppia di amici ad esempio che avevano acquistato una casa qualche anno fa' quando il mercato immobiliare tirava e le case costavano lui ditta artigiana individuale lei segretaria dipedente di piccola azienda ( in piu' segretaria a casa della ditta del marito) 2 figli le cose sono precipitate lei ha perso il lavoro lui il lavoro gli e' calato del 50% e forse piu'non ce la fanno piu' a pagare il mutuo hanno chiesto la sospenzione ed hanno messo in vendita la casa i prezzi oggi sono calati di circa il 30/40% rispetto ad allora quindi non trovano da venderla neanche al prezzo che gli serve per estinguere il mutuo e comprare un monolocale dove andare a vivere in 4 se entro 2 mesi non ci riescono riparte il mutuo che loro non possono pagare ti sembra che loro abbiano tempo di aspettare che ci sia una sinistra organizzata?.Io non difendo la lega non l'ho mai votata dico solo che in questa fase e' l'unico voto spendibile in chiave antieuro per le Europee che sono tra soli 15 giorni,comunque ti dico che ho visto l'intervista di Borghi Aquilini e per tutti i contraccolpi da te citati in caso di uscita dall'Euro hanno gia' pronto il piano infatti la prima fase non sarebbe l'uscita dalla moneta unica ma la rinazionalizzazione della banca d'Italia condizione sine qua non l'uscita dall'Euro risulterebbe disastrosa,e comunque qui non stiamo parlando di elezioni nazionali ma Europee quindi non sono in gioco le politiche del lavoro interno ma le politiche monetarie Europee e comunque visto che l'elettorato della lega sono in media piccoli imprenditori e gli operai che lavorano nelle piccole imprese del nord est ,la lega debba per forza tener conto di quelle esigenze e non certo quelle del grande capitale infatti ad esempio la lega sta' in questi giorni raccogliendo le firme per un referendum che abolisca la legge Fornero quindi anche in chiave interna e' molto piu' sensibile ai problemi dei ceti bassi di altre formazioni.Sui migranti io sono sposato con una Dominicana creola con un figlio che ha preso tutto da sua mamma quindi creolo sono nato e cresciuto a Livorno citta' non certo intollerante ( siamo stati una delle pochissime citta' in Europa a non rinchiudere gli ebrei in un ghetto)e quindi di tutto mi si puo' accusare ma non certo di razzismo e non sono certo d'accordo con certa propaganda becera contro gli immigrati dovrai pero' convenire con me che la politica buonista verso l'immigrazione di certa sinistra ha prodotto dei disastri peggiori del problema che voleva risolvere a meno che tu non giudichi positiva l'ondata di disperati che ha invaso e giornalmente invade il nostro paese.Berlinguer lo profetizzo' 30 anni fa' la soluzione non e' importare disperati che verranno a fare da mano d'opera a basso costo mettendosi in competizione con le classi meno abbienti dei paesi piu' ricchi la famosa guerra tra poveri,la soluzione e' importare i migliori studenti farli studiare qui da noi a nostro carico e rimandarli nel loro paese in modo da fornire a quei paesi le inteligenze e le competenze per potersi sviluppare economicamente ed insieme a questo inoltre fornigli finanziamenti e tecnologie che gli permettano di crescere industrialmente,e quindi non essere costretti ad emigrare purtroppo come in molte altre cose Enrico non fu' ascoltato se poi ci metti che in nome della democrazia (ma e' meglio dire per gli interessi economici delle multinazionali) li bombardiamo, forniamo armi e fomentiamo guerre locali che creano milioni di disperati i risultati sono quelli di una immigrazione di massa non piu'sostenibile per i nostri paesi e quindi certe posizioni becere trovano terreno fertile continua......

  • Anonimo scrive:
    10 maggio 2014 10:22

    continua....terreno fertile ma non e' certo con il buonismo di certa sinistra che le estirperemo anzi lo ritengo ancora piu' becero perche' ci si lava la coscienza agevolando l'immigrazione e poi lasciando gli immigrati nei centri di accoglienza lager oppure lasciandoli entrare in Italia verso un futuro da emarginato nel migliore dei casi o da delinquente nel peggiore.Reazionario, Katyn ed ignoranza.Ignorante nel senso che non ho studiato lo sono ho la terza media quindi in questo hai ragione,i post sgrammaticati lo testimoniano anche se ad onor del vero seguendo 3/4 blog e commentando su tutti per risparmiare tempo che non ho molte volte scrivo in fretta e furia senza neanche riguardare e correggere cosa ho scritto quindi il risultato risulta peggiore di quello che la mia pur grande ignoranza mi permetterebbe di ottenere,mentre se per ignoranza intendi il non sapere be' credo che in questo caso l'ignoranza vista la mia piu' che trentennale passione e curiosita' di leggere capire e sapere sia la tua infatti parti subito con il cliche' tipico dell'indottrinato di sinistra ( non te la prendere lo sono stato anch'io) dandomi del reazionario.Reazionario e' chi non e' disposto a rivedere e cambiare le propie opinioni alla luce di verita' innegabili il tutto in nome di un fideismo acritico direi quasi religioso che purtroppo affligge molta parte del popolo di sinistra.Ti ho citato Katyn per due motivi che tu non hai capito,il primo e' perche' tu domandavi se quelli come me avessero letto i libri di storia ed io ti ho messo Katyn per dimostrarti che spesso nei libri di storia ci sono scritte falsita' e che magari solo dopo 40/50 anni o forse mai scopriamo essere tali per cui aver letto i libri di storia non necessariamente significa conoscere la verita' e quindi la storia, la seconda per farti capite che nella vita dobbiamo essere sempre pronti a rivedere le nostre idee e convinzioni se dei fatti certi ed incontestabili dimostrano che quelle idee e convinzioni erano sbagliate e qui ti dimostro che io sono propio il contrario di reazionario mentre purtroppo tanta sinistra lo e' infatti su quei fatti ormai certi continuano a negare anche l'evidenza e le prove certe dimostrando un ottusita' veramente disarmante.Ora cosi' tanto per scandalizzarti di piu' ti dico sui libri di storia che tu hai studiato cosa hanno scritto a proposito di Rudolf Hess che si paracaduto' in Scozia e poi dopo aver parlato con Churchill si rinchiuse per tutta la vita in un mutismo ed in una presunta pazzia salvo poi leggere anche due libri al giorno come testimoniarono i suoi carcerieri oppure scrivere diversi libri e saggi di storia? sei sicuro che la storia da te studiata sia quella vera?.Infine l'accusa di essere credulone be' credimi io non votero' lega credendo ciecamente nel movimento Padano come fanno i leghisti dei raduni di Pontida la votero' perche' e' l'unica votabile in chiave antieuro a queste Europee perche' ha presentato candidati come Borghi Aquilini che da anni si sbattono per divulgare al grande pubblico la truffa dell'Euro e che vanno in Europa per cercare di smantellarlo,quindi probabilmente non sono credulone ma solo pragmatico.Ciao e buona giornata

  • Claudio Z. scrive:
    10 maggio 2014 15:22

    @anonimo
    Per sbaglio ti ho risposto qui:
    http://sollevazione.blogspot.it/2014/05/con-satana-per-liberarci-da-belzebu.html

  • Anonimo scrive:
    10 maggio 2014 17:45

    @Claudio Z.Tu puoi credere quello che vuoi ma la verità è che mio nonno era presente alla fondazione del partito comunista qui a livorno,mio padre è stato consigliere comunale del partito comunista e io sono cresciuto a latte e falce e martello ho avuto la fortuna di avere come segretario nazionale Enrico Berlinguer e vedere un suo comizio con una folla oceanica qui a Livorno dove il partito era una religione ed Enrico il suo profeta.Sono sposato da 23 anni con una Dominicana della zona di Puerto Plata,Cabarete distretto del Cibao se conosci la Repubblica Dominicana sai di cosa parlo ed ho un figlio di 22 creolocome sua madre.Di sinistra lo sono stato per una vita ora per fortuna ho abbandonato quegli schemi mentali ora ragiono in termini vero falso giusto sbagliato ed è perciò che non mi scandalizzo ad affermare che il genocidio di Katyn fu opera del compagno Stalin e non dei nazisti lo dicono i documenti ufficiali del Cremlino desecretati dopo la Perestrojka oltre che le testimonianze dell'epoca,ma chi è reazionario nel senso che non è disposto a progredire nel pensiero e nella visione del mondo per un vero modello di società umanistica ovvero volta a cercare il bene di tutta l'umanità accettando che molte che cose ci sono state inculcate sono false inventate per tenerci impegnati a dividerci tra rossi e neri non accetta di sentire la verità.Ti dò una chicca di ricerca storica la seconda guerra mondiale e le dittature Comuniste e Naziste furono volute dal grande capitale massonico angloamericano ( che se ne stava ben al sicuro negli stati uniti) il tutto per tenere milioni di persone a farsi la guerra su idee inventate da loro destra,sinistra,rossi,neri mentre loro con le loro multinazionali e le loro banche conquistavano il mondo senza nessuna opposizione come poi è avvenuto e lo vediamo bene ai giorni nostri,è provato che sia il nazismo che il comunismo ricevettero soldi dalle banche angloamericane chiediti il perchè.
    I candidati del 5 stelle non possono fare niente di quanto promettono se non è scritto nel programma perchè come sappiamo bene per il movimento il programma è come le tavole della legge non si può cambiare dopo le elezioni quindi i candidati che tu voterai non potranno fare niente che non sia scritto nel programma e quindi non potranno cercare di smantellare l'Euro pena espulzione con disonore ed esposizione al pubblico ludibrio sul blog di Grillo e votata a mezzo piattaforma digitale propietà privata di Casaleggio ma io mi domando avete i prosciutti sugli occhi o cosa?.Gli stessi poteri massonici,bancario\finanziari che da un secolo (e forse più) governano il mondo e decidono dei destini di interi popoli hanno creato il movimento per tenere il dissenso li buono senza che possa nuocere ma io dico il video della Casaleggio Gaia lo hai visto? sono talmente sicuri di se da sfotterci infatti ce lo mostrano anche nei video quale è il loro progetto ovvero il mondo globalizzato gestito dalle multinazionali e dalle grandi banche e voi gli date anche il voto? altro che Salvini e la Lega c'è da rimanere sbigottiti ma a vedere il progetto di Casaleggio e non certo quello becero e localista della lega.Ciao e Buona giornata

  • Anonimo scrive:
    11 maggio 2014 09:17

    @Anonimo, una curiosità: nei libri di storia che sveleranno il complotto ameirgo-massonico nazi-comnuista ci sarà spazio anche per questo?

    http://www.lintraprendente.it/2014/01/salvini-spiegaci-questo/

    e questo?

    http://www.youtube.com/watch?v=HKZpNbPdE7w

  • Anonimo scrive:
    11 maggio 2014 21:31

    @Claudio z.Dopo questa mollo altrimenti divento noioso.Guarda tutto mi sarei aspettato nella vita meno che un giorno avrei fatto l'avvocato della lega in rete,e' propio vero mai dire mai.Per l'articolo sull'indipendente c'e' il primo commento che risponde come risponderei io basta che leggi quello.Per il video condivido quanto afferma ma forse non ti sei accorto che e' del 2010 nel frattempo qualcosa e' cambiato oppure no? altrimenti sarebbe come dire che il PD e' ancora lo stesso partito di Togliatti o di Berlinguer. Se invece vuoi qualcosa di piu' recente pero' questa volta su Grillo a cui tu dai il voto ti consiglio invece il libro che trovi gratis in pdf al link.Per quanto riguarda il complotto massonico sai la prima reazione quando me ne parlarono fu quella di farci una grossa e' grassa risata fortunatamente poi per curiosita' ho iniziato a documentarmi ( e non sto' parlando di siti internet per gomplottisti) e ti garantisco che ho smesso di ridere.Quasi tutte le ricchezze il cibo e l'e fonti di energia sono in mano ad un gruppo di multinazionali che sono detenute da 'poche banche d'affari che sono propieta' di un ristretto gruppo di famiglie e guarda che questo non e' complottismo questa e' la realta' anche grillo sul suo blog ha messo articoli che parlano di questo,se vai indietro nel tempo troverai che le stesse famiglie dominano la finanza del mondo da secoli, i Rothchild prestavano i soldi a Napoleone e alla corona Inglese nella guerra dei cent'anni questo lo trovi scritto anche nei tuoi libri di storia e poi non e' un segreto che la ricchezza mondiale e' concentrata in poche mani come pensi ci sia finita' cosi per caso?.Se quando avrai finito di ridere avrai voglia di documentarti seriamente ti consiglio per la storia della sovranita' monetaria in Inghilterra dove e' nata la prima banca centrale prima e negli Stati Uniti dopo i documentari che trovi su youtube con i sottotitoli in italiano " the money masters Ita" e " il segreto di oz" del giornalista americano Bill Still che con il segreto di oz ha vinto numerosi riconoscimenti e premi internazionali come miglior documentario dell'anno.Sulla massoneria cerca in rete gli scritti ed i video di Solange Manfredi figlia di Senatore massone e che per questo si batte da una vita per raccontare al grande pubblico cos'e' e che potere ha la massoneria.Per le multinazionali che governano il mondo potresti leggere il libro di Jhon Perkins " memorie di un ex killer dell'economia " uomo che ha lavorato per una vita al servizio delle multinazionali.Ci sarebbe tantissimo altro da leggere e vedere io sono circa tre anni che mi documento e trovo sempre cose nuove che sempre piu' confermano che il governo mondiale non e' una paranoia da gomplottisti da rete ma purtroppo la triste realta'.


    http://www.stefanomontanari.net/sito/blog/2550-il-grillo-mannaro.html

  • Anonimo scrive:
    13 maggio 2014 07:57

    Non sono Claudio Z caro anonimo, ma dal 2010 ad oggi cosa è cambiato? Niente, solo il segretario, tutto il resto è lo stesso. Comunque difendi chi ti pare. Come dice Facco "La politica è come la fede"
    e io la fede l'ho mandata a quel paese da un bel pezzo.

  • Fabio Castellucci scrive:
    21 giugno 2014 15:44

    quando mai ci si è potutti fidare delle legaMafiosa nord?

    Hanno sempre tradito tutto e tutti (prima di tutto i loro stessi votanti!)

    Lo stesso Miglio, che ne fù ideologo in buona fede nei primi tempi, denunciò la becera ignoranza e l'attaccamento al potere personale ed alla carriera basata solo su fedeltà e cialtroneria di tutti i fondatori della LegaNord stessa...

    http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/10/immediata-uscita-da-eurozona-moneta-sovrana-applicazione-mmt.html

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (725) euro (689) crisi (611) economia (494) sinistra (425) finanza (258) Movimento Popolare di Liberazione (239) sfascio politico (235) grecia (229) resistenza (222) elezioni (217) M5S (204) teoria politica (202) banche (198) internazionale (190) imperialismo (185) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (159) Leonardo Mazzei (156) Syriza (148) Tsipras (143) P101 (139) Moreno Pasquinelli (136) Matteo Renzi (122) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) sovranità monetaria (101) democrazia (100) sollevazione (99) destra (94) Grillo (93) berlusconismo (91) proletariato (91) costituzione (87) spagna (85) neoliberismo (82) austerità (79) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) Francia (78) Emiliano Brancaccio (75) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Mario Monti (71) sindacato (69) Stefano Fassina (67) bce (66) filosofia (65) Germania (64) populismo (63) Libia (62) Alberto Bagnai (59) capitalismo (58) Podemos (57) Rivoluzione Democratica (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) piemme (55) sinistra anti-nazionale (54) globalizzazione (53) rifondazione (53) Siria (50) Medio oriente (49) Movimento dei forconi (49) bancocrazia (49) immigrazione (49) socialismo (49) Alexis Tsipras (48) Carlo Formenti (47) fiat (47) programma 101 (47) sovranità popolare (47) cinque stelle (46) immigrati (46) Nichi Vendola (45) Sergio Cesaratto (45) referendum (45) renzismo (45) inchiesta (43) sinistra sovranista (43) Pablo Iglesias (42) Troika (42) Yanis Varoufakis (41) campo antimperialista (41) solidarietà (41) Beppe Grillo (40) Emmezeta (40) Lega Nord (40) geopolitica (40) astensionismo (39) moneta (39) legge elettorale (38) proteste operaie (38) brexit (37) italicum (37) Diego Fusaro (36) liberismo (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Mario Draghi (34) Russia (34) egitto (34) sionismo (34) Marine Le Pen (33) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) default (32) fiom (32) palestina (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) governo Renzi (31) neofascismo (31) unità anticapitalisa (31) Matteo Salvini (30) fiscal compact (30) Giorgio Cremaschi (29) Luciano Barra Caracciolo (29) Manolo Monereo (29) Ucraina (29) Alitalia (28) Israele (28) Merkel (28) Mimmo Porcaro (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) Sicilia (27) Ugo Boghetta (27) immigrazione sostenibile (27) menzogne di stato (27) populismo di sinistra (27) Forum europeo (25) Lega (25) sovranismo (25) xenofobia (25) Europa (24) islamofobia (24) ora-costituente (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) Nello de Bellis (22) silvio berlusconi (22) CLN (21) Chianciano Terme (21) Donald Trump (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Aldo Giannuli (20) Marcia della Dignità (20) Quantitative easing (20) eurostop (20) finanziarizzazione (20) scuola (20) Front National (19) Lavoro (19) Unità Popolare (19) cina (19) fronte popolare (19) nazione (19) repressione (19) uscita dall'euro (19) Izquierda Unida (18) Nato (18) Tunisia (18) ecologia (18) iraq (18) keynes (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Mariano Ferro (17) Roma (17) USA (17) etica (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Norberto Fragiacomo (16) Pier Carlo Padoan (16) Regno Unito (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) Donbass (15) Fabio Frati (15) International no euro forum (15) Luciano B. Caracciolo (15) Prc (15) ballottaggi (15) 15 ottobre (14) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (14) Cremaschi (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Jacques Sapir (14) Monte dei Paschi (14) Renzi (14) Vincenzo Baldassarri (14) coordinamento no-euro europeo (14) iran (14) obama (14) piattaforma eurostop (14) storia (14) Chavez (13) Enea Boria (13) Jobs act (13) MMT (13) Marco Mori (13) Stato Islamico (13) Virginia Raggi (13) Vladimiro Giacchè (13) acciaierie Terni (13) finanziaria (13) salerno (13) umbria (13) Bersani (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Venezuela (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) emigrazione (12) euro-germania (12) melenchon (12) nazionalizzazione (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Brancaccio (11) Emmanuel Macron (11) Gennaro Zezza (11) Movimento 5 Stelle (11) Putin (11) Tonguessy (11) Turchia (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) disoccupazione (11) iniziative (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) piano B (11) salari (11) sinistra Italiana (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Luigi Di Maio (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) antifascismo (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) golpe (10) lotta di classe (10) presidenzialismo (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Beppe De Santis (9) Def (9) Fmi (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Marco Zanni (9) Paolo Ferrero (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) bail-in (9) cultura (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) scienza (9) sciopero (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Campagna eurostop (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Mirafiori (8) Quirinale (8) Reddito di cittadinanza (8) Salvini (8) Sandokan (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) chiesa (8) deficit (8) diritti civili (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) europeismo (8) grexit (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Daniela Di Marco (7) Enrico Grazzini (7) Fausto Bertinotti (7) ISIL (7) Ilva (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Marco Passarella (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) confederazione (7) cosmopolitismo (7) destra non euro (7) elezioni anticipate 2017 (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) nazismo (7) necrologi (7) privatizzazioni (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) sindacalismo di base (7) taranto (7) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CUB (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Samuele Mazzolini (6) Sergio Mattarella (6) Stefano D'Andrea (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) classi sociali (6) cosmo-internazionalismo (6) debitocrazia (6) derivati (6) governo Gentiloni (6) incontro internazionale (6) inflazione (6) liberosambismo (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Casaleggio (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Foligno (5) Genova (5) Giancarlo D'Andrea (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberalismo (5) pomigliano (5) questione nazionale (5) rivolta (5) salvinismo (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Alessandro Visalli (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Fratelli d'Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Militant-blog (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Npl (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Wolfgang Munchau (4) Xi Jinping (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) demografia (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) ideologia (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) manifestazione (4) massimo fini (4) migranti (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) populismo democratico (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) senso comune (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) trasporto pubblico (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alfiero Grandi (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Eleonora Forenza (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Ferdinando Pastore (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) GIAPPONE (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Risorgimento Socialista (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) autodeterminazione dei popoli (3) automazione (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) giovani (3) il fatto quotidiano (3) il pedante (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) nazionalismo (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trasporto aereo (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Amoroso (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dario Guarascio (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Fiumicino (2) Flat tax (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Bartolomei (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gentiloni (2) Giorgia Meloni (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Pardem (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) deregulation (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) fine del lavoro (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) informatica (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) moneta fiscale (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proteste agricoltori (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) sociologia (2) sovranità e costituzione (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amando Siri (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Gramsci (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cekia (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudia Castangia (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cub Trasporti (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico Fubini (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) France Insoumise (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Mark Rutte (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noi Mediterranei (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) PSUV (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul De Grauwe (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Reddito di inclusione sociale (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Riscossa Italia (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tomaso Montanari (1) Tommaso Nencioni (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) elezioni comunali 2017 (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) lex monetae (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) proporzionale (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)