venerdì 14 dicembre 2012

MPL (48): VERSO IL SOCIALISMO MA COME?


Moneta unica, sovranità nazionale e fuoriuscita dal capitalismo

Lettera aperta ai compagni dei Carc

segreteria nazionale pro tempore del Mpl

Il 4 dicembre scorso il Partito dei Carc ha diffuso un testo dal titolo «Note sulla crisi per il convegno “crisi sistemica, neokeynesismo, decrescita», nel quale l’esposizione della propria interpretazione della crisi capitalista serve da cornice alla critica di coloro i quali, il Mpl anzitutto, perorano l’uscita dall’euro e dall’Unione europea.

Di quale crisi stiamo parlando

Chiamati in causa ci sentiamo in dovere di rispondere, non per amore della polemica, quanto per chiarire ulteriormente il senso e le implicazioni della nostra posizione e del perché lo sganciamento dall’Unione europea e la riconquista della sovranità monetaria sono misure imprescindibili se si vuole far uscire il nostro paese dalla crisi storico-sistemica che dilania il capitalismo e contestualmente aprire una breccia al socialismo.


Tabella n.1. L'enorme aumento della
produzione mondiale dopo la II Guerra
(clicca per ingrandire)
Voi scrivete: 
«L’interpretazione da dare della natura della crisi in corso è per noi una questione decisiva. (…) L’incomprensione della realtà che abbiamo sotto gli occhi, i molti errori di linea politica e le molte parole d’ordine inconcludenti oggi in campo hanno origine nella interpretazione sbagliata della crisi: origini, effetti e esiti. La lotta per affermare la giusta interpretazione della crisi è indispensabile per liberare il campo della lotta politica da posizioni che deviano o ostacolano l’elaborazione e la conduzione della nostra soluzione politica, la soluzione favorevole alle masse popolari e al progresso dell’umanità».

Siamo perfettamente d’accordo con questa premessa. Come nessuno affiderebbe la propria salute ad un medico la cui terapia non sia fondata su una conoscenza adeguata dell’anatomia e un diagnosi esatta del male, così non saranno credibili le proposte dei rivoluzionari per uscire dalla crisi senza un’analisi scientifica della crisi medesima. E questa analisi presuppone una conoscenza adeguata della fisiologia del sistema capitalistico. Dell’attuale sistema capitalistico, anzitutto occidentale, non di quello che fu.

L’errore vostro è che non siete in grado di cogliere i profondi mutamenti avvenuti in seno alle formazioni sociali imperialistiche, ci riferiamo anzitutto agli ultimi 40 anni. Quasi mezzo secolo. Il capitalismo, a differenza di altri modi di produzione, come quelli asiatico, schiavistico o feudale, è dinamico, mutante. Esso ha conosciuto varie fasi: dalla manifattura al sistema industriale dispiegato, dal colonialismo all’imperialismo, dalla libera concorrenza al regime monopolistico, dalla democrazia liberale al fascismo e ritorno. Guai a quei rivoluzionari che si rifiutassero di cogliere questi mutamenti. La teoria è un’arma per cambiare la realtà, occorre maneggiarla con cura, altrimenti può esplodere in faccia a chi la usa in modo improprio, senza dimenticare che una teoria sbagliata è come una pisola scarica, che mette a repentaglio anzitutto chi la usa.

Tabella N. 2. Il consumo mondiale di energia è aumentato
di sei volte dopo la seconda guerra, un indice infallibile
della crescita dell'economia capitalistica mondiale
(clicca per ingrandire)

Cos’è che spinge il capitale a passare da un modello sociale ad un altro? Da un paradigma ad un altro? La ragione è nel suo stesso ambivalente Dna. Animato dalla ricerca della massima estrazione di plusvalore, esso non solo deve sviluppare le forze produttive, è di necessità costretto a far sì che a questo sviluppo si adatti non solo la sovrastruttura, ma gli stessi rapporti di produzione —che non si comportano come un freno a mano che automaticamente si inneschi quando il motore è a tutto gas. Per dire che si è rivelata fallace l’idea meccanicistica per cui ci sarebbe una necessitata correlazione inversa tra sviluppo delle forze produttive e rapporti di produzione.
(Vedi, sul lungo ciclo di espansione capitalistica nella seconda metà del '900, le Tabelle N.1 e 2)


Ma veniamo al punto. Voi affermate:

«Abbiamo più volte in questi anni spiegato come il nostro paese e tutto il mondo è coinvolto e sconvolto dalla seconda crisi generale per sovrapproduzione assoluta di capitale, iniziata a metà degli anni ’70 del secolo scorso e dal 2008 entrata nella sua fase acuta e terminale. E’ una crisi per sovrapproduzione assoluta di capitale: a livello mondiale e considerando tutti i settori produttivi, il capitale accumulato è tanto che, se i capitalisti lo impiegassero tutto nelle loro aziende che producono merci (beni e servizi), estrarrebbero una massa di plusvalore (quindi di profitto) inferiore a quella che estraggono impiegandone solo una parte. Quindi la crisi attuale ha la sua fonte nelle attività produttive (l’economia reale), cioè nella struttura della società (in questo senso è una “crisi strutturale”)». 
E’ giusta questa diagnosi? Sì e no. Sì perché coglie un aspetto costitutivo della patologia che affetta il sistema. No perché voi, con uso maldestro del metodo dialettico, ossessionati dal “ridurre tutto ad unità”, dal cercare la “causa prima”, la “sorgente” di tutti i mali, finite per utilizzare il concetto di sovrapproduzione come un assioma geometrico, un dogma passepertout, senza sostanziarlo con accurate analisi empiriche e fattuali. [1]

In primo luogo. 
Tabella N.3. L'avanzata del capitalismo cinese
dagli anni '50 al 2005. (clicca per ingrandire)
Non è vero che “tutto il mondo” capitalista soffre di crisi da sovrapproduzione. 
Basta vedere le performaces di certi capitalismi emergenti (non solo asiatici, ma latino-americani e mediorientali) che conoscono alti livelli di sviluppo economico, di accumulazione di capitale e di profitti, anche dopo il crollo finanziario del 2008 e malgrado il ciclo recessivo della maggior parte dei paesi occidentali.
(vedi Tabella N.3 sulla poderosa crescita cinese)

In secondo luogo
La crisi di “sovrapproduzione assoluta”, dev’essere intesa non solo come conseguenza e risultato del lungo ciclo espansivo post-bellico conosciuto dai paesi imperialistici, ma come tendenza. Una tendenza davanti alla quale il capitale non se ne sta inerme alla finestra, mettendo invece in atto anche radicali ed efficaci contro-misure.

Dopo il decennio di transizione dei ’70, i centri decisionali del blocco imperialistico, a cominciare da quello americano, abbandonato il paradigma keynesiano si sono votati a quello cosiddetto “neoliberista”. Voi considerate questo mutamento una pinzillacchera, se non una fesseria. Grave errore. Gravissimo errore! Questo mutamento di paradigma nella politica economica degli Stati e dei grandi gruppi sistemici ha indotto profonde trasformazioni di modello sociale, nelle modalità di accumulazione del capitale, che si sono a loro volta riverberate su tutto il corpo sociale modificando la stessa composizione di classe nonché ridisegnando la gerarchia tra Stati e settori economici.

Il fatto che qui adesso ci interessa è sottolineare come questo passaggio alla iper-finanziarizzazione, al sistema di capitalismo casinò, abbia non solo frenato la crisi di sovrapproduzione —la quale, scusateci la pedanteria, è solo un altro modo per significare la caduta del saggio medio di profitto—, ma abbia consentito al capitale di invertire momentaneamente la tendenza, spingendo per quasi un ventennio all’in su i tassi di profitto, malgrado la discesa di quelli di accumulazione. [2]  
(Vedi l'istruttiva Tabella N. 4)
Tabella N. 4. La curva dei tassi di profitto cresce
a dispetto della discesa di quelli di accumulazione,
la conferma della iper-finanziarizzazione che viene
avanti dagli inizi degli anni '80 (clicca per ingrandire)

Dal 1980 al 2000 abbiamo così avuto un periodo d’oro per l’imperialismo (ciò che ha consentito di accrescere la pressione, fino al crollo, sull’Urss e i suoi satelliti). Ci sono evidenze empiriche lampanti a conferma, basta volerle osservare e individuare, invece di restare appesi alla propria divinazione oracolare.

In che senso questo modello fondato sulla rendita finanziaria e sulla captazione indiretta di plusvalore sia diverso da quello precedente, come esso funzioni, e come abbia mutato la stessa composizione di classe, lo abbiamo spiegato più volte. 
[3]

Vale qui ribadire che senza una comprensione adeguata di come oggi funzioni il sistema, senza disvelare quali sono i nuovi meccanismi di accumulazione, non è possibile capire un’acca delle ragioni della sua crisi e della sua fenomenologia. Né si possono comprendere i mutamenti nella composizione delle classi che finiscono per determinare le dinamiche sociali e politiche. E chi non capisce come può dire la verità al popolo lavoratore?

In terzo luogo. Ipostatizzando la “crisi di sovrapproduzione assoluta”, facendone una formula astratta, sembrate dimenticare sia gli studi di Marx (particolarmente nel II. e III. Libro de Il capitale), che la storia delle crisi economiche capitalistiche, le quali possono essere di varia natura: commerciali (improvvisi aumenti dei prezzi delle materie prime, squilibri nelle bilance dei pagamenti, tra certi settori ed altri), finanziarie (monetarie, valutarie, di credito e/o di tesaurizzazione). 

In certi casi la sovrapproduzione da causa può essere effetto, anche se la sostanza resta il fenomeno della svalorizzazione dei capitali, la caduta dei saggi di profitto. 

Possiamo dirla così: (1) attenti al meccanicismo nell’affrontare la relazione causa-effetto, le connessioni tra i fenomeni sono spesso più complesse da spiegare e non sono sempre uniformi; (2) la sovrapproduzione assoluta è un risultato dello sviluppo capitalistico, si afferma cioè in ultima istanza, date certe condizioni di squilibrio. Senza individuare gli squilibri nella sfera della circolazione, senza cogliere l’importanza che nel sistema di capitalismo casinò hanno i meccanismi monetari, creditizi e bancari, le cartolarizzazioni (derivati), gli scambi borsistici ad alta frequenza, le speculazioni finanziarie su valute, debiti e materie prime, quindi l’importanza del denaro e della moneta, nulla si può dire di davvero decisivo su come fuoriuscire da questo inferno.

Non ci sfiora dunque la vostra critica per cui noi considereremmo questa crisi come solo ciclica o finanziaria. Da anni andiamo invece ripetendo che il capitalismo occidentale è alle prese con una crisi storico-sistemica, ma è storico-sistemica appunto perché essa risulta da un combinato disposto di fattori: crisi monetaria, creditizia, commerciale, di squilibri tra Stati e settori (per non parlare dei fattori politici, morali e intellettuali), tutti conchiusi entro la cornice di una crisi di sovrapproduzione cronica.

Sovranità monetaria, ovvero: liberazione o dipendenza

Venendo ora alla vexata quaestio della sovranità monetaria vale ribadire che secondo noi:
Tabella N.5. I profitti finanziari negli USA in % a quelli
complessivi. Dopo il crollo del 2009 sono in netta
risalita (clicca per ingrandire)
(1) il modello di capitalismo casinò, esaurita agli inizi del secolo la sua spinta propulsiva, è entrato è in fase agonica. Questa agonia, manifestatasi come mix esplosivo di crisi creditizia, monetaria e di squilibri commerciali, era inevitabile, inscritta nel Dna del capitalismo casinò. Il crollo finanziario del 2008 negli Usa, poi estesosi oltre Atlantico e in tutte le sfere economiche e sociali, è la dimostrazione fattuale di quanto stiamo dicendo.

Noi consideriamo quella data come periodizzante. Il vecchio consorzio imperialistico, anche a causa della competizione con i capitalismi e gli imperialismi emergenti, deve trovare una via d’uscita. Ne ha apparentemente due e due soltanto: o un keynesismo rafforzato che punti alla crescita della domanda aggregata —quindi: fine del liberoscambismo finanziario esasperato, controllo dirigista del mercato e dei flussi di capitale, riabilitazione dello Stato come architetto e primo agente nella stessa sfera economica, aumento della spesa pubblica—; oppure arroccarsi sul paradigma neoliberista portando alle estreme conseguenze le politiche deflattive e antipopolari. (La Tabella N.5 indica che quest'ultima paia la tendenza principale)

Tabella N. 6. Il peso enorme della finanza,
nell'economia, in particolare quello delle
banche nei paesi europei in % su Pil
(clicca per ingrandire)
Si apre in Occidente un periodo lungo di convulsioni sociali acutissime, e anche di profonde fatturazioni in seno alla classe dominante: per essere più precisi tra la nuova classe di oligarchia rentier-parassitaria e la tradizionale borghesia “operante”. [4]

(2) Il capitalismo casinò è quel sistema nel quale imponenti conglomerati finanziari, prima propulsori e poi paladini del globalismo liberoscambista, hanno assunto una potenza pari e in alcuni casi superiore a quella della maggior parte degli Stati imperialistici. (Vedi Tabelle N. 6 e 7) 

Essi hanno di converso depotenziato gli Stati, li hanno soggiogati, trasformandoli in loro protesi, espropriandoli della loro sovranità. Ciò vale in particolare per lo Stato italiano —che astrusamente vi ostinate a definire “Repubblica pontificia”, dal che si deduce che secondo voi sarebbe la Curia papale il decisore politico di ultima istanza e non invece i poteri tecno-oligarchici europei—, uscito con le ossa rotte dal rigerarchizzazione tra le potenze, ridotto, per usare un’immagine ruvida ma azzeccata, al rango di potenza sub-imperialista. Una potenza di medio rango dunque, prona non solo al super-imperialismo statunitense (diciamo super perché si pone come tutore e guardiano armato non solo di sé medesimo bensì di tutto il consorzio imperialistico) ma ai conglomerati finanziari globali di cui sopra ed infine ai poteri tecno-oligarchici europei entro i quali la Germania è dominus.  

Tabella n.7. Il declino del capitalismo industriale
e la crescita di quello finanziario negli USA
(clicca per ingrandire)
Per certi versi, il marchingegno diabolico del debito sta operando una rigerarchizzazione delle potenze statuali, similmente a come agirono i “crediti di guerra” dopo la prima Grande guerra. La Germania di allora venne gettata nell’afflizione, ridotta a paese dipendente disarmato, in posizione di soggezione rispetto agli imperialismi vincenti. Per questo l’Internazionale comunista consigliò alla sezione tedesca di farsi campione della lotta per il ripudio di quei debiti e addirittura del riscatto nazionale tedesco. Un’esortazione che i comunisti tedeschi non accettarono, contribuendo così ad aprire la strada all’incipiente ondata nazista. 

Non possiamo permetterci di commettete lo stesso errore strategico dei comunisti tedeschi, di lasciare alla destra sciovinista e reazionaria la bandiera della sovranità nazionale. Occorre impugnare invece il sovranismo e legarlo saldamente alla prospettiva socialista.

Ciò per dire che è un errore clamoroso non vedere questa nuova gerarchia, non riconoscere che questa alienazione della sovranità nazionale —che per affermarsi ha avuto bisogno di quella grande frattura rappresentata da “Mani pulite” servita a portare al potere frazioni borghesi, partiti e capi politici ubbidienti ai poteri finanziari globali — è un fattore politico e storico di prima grandezza. E’ proprio da questa angolatura che condividiamo il vostro appello alla formazione di un fronte (o, come voi stessi dite, di un comitato di salvezza nazionale —sottolineiamo nazionale, ma su questo torniamo più avanti) pronto a formare un governo popolare d’emergenza.

Tabella N.8. Un indice macroscopico degli squilibri
indotti dall'euro e della nuova gerarchia tra gli Stati.
(clicca per ingrandire)
Potremmo discutere a lungo della questione monetaria, ma vogliamo evitare di ricorrere agli inevitabili tecnicismi. La sostanza è di natura politica, con implicazioni tattiche sulle alleanze e strategiche sul percorso di fuoriuscita dal capitalismo. 

Vale ribadire che voi, non riuscendo a mettere a fuoco l’importanza centrale che in un’economia fondata sul valore di scambio e la realizzazione del plusvalore hanno denaro, moneta, credito e finanza (che sembra riteniate meri orpelli o rivestimenti del capitale), non comprendete i meccanismi predatori che sottostanno al “debito pubblico. Giungete ad affermare, di contro all’evidenza dei fatti e facendo il verso ai liberisti, che: 
«La crisi dell’economia reale e il gonfiamento del debito pubblico hanno avuto, per quanto riguarda l’Italia, origini del tutto endogene»il debito italiano è invece più che raddoppiato a partire dagli inizi dei ’90, quando si è deciso di dare in pasto i titoli di Stato alla finanza predatoria internazionale. (Vedi tabella N.9)

Tabella N.9. La curva storica del debito sovrano
italiano rispetto a quella del Pil. Il raddoppio
dagli anni '90. (clicca per ingrandire)
Voi portate, contro la proposta di uscita dall’Unione europea e dall’eurozona, oltre a quello sulla natura della crisi, alcuni argomenti francamente risibili. Il solo che abbia un apparente valore sostanziale è questo: dato che la crisi sarebbe “mondiale” la soluzione non può che essere internazionale, cioè «… lo sviluppo della seconda ondata della rivoluzione proletaria». In altre parole ci state suonando lo stesso spartito dei dottrinari, per cui la sola soluzione alla crisi sarebbe la… rivoluzione socialista. Bingo!  Tante pagine per propinarci uno slogan stereotipato?

Comunque, data la premessa, vi viene facile (come del resto tutti i dottrinari hanno sempre fatto verso i rivoluzionari) accusarci, non solo di voler “tornare alla Prima repubblica”, ma di credere «.. in definitiva possibile risolvere la crisi in modo sostanzialmente pacifico, ad opera delle stesse autorità e classi che ci hanno trascinato nella crisi, restando comunque nell’ambito del capitalismo (seppure riformato e corretto in alcuni suoi aspetti più estremi e distruttivi)». 
In pratica ci state accusando di essere riformisti.

Parliamo di cose serie. Ogni persona ragionevole dovrebbe riuscire a capire tre concetti fondamentali: 

(1) che la sovranità monetaria è un aspetto imprescindibile della sovranità nazionale e popolare, senza la quale non solo non c’è democrazia ma nemmeno una indipendente politica economica; 
(2) che l’euro, proprio a causa dall’allineamento forzoso dei tassi di cambio nominali tra la valute in sfregio dei fondamentali delle economie, è lo strumento con cui le tecno-oligarchie hanno soggiogato i popoli e le nazioni più deboli; 
(3) che questo soggiogamento è stato possibile non a dispetto ma grazie alla deliberata scelta alienatoria della borghesia italiana e dei suoi orpelli politici.

Ahinoi, anche questo voi sembrate non capire. E non riuscite dunque a comprendere che quella dell’uscita dall’Unione e dall’eurozona non è solo un arma per combattere le oligarchie finanziarie globali ed euriste, ma con esse la nostra stessa classe dominante ascara. Un’arma che si dimostrerà decisiva per mobilitare le masse e rovesciare questo miserabile stato di cose. Non riuscite a capire che il collasso dell’eurozona, e quindi un ritorno alle sovranità monetarie, non è solo un nostro desiderata, che è un processo oggettivo ineluttabile. 

Potremmo discettare a lungo sugli aspetti di dottrina del problema —potremmo farlo, se siete d’accordo, in un seminario apposito. Qui vale il discorso che davanti a questo processo ci sono due e solo due possibilità: o lo si agevola pensando al dopo, nella prospettiva storica del socialismo (che non è dietro alla porta), o lo si contrasta, come vogliono i grandi poteri oligarchici e predatori dominanti.

Verso il socialismo. Come?

Compagni, voi da che parte state? Non rischiate, a causa di un malinteso internazionalismo, di essere la quinta ruota del carro di quella che voi stessi chiamate “sinistra borghese”? Come è possibile che non vediate che il dogma di questa “sinistra borghese” e dei poteri plutocratici globali che rappresenta, è proprio la difesa integerrima della moneta unica e dell’Unione imperialistica europea? Che quindi, obiettivamente, su questo punto, siete con tutti e due i piedi nel campo del nemico? 

Come potete non capire che un “Governo di blocco popolare” che lasciasse il paese nell’Unione (un’Unione imperialista fondata sul paradigma neoliberista, con Trattati antipopolari mostruosi) e che mantenesse l’euro come sua moneta è un grottesco controsenso? Come fate a non capire che un governo popolare che volesse davvero applicare misure d’emergenza per uscire dalla crisi e per soddisfare i bisogni più vitali del popolo lavoratore, dovrebbe battere moneta propria, violare tutti i Trattati (da quello Maastricht, a quello di Lisbona al Fiscal compact)? Come non vedere che se si rifiutasse di onorare il debito sovrano —che in realtà lede la sovranità perché eterodetermima la politica economica nazionale anche solo drenando ingenti risorse verso i forzieri delle banche d’affari e dei fondi d’investimento— dovrebbe tirarsi fuori dai mercati finanziari e quindi sganciarsi dalla morsa dell’eurozona e del blocco euro atlantico? Abbattere quest’Unione imperialista è il solo modo per aprire un varco ad un’Europa confederativa e socialista. Non si passa dall’una all’altra come salendo una scala.

Solo una sterile logica dottrinaria può sorreggere l’idea eccentrica per cui un governo popolare (che secondo noi avremmo solo con la sollevazione democratica e rivoluzionaria generale e non grazie al “coraggio”, che non hanno, quelle che chiamate “Organizzazioni operaie e popolari”) avrebbe più chance restando nell’Euro e nell’Unione ad ogni costo e non invece spezzando la catena imperialistica. Solo una sterile logica dottrinaria può dimenticare che il socialismo non lo si instaura dall’oggi al domani, che esso dovrà attraversare varie fasi, la cui prima è quella di una sollevazione che riconsegni sovranità piena al popolo, affidando al governo popolare di compiere alcune prime decisive trasformazioni economiche, sociali e politiche che avranno il socialismo come orizzonte, ma che, ben saldo il discorso dell’egemonia, eviterà ogni strappo avventuristico, ogni salto nel buio. Non si passa dall’economia mercantile alla socializzazione in un breve lasso di tempo. Di sicuro un simile governo avrà dei guai con gli estremisti di varia natura.

Tabella N. 10. La Nato nerbo storico dell'Unione Europea
(clicca per ingrandire)
Ed è sempre frutto di dottrinarismo l’accusa patetica secondo cui, proporre lo sganciamento dalla gabbia della Ue e mettere sotto accusa il capitalismo tedesco come suo vero e proprio dominus, sarebbe un cedimento al nazionalismo. 
Cos’è compagni? Il mito escatologico della rivoluzione mondiale? Quello che si rifiuta di vedere è che lo sviluppo oltre ad essere ineguale è spesso anche scombinato. Nessun blocco sociale rivoluzionario ha mai vinto in un paese che non abbia conquistato la fiducia delle larghe masse, ove la classe d’avanguardia non abbia agito come “classe nazionale”. Fatte le dovute proporzioni la lotta che dobbiamo condurre è oramai, nelle condizioni di perdita si sovranità, anche una lotta di liberazione. Per cui si deve sposare la sovranità nazionale col socialismo, il patriottismo con l’internazionalismo. [5]

Certo che solo a scala mondiale si potrà sconfiggere definitivamente il capitalismo e costruire il socialismo, ma questo è un punto di arrivo, il percorso della rivoluzione sarà necessariamente tortuoso. Seguendo Lenin: la catena imperialistica si deve spezzare e si spezzerà nei suoi anelli deboli, cioè il punto di partenza può ben essere nazionale.

Anche noi auspichiamo che la rivoluzione sociale sia almeno europea, ma dentro questa Europa i vari paesi conoscono livelli diversi di crisi, di sviluppo delle contraddizioni sociali e di classe, diversa potenza delle classi dominanti, e diversi livelli di organizzazione antagonista. E’ realistico supporre che alcuni anelli sono destinati a spezzarsi prima.
Dove si spezzeranno, ammesso che i rivoluzionari si trovino al posto di comando, dovranno agire, certo per estendere la rivoluzione sociale, ma per farlo debbono anzitutto dare il buon esempio, che si misura anche da come resistono alle pressioni nemiche e guidano con successo la fase di transizione.

E del resto non parlate voi stessi di Comitati di salveza nazionale? Se foste coerenti con quanto dite e con la critica che ci rivolgete, dovreste parlare di Comitato di salvezza internazionale,  quantomeno europeo. Ma non lo fate, e non lo fate perché voi stessi vi rendete conto di quanto sia aleatoria e poco realistica una simile proposta politica.

Siamo stati già prolissi e la chiudiamo qui, certi che non confonderete, come noi non abbiamo confuso, lo stile asciutto della polemica, con l’astio. La chiarezza è necessaria non solo per mantenere la reciproca stima, ma pure per forgiare un fronte che voglia davvero vincere le sfide enormi che abbiamo davanti.

La Segreteria nazionale pro tempore del Mpl
12 dicembre 2012


Note

[1] Giusto cercare l’unità che innerva la molteplicità dei fenomeni sociali. Nel caso della crisi sistemica voi affermate che l’unità primordiale è appunto la “struttura della società”, e che “solo apparentemente la realtà è caotica”. La realtà capitalistica è invece effettivamente caotica. Che il pensiero cerchi di mettere ordine nel caos, prima in sede teorica e poi pratica, non toglie che una cosa è la realtà e un’altra il pensiero. Non si deve fare confusione tra concreto e astratto, fra molteplicità e totalità. Qui vale l’ammonimento di Marx rispetto all’errato uso hegeliano delle astrazioni concettuali: «Hegel cadde nell’illusione di concepire il reale come il risultato del pensiero automoventesi, del pensiero che abbraccia e approfondisce sé in se stesso, mentre il metodo di salire dall’astratto al concreto è il solo modo in cui il pensiero si appropria il concreto, lo riproduce come un che di spiritualmente concreto. Ma mai e poi mai il processo di formazione del concreto stesso. (…) L’insieme, il tutto, come esso appare nel cervello quale un tutto del pensiero, è un prodotto del cervello pensante che si appropria il mondo nella sola maniera che gli è possibile (…) Il soggetto reale rimane, sia prima che dopo, saldo nella sua indipendenza fuori della mente; fino a che, almeno, il cervello si comporta solo speculativamente, solo teoricamante. Anche nel metodo teorico, perciò, il soggetto, la società, dev’essere presente come presupposto»
(K. Marx, Introduzione a “per la critica dell’economia politica” del 1857)

[2] «Del resto questa iper-finanziarizzazione prese avvio nello stesso quindicennio di crescita dei tassi di profitto iniziatosi a partire dagli inizi degli anni '80. Esso non si accompagnò ad una crescita del benessere sociale complessivo. I profitti non vennero reinvestiti su larga scala nelle sfere produttive, bensì in quelle improduttive della finanza speculativa. Lo attesta il decrescente tasso di accumulazione (vedi Tabella. n.3).
 Non c’è nessun arcano in questa metamorfosi. Abbiamo detto che la legge suprema del capitalismo è che il danaro, capitale solo in potenza, fluisce sempre dove ottiene la migliore remunerazione. Il capitale monetario dei paesi imperialisti e delle petromonarchie, che nel frattempo si era accumulato copioso, non trovando lucrosi gli investimenti nell’industria occidentale,  doveva cercare altri approdi. Con l’ausilio indispensabile delle politiche liberistiche avviate negli anni ’80 dagli Usa e dal Regno Unito prima, e poi dal resto dell’Occidente, l'enorme massa di capitale monetario imboccò due strade complementari: (1) quella del capitalismo-casinò, dove il danaro poteva fruttare profitti senza passare per  il ciclo faticoso della produzione di plusvalore, semplicemente captandolo, attraverso l’uso massiccio del credito ad usura, da ogni poro dell’economia e della società.; (2) quella di finanziare l'esportazione di capitali  in paesi semicoloniali dove esistevano le condizioni affinché gli investimenti nel ciclo industriale consegnassero un alto plusvalore».
In: Alle origini del declino dell’Occidente. Scheda sulla crisi di sovrapproduzione (SollevAzione 27/9/2012)

[3] «Questo processo, prima di espandersi ad ogni latitudine, prese il via oltre Manica e oltre oeceano. Grazie ad un habitat favorevole e all’appoggio dei governi neoliberisti di Reagan e della Teatcher e delle banche centrali, il capitale, nella forma di denaro liquido si è avventato su tutto ciò che, capitatogli a tiro, poteva fruttare guadagno. Gli investimenti in capitale costante e variabile si sono spostati progressivamente sui titoli (rappresentazioni fantasmagoriche delle merci), fino al fenomeno diabolico delle cartolarizzazioni e dei derivati. Le borse sono diventate, ad iniziare da quelle di Wall Street e della City, i templi in cui la rendita tutto sacrificava in nome del Dio denaro. Veniva così nascendo (con l'ausilio della macchina info-telematica) la nuova casta sacerdotale tecnocratica, quella dei brockers e dei grandi manager bancari, preposta al culto del nuovo "dogma trinitario" [11]: denaro, credito, interesse. Nuovi mostri, i fondi finanziari, prendevano forma nel brodo primordiale della inforendita. Questo passaggio determinava un mutamento profondo del sistema, prendeva forma quello che ho definito metacapitalismo. [12] Alla tradizionale figura del capitalista operante che usava sì il denaro, che acquistava e vendeva merci, ma per ricavarne un plusvalore per mezzo del processo di produzione, si affiancava il "capitalista monetario parassita", dedito a prestare denaro per ottenerne un interesse campando così di rendita, senza quindi entrare mai nel ciclo della produzione, volteggiando  nella sfera della circolazione monetaria per poi inquattarsi come tesoro depositato nei forzieri —di qui l'attuale trappola della liquidità: la montagna di denaro consegnata dalla banche centrali se ne sta ferma nei caveau della banche d'affari.
Soggiogati i governi, l’oligarchia rentier otteneva che i titoli di debito pubblico degli Stati diventassero prodotti finanziari e venissero gettati sui mercati. Una vera gallina dalla uova d’oro. Nasceva un sistema micidiale di rapina con cui spostare la ricchezza monetaria diffusa (risparmi) dalla tasche dei cittadini ai caveau delle banche, da certi settori ad altri, da certi Stati ad altri. 
Ha tutto l’aspetto di una stregoneria quello per cui, nei mercati finanziari, il debito, diventato titolo negoziabile, ingrassa chi se lo passa di mano in mano, strozzando chi lo ha emesso e fregando chi se lo trova in mano per ultimo. La merce-debito, come aveva già segnalato Marx [13] non ha un valore di scambio, il suo prezzo dipende dall’irrazionale gioco della domanda e dell’offerta, dalle aspettative di rialzo —guadagno assicurato fino a quando le aspettative salgono, fino a quando tutto crolla a causa delle prime fughe. Un gigantesco sistema Ponzi. Morale: se da qualche parte qualcuno guadagna senza lavorare dev’esserci dall’altra qualcuno che lavora senza guadagnare.
Con queste modificazioni della struttura economica è mutata tutta la sovrastruttura della società. Questo sistema ha infettato tutto il corpo sociale. Centinaia di milioni di cittadini, proletari compresi, sono finiti per invischiarvisi. Non parliamo solo di coloro che si sono messi a giocare in borsa, a comprare e vendere obbligazioni e azioni. Con le privatizzazioni dei sistemi pensionistici la stragrande maggioranza dei lavoratori si è trovata nella situazione per cui il valore della pensione attesa dipende ora dal buon andamento del suo fondo pensione, dalle scommesse di quest'ultimo nelle bische del capitalismo casinò. Avendo gettato sul mercato i titoli di debito pubblico nella stessa situazione si trova la massa sterminata di pensionati, il cui reddito è appeso, come l'impiccato alla corda,  alle performance dei mercati finanziari e degli spread, ovvero, anche in questo caso al rigore, alla macelleria sociale, alla capacità dello Stato di essere considerato solvibile da parte dei suoi strozzini creditori. Vi sono infine centinaia di milioni di cittadini che avendo affidato i loro risparmi (che altro non sono che rendite) alle banche, esigono che siano remunerativi di interesse, e per questo sono appesi alla abilità con cui la banca gioca d’azzardo i suoi quattrini sui mercati finanziari.
E’ nato un popolo-rentier, una nuova forma tentacolare di consociativismo interclassista. È sorta di conseguenza una specifica coscienza sociale: la psicologia egoistica del creditore il quale esige che il debitore, chiunque esso sia, quali che siano le sue condizioni, onori il suo contratto di debito. Mors tua, vita mea. Non stupiamoci quindi se la maggioranza dei tedeschi sta con la Merkel, e nemmeno se tanti greci non vogliono abbandonare l’euro. Sono due facce della stessa medaglia».
In: La catastrofe sociale e la sollevazione. Capitalismo casinò e struttura sociale. (SollevAzione, 3/12/12)

[4] «E’ una stupidaggine pensare che questo destino funereo del paese spinga le masse popolari alla sollevazione, ma lasci compatto lo schieramento dominante. Esso, ripetiamolo, andrà in frantumi e sarebbe sciocco se, chi pretende di strappare il paese a questo destino, facesse spallucce e, come un disco rotto, ripetesse a pappagallo lo slogan infantile “nessun compromesso con la borghesia ovunque essa sia”.
Il paese vive un crollo sistemico, esso è posto di fronte ad un bivio: o la catastrofe storica o la rinascita. E’ quindi in un larvato Stato d’eccezione. E da cosa è rappresenta la minaccia? Dalle frazioni globaliste del capitale finanziario le quali, poste davanti al collasso del loro sistema di rapina, vogliono uscire dal marasma esercitando la loro dittatura dispiegata spazzando via gli ultimi brandelli di sovranità nazionale e di democrazia. E’ entro la cornice di questo Stato d’eccezione che deciderà le sorti del nostro paese, che va pensata la questione della funzione di un soggetto rivoluzionario e ripensata quella delle alleanze.
Il difetto dell’argomentare dei nostri, come detto, pecca di astrattezza. E’ fuorviante incardinare la possibilità di un fronte ampio al feticcio della “borghesia progressista”. La questione delle alleanze è anzitutto politica e programmatica. Qui casca l’asino dei nostri, che sulla questione dell’euro e dell’Unione europea sono reticenti ed anzi sembrano condannare da un punto di vista di ultra-sinistra l’idea che la sovranità nazionale vada difesa. Di sicuro non ci si può alleare con le frazioni sovraniste ma reazionarie, xenofobe e imperialiste. Ci si può invece alleare con quelle sovraniste democratiche non in una prospettiva meramente difensiva ma offensiva, che punti dichiaratamente alla guida del paese. Alla guida per fare cosa? Questo è il problema per nulla astratto».
In: Con chi la facciamo la rivoluzione?Sulla questione del fronte e delle alleanze per salvare questo paese (SollevAzione, 14/11/12)

[5] «Un comunista, che è internazionalista, può essere nello stesso tempo un patriota? Noi pensiamo che non soltanto può, ma deve esserlo. Soltanto le condizioni storiche determinano il contenuto concreto del patriottismo. Esiste il nostro patriottismo ed esiste il "patriottismo" degli aggressori giapponesi e quello di Hitler, al quale i comunisti devono opporsi risolutamente. I comunisti giapponesi e tedeschi sono favorevoli alla sconfitta bellica del proprio paese. Contribuire con tutti i mezzi alla sconfitta degli aggressori giapponesi e di Hitler è nell'interesse dei loro popoli, e quanto più questa sconfitta sarà completa, tanto meglio sarà. ... Poiché queste guerre scatenate dagli aggressori giapponesi e da Hitler sono funeste per il popolo dei loro paesi quanto per gli altri popoli del mondo. Altrimenti stanno le cose per la Cina, che è vittima dell'aggressione. Ecco perché i comunisti cinesi devono unire il patriottismo all'internazionalismo. Noi siamo contemporaneamente internazionalisti e patrioti e la nostra parola d'ordine è di lottare per la difesa della patria contro l'invasore. Per noi, il disfattismo è un delitto, e la lotta per la vittoria nella guerra di resistenza è un dovere a cui non possiamo sottrarci. Poiché soltanto la lotta per la difesa della patria consente di vincere gli aggressori e di liberare la nazione. Soltanto questa liberazione rende possibile l'emancipazione del proletariato e di tutto il popolo lavoratore. La vittoria della Cina sui suoi aggressori imperialisti sarà un aiuto per i popoli degli altri paesi. Nella guerra di liberazione nazionale, il patriottismo è quindi un'applicazione dell'internazionalismo».
Mao tse-tung, "Il ruolo del Partilo comunista cinese nella guerra nazionale" (ottobre 1938), Opere scelte di Mao Tse-tung, vol. II.
Print Friendly and PDF

13 commenti:

  • Fabio Palmieri scrive:
    14 dicembre 2012 12:54

    Un grandissimo articolo complimenti.
    Bellissimo questo passaggio" Esso ha conosciuto varie fasi: dalla manifattura al sistema industriale dispiegato, dal colonialismo all’imperialismo, dalla libera concorrenza al regime monopolistico, dalla democrazia liberale al fascismo e ritorno."
    Mi ricorda: "“Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti”. Nel senso che il sistema "migliore" deve sempre tenere conto dei cambiamenti intorno a se e quindi adottare anche delle trasformazioni interne continue per essere sempre una tra le migliori scelte possibili.

  • Anonimo scrive:
    14 dicembre 2012 14:24

    La polemica che, sebbene rigorosa viene condotta in modo civiissimo, sarebbe più comprensibile nei suoi sviluppi teoretici e prassici, se si fosse data al testo stampato una impostazione tipografica tale da distinguere meglio le citazioni delle argomentazioni da confutare con le argomentazioni che a queste vengono contrapposte. Anche la struttura tipografica contribuisce, e non poco, ad essere più chiari.
    Detto questo, mi sembra che la risoluzione di un problema che si presenta impellente per l'esistenza stessa di tutto un popolo di lavoratori (caso italiano) ridotti praticamente in stato di schiavitù, proprio per la sua improrogabilità, non vada rimandata alle Calende Greche in vista di una improbabilissima rivoluzione proletaria mondiale o solo europea, la quale, anche se avvenisse domani mattina, troverebbe forze avverse talmente soverchianti e spietate da andare incontro a sicuro tragico fallimento.
    Perciò, il punto di vista di MPL é assai più realistico e realizzabile avendo fra l'altro il grande vantaggio di poter essere attuato rimanendo nei limiti democratici e, tutto sommato, pacifici. Certamente necessita di chiarezza d'intenti (e questa mi pare ci sia), capacità di superare pregiudizi storicamente obsoleti (tenendo quindi ben presente la proteiforme prassi trasformista del capitalismo), coalizzazione operativa delle forze antisistema, vittoria elettorale.
    Purtroppo una certa sinistra pro euro e che tifa per il "montismo" non é da tener in conto come partner. Si é mai sentito il PD parlare di sovranità monetaria?
    Intanto il Debito Pubblico Italiano ha superato i 2014 miliardi: risultato abbastanza "brillante" (!) per la politica dell'austerity e dei suoi aficionados; non c'é he dire.
    Ad majora!

  • Anonimo scrive:
    14 dicembre 2012 14:27

    Condivido in larga parte questa critica ai CARC. La loro posizione sulla questione dell'euro e dell'europa, sostanzialmente la stessa della sinistra borghese, non si regge in piedi. Molto interessanti le cose che dite sulla crisi di sovrapproduzione, concetto che non va preso come un dogma. Utilissimi i grafici a supporto per capire. Accennate in nota alla dialettica, qui sarei curioso che sviluppaste il discorso.

  • Anonimo scrive:
    14 dicembre 2012 14:41

    Effettivamente, chi rimnda tutto a soluzioni totali irrealizabili, fa sua l'esortazione "Campa caval che l'erba cresce ", cioé "Magnana, magnana, magnana ...." in tal modo favorisce lo "statu quo" dando così tempo e modo al nefasto tumore della speculazione internazionale a servizio dell'imperialismo di rapina, di incancrenire definitivamente il tessuto vitale della Nazione che sta agonizzando.
    Opinano: "quando la gente sarà esasperata scenderà compatta nella piazze e farà il finimondo".
    Già, come con la sventurata Intifada.
    O sono fuori della realtà o lo fanno apposta come depistaggio.

  • Anonimo scrive:
    14 dicembre 2012 14:45

    Anch'io troverei notevomente interessante ed utile un articolo apposito di commento dei grafici.

  • Luca scrive:
    14 dicembre 2012 15:01

    Leggo: "Ciò vale in particolare per lo Stato italiano —che astrusamente vi ostinate a definire “Repubblica pontificia”, dal che si deduce che secondo voi sarebbe la Curia papale il decisore politico di ultima istanza e non invece i poteri tecno-oligarchici europei—"

    In effetti questa definizione dei Carc di "REPUBBLICA PONTIFICIA" non è solo astrusa, è una stupidaggine. Certo che la Chiesa ha un ruolo decisivo, ma da qui a dire che ha il bastone del comando ce ne corre!

    Critica ottima, che vale non solo per i maoisti dei carc, ma anche per i trotzkisti del pcl. le loro posizioni su euro e sovranità sono uguali. Confondono globalismo imperialista e internazionalismo.

  • Sollevazione scrive:
    14 dicembre 2012 17:34

    abbiamo ritoccato graficamente la Lettera aperta ai Carc, venendo incontro alla richiesta di cui sopra, di pubblicare in stile tipografico per una più facile lettura.

  • Lorenzo scrive:
    14 dicembre 2012 17:51

    Il capitalismo di rapina ha battuto in breccia i suoi avversari quanto a internazionalismo e i marxisti si dividono fra prenderlo per buono o combatterlo in quanto parte integrante del progetto avversario.

    L'internazionalismo è sempre stata una dottrina suicida per i Paesi sviluppati; il progetto di condividere il nostro benessere colla miseria della rimanente umanità non poteva che approdare ai risultati che abbiamo dinanzi agli occhi.

  • roberto b scrive:
    14 dicembre 2012 18:04

    A proposito di "implicazioni tattiche sulle alleanze" all'interno dello spazio sociale della rete, e per implementare la visibilità e il coordinamento tra blog aventi per "discorso" strategico l'uscita dall'euro e il recupero della sovranità monetaria e politica (che è poi "il primo passo", come scrivete), proporrei di aggiungere nel settore destro dell'homepage, due blog impegnati sullo stesso fronte:
    http://tempesta-perfetta.blogspot.it/
    http://orizzonte48.blogspot.it/ (questo già segnalato, se non sbaglio, da una commentatrice in un post precedente)

  • Vincenzo Rauzino scrive:
    14 dicembre 2012 18:53

    Una lettura impegnativa ma chiara ed istruttiva.Grazie

  • Anonimo scrive:
    14 dicembre 2012 20:09

    "Fatte le dovute proporzioni la lotta che dobbiamo condurre è oramai, nelle condizioni di perdita di sovranità, anche una lotta di liberazione. Per cui si deve sposare la sovranità nazionale col socialismo, il patriottismo con l’internazionalismo." : condivido: é insieme una amara constatazione ed anche un programma per umani affezionati alla "Libertà".
    La coppia di concetti appare comunque antinomica e coniugare i termini assieme sarà molto problematico se si vuole farlo contemporaneamente. Io direi, se mai, ogni cosa a suo tempo.
    Vorrei soffermarmi ancora un istante su di una affermazione molto obiettiva del lettore Lorenzo: "Il capitalismo di rapina ha battuto in breccia i suoi avversari quanto a internazionalismo e i marxisti si dividono fra prenderlo per buono o combatterlo in quanto parte integrante del progetto avversario".
    Mi sembra una frase terribile per la sua "verità". In questo caso, forse, invece di usare il termine "capitalismo" (che é concetto un po' generico nella fase attuale della Storia dato che anche la Cina, per esempìo, in un certo senso ha adottato una qualche forma di capitalismo) io parlrei di "imperialismo mirante all'instaurazione del Nuovo Ordine Mondiale" il quale ovviamente esige, come conditio sine qua non, l'internazionalismo. Gli imperi sono di regola avversari naturali di una organizzazione antropologico-politico - culturale strutturata in stati nazionali indipendenti ed autonomi e sono rigorosamente intolleranti a tal proposito. Per l'Imperialismo N.W.O., il capitalismo è stato ed è ancora (ma forse non per sempre) un "mezzo di potere" (un Golem) per raggiungere l'internazionalismo. "Sotto uno stesso cielo" era il titolo di un film cinese a proposito di imperialismo integralista. "Stesso Cielo" può significare omologazione totale degli spiriti, delle convinzioni, delle visioni del mondo, delle coscienze, delle menti e del pensiero: Orwell, certo. Ma implica nel contempo anche la rinuncia a qualsiasi forma di libertà personale. Roba da automi (infatti l'innesto di cheeps telecomandabili sembra già qualcosa di relizzabile).
    Mi viene in mente che il sig. Monti, ha detto che le crisi sarebbero necessarie per convincere le Nazioni a rinunciare a parte della loro sovranità. L'affermazione ha fatto venire i brividi a più di qualcuno.
    La riduzione delle Nazioni a semplici espressioni geografiche é in verità l'ideale dei cosiddetti europeisti e si deve ammettere che la " gabbia" é purtroppo in avanzato stato di allestimento. E con spiccate caratteristiche di inevadibilità, pure.
    Pertanto, parlare di "lotta di liberazione", non sembra per niente fuori luogo.


  • marxista scrive:
    14 dicembre 2012 21:58

    Risponderanno i Carc a questa critica, fraterna ma ficcante?

  • Anonimo scrive:
    17 dicembre 2012 00:33

    Non so se risponderanno, ma è certo che questo documento è un'ottimo documento e a me è servito per districarmi in tutta questa contesa tra marxisti sulla natura della crisi e le sue origini. Illuminante.

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (683) euro (657) crisi (604) economia (474) sinistra (404) finanza (257) Movimento Popolare di Liberazione (237) sfascio politico (235) grecia (228) resistenza (217) elezioni (201) banche (197) teoria politica (193) internazionale (190) M5S (185) risveglio sociale (184) imperialismo (183) alternativa (167) seconda repubblica (167) Syriza (147) sovranità nazionale (145) Tsipras (142) Leonardo Mazzei (140) Matteo Renzi (121) Moreno Pasquinelli (121) antimperialismo (112) debito pubblico (104) marxismo (101) P101 (99) democrazia (98) sollevazione (98) PD (96) Grillo (93) destra (93) sovranità monetaria (92) berlusconismo (91) proletariato (88) costituzione (85) spagna (81) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) islam (78) neoliberismo (74) Stati Uniti D'America (73) referendum costituzionale 2016 (73) Mario Monti (71) Emiliano Brancaccio (69) sindacato (67) bce (64) Germania (62) Libia (62) filosofia (62) Stefano Fassina (58) capitalismo (58) Alberto Bagnai (57) Francia (57) guerra (57) Rivoluzione Democratica (56) capitalismo casinò (56) Podemos (52) populismo (52) Movimento dei forconi (49) Siria (49) bancocrazia (49) Medio oriente (48) rifondazione (48) socialismo (48) Alexis Tsipras (47) fiat (47) Nichi Vendola (45) globalizzazione (45) piemme (45) sinistra anti-nazionale (45) renzismo (44) immigrazione (43) inchiesta (43) referendum (43) Troika (42) Sergio Cesaratto (41) Yanis Varoufakis (41) immigrati (41) solidarietà (41) campo antimperialista (40) astensionismo (39) geopolitica (39) cinque stelle (38) proteste operaie (38) sinistra sovranista (38) sovranità popolare (38) Lega Nord (37) Emmezeta (36) Pablo Iglesias (36) brexit (36) moneta (36) programma 101 (35) egitto (34) italicum (34) liberismo (34) Beppe Grillo (33) Carlo Formenti (33) III. Forum internazionale no-euro (33) Russia (33) azione (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) Diego Fusaro (32) default (32) fiom (32) legge elettorale (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) governo Renzi (31) palestina (31) unità anticapitalisa (31) Mario Draghi (30) Sel (30) fiscal compact (30) neofascismo (30) Ucraina (29) Israele (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) menzogne di stato (27) Matteo Salvini (26) Merkel (26) Sicilia (26) Forum europeo (25) Lega (25) Manolo Monereo (25) Mimmo Porcaro (25) xenofobia (25) Europa (24) Luciano Barra Caracciolo (24) immigrazione sostenibile (24) Ugo Boghetta (23) islamofobia (23) ora-costituente (23) sovranismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) Chianciano Terme (21) Giorgio Cremaschi (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Marcia della Dignità (20) Nello de Bellis (20) Quantitative easing (20) finanziarizzazione (20) populismo di sinistra (20) scuola (20) Unità Popolare (19) fronte popolare (19) Aldo Giannuli (18) Izquierda Unida (18) Tunisia (18) cina (18) ecologia (18) iraq (18) repressione (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) Marine Le Pen (17) Nato (17) etica (17) keynes (17) religione (17) uscita dall'euro (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Regno Unito (16) nazionalismi (16) nazione (16) pace (16) vendola (16) CLN (15) Donald Trump (15) Donbass (15) International no euro forum (15) Pier Carlo Padoan (15) Roma (15) razzismo (15) 15 ottobre (14) Monte dei Paschi (14) Norberto Fragiacomo (14) Vincenzo Baldassarri (14) iran (14) obama (14) storia (14) Eurogruppo (13) Jobs act (13) Luciano B. Caracciolo (13) MMT (13) Prc (13) Stato Islamico (13) USA (13) acciaierie Terni (13) finanziaria (13) umbria (13) Bersani (12) Chavez (12) Cremaschi (12) Ernesto Screpanti (12) Forum europeo 2015 (12) Front National (12) Jacques Sapir (12) Legge di stabilità (12) Marco Mori (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Vladimiro Giacchè (12) complottismo (12) coordinamento no-euro europeo (12) decreto salva-banche (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Enea Boria (11) Putin (11) Renzi (11) Tonguessy (11) Turchia (11) Venezuela (11) comunismo (11) corruzione (11) disoccupazione (11) emigrazione (11) internazionalismo (11) salerno (11) Bagnai (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) euro-germania (10) eurostop (10) golpe (10) iniziative (10) keynesismo (10) presidenzialismo (10) salari (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Fmi (9) Luigi Di Maio (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) ballottaggi (9) cultura (9) de-globalizzazione (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) piano B (9) scienza (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Brancaccio (8) Bruno Amoroso (8) CGIL (8) Costas Lapavitsas (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Def (8) Diritti Sociali (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Mirafiori (8) Movimento 5 Stelle (8) Paolo Ferrero (8) Quirinale (8) Virginia Raggi (8) Yanis Varoufakys (8) diritti civili (8) diritto (8) europeismo (8) grexit (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) patriottismo (8) piattaforma eurostop (8) povertà (8) sciopero (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Beppe De Santis (7) Bernie Sanders (7) Daniela Di Marco (7) Draghi (7) Enrico Grazzini (7) ISIL (7) Ilva (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Marco Zanni (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Salvini (7) Wolfgang Schaeuble (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) deficit (7) elezioni anticapte (7) elezioni anticipate (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) lotta di classe (7) nazismo (7) ordoliberismo (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) sinistra Italiana (7) taranto (7) Ars (6) Bottega partigiana (6) Campagna eurostop (6) Contropiano (6) D'alema (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Sapir (6) Stefano D'Andrea (6) Ttip (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) cosmo-internazionalismo (6) cosmopolitismo (6) derivati (6) incontro internazionale (6) magistratura (6) no tav (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Banca centrale europea (5) Casaleggio (5) Corte costituzionale (5) Dicotomia (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Noi con Salvini (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Samuele Mazzolini (5) Sergio Mattarella (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) cuba (5) debitocrazia (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberosambismo (5) necrologi (5) no-Ttip (5) pomigliano (5) privatizzazioni (5) questione nazionale (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Dino Greco (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Imu (4) Inigo Errejón (4) Julio Anguita (4) Kke (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Morgan Stanley (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) debitori (4) destra non euro (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) liberalismo (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) rivolta (4) salvinismo (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Bertinotti (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) GIAPPONE (3) Genova (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) L'Altra Europa con Tsipras (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Militant-blog (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Mosul (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Prodi (3) Rodoflo Monacelli (3) Romano Prodi (3) Ruggero Arenella (3) Sarkozy (3) Sharing Economy (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Wolfgang Munchau (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) alleanze (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) fascismo (3) giovani (3) governo Gentiloni (3) ideologia (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) manifestazione (3) massimo fini (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) migranti (3) nazionalismo (3) nazionalizzazione (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) sindacalismo di base (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) trasporto pubblico (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Alfiero Grandi (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Chiavacci Alessandro (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento Democrazia Costituzionale (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) F.List (2) Fabio Frati (2) Fausto Sorini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratelli d'Italia (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gianni Ferrara (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Olanda (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Target 2 (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Xi Jinping (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) deflazione (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) donna (2) economia sociale di mercato (2) elezioni anticipate 2017 (2) elezioni comunali 2015 (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) il fatto quotidiano (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) mezzogiorno (2) minijobs. Germania (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) senso comune (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) ALDE (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alessandro Visalli (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Artini (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Eleonora Forenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Galli Della Loggia (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferdinando Pastore (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Flat tax (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Fratoianni (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Basso (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo D'Antoni (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Fazi (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autodeterminazione dei popoli (1) autogestione (1) automazione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) casa (1) catastrofe italiana (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) deregulation (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) domenico gallo (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enel (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) il pedante (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) moneta fiscale (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) populismo democratico (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) squatter (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) suicidi (1) suicidi economici (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teoloogia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trasporto aereo (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uber (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)