martedì 8 ottobre 2013

la sinistra e l'euro (7) «DOPO L'EURO UNA NUOVA MONETA COMUNE?» di Mimmo Porcaro

8 ottobre. Mimmo Porcaro risponde a Bellofiore e Garibaldo, il cui saggio abbiamo pubblicato il 5 ottobre scorso. Una critica che si svolge non solo sul piano squisitamente economico (in particolare all'idea di una nuova moneta comune) ma che si sviluppa sul piano politico. Porcaro contesta giustamente come una grande illusione quella accarezzata dalla sinistra radicale «...secondo cui uno spazio “più grande” [l'Europa, NdR] sia necessariamente uno spazio più favorevole alla lotta dei lavoratori e dei movimenti civili. Per cui, se c’è la globalizzazione, viva la globalizzazione: tanto la democratizzeremo “dal basso”».
 
La questione dell’uscita dall’euro non può più essere esorcizzata. E così, opportunamente, Riccardo Bellofiore e Francesco Garibaldo (due studiosi delle cui analisi ci siamo sempre giovati) hanno discusso in un denso articolo le tesi di Alberto Bagnai, che della moneta unica è lucido e tenace avversario. L’hanno fatto senza esorcismi, appunto, e senza eccessive semplificazioni (anche se, per dirne una, né dal libro dal blog di Bagnai si può dedurre che questi creda che la svalutazione risolve tutto o quasi), ma anche senza convincere chi, come noi, vede nelle tesi di Bagnai un importante contributo alla definizione di una strategia che liberi i lavoratori ed il paese dal giogo che da tempo è stato loro imposto. Vediamo meglio.


Bellofiore e Garibaldo ritengono che Bagnai ben descriva gli squilibri tra le economie dell’Unione europea ed il ruolo in essi giocato dalle bilance dei pagamenti, ma non credono che siano questi squilibri ad aver generato la crisi europea – che è piuttosto una conseguenza della crisi del capitalismo anglosassone e quindi del modello neoliberista in quanto tale – né credono che il recupero della sovranità monetaria e dunque della possibilità di svalutare possano risolvere i problemi dell’innovazione produttiva e della redistribuzione del reddito. Anzi: come l’esperienza italiana dimostra la sovranità monetaria e la svalutazione possono ben essere compatibili con politiche economiche pro-business; ed in più le svalutazioni di oggi (in un ambiente mondiale assai turbolento, conflittuale e segnato dalle incognite derivanti dalla crisi di un intero modello economico) possono avere esiti del tutto imprevedibili. A nulla serve quindi che Bagnai ci tranquillizzi mostrando (ed in maniera non convincente, secondo i due critici) come le svalutazioni di ieri non siano affatto state catastrofiche: quelle di oggi lo potrebbero essere.


Bagnai, se crede, saprà senz’altro rispondere molto meglio di noi a queste critiche. Qui ci limitiamo a dire che, da punto di vista di chi propende per l’uscita dall’euro, esse non sembrano risolutive. E’ infatti ben probabile che la crisi europea, nei suoi peggiori aspetti, sia un effetto di quella statunitense: ma il punto è che l’Unione europea – nata anche, nelle illusioni di qualcuno, per temperare il potere di Washington e quello dei mercati finanziari – non è riuscita a far muro contro l’onda lunga della crisi atlantica (ed anzi alla fine l’ha usata per disciplinare i paesi del sud). 


Il punto è che sono stati proprio gli squilibri trai paesi europei (lasciati volutamente irrisolti dai vertici dell’Unione) ad aggravare gli effetti della crisi esponendo la parte debole del continente alla speculazione. Essendo una “moneta senza stato”, ossia non essendo l’espressione di un vero stato unitario, l’euro ha infatti lasciato sguarniti gli stati più deboli: è servito a suo tempo a togliere sovranità monetaria (e quindi strumenti di manovra) a quegli stati ma non è servito, al momento del bisogno, a sostituirla con la garanzia dell’appartenenza ad una forte comunità economica.


Inoltre, se è certamente vero che la sovranità monetaria e la possibilità di svalutare possono tranquillamente essere messe al servizio di politiche che fanno aumentare le esportazioni e i profitti senza indurre investimenti (e quindi senza creare lavoro, domanda interna, ecc.) è altrettanto vero che nella situazione attuale entrambe si presentano ormai come condizione necessaria, anche se certamente non sufficiente, per qualunque tipo di politica economica che voglia anche solo moderatamente intervenire sui meccanismi di formazione del capitale, e poi sulla sua destinazione. 


Per quanto male si possa dire della svalutazione (ma Bagnai ci ha spiegato con sufficiente chiarezza in che senso essa possa essere considerata un meccanismo fisiologico, e non un atto criminale) è evidente a tutti che un paese che è ormai in deficit commerciale permanente, come il nostro, non può essere condannato in eterno ad avere la stessa moneta di un paese in surplus. Anche perché, corrispettivamente, il paese in surplus ha la stessa moneta di un paese in deficit: insomma l’euro è sopravvalutato rispetto all’economia italiana e sottovalutato rispetto a quella tedesca, e così inibisce le esportazioni di chi dovrebbe aumentarle e favorisce quelle di chi già esporta. Se a ciò si aggiunge che gli squilibri commerciali sono anche e soprattutto squilibri tra crediti e debiti (cosa essenziale, a cui Bellofiore e Garibaldo non danno qui sufficiente risalto) e che questi implicano che il denaro costi di più nei paesi più deboli, appare chiarissimo anche a chi economista non è che l’euro funziona come un meccanismo che fa star peggio chi sta male e fa star meglio chi sta bene, rendendo impossibile ai primi di accumulare capitale da investire e consentendo ai secondi di attrarre capitale nei propri confini. Funziona come un vantaggio competitivo permanente per le economie già forti, aumenta necessariamente gli squilibri, rende molto difficile saldare i debiti e quindi condanna alcuni paesi alla subordinazione costante. Ed in questi paesi condanna soprattutto i lavoratori: perché se non si svaluta la moneta e se la carenza di domanda e di capitali deprime l’innovazione, la competitività può essere cercata solo svalutando i salari.

L’uscita dall’euro si presenta quindi non certo come la salvezza, ma come la condizione preliminare di ogni tipo di politica economica e di ripresa produttiva. 


Bellofiore e Garibaldo insistono sul fatto che la bilancia commerciale non fa che registrare i rapporti tra le imprese, e che i problemi di questi rapporti non si risolvono agendo sulla bilancia stessa, ma intervenendo direttamente sulla produzione industriale, sull’innovazione ecc... In tal modo si connettono a quel particolare modo di eludere la questione dell’euro che consiste nel dire, con Marx, che la moneta è frutto dei rapporti sociali, e che quindi prima si devono trasformare tali rapporti e solo dopo, semmai, si parlerà della forma monetaria che ne è espressione. Ma in tal modo non si capisce, a differenza di Marx, che la moneta non è soltanto espressione, bensì anche forma concreta di funzionamento di determinati rapporti sociali: rapporti che non possono essere modificati se non si modifica anche la moneta stessa. Cosicché, intervenendo sull’euro, in realtà si interviene direttamente (anche se non conclusivamente) sulle relazioni tra classi e tra Stati di cui l’euro è espressione e modalità di esistenza. E, nel nostro caso, si offre alla nostra economia quel po’ di respiro che consente di intervenire sui nodi effettivamente cruciali della formazione del capitale (che oggi deve tornare ad essere in buona misura pubblico), dell’innovazione (che richiede un forte e centralizzato intervento statale), del salario (che deve crescere grazie a nuova occupazione e grazie al riconoscimento del ruolo imprescindibile del lavoro nella gestione dell’innovazione stessa). Tutte cose impossibili se non c’è (o se non si può creare) denaro.

Ma, avvertono i due critici, uscire dall’euro e svalutare ci esporrebbe, oggi, ad incertezze e rischi molto maggiori di quelli di ieri, e di quelli che Bagnai sembra immaginare. 



Questo è un punto di analisi importante, su cui concordiamo: nell’attuale situazione di turbolenza mondiale un’operazione di riconquista, anche parziale, della sovranità monetaria, comporta conseguenze e controeffetti che devono essere assolutamente presi in considerazione. Vuol questo dire che si debba perciò rinunciare all’exit? No: vuol dire che la cosa deve essere affrontata sapendo che l’uscita non è la soluzione definitiva ma l’apertura di nuovi problemi, problemi che potranno essere affrontati solo grazie ad un programma economico e politico assai serio, capace di attrare a sé un forte consenso popolare. E che essa implica, per avere un significato di sinistra, misure radicali quali: indicizzazione dei salari, controllo dei prezzi e del movimento dei capitali, nazionalizzazioni, forte politica industriale, e – last but not least – sganciamento del nostro paese dal riferimento preferenziale al capitalismo atlantico e conseguente apertura al sud europeo, al mediterraneo, ai Brics. 

Non quindi, come temono Bellofiore e Garibaldo, un semplice ritorno alla nazione, ma la creazione di un nuovo spazio internazionale. Un passaggio molto radicale, certo, che proprio per questo fatica ad essere proposto e tentato. Un passaggio ricco di incognite, nel quale ci impegneremo solo quando la situazione sociale diverrà insopportabile. Ma nel restare fermi non ci sono incognite: c’è piuttosto la certezza di andare verso il completo impoverimento del paese.

Qual è, invece, la soluzione proposta da Bellofiore e Garibaldo? Essi riconoscono, e non è poco che «la sopravvivenza dell’euro nel breve e nel medio termine, in questo quadro, non può che danneggiare il lavoro e le classi popolari, senza per altro che vi sia garanzia alcuna che la moneta unica sia davvero in grado di costituirsi, fuori dalla tempesta, su base stabile». Prevedono però che, grazie alle OMT di Draghi (le misure che consentono – in forme limitate ed in cambio di duri sacrifici – l’acquisto di titoli di stati in difficoltà da parte della Bce) non vi sarà nessuna precipitazione della crisi della moneta unica. E propongono di puntare non già allo smantellamento dell’euro, ma ad una sua radicale riforma, oppure alla sua sostituzione con una moneta comune, come risultato di una lotta di classe non rinchiusa negli spazi nazionali, ma finalmente dispiegata su scala sovranazionale.


Possiamo parzialmente concordare sul fatto che non sia alle viste alcun crollo imminente dell’euro. Non tanto perché le misure di Draghi abbiano finalmente dato (come pensano i nostri due interlocutori) una dimensione almeno parzialmente sovranazionale alle scelte economiche europee: in realtà gli stati in difficoltà possono ottenere gli acquisti di bond da parte della Bce solo se tutti gli altri stati sono d’accordo sulle loro intenzioni di “risanamento”. Piuttosto conta il fatto che al momento nessuna frazione delle classi dominanti europee ha veramente interesse a rompere la macchina: non la Germania, che ci guadagna, non le classi dirigenti italiane e sudeuropee, che grazie al ”vincolo esterno” sono ormai felicemente dispensate dal render conto ai propri elettori, non i nostri grandi capitalisti, che in Europa trovano se non altro uno spazio consono alle politiche di privatizzazione che li hanno rimpinguati. Nella situazione attuale, e a meno di particolari shock economici, la fine dell’euro può essere provocata solo da una ribellione sociale dei popoli europei e da una direzione politica che sappia indicare con chiarezza sia gli obiettivi che le forme dell’azione.

Quanto agli obiettivi, diciamo subito che l’idea di una “moneta comune” europea non ci convince affatto. Non soltanto perché è difficilmente comprensibile e comunicabile, laddove un secco “no euro” sarebbe molto più efficace. Ma perché questa idea, che nasce per risolvere il problema degli squilibri fra le diverse economie nazionali, presuppone, per essere attuata, che quegli squilibri siano già stati magicamente superati. Nella versione più diffusa (che è quella di Frédéric Lordon) l’euro sarebbe una vera e propria moneta-merce solo nelle relazioni tra economie europee ed estero. All’interno varrebbero le monete nazionali —inconvertibili tra di loro e con la valuta extraeuropea—  e l’euro sarebbe solo una moneta scritturale che regolerebbe i rapporti trai diversi paesi europei, rapporti che prevedono la negoziazione continua di svalutazioni e rivalutazioni e/o (ma ciò è più chiaro in altre versioni) meccanismi che impongano il risparmio a chi è in deficit ma anche la spesa a chi è in surplus. 
TTIP, ovvero la NATO sotto mentite spoglie


Ora, a parte il fatto che, restando intatte le attuali gerarchie tra economie europee, l’obbligo formale alla negoziazione delle svalutazioni favorirebbe inevitabilmente le aree più forti, c’è il fatto macroscopico che, essendo la moneta comune una valuta puramente scritturale e quindi non una merce, essa non è tesaurizzabile e quindi cozza inevitabilmente contro gli interessi del creditore, il quale vive proprio dell’essere il detentore di una merce particolare: il denaro. E creditori sono, in Europa, lo stato più forte e la frazione più significativa del capitalismo, quella bancaria. “Fare” la moneta comune significherebbe quindi aver messo in un angolo Germania e banche, e quindi aver già distrutto l’Unione per quel che oggi è.

Quanto alle forme d’azione, infine, qui si manifesta una delle più grandi illusioni ancora accarezzate dalla sinistra radicale: quella secondo cui uno spazio “più grande” sia necessariamente uno spazio più favorevole alla lotta dei lavoratori e dei movimenti civili. Per cui, se c’è la globalizzazione, viva la globalizzazione: tanto la democratizzeremo “dal basso”. E se c’è l’Europa, viva l’Europa: tanto la trasformeremo in Europa “sociale”. Peccato che sia l’una che l’altra abbiano messo in competizione i lavoratori di tutto il mondo, e che l’Europa, lungi dall’essere semplicemente uno spazio “più ampio” e quindi per ciò stesso (chissà perché) migliore, abbia mostrato di essere piuttosto un meccanismo che più funziona più rende impossibile la propria democratizzazione, perché frantuma il soggetto che dovrebbe “migliorarla”. Lo squilibrio, santificato dall’euro, fra economie e stati europei si traduce infatti in una divisione dei lavoratori: tra chi dal mercantilismo ossessivo ottiene almeno qualche briciola e chi paga solo dazio. E tutto ciò non può che aggravarsi.


Vogliamo dire che siamo contro le lotte su scala europea? Tutt’altro. Si facciano, si organizzino. Anzi: i gruppi dirigenti della “sinistra-sinistra” si abituino a passare il 70% del loro tempo in Europa o comunque a dedicarlo all’organizzazione di movimenti continentali. Dimostrino così che il richiamo all’Europa ed al mondo non è più, come a volte è stato per tutti noi, un trucco per non impegnarsi in cose concrete. Si faccia tutto ciò: ma il risultato positivo di questa azione sarà, con le inevitabili eccezioni, un movimento soprattutto sudeuropeo, che sarà infine inevitabilmente indotto a proporre quantomeno un’uscita regolata e consensuale dalla moneta unica, pur nel quadro di permanenti accordi cooperativi.

E si faccia comunque presto, perché altre minacce incombono, forse peggiori dello stesso euro. Fra poco tutta la costruzione europea mostrerà di essere stata solo la preparazione di un’area atlantica di libero scambio, un’area che imporrà alle nostre produzioni gli standard statunitensi, imporrà definitivamente ai nostri stati di privatizzare praticamente tutto, renderà più acuta la concorrenza tra lavoratori. 


L’esistenza di un’area europea come spazio già predisposto al libero afflusso dei capitali è lo scivolo che ci porta dritti alla TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership), e non è escluso che l’insistenza di Draghi a tenere in piedi l’euro ricorrendo addirittura a misure “non convenzionali” sia dovuta anche al desiderio di non far fallire questo grande progetto che, pietra tombale sulla globalizzazione, coinvolgerebbe definitivamente il nostro Paese, ridotto a misera periferia, in un conflitto con quei Brics che invece dovremmo imitare quantomeno sul punto del controllo dei capitali.

Ogni giorno, ogni secondo in più di sopravvivenza dell’euro ci avvicina irreversibilmente alla TTIPP, e quindi alla distruzione integrale delle basi sociali ed istituzionali per l’azione efficace di una qualunque vera sinistra: è bene che gli “amici” dell’euro tengano conto anche di questo.
Print Friendly and PDF

27 commenti:

  • Ecodellarete.net scrive:
    8 ottobre 2013 11:51

    Quando ho letto, nell'articolo di Bellofiore e Garibaldo, questa frase: "le bilance commerciali sono sì un indicatore chiave, ma un indicatore, appunto, di una gigantesca e continua ristrutturazione industriale e di ridefinizione del potere di mercato delle singole imprese, non solo in Europa ma a livello globale", sono rimasto di sasso.

    L'ho letta e riletta, pensando di aver capito male, o di non aver capito affatto. Mi sembra che B&G dimentichino un dato fondamentale, ovvero che i paesi dell'eurozona mantengono, tutti, le loro contabilità nazionali, sulle quali si riflettono i rapporti di deficit/surplus commerciali dell'attività economica delle aziende. Altro che semplice indicatore! Il deficit commerciale delle imprese italiane si riflette sulla raccolta fiscale e sulla raccolta del sistema bancario nazionale; quest'ultimo diventa dipendente dai finanziamenti dei sistemi bancari dei paesi in surplus (pagando un costo di intermediazione), nonché ricattabile da questi.

    Insomma, un circuito infernale determinato dal binomio "moneta unica/contabilità distinte", dal quale si deve assolutamente uscire.

    Aver accettato questo scriteriato assetto dell'unione monetaria (sorvolando per il momento sugli aspetti antidemocratici dell'UE) è già, di per sé, motivo sufficiente per sbarazzarci in toto dell'attuale classe dirigente.

    Infine: Bagnai afferma che l'uscita dall'euro sarà gestita dalle persone sbagliate. Mi permetto di osservare che costoro lo faranno, di sicuro, nel modo sbagliato. Uno di questi, a mio parere, è tratteggiato nel cosiddetto "Manifesto di solidarietà europea", ma credo che anche l'ipotesi di una moneta comune, come giustamente osserva Mimmo Porcaro, è un modo sbagliato di risolvere il problema.

    Dobbiamo e possiamo fare una sola cosa: batterci per l'uscita dall'euro e il recesso dai trattati, dall'Atto Unico in poi (almeno), e solo successivamente, riconquistata la completa sovranità politica e monetaria, ricominciare (eventualmente) a discutere, con i nostri (ahimè) ben poco affidabili vicini, sul modo di coordinare le economie (e molto altro) dei paesi europei.

  • Anonimo scrive:
    8 ottobre 2013 17:32

    Certo che ogni tanto... Come ha fatto un "indicatore chiave" a diventare un "semplice indicatore"? Niente, tutti fuori di melone.
    Gallino demagogo,i comunisti sono fascisti, la patria è di sinistra, il nero è bianco, e l'Anticristo è alle porte. Mah

    bvzm1

  • Anonimo scrive:
    8 ottobre 2013 18:02

    "Dobbiamo e possiamo fare una sola cosa: batterci per l'uscita dall'euro e il recesso dai trattati, dall'Atto Unico in poi (almeno), e solo successivamente, riconquistata la completa sovranità politica e monetaria, ricominciare (eventualmente) a discutere, con i nostri (ahimè) ben poco affidabili vicini, sul modo di coordinare le economie (e molto altro) dei paesi europei."
    Credo sia possibile trovare questa tesi plausibile.
    E' chiaro comunque che bisogna sganciarsi perché il Titanic sta affondando inesorabilmente.

  • Ecodellarete.net scrive:
    8 ottobre 2013 18:16

    @bvzm1

    Hai ragione, avrei dovuto essere più attento ed esprimere il concetto in modo meno precipitoso.

    Riconosciuto l'errore di precipitazione, continuo a pensare (e qui l'asserzione è meditata) che gli squilibri tra aziende si riflettono sulle contabilità nazionali, senza che vi sia una possibile compensazione sul cambio a causa della moneta unica.

  • Anonimo scrive:
    8 ottobre 2013 18:23

    Ecodellarete

    Ho capito che sei frusinate e sei un po' pecione ma sta storia del semplice indicatore non l'hai capita tu, sii buono.

    Leggi cosa dicono Bellofiore e Garibaldo:

    "E’ stata una crisi importata dall’esterno, un rimbalzo violento della crisi globale nata negli Stati Uniti. Una grande crisi del capitalismo. Questo segna una novità enorme. Noi parliamo di una crisi dell’Europa e dell’euro dentro una crisi finale del neoliberismo, cioè dentro una crisi lunga, di quelle che segnano uno spartiacque tra una fase e l’altra del capitalismo: e noi siamo nel bel mezzo della transizione, senza poter intravedere lo sbocco. Ogni parallelo tra un’eventuale uscita dall’euro e svalutazioni precedenti, che è l’argomento centrale di Bagnai sul perché e sul come bisogna uscire dall’euro, è inficiato anche solo per questa considerazione."

    Mo' ce sei Fiore'? None? Te stanno a di' che l'euro è 'na caroggnata, c'hai raggione...però se esci dall'euro nun è che risorvi, te vai a caccia' dentro un casino da paura.
    Tu me risponni: ahò, ma nn stamo ggià messi male?
    Sine, però se parti coll'uscita dall'euro e nun hai capito cosa succederà, ossia nun sei preparato a una situazione che tte sfuggirà de mano TE GGIOCHI MALE L'UNICA CARTA CHE CC'HAI.
    Va a ffini' che fai 'n favore a quelli che t'o o vojjono mette' 'n quer posto.
    Va bbene che l'euro è 'na vijjaccata, va bbene che le élites ce vojjono frega', ma se se esce dall'euro senza 'n piano che preveda er brutto, avendo detto alla ggente che le cose mijoreranno, quelli quanno vedono che succede er casotto nun te seguono più e finisci de perde peggio de prima.
    Siete divisi fra quelli che hanno capito (Bellofiore e Garibaldo) e quelli che se vonno da' da fa' (voi). Stamo messi bbene.

  • Ecodellarete.net scrive:
    8 ottobre 2013 18:24

    @bvzm1

    In pratica, avrei dovuto scrivere "altro che semplicemente un indicatore chiave", oppure "altro che solo un indicatore chiave".

    E in effetti un indicatore (chiave o meno) da indicazioni, ma non è un dato che produce a sua volta effetti sistemici. Nel nostro caso, in presenza della dicotomia "moneta unica/contabilità distinte", invece sì.

    O sbaglio? Ricordo a tutti che partecipo alle discussioni soprattutto per imparare dagli errori che faccio.

  • Anonimo scrive:
    8 ottobre 2013 18:49

    "Riconosciuto l'errore di precipitazione, continuo a pensare (e qui l'asserzione è meditata) che gli squilibri tra aziende si riflettono sulle contabilità nazionali, senza che vi sia una possibile compensazione sul cambio a causa della moneta unica."

    Bravo e pensi che Bellofiore non l'ha capito...:D

    Forse ti sta dicendo che oltre a quello significa anche un'altra cosa la quale altra cosa cambia radicalmente le carte in tavola rispetto alla visione à la Bagnai...
    Compris?

  • Ecodellarete.net scrive:
    8 ottobre 2013 20:48

    @Al tipo che dice che sono un pecione frusinate (bella gente che frequenta 'sto blog):

    Credo che non abbia capito tu. Io ho segnalato solo il fatto che squilibri tra imprese residenti in paesi con la stessa moneta, ma contabilità nazionali distinte, non possono non ripercuotersi sulla fiscalità e sui bilanci delle banche nazionali. Dunque è meglio uscire. Cosa c'è dopo? Boh!

    Se poi siamo in una crisi lunga del capitalismo (o se questo ha i secoli contati), ebbene, su ciò (essendo un pecione frusinate) non mi esprimo.

    p.s. questi che "uscire dall'euro non risolve nulla" mi fanno venire in mente una barzelletta ciociara. Dunque, un novantenne chiede a sua moglie "ce faciame 'na scupata?". Lei risponde di sì e lui chiede ""che dici, me mette 'ne preservative?". Al che la vecchia ribatte "hi!, mittece pure 'nu pise 'ncima!" (mettici pure un peso sopra!)

  • Alberto scrive:
    9 ottobre 2013 10:27

    "indicizzazione dei salari, controllo dei prezzi e del movimento dei capitali, nazionalizzazioni, forte politica industriale, e – last but not least – sganciamento del nostro paese dal riferimento preferenziale al capitalismo atlantico e conseguente apertura al sud europeo, al mediterraneo, ai Brics."

    Tutto ciò non è "quello che vuole la sinistra", è semplicemente quello che vuole il buon senso economico, finalizzato al bene del proprio paese e all'armonia nel mondo, anzi è l'unico modo per conciliare questi due aspetti della politica, scongiurando conflitti prima economici e poi militari.

    Che tutto ciò sia altresì inconciliabile con questo euro è evidente nei fatti, e congruente nella logica, una volta riconosciuti i caratteri tipici di questa sporca moneta: neoliberismo estremista tendente ad una restaurazione medioevale e, contemporaneamente, fattore di destabilizzazione interno all'Unione Europea.

    Quanto alla soluzione, cioè euro sì ma come moneta-non-merce e valute inconvertibili tra loro, se non tramite concambio con l'euro, mi permetto di evidenziare la gran confusione mentale che porta a queste assurdità. Le monete, tutte, sono di per sè convertibili tra loro, e non c'è forzatura legislativa che possa impedire ciò. Nel caso un politico ottuso ci volesse comunque provare, il "mercato nero" lo sconfesserebbe il giorno dopo.

    La distinzione poi tra moneta-merce accumulabile e unità-di-conto non accumulabile è un evidente idiozia. Significa non aver colto il vero significato di moneta moderna, e questo è tanto diffuso quanto gravissimo, tant'è che consente il paradosso attuale, di "risparmi", non importa quanto tossici, multipli di tutte le ricchezze disponibili sui mercati.

    Ristrutturare l'euro non è impossibile, significa però anche uscire da questo paradosso che ci sta uccidendo (non solo noi, ma il mondo intero). Il futuro di un euro come moneta continentale di riferimento per gli interscambi, non è un "compromesso" tra euristi e nazionalisti, al contrario è una proposta forte di superamento del paradigma monetario occidentale imposto al mondo intero, che non è solo di matrice anglosassone, ma contiene i cromosomi ed ancora l'influenza del vecchio capitalismo europeo. Perciò una simile rivoluzione monetaria sarebbe l'esito felice di uno scontro epocale e planetario tra gli iteressi elitari e quelli delle grandi masse. Paradossalmente, e questa è anche una provocazione, mi rendo conto, il modello di riferimento per la prima fase del cambiamento (risorgimento economico, propedeutico a tutto il resto), potrebbe ispirarsi per molti versi alla prima fase delle politiche hitleriane.

    Alberto Conti

  • Anonimo scrive:
    9 ottobre 2013 11:14

    @ecodellarete

    Un indicatore è un indicatore, che vuoi dire col fatto che è un dato? Non solo, ma va anche interpretato. La bilancia dei pagamenti sta migliorando, come saprai, per effetto di una diminuzione delle importazioni. Non è impossibile che vada in pareggio. Fatto questo tutto a posto? In Germania, come ormai sanno anche le pietre, è all'attivo. Tutto a posto lì? Gli operai stanno benissimo? La Harz 4 è splendida?
    Ma il problema non è tanto questo - tutto è discutibile, ci mancherebbe - quanto l'isteria di cui siete responsabili sulla questione €. Che vi ha fatto imbarcare gentaglia di tutte le risme (fai un giro su comedonchisciotte, prova a vedere qauli posizioni assumono su altri temi gli anti€ e poi torna a parlarcene) di cui in altri tempo vi sareste vergognati. Ora no, ora avete un feticcio, ora il comunismo non conta più, l'anticapitalismo è superato (lo sapete vero che la discussione intorno all'€ è tutta interna alle dinamiche di tipo capitalistico?) i migranti hanno rotto il cazzo e gli italiani sono brava gente. Di merda sono, come tutti gli altri, come inglesi, tedeschi, americani e scegli tu chi altri. O pensi che il PUDE di cui tanto cianciate sia arrivato lì per grazia divina e volontà della nazione? E' arrivato lì perché doveva difendere interessi precisi, i piccoli imprenditori facevano la fila per entrare nell'€ perché pensavano di migliorare il paese o perché pensavano di aumentare i profitti a scapito come sempre degli operai e dei precari? Chi le fa le discussioni sull'abolizione dell'art. 18? i comunisti? Scusa lo sfogo, ma tu hai l'aria di soffrire della sindrome di Stoccolma con Bagnai, che - cose da pazzi, solo cose da pazzi - si permette di dire che parla di lotta di classe. E tu ancora che non capisci (ma come cazzo te lo devi dire?) che lui è mainstream, tutto all'itnerno del paradigma neoclassico e ingozzato fino al midollo di modello capitalistico. E a dirla tutta, se proprio dobbiamo fare i tecnici, vatti a guardare il grafico pubblicato ieri sulla questione della disoccupazione del 1977. A parte che solo un economista può fare questi raffronti del cazzo (il modo di misurare questo dato è cambiato talmente tante volte negli anni che praticamente non significa una minchia di niente) a parte questo, quel grafico dice che nel 1987 (c'era la Lira) la disoccupazione era ai massimi e che nel 2005 (c'era l'€) la disoccupazione era al minimo dal 1963. Però a che serve guardarlo per intero vero? Ma soprattutto: che minchia c'entra la moneta su questo dato?

    Vabbè non rileggo, prego anche la redazione di scusare lo sfogo, ma che anche un brav'uomo come @ecodellarete e tanti altri che militano coscienziosamente contro la moneta unica non si accorgano di che merde hanno imbarcato mi fa girare francamente le palle. E trovo stupefacente che nessuno di voi abbia speso una parola contro quest'altri illuminati di blogstream che danno del demagogo a Gallino. A Gallino! Ma vi rendete conto di chi è la gente di cui vanno blaterando? Può sbagliare, dire la cazzata, quello che volete. Ma mentre questi chissà dov'erano quello si faceva il culo.

    bvzm1

  • Emilio L. scrive:
    9 ottobre 2013 14:17

    Si sprecano le grandi visioni sul mondo che ha da venire: rottura dell'euro, sovranità monetaria, controllo dei movimenti di capitale, e quant'altro...

    ... e si invoca a questa crociata quale condizione necessaria per avere più crescita e più giustizia sociale.

    E mentre puntiamo a questa gerusalemme, dividendoci su questo o quell'aspetto teorico, oggi non riusciamo neanche a unirci per ottenere di spostare il prelievo fiscale su rendite, patrimoni e sommerso ...

    Si potrebbe anche pensare che tutte queste chiacchiere siano alimentate per confondere, dividere e lasciare le cose come stanno ... ma no! sarebbe un complimento!

    Un cordiale saluto.
    http://marionetteallariscossa.blogspot.it/

  • Ecodellarete.net scrive:
    9 ottobre 2013 14:39

    @bvzm1

    Intanto grazie per avermi risparmiato insulti gratuiti. In fondo qui stiamo solo ragionando.

    Detto questo, non è corretto che tu semplifichi in modo così brutale il problema degli equilibri della BdP. L'equilibrio può esservi in condizioni di piena occupazione come in deflazione. Resta il fatto che grossi squilibri ALLA FINE DEVONO ESSERE COMPENSATI. Il problema è: su chi deve ricadere l'onere degli aggiustamenti? Ebbene l'onere, nella costruzione europea, è tutto sui paesi in deficit. Questo è il problema della moneta unica euro. Le attuali politiche di deflazione sono la conseguenza dell'architettura dell'euro, e gli squilibri sono la conseguenza di una deflazione interna operata dalla Germania con le riforme Hartz.

    Questa asimmetria può essere risolta in due modi: o modificando radicalmente l'architettura dell'euro, oppure uscendo dall'euro. La prima soluzione mi appare impossibile, per non dire ingenua, dunque non resta, a mio parere, che la seconda. Aggiungo che l'euro è solo l'epifenomeno di una costituzione economica ultraliberista, sancita dal trattato di Maastricht, mentre la costituzione politica (Lisbona) ha privato gli stati di ogni autonomia, e quindi della possibilità, ad esempio, di introdurre controlli sui movimenti di capitale, merci, servizi e persone all'interno dell'UE.

    Pensi che sia possibile modificare questo stato di cose restando nell'euro e nei trattati UE? Libero di farlo, ma io la penso diversamente.

    Dici che, uscendo dall'euro e dai trattati UE, non per questo staremo bene? Hai ragione, ma intanto ti rispondo, come la vecchietta del commento precedente, "mittece pure 'ne pise 'ncima!".

    Grazie ancora per aver postato un commento senza aver ricordato, una volta di più, la mia grave colpa di essere ciociaro.

    Fiorenzo Fraioli
    p.s. Credo sia giusto ricordare una cosa: il fatto che io commenti su sollevazione non implica che io sia comunista. Non lo sono, non lo sono mai stato, anche se magari potrei diventarlo. Ma prima mi si deve convincere.

  • Anonimo scrive:
    9 ottobre 2013 21:30

    Purtroppo il fatto di non aver capito come cacchio ci si registri finisce col dare luogo ad ulteriori equivoci. Io posso mandare al diavolo un sacco di gente e lo faccio spesso volentieri ma mai usando epiteti della minchia come "ciociario" - che per quanto ne so è una zona del Lazio, giusto? la prossima offesa qual è? Langaiolo? - che hanno anche un aria vagamente razzista. Però nello specifico l'altro anonimo mi pareva ti prendesse per il culo più o meno bonariamente. In ogni caso non ero io.
    Detto questo torniamo a noi santo cristiano. Ti ringrazio per la lezioncina, ma come diceva il tuo carceriere basta un manuale di macroeconomia di primo anno. Io non sono un economista, ma di manuali ho avuto la sventura di leggerne parecchi - sai come sono fatti i comunisti... - e quindi non ho ben capito dove andrebbe a parare il discorso se non qui: la BdP è un indicatore. Letto il quale devi capire come mai sta andando in quel modo. Se è in pareggio non significa che è tutto a posto, se è in passivo non significa che sei nella merda e - soprattutto - se sei in attivo ci stai per finire, nella merda. Ma come sempre il problema è il soggetto. Di chi si parla? Voi parlate di patria, nazione, italia, e via retorizzando. Ma come forse ho già detto i miei soggetti sono più fighi: operai, precari, disoccupati, immigrati, sfigati della terra. Ci possono anche stare i piccolissimi imprenditori ma magari ricordando che vivono dello sfruttamento del lavoro altrui. Così tanto per chiarire. E quando siamo nella merda prima le donne i bambini o meglio: prima i miei. Che poi il mio popolo sia fatto da gentaglia che sparerebbe volentieri anch'essa ai lampedusani oltre che agli immigrati, sappiamo come spiegarlo (era la classe in sé e la classe per sé) ma questo in genere non ci confonde. E non ci induce a dire ma vaffanculo a questo cazzo di popolo. Tu hai altri soggetti di riferimento. Bene, in qualsiasi tipo di società questi soggetti vivono di sfruttamento di lavoro altrui. E per cortesia non parlarmi degli artigiani che lavorano per i cazzi loro perché solo nella mente malata questi, o le p.iva precari, sono piccoli imprenditori. Di questi italiani me ne fotte il giusto, posso provare una certa empatia per le loro difficoltà ma non saranno mai il "mio popolo" (siamo forti tutti in retorica).
    Detto questo: dove ho scritto che penso di restare nell'Euro o nei trattati Euro? Quello che vi ostinate a non capire è che la vostra è una prospettiva politica. Dici che è più verosimile che la Merkel sganci qualcosa? Io penso che voi non abbiate idea di come agiscano le classi dominanti e siete vittime del "paradigma della razionalità" che da almeno 70 anni è una sciocchezza (se non ne hai mai sentito parlare vatti a cercare l'indeterminazine di Heisenberg, è più utile e divertente dei manuali di macroeconomia). E quindi vedrai che la Merkel sgancerà perché sono disposti a qualsiasi cosa per difendere l'euro e considerato come si comportano gli oppositori - che confidano nell'idiozia delle classi dirigenti - non dovranno neanche penare tanto.
    Dopo di che fatti una domanda @ecodellarete: dove ti/vi ha portato tutto questo? State crescendo elettoralmente? Avete avuto un qualche riscontro della vostra capacità di incidere? La lotta anti€ ti sembra più forte adesso grazie a voi? (segue)

    bvzm1

  • Anonimo scrive:
    9 ottobre 2013 21:31

    (2- fine. Ri-scusate la lunghezza)

    Io questo sto cominciando a non sopportate più. Dite quello che volete alla sinistra radicale, ma non avete pulpito da cui rimproverarne l'irrilevanza: voi contate meno, vedete di ricordarvelo. Al prossimo congresso di Rifondazione c'è una mozione anti€. Lo sapevi? Oppure meglio seguire quello che fa La Malfa e Scotti? Ci andrai con le tue telecamere? Tutto qui, scusa di nuovo la virulenza, ma come avrai capito a queste domande non risponde mai nessuno almeno mi sfogo. Dall'altra parte d'Andrea mi risponde dicendo che ai profughi i vostri alleati li avrebbero accolti bene. Sarà, io leggo molte cose, e le cloache che si stanno aprendo su don chisciotte o sul sito di Bagnai cominciano a preoccuparmi persino più del PD (no, ancora non ci siamo).

    bvzm1

  • Alberto scrive:
    10 ottobre 2013 10:26

    Dice Emilio: "E mentre puntiamo a questa gerusalemme, dividendoci su questo o quell'aspetto teorico, oggi non riusciamo neanche a unirci per ottenere di spostare il prelievo fiscale su rendite, patrimoni e sommerso ..."

    E credi che le due cose non siano legate? Che i "deregolamentatori" stiano in un altro universo rispetto ai mafiosi, ai delocalizzatori, ai disoccupati?

    Capisco lo sgomento di chi vede la tragedia reale di questo "economicidio" e le cose da fare subito avendone la forza, ma il non riuscire ad inquadrarle in una visione più ampia, veramente sistemica, capendone le reali fondamenta da demolire per riscostruire su criteri opposti, significa condannarsi all'impotenza, o nella migliore delle ipotesi a battagline di retroguardia che possono anche fruttare qualche "contentino" senza in realtà incidere minimamente sulla sostanza dell'enorme contraddizione che dobbiamo superare, pena la catastrofe, quella vera e irreversibile.

    Se poi pensiamo ai rivoli della zombi-sinistra rispetto al naif M5S, la "cosa" è ancora più evidente e impietosa. Ci vuole tanto a cambiare nel profondo, lo so, ma questa è l'ultima chanche.

    Alberto Conti

  • Ecodellarete.net scrive:
    10 ottobre 2013 12:23

    @bvzm1

    Fammi capire, non sei tu quello che mi ha dato del frusinate e del pecione? Se non sei tu, allora ti chiedo scusa. Questo fatto dei commenti anonimi crea veramente confusione.

    In ogni caso, per tutti quelli che argomentano con offese razziste (se non sei tu, ti chiedo ancora scusa per la svista) segnalo questo: Confiteor Ciociarus.

    Un saluto a tutte e solo le persone educate, anche se non abbiamo le stesse idee su tutto.

    Fiorenzo Fraioli

  • Anonimo scrive:
    10 ottobre 2013 15:38

    bvzm1,
    curiosità... tra un artigiano che alza 1000 al mese e un dipendente da 2000 al mese, chi è il "tuo popolo"?
    compagni comunisti veraci che improvvisamente ereditano n'appartamento da 800.000 o sono dirigenti statali da 4.000 al mese o c'hanno l'agriturismo (non sai quanti ne conosco!), sono il "tuo popolo"?
    non immaginate quanto mi piacerebbe sapere, di voi tutti, che lavoro fate, quanto guadagnate, che patrimonio avete o avrete in eredità.
    vedi, secondo me le idee contano poco se non ho un quadro dei fondamentali antropologici delle persone...
    antonio.

  • Anonimo scrive:
    10 ottobre 2013 16:24

    No ecodellarete, davvero non mi sarei mai permesso. Però mi assumo lo stesso le mie responsabilità, perché ho sorriso un po' quando ho letto non mi è sembrato particolarmente razzista, mi sembrava che prendesse di mira il tuo autodefinirti.
    Ma tu ti arrabbi per queste cose?
    A me pare più grave che nessuno risponda alle domande...

    bvzm1

    ps. per il futuro: "non capisci una minchia" "sei un testone" "sei più coglione o più non capisci un cazzo"... da questo mi si riconosce...

  • Anonimo scrive:
    10 ottobre 2013 20:49

    "pecione" è offensivo e "frusinate" non c'entrava niente. uscita felice non fu. oddio, ogni tanto ci si lascia un po' andare. questo dare aggettivi allegramente, "razzisticamente", ai quali è sotteso un giudizio negativo, è un fenomeno molto comune, serve per depotenziare l'avversario... ad esempio a me qualcuno mi ha dato "razzisticamente" del "difensore delle elites eurocrati" solo perchè sono contrario al default del debito...
    bisognerebbe attenersi scientificamente a ciò che uno dice e non fare deduzioni ad fallum canis.
    antonio.

  • Anonimo scrive:
    10 ottobre 2013 23:32

    Antonio, mi pare di averlo specificato che l'artigianato che fa tutto da solo e che guadagna neanche il necessario per la sussistenza col cacchio che è un imprenditore. Il resto è sciocca provocazione, tipica di chi o non sa bene di cosa parla o di chi crede che la via d'uscita possa passare per una ridicola guerra tra poveri. Abbiamo fin qui mantenuto un certo livello, non dobbiamo abbassarlo per forza. Per non parlare delle ridicole domande finali. Potrei mentire, potrei guadagnare milioni o centesimi. Quando capirete che non c'entra una minchia tutto questo sarà sempre troppo tardi. Meglio il livore per chi guadagna 1400 € vero?


    bvzm1

  • Anonimo scrive:
    11 ottobre 2013 11:38

    il livore nello scrivere non è mio. se leggi i miei commenti io esordisco sempre in modo tecnico, asettico. in cambio ricevo "fesso", "sciocco", "saccente arrogante", "difensore dei banchieri eurocrati".
    io non ho nessun livore verso chi guadagna 1400 e nemmeno 3400. la provocazione però serviva a capire CHI per voi sono i buoni e i cattivi, perchè non è detto che chi ha una proprietà (che qualcuno di voi non vede l'ora di espropriare) sia più benestante di chi non ha proprietà ma guadagna il quadruplo. e non è detto che un lavoratore dipendente che non possiede il mezzo di produzione sia più povero di un imprenditore che possiede il mezzo di produzione.
    insomma la mia provocazione verteva sulla definizione di "CLASSE", che non può essere più quella ottocentesca.
    e girava intorno al discorso "ripudio del debito", perchè mi pare assurdo che se sono un impiegato con 200.000 di titoli di stato devo essere relegato nella classe dei kattivi da scotennare e invece se mi sputtano i soldi o apro il centro yoga sono un bravo compagno sfruttato dai rentiers.
    comprì?
    antonio.

  • Anonimo scrive:
    11 ottobre 2013 16:02

    Chissà cosa intendi per "tecnico", Antonio. La domanda è scema o ignorante perché i casi di cui parli - se esistono - sono marginali, non servono a una beata fava. Non si fa politica con le eccezioni non te l'hanno mai detto? Ma neanche sociologia o cose di questo tipo. Cosa sei un altro che pensa che la società dell'Ancien Regime era semplice e questa invece è complessa? Sono tutte chiavi di lettura, idealtipi, approssimazioni alla realtà. Che palle ricordare queste cose. Facciamo una cosa: tu ti studi le inferenze deboli e io la prossima volta non ti prendo per provocatore scemo, ok?

    bvzm1

  • Anonimo scrive:
    11 ottobre 2013 19:18

    guarda, puoi chiamarmi come ti pare, per me conti meno di un 2 di coppe.
    allora, tecnicamente e asetticamente:
    - tagliamo il debito
    - sequestriamo c/c
    - nazionalizziamo pure la briscola e il tresette
    - aumentiamo le tasse al 99% del pil
    sono robe da "diversamente intelligenti" che non capiscono un "diversamente vagina" di economia ma sono solo tossici di ideologia (morta).
    oppure sono ipocriti.
    va bene così?
    antonio.

  • Pigghi scrive:
    11 ottobre 2013 19:39

    Secondo me bvzm1 ti sei fatto un'idea esageratamente sbagliata di cosa voglia dire per MPL e altri movimenti analoghi l'uscita dall'euro e dall'ue.
    Avrai trovato blog e siti con individui deprecabili, non potrai sopportare che venga attaccata una certa sinistra radicale o altre cose giustificabili.
    Però non si può certamente farne una colpa a chi come Eco o come Sollevazione se attorno a queste lotte (perchè questo sono) si sono radunati anche tali elementi.
    Anzi si cerca proprio di evitare che queste lotte diventino proprie di questi individui e possano invece portare a benefici le "classi" che riteniamo tutti giusto tutelare.
    Io consiglierei di portare il dibattito su un piano più concreto e non su quello più personale del tipo "preferite la malfa" o "avete visto chi vi portate dietro".
    Se si va in questo campo può starci tutto, io per esempio ho amici militanti di RC (ora non più perchè meno presente in zona) che insistono su temi neoclassici e giustizialisti e come loro molti altri, che conclusioni devo dare? Posso generalizzare e dire che RC è liberista? Ovviamente no, però capisco perchè sia ridotta così.

  • Anonimo scrive:
    11 ottobre 2013 20:49

    @Pigghi, mi sembra di aver provato a distinguere tra Sollevazione e il resto. E anche su @ecodellarete mi pareva di aver riconosciuto diverse posizioni. Su Rifondazione in verità non sono tanto d'accordo perché se è vero che esisteranno quei tipi che dici mi sembra che siano largamenti minoritari. Non solo, ma Rifondazione mi pare abbia notevoli anticorpi per "isolare" queste posizioni, legate alla scellerata alleanza con Igroia, che davvero è un altro che non capisce praticamente niente. Ma al prossimo congresso, senza stare a sbraitare troppo, c'è una mozione sull'uscita dall'€. Nei congressi passati c'è semrpe stata. Insomma solo la scadentissima conoscenza di quel partito può portare a dire che è "pericoloso" (non parlo di te, spero di aver capito il paradosso che proponi).
    A me pare - posso sbagliare - che il "fronte sovranista" non sia nelle stesse condizioni. Che sia largamente in mano alla destra e che, fra l'altro, non potrebbe che essere così, per motivi che ho provato a spiegare. Tutto qua.

    bvzm1

  • Pigghi scrive:
    14 ottobre 2013 20:58

    Chiaramente non voglio "dare sotto" a Rifondazione per gli errori del passato, anzi sono contento che ci sia un dibattito vivo, magari con posizioni che stavolta non la portino ad aggrapparsi all'ingroia di turno che stavolta potrebbe essere un Rodotà et similia.
    Comunque che dire, meglio così!

  • Anonimo scrive:
    15 ottobre 2013 02:22

    Speriamo ma conoscendo un po' Rifondazione non sarei così ottimista Pigghi...

    bvzm1

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (684) euro (658) crisi (605) economia (475) sinistra (404) finanza (257) Movimento Popolare di Liberazione (237) sfascio politico (235) grecia (228) resistenza (217) elezioni (201) banche (197) teoria politica (193) internazionale (190) M5S (185) risveglio sociale (184) imperialismo (183) alternativa (167) seconda repubblica (167) Syriza (147) sovranità nazionale (145) Tsipras (142) Leonardo Mazzei (140) Matteo Renzi (121) Moreno Pasquinelli (121) antimperialismo (112) debito pubblico (104) marxismo (101) P101 (100) democrazia (98) sollevazione (98) PD (96) Grillo (93) destra (93) sovranità monetaria (92) berlusconismo (91) proletariato (88) costituzione (85) spagna (81) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) islam (78) neoliberismo (75) Stati Uniti D'America (73) referendum costituzionale 2016 (73) Mario Monti (71) Emiliano Brancaccio (69) sindacato (67) bce (64) Germania (62) Libia (62) filosofia (62) Stefano Fassina (58) capitalismo (58) Alberto Bagnai (57) Francia (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) Rivoluzione Democratica (56) Podemos (52) populismo (52) Movimento dei forconi (49) Siria (49) bancocrazia (49) rifondazione (49) Medio oriente (48) socialismo (48) Alexis Tsipras (47) fiat (47) globalizzazione (46) Nichi Vendola (45) piemme (45) sinistra anti-nazionale (45) renzismo (44) immigrazione (43) inchiesta (43) referendum (43) Troika (42) Sergio Cesaratto (41) Yanis Varoufakis (41) immigrati (41) solidarietà (41) campo antimperialista (40) astensionismo (39) geopolitica (39) sovranità popolare (39) cinque stelle (38) proteste operaie (38) sinistra sovranista (38) Lega Nord (37) Emmezeta (36) Pablo Iglesias (36) brexit (36) moneta (36) programma 101 (36) Carlo Formenti (34) egitto (34) italicum (34) liberismo (34) Beppe Grillo (33) III. Forum internazionale no-euro (33) Russia (33) azione (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) Diego Fusaro (32) default (32) fiom (32) legge elettorale (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) governo Renzi (31) palestina (31) unità anticapitalisa (31) Mario Draghi (30) Sel (30) fiscal compact (30) neofascismo (30) Ucraina (29) Israele (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) menzogne di stato (27) Matteo Salvini (26) Merkel (26) Sicilia (26) Forum europeo (25) Lega (25) Manolo Monereo (25) Mimmo Porcaro (25) xenofobia (25) Europa (24) Luciano Barra Caracciolo (24) immigrazione sostenibile (24) Ugo Boghetta (23) islamofobia (23) ora-costituente (23) sovranismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) Chianciano Terme (21) Giorgio Cremaschi (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Marcia della Dignità (20) Nello de Bellis (20) Quantitative easing (20) finanziarizzazione (20) populismo di sinistra (20) scuola (20) Unità Popolare (19) fronte popolare (19) Aldo Giannuli (18) Izquierda Unida (18) Tunisia (18) cina (18) ecologia (18) iraq (18) repressione (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) Marine Le Pen (17) Nato (17) etica (17) keynes (17) religione (17) uscita dall'euro (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Regno Unito (16) nazionalismi (16) nazione (16) pace (16) vendola (16) CLN (15) Donald Trump (15) Donbass (15) International no euro forum (15) Pier Carlo Padoan (15) Roma (15) razzismo (15) 15 ottobre (14) Monte dei Paschi (14) Norberto Fragiacomo (14) Prc (14) Vincenzo Baldassarri (14) iran (14) obama (14) storia (14) Eurogruppo (13) Jobs act (13) Luciano B. Caracciolo (13) MMT (13) Stato Islamico (13) USA (13) acciaierie Terni (13) finanziaria (13) umbria (13) Bersani (12) Chavez (12) Cremaschi (12) Ernesto Screpanti (12) Forum europeo 2015 (12) Front National (12) Jacques Sapir (12) Legge di stabilità (12) Marco Mori (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Vladimiro Giacchè (12) complottismo (12) coordinamento no-euro europeo (12) decreto salva-banche (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Enea Boria (11) Putin (11) Renzi (11) Tonguessy (11) Turchia (11) Venezuela (11) comunismo (11) corruzione (11) disoccupazione (11) emigrazione (11) internazionalismo (11) salerno (11) Bagnai (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) euro-germania (10) eurostop (10) golpe (10) iniziative (10) keynesismo (10) presidenzialismo (10) salari (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Bruno Amoroso (9) Fmi (9) Luigi Di Maio (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) ballottaggi (9) cultura (9) de-globalizzazione (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) piano B (9) scienza (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Brancaccio (8) CGIL (8) Costas Lapavitsas (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Def (8) Diritti Sociali (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Mirafiori (8) Movimento 5 Stelle (8) Paolo Ferrero (8) Quirinale (8) Virginia Raggi (8) Yanis Varoufakys (8) diritti civili (8) diritto (8) europeismo (8) grexit (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) patriottismo (8) piattaforma eurostop (8) povertà (8) sciopero (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Beppe De Santis (7) Bernie Sanders (7) Daniela Di Marco (7) Draghi (7) Enrico Grazzini (7) ISIL (7) Ilva (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Marco Zanni (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Salvini (7) Wolfgang Schaeuble (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) deficit (7) elezioni anticapte (7) elezioni anticipate (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) lotta di classe (7) nazismo (7) ordoliberismo (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) sinistra Italiana (7) taranto (7) Ars (6) Bottega partigiana (6) Campagna eurostop (6) Contropiano (6) D'alema (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Sapir (6) Stefano D'Andrea (6) Ttip (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) cosmo-internazionalismo (6) cosmopolitismo (6) derivati (6) incontro internazionale (6) magistratura (6) necrologi (6) no tav (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Banca centrale europea (5) Casaleggio (5) Corte costituzionale (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Noi con Salvini (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Samuele Mazzolini (5) Sergio Mattarella (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) cuba (5) debitocrazia (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberosambismo (5) no-Ttip (5) pomigliano (5) privatizzazioni (5) questione nazionale (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Imu (4) Inigo Errejón (4) Julio Anguita (4) Kke (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Morgan Stanley (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) debitori (4) destra non euro (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) liberalismo (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) rivolta (4) salvinismo (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Bertinotti (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) GIAPPONE (3) Genova (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) L'Altra Europa con Tsipras (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Militant-blog (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Mosul (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Prodi (3) Rodoflo Monacelli (3) Romano Prodi (3) Ruggero Arenella (3) Sarkozy (3) Sharing Economy (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Wolfgang Munchau (3) Xi Jinping (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) alleanze (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) fascismo (3) giovani (3) governo Gentiloni (3) ideologia (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) manifestazione (3) massimo fini (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) migranti (3) nazionalismo (3) nazionalizzazione (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) sindacalismo di base (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) trasporto pubblico (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Alfiero Grandi (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Chiavacci Alessandro (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento Democrazia Costituzionale (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) F.List (2) Fabio Frati (2) Fausto Sorini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratelli d'Italia (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gianni Ferrara (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Olanda (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Target 2 (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) donna (2) economia sociale di mercato (2) elezioni anticipate 2017 (2) elezioni comunali 2015 (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) il fatto quotidiano (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) mezzogiorno (2) minijobs. Germania (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) senso comune (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) ALDE (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alessandro Visalli (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Artini (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Eleonora Forenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Galli Della Loggia (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferdinando Pastore (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Flat tax (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Fratoianni (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Basso (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo D'Antoni (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autodeterminazione dei popoli (1) autogestione (1) automazione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) casa (1) catastrofe italiana (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) deregulation (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) domenico gallo (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enel (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) il pedante (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) moneta fiscale (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) populismo democratico (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) sovranità e costituzione (1) squatter (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) suicidi (1) suicidi economici (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teoloogia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trasporto aereo (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uber (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)