sabato 23 luglio 2011

NORVEGIA: DIETRO ALLO SPAVENTOSO ATTENTATO «CRISTIANISTA»

Le radici americane del cristianismo bombarolo
ARMAGEDDON

Cristiano-sionismo e guerra di civiltà
di Miguel Martinez*

(Prima parte)

Anders Behrin Breivik, l'autore del sanguinoso attentato che ha sconvolto la placida e opulenta Norvegia, è presentato dai media come un «pazzo» e un «cristiano fondamentalista». Giusta la seconda, sbagliata la prima. Qui si spiegano le scaturigini del "fondamentalismo cristianista", il suo indissolubile legame con il missionarismo imperialista americano e il sionismo.


«Ad Armageddon ci saranno circa quattrocento milioni di uomini che faranno corona all'olocausto finale dell'umanità! Proprio per questo non dobbiamo mai dimenticare com'è bello essere cristiani! Noi abbiamo un futuro meraviglioso davanti a noi!»  [Frase pronunciata da Jerry Falwell, il predicatore americano che lanciò i fondamentalisti in politica, diventando consigliere di Reagan e grande elettore di Bush il Giovane]






Il fondamentalismo di massa




“Gli USA sono uno stato-nazione ideocratico a specifica vocazione imperiale […]. La cittadinanza americana comporta un particolare elemento ideocratico, per cui al fianco del normale perseguimento di opportunità, lavoro e benessere si ha un elemento aggiuntivo appunto ideocratico, e cioè il venire a far parte di un paese particolare, l’unico paese indispensabile del mondo (dixit Clinton, non Bush!), il solo paese che per mandato divino ha una missione speciale da compiere nel mondo. Questa missione speciale è di tipo religioso, e questo spiega la natura particolarmente “religiosa” della società americana. Questa missione speciale, lo abbiamo detto, è l’unità fra libertà e proprietà, democrazia dell’accesso e mercato capitalistico.” [1]

Come sottolinea Costanzo Preve, negli Stati Uniti, nazionalità e ideologia sono inscindibili: gli USA non sono un “paese bello”, ma un paese “che ha ragione”. La mancata adesione a quelle ragioni fa cessare il patto implicito tra l’individuo e la comunità, trasformando il reo in un soggetto “antiamericano”. Non è un caso che uno dei provvedimenti previsti dalla versione riveduta del Patriot Act consista nella revoca della cittadinanza americana, come se si trattasse delle vecchie tessere del PCI.

Si tratta di un’ideologia religiosa. Il concetto di “religione americana” si può riferire a tre realtà diverse, ma strettamente correlate.

§            Primo, la cosiddetta religione civile americana, il patto ideocratico a cui fa riferimento Preve.

§            Secondo, l’insieme delle diverse chiese americane, dai battisti agli ebrei, dai cattolici alle assemblee di Dio.

§            Terzo, il nucleo centrale del fundamentalism evangelico.

Qui mi occuperò soprattutto della seconda e della terza realtà.

Un sondaggio del 1990 ha rivelato che il 92% dei neri e l'87% dei bianchi negli Stati Uniti "non dubita mai dell'esistenza di Dio," un dato che si sovrappone perfettamente a un altro: l'89% dei bianchi e l'87% dei neri si dichiara "molto patriottico." [2]

Abituati come siamo a una retorica che ci vuole tutti americani, è difficile per noi misurarci con l’abisso che separa la mentalità europea da quella statunitense. Basti pensare che il 79% degli americani crede che i miracoli descritti nella Bibbia siano veramente avvenuti. Inoltre il 47% degli americani rigetta l'evoluzionismo e crede che Dio abbia creato gli esseri umani “più o meno nella loro forma attuale in un dato momento, meno di 10.000 anni fa". Lo stesso sondaggio rivela che il 40% addirittura vorrebbe che l'insegnamento dell'evoluzione venisse bandito dalle scuole. [3]

Le realtà di questo tipo sono poco note in Italia. Infatti, quando si parla da noi del fondamentalismo religioso di massa degli Stati Uniti, si sollevano in genere tre obiezioni, tutte valide e tutte fuorvianti:

(1) Negli Stati Uniti esiste un invalicabile “muro tra Chiesa e Stato”

(2) Le chiese sono tante, non sono forse un segno della vivacità e della libertà della società americana? E come potrebbe una sola chiesa imporsi in un simile contesto?

(3) “Gli americani sono un popolo molto pragmatico…”

Analizziamo le prime due obiezioni; la terza verrà affrontata un po’ più avanti.

Il fondamentalismo non è un’istituzione

Lo stato americano non ammette interferenze da parte delle organizzazioni religiose: non esiste, per intenderci, l’otto per mille, e sarebbe inimmaginabile un vescovo che nominasse insegnanti di religione nelle scuole pubbliche.

Le cose sono in realtà un po’ più complesse: esiste un’interferenza crescente da parte delle organizzazioni religiose anche nelle faccende pubbliche; e nelle scuole private, che sono molto più importanti che in Italia, i proprietari fanno ciò che vogliono.

Ma il problema principale è che noi proiettiamo sugli USA la nostra idea di che cosa sia la religione. Nella tradizione italiana, la religione si incarna in un esercito di funzionari che ricevono le loro direttive dal Vaticano. Questa istituzione permea la società civile, ma è comunque un’altra cosa, e proprio per questo può esistere l’anticlericalismo. La forza della religione americana sta invece nella sua natura non istituzionale: gli imprenditori religiosi riprendono, amplificano ed esaltano quella che è la spinta ideologica della società nel suo insieme.

La religione americana non è un’istituzione ma una fitta rete di imprese in vivace concorrenza tra di loro.

La rete delle imprese religiose

Molti si meravigliano per la grande varietà di religioni che esiste negli Stati Uniti. Certo, le chiese sono moltissime. Ma l’uniformità religiosa è molto maggiore di quello che sembra: protestanti, cattolici e la maggior parte degli ebrei praticano una religiosità e condividono un insieme di valori, impliciti ed espliciti, che permettono di parlare, come fa Harold Bloom, di una specifica religione americana, articolata in migliaia di chiese, sinagoghe, templi e altro.
Le imprese religiose americane non sono una sopravvivenza del Medioevo; sono un elemento cruciale della modernità. Come sottolinea Marco D’Eramo, l’immigrato arriva negli USA come individuo, ma la società lo trasforma in membro di una comunità etnica o casta: per difendersi dalle comunità già organizzato, è obbligato anche lui a diventare ebreo, irlandese, asiatico, Hispanic. Ognuna di queste comunità si raccoglie attorno a un luogo di culto, che diventa il riferimento per tutti i membri della casta. Non esistono altri riferimenti: la politica e la vita sindacale sono sostanzialmente luoghi di lottizzazione per bande etniche, mentre mancano le comunità territoriali radicate. [4]
Paradossalmente, questa società frammentata in innumerevoli caste è una società che non conosce divisioni. I membri di ogni comunità sono uniti nell’affrontare le altre comunità, mentre l’unità nazionale è data dall’adesione intima alla “missione americana”, la cui fonte ultima non può che essere l’Assoluto, e il suo vicario in terra, il presidente del paese. Il presidente, che con la moglie e l’immancabile cane, non è altro che la rappresentazione divinizzata della banalità dell’uomo medio. Mentre il Papa con le sue strane vesti ispira il rispetto dell’alterità, il presidente è lo specchio del cittadino; e proprio per questo la ribellione è percepita come una forma di autolesionismo.
Il Dio biblico offre un punto di contatto tra caste in conflitto;[5] e rafforza l’intima certezza di essere una “buona nazione”. Nel 1999, il senatore John Ashcroft, nell’accettare la laurea ad honorem conferitagli dalla fondamentalista Bob Jones University, dichiarava:
“Unica tra le nazioni, l’America ha riconosciuto che la fonte del nostro carattere è divino ed eterno, non civile e temporale. E poiché sappiamo che la nostra fonte è eterna, l’America è diversa. Non abbiamo altro re che Gesù.”

Due anni dopo, Ashcroft si sarebbe distinto per aver demolito l’intero stato di diritto americano e aver inventato i lager di Guantánamo.

La religione pragmatica

“Tutti i giorni, in Africa, si svegliano un leone e una gazzella. E tutti e due sanno che dovranno correre più veloce dell’altro per poter mangiare”. Questa laida banalità, che campeggia su innumerevoli scrivanie, ci sembra insieme molto americana e poco religiosa. La contraddizione esiste però solo nelle nostre teste, abituati come siamo a confondere la religiosità con il pauperismo (autentico o di maniera) o con il misticismo dell’Europa.

La religione americana è assolutamente pragmatica. Non conosce le grandiose costruzioni teologiche o mistiche: i Testimoni di Geova, come diverse altre sette evangeliche, arrivano persino a negare l’esistenza dell’anima.

Il fondamentalismo americano ritiene che la Bibbia contenga una serie di affermazioni fattuali e di istruzioni pratiche che, se eseguite alla lettera, permettono di ottenere il massimo dalla vita. Ci si rivolge al Libro di Giobbe con lo stesso spirito con cui altri americani si sono rivolti al pensiero positivo, alle vendite piramidali, alla meditazione o alla psicanalisi.

Non tutte le chiese americane sono protestanti, né tutte le chiese protestanti sono fondamentaliste; comunque circa il 40% degli americani risponde sistematicamente in maniera fondamentalista alle domande poste nei sondaggi, quindi non si sbaglia a vedere nel fundamentalism il nucleo principale della religiosità americana, infinitamente più forte e coinvolgente delle sbiadite e declinanti chiese moderate. Il fundamentalism, un movimento trasversale a diverse chiese evangeliche sorto all’inizio del Novecento, non è però qualcosa di antagonista rispetto alla società nel suo insieme, come potrebbe essere l’integralismo cattolico di Monsignor Lefèbvre in Europa. Il fundamentalism esprime in maniera aperta quelli che comunque sono i valori della grande maggioranza della società.[6]

La religione americana è assiomatica. Fu il presidente degli Stati Uniti, Ronald Reagan, a dire:

“È un fatto assolutamente inconfutabile che in questo unico libro [la Bibbia] si trovano le risposte a tutti i complessi e spaventosi problemi che dobbiamo affrontare, sia in patria che all’estero”. [7]

So bene che i media italiani leggerebbero questa frase, se mai se ne fossero accorti, sottolineando la simpatica eccentricità di quel particolare presidente. Invece, queste parole ci danno un’idea del mondo che si stava preparando per noi già un quarto di secolo fa. Ecco perché la patria della bomba atomica, della Microsoft e di Las Vegas riesce a essere insieme perfettamente materialista, nel senso meno filosofico del termine, e così religioso. Il “grande comunicatore” Reagan ha colto benissimo il ruolo che il Libro ha sempre avuto e continua ad avere nella società americana: è un manuale d’istruzioni che si deve adoperare per ottenere risultati concreti (fossero anche nell’aldilà), che non può essere messo in discussione più di quanto ci si possa permettere di sollevare polemiche a proposito del manuale di un tosaerba. Scrive un predicatore fondamentalista:

“Potresti dire che il paradiso è un po’ come le ‘stanze pulite’ in cui le aziende di computer fanno i loro microchip, e che il peccato è come la polvere o lo sporco che cerca di entrare in queste stanze.” [8]

L’autore spiega quindi che per essere ammessi tra i microchip celestiali, i cristiani devono indossare uno speciale vestito antipolvere, rivestito del sangue di Gesù.

Marketing God

La religione americana è imprenditoriale: ogni anno migliaia di pastori vengono messi sul lastrico da parrocchiani insoddisfatti, senza il paracadute dell’otto per mille. Ma quelli che sopravvivono si avvalgono di ogni possibile strumento offerto dalla rivoluzione mediatica e informatica. Anzi, è proprio la società mediatica e spettacolare che ha messo in primo piano il predicatore fondamentalista.[9]

Se il pastore è bravo, secondo l’insindacabile giudizio del mercato, il numero di fedeli può crescere in maniera straordinaria: ci sono chiese frequentate da decine di migliaia di persone, che fanno offerte proporzionali, rigorosamente esentasse. I ricavi vengono spesso investiti nei media, in particolare nella TV, per reclutare nuovi fedeli. I televangelist non differiscono nei metodi dai nostri imbonitori televisivi, ma c’è una differenza cruciale: milioni di persone sono state educate a vedere in loro i rappresentanti del bene supremo. E non vendono tappeti o quadri, ma lavorano sulle speranze, le paure, i dolori di innumerevoli individui. Il predicatore Oral Roberts, che nel 1977 poteva contrare su 4.356.000 contribuenti, si vantava di aver risuscitato “cinquanta o sessanta” morti.[10]

Ogni linguaggio religioso può essere adoperato per fini diversi. È fondamentale non cadere nell’errore dei razionalisti che attribuiscono la colpa di simili fenomeni ad astrazioni come “il cristianesimo” o, peggio ancora, “la religione”. Qui stiamo parlando della maniera in cui l’ideologia americana si manifesta sul piano religioso. Probabilmente un cristiano siriano ha molto più in comune con i suoi vicini di casa musulmani che con cristiani come il predicatore Marcus Bishop, che suole urlare alle folle entusiaste, ”Ve lo dico dal fondo del cuore di Dio, i predicatori devono essere ricchi!” [11]

La bravura è di tipo spettacolare: il predicatore è un uomo come noi, con una biografia di peccatore redento che è una variante in versione erotico-alcolica ma comprensibile a tutti, del success story dell’immigrato diventato miliardario. Il meccanismo è simile a quello che genera il culto del Presidente (con moglie e cane). Al contrario del nostro mondo, in cui il clero è sempre altro da noi persino nell’abbigliamento, nella religione americana, colui che indottrina ed esalta le masse fondamentaliste ogni domenica non è altro che un riflesso di loro stesse, e quindi ogni ribellione è preclusa. L’essenza della democrazia americana risiede proprio in questo - tutta la comunità vigila affinché si riproduca il proprio conformismo.

Aggiungiamo, per inciso, che questa cultura inizia a diffondersi anche in Italia, sebbene manchino fondamentali presupposti culturali. Si tratta di aree abbastanza considerevoli della nostra società, del tutto trascurate nelle analisi di sinistra. Aree che comprendono realtà religiose in senso stretto – pensiamo ai carismatici cattolici, ai Testimoni di Geova, alle prediche di Benny Hinn ad Assago – ma soprattutto realtà commerciali che si basano sugli stessi meccanismi psicologici. Pensiamo ad esempio ai sistemi delle vendite piramidali come Amway (il cui fondatore non a caso è uno dei principali finanziatori dei movimenti religiosi e politici fondamentalisti) e Herbalife o la Star Service International.

La natura imprenditoriale della religione americana ha una ricaduta importante nella percezione che l’americano medio ha del Vicino Oriente. L’organizzazione del turismo religioso, ammantato del nome di “pellegrinaggi”, costituisce un grosso affare anche da noi. Ma nel mondo protestante, non esiste né San Giovanni Rotondo, né Fatima; si può solo andare in Terra Santa. Nei decenni, migliaia di piccoli imprenditori religiosi hanno intessuto solidi legami con lo stato d’Israele, organizzando viaggi che combinano visite alla presunta sepoltura di Gesù con esaltanti incontri con gentilissimi funzionari israeliani. Nel governo israeliano, il ministero del turismo svolge un ruolo di enorme importanza, non solo economico. E non è un caso che sia un appannaggio del partito Moledet, che sostiene apertamente la necessità di deportare i nativi della Terra Santa oltre il Giordano. Recentemente, Sharon ha mandato proprio il suo ministro del turismo, Benny Elon, in un lungo viaggio attraverso le comunità protestanti statunitensi dove ha commentato davanti a folle esaltate il versetto di Levitico 26: “farò sparire dal paese le bestie cattive.”

Il Regno dei Mille Anni

La religione americana è in larga misura millenarista. Il fatto che questa teologia abbia una storia lunghissima alle spalle non ci deve ingannare: Gioacchino da Fiore o gli anabattisti di Munster c’entrano poco con la teleapocalisse americana.[12]

Il millenarismo americano promette l’avvento del “Regno”, The Kingdom, un regime specifico, qui sulla Terra, in cui per mille anni i cristiani domineranno il mondo “con verghe di ferro” e i comportamenti contrari alla fede saranno resi impossibili. Mille anni in cui si scioglieranno le terribili contraddizioni della vita reale e in cui prevarranno i valori, largamente immaginari ma sempre presenti, dell’America rurale:

"Messia regnerà dal trono ristabilito di Davide a Gerusalemme. Risorto, Re Davide sarà co-reggente assieme a Cristo. Israele occuperà una posizione di gloria e dominio sulle nazioni del mondo. I Cristiani rinati si uniranno al Messia e ai dirigenti di Israele nell'amministrare il regno di Dio sulla terra. Siamo in marcia verso Sion!" [13]

Il Regno, o meglio gli avvenimenti preparatori, sono molto vicini: da almeno un secolo, i fondamentalisti si aspettano che tutto avvenga tra circa quattro anni da un “adesso” che slitta inevitabilmente più in là, decennio dopo decennio.

Gli avvenimenti preparatori del Regno costituiscono una sorta di mito rovesciato che esercita un fascino straordinario. Infatti, mentre i miti normalmente parlano del passato, il racconto di Armageddon, come conviene a un paese senza storia, ha luogo nel futuro, ma comincia adesso, come uno straordinario spettacolo. Sono gli eventi mal digeriti del telegiornale, in particolare le notizie riguardanti il Vicino Oriente, che costituiscono gli ingredienti del mito, mentre il senso viene conferito a dati caotici da una lettura ovviamente del tutto arbitraria della Bibbia. Questa lettura pretende di essere “ciò che dice la Bibbia”, mentre chiaramente ha una propria storia: il cosiddetto Dispensationalism nasce a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento.[14]

Questa lettura costituisce una narrazione perfetta. Permette all’americano medio di saperne di più sul futuro del mondo di tutti gli intellettuali che non leggono la Bibbia. Offre una spiegazione a modo suo plausibile di qualunque evento, e quindi gli eventi stessi diventano prova della veridicità della spiegazione. In un mondo senza clero, permette al common man di condurre fantasiose indagini per conto proprio, scoprendo ad esempio il vero nome dell’Anticristo (secondo molti, sarebbe il nostro pacioso Romano Prodi, nientemeno) o la data della grande battaglia. Il mito diventa la misura epica delle cose, permette ai piccoli mortali di cogliere l’assoluto nel transitorio. E permette di covare sogni di distruzione, di vendetta, di odio su scala cosmica:

“I miei occhi hanno visto la gloria dell’avvento del Signore
Egli calpesta il vigneto dove si conserva l’uva dell’ira
Ha sciolto il fulmine fatale della Sua terribile, veloce spada
La Sua verità è in marcia
Gloria! Gloria! Alleluia!” [15]

Tutti questi sogni, per grande sfortuna nostra e dei popoli mediterranei, si concentrano sulla Terra Santa. E la loro retorica va ben oltre la pur vasta area dei fondamentalisti. Ecco ad esempio cosa disse un personaggio assai caro alla nostra sinistra, Al Gore, allora vicepresidente degli Stati Uniti, mentre celebrava il cinquantesimo anniversario dell’indipendenza di Israele:

"Mentre stasera alzo gli occhi e vedo l'intera casa di Israele, vi riconosco. Mi ricordo della profezia di Ezechiele, che Dio vi avrebbe innalzati, che ogni osso si sarebbe congiunto a ogni osso, ogni muscolo a ogni muscolo, e che Egli avrebbe soffiato vita nelle vostre carni e vi avrebbe restaurati alla vostra terra. Noi americani sentiamo che i nostri legami con Israele sono eterni." [16]

Una frase che poteva solo guadagnargli voti, visto che un altro, ennesimo sondaggio rivela il 46% degli americani crede che la costituzione dello Stato d'Israele sia stata una prima realizzazione delle profezie bibliche. Nel 2002, un sondaggio CNN/Time rivelò che il 59% degli americani credeva che si sarebbero avverate le profezie dell’Apocalisse. [17]

Siamo lontani dall’immagine materna, mediatrice e avvolgente del cattolicesimo. È perfettamente normale, per un presidente degli Stati Uniti, affermare che:

“Dio mi ha detto di colpire al Qaida, e io li ho colpiti, poi mi ha ordinato di colpire Saddam, e l’ho fatto, e adesso sono deciso a risolvere il problema mediorientale”.[18]

L’ideologia americana è incomprensibile senza il concetto di violenza sterminatrice, forma suprema del bene proprio perché sradica il male. Proprio perché si fonda sull’illusione democratica, il sacrificio umano coinvolge tutti. Se la pena di morte da noi suscita l’idea di un capriccioso tiranno che potrebbe tirare il collo un giorno anche a noi, negli Stati Uniti la mancata partecipazione fisica a un linciaggio o morale a un’esecuzione somiglia a un tradimento.

Dice Jerry Falwell, il predicatore che lanciò i fondamentalisti in politica, diventando consigliere di Reagan e grande elettore di Bush il Giovane:

"Ad Armageddon ci saranno circa quattrocento milioni di uomini che faranno corona all'olocausto finale dell'umanità! Proprio per questo non dobbiamo mai dimenticare com'è bello essere cristiani! Noi abbiamo un futuro meraviglioso davanti a noi!" [19]

Armageddon è geograficamente nella Terra Santa; ed è tra l’altro attualmente sede di un carcere di massima sicurezza per resistenti palestinesi.

Il prossimo articolo parlerà proprio del nesso tra il fondamentalismo americano e la questione palestinese.

------------
Note

[1] Costanzo Preve, in un messaggio sulla lista antiamericanisti@yahoogroups.com.
[2] Sondaggio condotto dal Princeton Survey Research Associates per il Los Angeles Times Mirror Syndicate, cit. in Barry A. Kosmin e Seymour P. Lachman, One Nation Under God: Religion in Contemporary American Society, Crown Trade Paperbacks, New York, 1993. p. 196
[3] Sondaggio Gallup del 25-7 giugno 1999.
[4] Si consiglia vivamente la lettura di Marco D’Eramo, Il maiale e il grattacielo. Chicago: una storia del nostro futuro, Feltrinelli 1995 (1999), uno dei pochissimi libri in lingua italiana a cogliere la vera natura del sistema americano.
[5] Per quanto sia varia l’estrazione etnica degli americani, la loro estrazione religiosa è molto più limitata: si pensi che anche gli arabi e gli “orientali” (cinesi, coreani, indiani) immigrati sono in maggioranza cristiani. Mentre il riferimento biblico include anche l’unica comunità non cristiana organizzata, quella ebraica.
[6] A opporsi al fundamentalism non è una società laica o civile, ma alcuni interessi etnici o “etnicizzati”: i cattolici fino agli anni Settanta; le femministe, gli omosessuali e – fino a qualche anno fa – gli ebrei. Infatti, come vedremo, uno dei motivi del trionfo fondamentalista negli Stati Uniti consiste nel venir meno dell’opposizione ebraica.
[7] Cit. in Roberto Giammanco, L'immaginario al potere: religione, media e politica nell'America reaganiana, Antonio Pellicani Ed., Roma 1990, p. 191.
[8] http://www.raptureready.com/rap49.html..
[9] Questo processo viene descritto in maniera impareggiabile nel libro di Roberto Giammanco.
[10] Giammanco, p. 31.
[11] Praise The Lord Telethon, 2 novembre 1998.
[12] Gran parte della storia culturale americana, non solo religiosa in senso stretto, può essere letta come un’alternanza tra premillenarismo e postmillenarismo: il primo sostiene che il Regno deve ancora venire, dopo terribili catastrofi; il secondo sostiene che stiamo costruendo il Regno oggi e qui, ed esalta quindi ancora di più il ruolo della missione nazionale. Qui parliamo soprattutto del Premillennialism.
[13] David Allen Lewis, Can Israel Survive in a Hostile World?, New Leaf Press, Green Forest, AR, USA 1994, p. 150
[14] Il nome fa riferimento a una serie di “dispensazioni” o tappe storiche fissate da Dio.
[15] Possiamo cogliere qualcosa dell’abisso che separa l’Europa dall’America, se pensiamo che questo “Inno di battaglia della repubblica” nasce come una canzone “di sinistra”, nel senso che esalta l’abolizione della schiavitù.
[16] cit. da Thomas W. Lippman, in Washington Post 2.05.98.
[17], Lawrence Wright, "Letter from Jerusalem: Forcing the End", in The New Yorker, 20 luglio 1998.
[18] Bush avrebbe fatto queste affermazioni durante l’incontro di Sharm al-Shaykh con le autorità palestinesi nell’estate del 2003. La fonte è il quotidiano israeliano Ha’aretz (Arnon Regular, “Road map is a life saver for us,' PM Abbas tells Hamas”
http://www.haaretzdaily.com/hasen/pages/ShArt.jhtml?itemNo=310788&contrassID=2&subContrassID=1&sbSubContrassID=0&listSrc=Y).
[19] Jerry Falwell, Old-Time Gospel Hour, 2 dicembre 1984.




* Questo articolo venne pubblicato nel n.33 della rivista PRAXIS, luglio-agosto 2003
Print Friendly and PDF

0 commenti:

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (700) euro (673) crisi (609) economia (481) sinistra (414) finanza (258) Movimento Popolare di Liberazione (238) sfascio politico (235) grecia (228) resistenza (218) elezioni (203) banche (198) teoria politica (197) M5S (192) internazionale (190) imperialismo (184) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (149) Leonardo Mazzei (147) Syriza (147) Tsipras (142) Moreno Pasquinelli (126) Matteo Renzi (121) P101 (112) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) sollevazione (99) democrazia (98) sovranità monetaria (96) Grillo (93) destra (93) berlusconismo (91) proletariato (88) costituzione (86) spagna (83) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) neoliberismo (78) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Emiliano Brancaccio (71) Mario Monti (71) sindacato (67) bce (66) Germania (64) filosofia (63) Libia (62) Stefano Fassina (62) Francia (58) capitalismo (58) populismo (58) Alberto Bagnai (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) Rivoluzione Democratica (56) Podemos (55) rifondazione (51) Movimento dei forconi (49) Siria (49) bancocrazia (49) Medio oriente (48) socialismo (48) Alexis Tsipras (47) fiat (47) globalizzazione (47) sinistra anti-nazionale (47) piemme (46) Nichi Vendola (45) renzismo (45) immigrazione (44) inchiesta (43) referendum (43) Sergio Cesaratto (42) Troika (42) programma 101 (42) Yanis Varoufakis (41) cinque stelle (41) immigrati (41) solidarietà (41) campo antimperialista (40) sinistra sovranista (40) sovranità popolare (40) Lega Nord (39) Pablo Iglesias (39) astensionismo (39) geopolitica (39) Carlo Formenti (38) Emmezeta (38) proteste operaie (38) italicum (37) Beppe Grillo (36) brexit (36) moneta (36) legge elettorale (35) III. Forum internazionale no-euro (34) egitto (34) liberismo (34) Mario Draghi (33) Russia (33) azione (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) Diego Fusaro (32) default (32) fiom (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) governo Renzi (31) palestina (31) unità anticapitalisa (31) fiscal compact (30) neofascismo (30) Ucraina (29) Israele (28) Merkel (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) Luciano Barra Caracciolo (27) Manolo Monereo (27) Matteo Salvini (27) menzogne di stato (27) Sicilia (26) Forum europeo (25) Lega (25) Mimmo Porcaro (25) xenofobia (25) Europa (24) Ugo Boghetta (24) immigrazione sostenibile (24) islamofobia (24) Giorgio Cremaschi (23) ora-costituente (23) populismo di sinistra (23) sovranismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) Chianciano Terme (21) Nello de Bellis (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Marcia della Dignità (20) Marine Le Pen (20) Quantitative easing (20) finanziarizzazione (20) scuola (20) Aldo Giannuli (19) Donald Trump (19) Unità Popolare (19) fronte popolare (19) repressione (19) Izquierda Unida (18) Nato (18) Tunisia (18) cina (18) ecologia (18) iraq (18) keynes (18) nazione (18) uscita dall'euro (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) etica (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Pier Carlo Padoan (16) Regno Unito (16) Roma (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) CLN (15) Donbass (15) Front National (15) International no euro forum (15) Prc (15) 15 ottobre (14) Luciano B. Caracciolo (14) Monte dei Paschi (14) Norberto Fragiacomo (14) Renzi (14) USA (14) Vincenzo Baldassarri (14) eurostop (14) iran (14) obama (14) storia (14) Enea Boria (13) Eurogruppo (13) Jobs act (13) MMT (13) Stato Islamico (13) acciaierie Terni (13) coordinamento no-euro europeo (13) finanziaria (13) umbria (13) Bersani (12) Chavez (12) Cremaschi (12) Ernesto Screpanti (12) Forum europeo 2015 (12) Jacques Sapir (12) Legge di stabilità (12) Marco Mori (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Vladimiro Giacchè (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) emigrazione (12) euro-germania (12) salerno (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Putin (11) Tonguessy (11) Turchia (11) Venezuela (11) Virginia Raggi (11) comunismo (11) corruzione (11) disoccupazione (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) piattaforma eurostop (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) de-globalizzazione (10) decrescita (10) golpe (10) iniziative (10) presidenzialismo (10) salari (10) sinistra Italiana (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Brancaccio (9) Fmi (9) Luigi Di Maio (9) Movimento 5 Stelle (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) ballottaggi (9) cultura (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) piano B (9) scienza (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Beppe De Santis (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Def (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Marco Zanni (8) Mirafiori (8) Paolo Ferrero (8) Quirinale (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) diritti civili (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) europeismo (8) grexit (8) lotta di classe (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) sciopero (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Daniela Di Marco (7) Enrico Grazzini (7) ISIL (7) Ilva (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Salvini (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) cosmopolitismo (7) deficit (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) nazismo (7) necrologi (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Ars (6) Bottega partigiana (6) Campagna eurostop (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Samuele Mazzolini (6) Sapir (6) Stefano D'Andrea (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) cosmo-internazionalismo (6) derivati (6) elezioni anticipate 2017 (6) incontro internazionale (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) privatizzazioni (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Banca centrale europea (5) Casaleggio (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Noi con Salvini (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Sergio Mattarella (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) cuba (5) debitocrazia (5) destra non euro (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberosambismo (5) pomigliano (5) questione nazionale (5) rivolta (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Morgan Stanley (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Target 2 (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) al-Sisi (4) alleanze (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) debitori (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) governo Gentiloni (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) liberalismo (4) nazionalizzazione (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) salvinismo (4) sindacalismo di base (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alfiero Grandi (3) Alitalia (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Chiavacci Alessandro (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Ernest Vardanean (3) Fabio Frati (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Bertinotti (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) Franz Altomare (3) Fratelli d'Italia (3) GIAPPONE (3) Genova (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) L'Altra Europa con Tsipras (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Militant-blog (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Mosul (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Prodi (3) Rodoflo Monacelli (3) Romano Prodi (3) Ruggero Arenella (3) Sarkozy (3) Sharing Economy (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Wolfgang Munchau (3) Xi Jinping (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) giovani (3) ideologia (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) manifestazione (3) massimo fini (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) migranti (3) minijobs. Germania (3) nazionalismo (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) populismo democratico (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) senso comune (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) trasporto pubblico (3) trattati europei (3) uber (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Alessandro Visalli (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Eleonora Forenza (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gianni Ferrara (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Olanda (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) automazione (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) confederazione (2) curdi (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tassisti (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Galli Della Loggia (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferdinando Pastore (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Flat tax (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Bartolomei (1) Franco Venturini (1) Fratoianni (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgia Meloni (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Basso (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autodeterminazione dei popoli (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) deregulation (1) di Monica Di Sisto (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) il pedante (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) moneta fiscale (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) sovranità e costituzione (1) squatter (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trasporto aereo (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)