FIRMA LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

venerdì 2 marzo 2018

PUTIN, LA RUSSIA E IL FUTURO DEL MONDO di F.f.

[ 2 marzo 2018 ]

I media italiani, vittime del loro proverbiale provincialismo, sembrano sorvolare su quel che ha detto e annunciato ieri Putin a Mosca. Nonostante alcune considerazioni controverse, questo studio che pubblichiamo getta un fascio di luce sulla politica strategica del Cremlino. Importanti  le riflessioni dell’autore sul nazionalismo ortodosso non eurasiatico di Putin, sui buoni rapporti con Israele, e sul controverso rapporto con l’espansionismo cinese, da cui potrebbero derivare pericolosi scenari strategici. Dello stesso autore  segnaliamo suo il articolo La linea Ahmadinejad.


*  *  *
Il partito russo nell’Europa meridionale non si identifica  — a parte il caso specifico della filorussa, cristiano-ortodossa Alba dorata in Grecia, effettivamente antieurista ed antieuropeista, ma a tutt’oggi marginale nei giochi complessivi —  sic et simpliciter con il partito della “destabilizzazione antieurista”. Quando l’Unione Europa introdusse l’euro, Putin mirava, con deciso contorsionismo tattico, all’alleanza strategica ed all’integrazione con l’industria mitteleuropea e con il supercapitalismo tedesco in primis;  all’ingresso della Russia nella Nato poi: il fine era quello di integrare la civiltà slava in un processo di modernizzazione industriale e militare alla cinese, senza però cadere nel nichilismo e nell’americanizzazione che ha finito per aggredire la Cina dall’interno. 
Putin voleva modernizzare, non euro americanizzare, come fece da Deng in poi e sta facendo il Partito comunista cinese. Era un tentativo, quello originario di Putin,  di recuperare velocemente il tempo perduto, dopo il crollo dell’URSS, nella partita per la ri-conquista dello spazio globale. Era il tentativo di un nuovo modello imperiale in competizione agonistica “mascherata” con gli USA: la Russia avrebbe rappresentato l’avanguardia politico-militare dell’industria tedesca. 
L’attacco al cuore dell’unipolarismo americanistico non poteva sfuggire a chi di dovere. L’opposizione euro-americana a tale progetto strategico, l’indecisione tedesca di fondo, poi la finale penetrazione euro- atlantica nell’Ucraina (2014), con la Germania schierata — con la dottrina trans-atlantica teorizzata da Schauble e dai più influenti circoli banchieri tedeschi — a fianco degli USA,  son stati un duro colpo per il Cremlino. Questa è stata per Putin una vistosa sconfitta tattica
Il blocco eurasiano Mosca-Pechino-Tehran, proposto da una fazione, che si ispira al pensiero di Leontev (1831-1891), del capitalismo di stato energetico russo, non è proponibile per Putin, per molteplici ragioni che non si possono ora analizzare, non ultimo il fiero nazionalismo grande russo neozarista ostile a tale strategia. La Russia perciò, per evidenti motivazioni economiche e finanziarie, avrebbe assai da rimettere da un imprevisto sconvolgimento monetario dell’area euro; nonostante i suoi rapporti non siano oggi certo privilegiati, tutt’altro, con Berlino e Parigi. In tal senso, l’asse Mosca Tel Aviv sembra per ora l’unico punto certo del “sovranismo vicino”putiniano. Putin incentiva peraltro all’interno il tradizionale antisemitismo della chiesa ortodossa, ma si tiene giustamente le mani libere sul pragmatismo della politica estera [1]. 
Alcuni giornali israeliani, giorni fa, dopo lo scontro irano-israeliano, si sono affrettati a rimarcare il totale sostegnodi Putin al primo ministro israeliano. Per quanto Haaretz (21.2.2018), parli già degli “ultimi giorni di Netanyahu”, il rapporto tra Mosca e Tel Aviv sembra essere ormai strategico, soprattutto da quando Putin ha deciso di declinare in funzione mediterranea l’impulso espansionista grande-russo. Se di recente Mosca ha rinnovato un patto militare con il Libano, se le relazioni con Tehran sono tutto sommate buone, non sfuggirà che in tutte le vicende più calde degli ultimi tempi, in Medio oriente, la relazione mediatrice esercitata da Putin con il primo ministro israeliano è stata risolutrice. Senza il lasciapassare di Tel Aviv, i soldati russi, ad esempio, non avrebbero potuto fare il bello e cattivo tempo in Siria come stan facendo da circa tre anni ad oggi.  Fatto recente, i russi sono molto preoccupati per i bombardamenti israeliani nelle vicinanze di siti dove si trovano tecnici e soldati russi, presso la base T4 nei pressi di Palmyra, dove il posto di controllo iraniano da cui è partito il missile antiaereo israeliano è stato, in seguito alla vicenda, di nuovo bombardato.  Di tutto questo, Putin avrebbe discusso in una lunga telefonata di pochi giorni fa con il primo ministro israeliano, specificando ogni questione e rinnovando infine l’asse strategico con Tel Aviv.
Se il putinismo ha guadagnato punti in prestigio internazionale, se ha indubbiamente saputo sviluppare una nuova nazionalizzazione sociale interna, grazie all’alleanza strategica con la Chiesa ortodossa e con l’esercito, il disegno globale di Putin, quello di fare della Russia una superpotenza globale della qualità degli Usa, pochi anni dopo il crollo dell’URSS, è sino ad ora miseramente fallito. Ciò ridimensiona assai il talento di statista di Putin; così celebrato. Almeno sino ad oggi. Il divenire è in tal caso, comunque, nelle mani dell’uomo di stato e Putin sembrerebbe disporre di un nuovo mandato. In Siria, le forze armate russe son state proprio in questi giorni ridicolizzate dai colleghi americani (7.2.2018) [2] in un test di forza reciproca che ha ridimensionato, nel complesso, le ambizioni multipolari delle varie potenze emergenti. La Russia è la seconda potenza militare convenzionale e nucleare del globo; di fronte a tale disparità strategica rimane una seria ombra sul presunto futuro moltipolare di cui tanto si discute. 
L’unica superpotenza rimane quella statunitense.  Anche in tal caso, la prospettiva concreta del nazionalismo panslavista putiniano, per risalire posizioni rispetto agli USA, è il blocco strategico con Tel Aviv, in particolare con le fazioni nazionalreligiose della destra israeliana, influenti anche in ambienti laburisti; la vittoria di Trump essendo un episodio nella dialettica politica statunitense, dove si fronteggiano costantemente l’ala globalista ebraica (il termine Globalizzazione e la teoria della globalizzazione furono ideate dal sociologo ebreo non sionista T. Levitt, docente ad Harvard) e quella della destra nazionalista territorialista filoisraeliana. Il gap di dimensioni economiche e di diversificazione del PIL rispetto a Cina ed Usa, che non navigano nemmeno queste in acque tranquille e limpide, è attualmente impressionante ed il rinato prestigio politico-militare russo non è affatto sufficiente a fare della Russia una superpotenza globale. Ciò non autorizza del resto a considerare “arretrata” la Russia poiché, sul piano culturale, religioso e artistico la vita russa è ben più evoluta di quella europea o americana. Lo Stato sociale russo, è, comunque, ancora, anni dopo il primo mandato di Putin, a un livello embrionale e gli indirizzi liberisti, con macroscopica corruzione, predominano nella vita sociale. Il tradizionalismo ortodosso è però, di nuovo,  la guida morale di vastissimi strati della popolazione, soprattutto dei più poveri; questo è un concreto successo dello statista Putin e del Patriarcato di Mosca. Putin non ha mai nascosto il suo debito ideologico e dottrinario verso il tradizionalista ortodosso Solzenicyn — da lui definito un “maestro” —, verso Ivan Ilyn, un teorico reazionario russo filofascista e filo mussoliniano e verso l’ “idea russa” di Berdjaev. Il grande vantaggio strategico del nazionalismo russo e di quello religioso israeliano rispetto al globalismo liberal della sinistra ebraica è rappresentato dal richiamo mitico che un certo idealismo “spirituale” — in un caso e nell’altro — è in grado di esercitare all’interno della società civile. Cristianesimo (ortodosso), Islam, Ebraismo in tal senso sono più vivi che mai. 
Il partito russo non si identifica però nemmeno con il partito europeista. Nelle intenzioni di Putin, i Salvini, le varie frazioni spagnole (dai neofalangisti cattolici tradizionalisti a correnti del partito socialista), e gli alba dorati ellenici, gli amici mediterranei del Cremlino insomma, devono giocare il ruolo della fastidiosissima spina nel fianco del blocco massonico franco-tedesco il quale, se può impensierire la fazione Trump per motivi industriali e commerciali, non può impensierire invece Putin a causa del forte peso di perenne ricatto energetico (pagato in euro, si noti bene) che i russi esercitano come pistola puntata sulla tempia dei franco-tedeschi. Putin, se mai si è fidato, dopo l’Ucraina 2014, non si fida certamente più dei franco-tedeschi: ma nonostante questo, quando (Grecia 2015) ha avuto effettivamente modo di staccare la spina dell’euro così come la conosciamo, ha deciso di non farlo. Varie possono essere state le motivazioni; sicuramente alla base vi è stato l’interesse russo, per il quale Putin, che non è affatto un eurasiano, ma un nazionalista “cristiano ortodosso”, ha però dovuto sacrificare i “fratelli ortodossi greci”, lasciandoli ancora sotto il totalitarismo tecno-finanziario di Parigi e Francoforte. Ma il calcolo strategico che han fatto al Cremlino è più sottile; persa la fortezza spirituale di Roma cattolica, ormai obnubilata essa stessa dai nuovi mantra del mondialismo, della tecnocrazia trans-umana e dell’omosessismo, delle teorie gender e dei diritti senza misura e confine, i popoli europei andrebbero perdendo, giorno per giorno, la capacità di resistenza, la volontà audace di concepire un nuovo sviluppo autonomo. La forza europea deriva in realtà, quasi del tutto, per il putinismo, dal protettorato militare del globalismo americano. Il ciclo epocale europeo sarebbe agli sgoccioli; anzi, nella visione putiniana, sarebbe già finito. Putin una volta ha detto pubblicamente, rivolgendosi al popolo francese, che l’Unione Europea venera Satana al posto del Cristo!  Il ciclo russo, invece, starebbe nascendo ora. Gli slavi sono i popoli del futuro, sarebbero un popolo giovane a cui appartiene il domani. Dunque questo è il momento, per Mosca, della ritirata strategica.
Complesso e centrale il rapporto Putin Usa. Dopo la conquista russa della Crimea, i vertici militari e di intelligence statunitensi avrebbero imposto a Obama il non intervento e la politica delle sanzioni; Obama era smanioso di intervenire contro i russi, con la prima linea assicurata dai combattivi nazionalisti polacchi, dai baltici, dai ceceni salafiti anti-Kadyrov, dai nazisti croati, da georgiani, slovacchi e da vari volontari dell’estrema destra internazionale, ottimi tiratori, che stavano arrivando soprattutto dal Nord Europa. La CIA comprese che alla lunga tenere a bada questo fronte islamico-nazista russofobo sarebbe stato assai problematico e mentre l’ “Europa” ha sostenuto su tutta la linea i nazisti antirussi (con l’entusiasmo del PD italiano, della Bonino, di Napolitano, e della Boldrini, tutti fieramente russofobi, sebbene oggi sembrino scoprire l’antifascismo in vista delle elezioni), nel giugno 2015 il Congresso USA ha stoppato con atto di forza la vendita di armi al battaglione Azov che era in avanzata territoriale, integrato comunque nell’esercito ucraino.  
Sebbene fosse scorretto parlare in generale di nuova Yalta russo-americana, in quanto i liberal obamiani ed anche i repubblicani alla Mc Cain erano concretamente per un qualche intervento antirusso, e rimangono, sul piano internazionale, primariamente russofobi e antiputiniani (ben prima che anticinesi o anti-Isis), dopo la Crimea si è verificata, sino al giorno dell’elezione di Trump, paradossalmente una sostanziale distensione tra Usa e Russia. Questo grazie alle forze armate americane, che temevano o comunque non escludevano una escalation putinista su Kiev da un lato; il fronte nazi-islamico dall’altro. In tal senso, avendo fatto tesoro della reazione militare USA dopo il test crimeano, Putin mira strategicamente ad una sorta di appeaseament con le fazioni conservatrici americane e con talune correnti militari, le uniche forze statunitensi con cui gli è possibile un dialogo. Tale appeasement gli garantirebbe la totale inoffensività europea, in primo luogo, dato che gli europei — senza il protettorato USA — sarebbero truppe semicoloniali (ed in parte già lo sono, come si vede a Parigi e seppure in parte minore a Berlino [3]; in secondo luogo, ove un repubblicanesimo populista alla Trump mettesse solide radici nella società statunitense, Putin potrebbe stringere con questa fazione “populista” americana un blocco strategico contro quello che i consiglieri dello zar vedono a ragione come il principale, incombente, nemico del popolo russo: Pechino. La Cina, peraltro, potrebbe portare alla propria causa i liberal americanisti e gli europeisti.   
I nemici, i nuovi nemici, battono quindi alle porte: Pechino da un lato, come detto, l’Islam russofobo dall’altro, con cui Putin ha già in parte regolato i conti, dalla Cecenia alla Siria, mentre predilige l’Islam filorusso rispetto allo stesso cattolicesimo modernista e secolarizzato. In questa visione, per il Patriarcato moscovita, Roma cattolica avrebbe un significato strategico, simbolicamente il più potente; alzata bandiera bianca, di fronte della avanzata laicista risorgimentale culminata con il Concilio Vaticano II con il suo confuso “ecumenismo”, ormai altro non potrebbe fare che lasciare alla Terza Roma il testimone del fuoco cristiano originario [4].
 Infine, la guerra intestina tra fazioni dominanti ebraiche in cui ci troviamo è tipica di uno scenario da guerra mondiale: le ricostruzioni del conflitto che vide opporsi, negli Anni Quaranta del ‘900, le correnti del “nazionalismo socialista ebraico” ultrasionista (niente affatto minoritarie all’interno dello stesso fronte sionista mondiale)  a quelle globaliste ed americaniste sono assai note perché ci si debba tornare sopra. Oggi, la vittoria di Trump e del populismo in USA ha denudato e svelato l’autentica sostanza della posta in gioco e degli schieramenti:  da un lato c’è il potere mondialista finanziario degli Attali, dei Soros, dei Rotschild e dei loro giornalisti prezzolati e militanti (B. Henry Levy, F. Colombo, G. Lerner, Ferrara, non Mieli naturalmente, che è ben più intelligente e aperto di tutti costoro), dei loro camerieri politici (Obama, Merkel, Macron, Renzi, Bonino): questo fronte autenticamente globalista-mondialista è, ancor prima che americanista, antislavo, russofobo, in quanto caduta Roma cattolica, l’unico baluardo catechontico Occidentale cristiano sarebbe Mosca Terza Roma. Per questo da sopprimere. L’Islam in fondo non costituirebbe una minaccia, per il settarismo religioso e politico di fondo. L’ala liberal e mondialista vuole anzitutto regolare i conti con il Cremlino, anche mettendosi a fianco, se necessario, come si è visto, dei nazisti ucraini e dei salafiti ceceni o mediorientali. La Russia sarebbe così, caduta Roma cattolica, il vero Occidente cristiano: una conferma a latere, o in antitesi dialettica, fornita dalla prassi mondialista al putinismo ortodosso che si autorappresenta come tutore della cristianità universale. Il globalismo, secondo la visione del patriarcato di Mosca, inizierebbe con il sacrificio del popolo serbo durante la guerra jugoslava (1991-2000). Le micidiali bombe sui serbi – cristiani ortodossi – di Bosnia prima, di Belgrado poi, sarebbero state il battesimo satanico del globalismo euroamericano anticristiano, nichilista. Nella visione del Patriarcato, il globalismo euroamericani stico punterebbe su Mosca con la rivoluzione colorata e con l’omosessismo demoliberale. La Terza Roma sarebbe così sotto assedio mondiale, secondo la stessa visione dell’archimandrita Tichon, confessore spirituale dello zar Putin. Il concetto di Democrazia sovrana e organica, bandito dal Cremlino in antitesi a quello che viene bollato dagli ideologi putiniani come come “totalitarismo liberale omosessista e massonico d’Europa”, per quanto possa certamente non piacere a chi è orientato in senso socialista, riserva comunque allo zar un consenso popolare che i governanti e i banchieri europei si sognano.
L’Europa ateistica e scristianizzata è, per il tradizionalismo cristiano-ortodosso, la strategia ideologica globalista. L’europeismo del razionalismo neo-Illuminista, dei diritti individuali contro Dio e della scienza totalitaria in versione Tecnologica sovversiva è stato il continuo mantra globalista, tutto sommato raggiunto ma proprio ora sotto forte attacco, al punto che la stessa Francia si va riscoprendo protezionistica.  
Dall’altro, c’è il neosocialismo sionista (tale almeno secondo la propaganda della Destra israeliana) che ha spinto avanti Trump e la Brexit e molto vicino a Visegrad. Il partito russo,nemico strategico del globalismo, è come detto non ostile al secondo blocco, anzi assai vicino ad Israele. Due fazioni, centrali, in lotta, nella partita della turbo finanza e del capitalismo mondiale. Nella prospettiva dell’offensiva mondiale imperialista cinese, assai temuto dal nazionalismo russo del Cremlino, nella logica del conflitto a-simmetrico che si potrebbe aprire, non sarebbe peregrina l’ipotesi di una saldatura strategica tra i globalismi alla Soros, l’Unione Europea e l’imperialismo cinese e tra il Cristianesimo di stato russo e il nazionalismo sionista. Lo stesso piano governativo di acquisizione di nuovi armamenti, presentato da Dimitri Rogozin, secondo cui è previsto il rinnovo del 70% degli equipaggiamenti militari russi entro il 2021, basato sui nuovi sistemi: missile antimissile S-500, carro armato T-90 A (che in Siria ha resistito a un missile perforante americano TOW), carro da battaglia T-14 Armata, e sulla portaerei doppiamente rafforzata Progetto Shtorm, caccia SU-57 (superiore ai vari F-16 F-18 americani), è più da leggere a nostro avviso in ottica anticinese che antiamericana. 
L’americanismo, di fronte a tale probabile novità strategica — nei prossimi anni —  basato sulla conflittualità calda russo-sinica,  scioglierebbe il nodo strategico risolvendosi o in interventismo antirusso o in neo-patriottismo isolazionista o nel grave rischio che grava ormai sugli USA, quello di una sorta di guerra interna su base etnica. La via della nuova Yalta potrebbe essere proprio quella del blocco Usa-Cina. Il nuovo programma di riarmo del Pentagono, presentato il 2 febbraio, è da leggere infatti  come una sfida strategica alla Russia, non alla Cina. 
Il fatto che Putin abbia riscoperto una vocazione mediterranea della Russia e si ponga come il supremo difensore dell’Occidente cristiano, missione rinnegata da Europa e USA, mostra che è ben conscio del pericolo.


NOTE

[1] In più casi (ad esempio 13 giugno 2013) Vladimir Putin, dando voce al perenne complottismo antisemita della chiesa ortodossa russa, ha definito il governo sovietico come composto all’80% da elementi israeliti che avrebbero voluto estirpareil cristianesimo dalla storia russa; al tempo stesso però, i manuali scolastici riabilitano come patriottico e “non ideologico” (nel senso di non comunista), l’ultimo periodo dello Stalinismo (1941-1953), quello in cui il restaurato nazionalismo grande-russo e panslavista fece coppia con significative purghe antiebraiche e con il supporto, fondamentale e decisivo, al nascente Stato d’Israele. La visione di Putin sull’ebraismo, pare di capire, è estratta dalla lettura del pensiero di Solzenicyn sul tema, raccolto nel saggio “Due Secoli insieme” il cui secondo volume è specifico su “Ebrei e russi durante il periodo sovietico” ed in parte sui “Discorsi Americani”, “ Lettera al patriarca” e “Lettera ai dirigenti dell’URSS”.

[2] Il 7 febbraio 2018, in Siria, verso le 22 iniziava l’attacco americano contro “mercenari” russi della compagnia privata Wagner di Mosca; questi ultimi avrebbero puntato ad impadronirsi della grande raffineria “Coneco”, degli oleodotti vicini e dei pozzi petroliferi e e di gas che sono la grande ricchezza di Deir-ez-Zor. Le fonti parlano di una stima che arriva addirittura a 200 morti russi. I reparti militari del PKK curdo (YPG) svolgono da sempre, in luogo, la funzione di truppe fedeli e mercenarie degli USA. Le cronache internazionali affermano che una fase così intensa di scontro diretto tra USA e Russia andrebbe anche oltre il periodo della cosiddetta “guerra fredda”.

[3] Il settimanale “Valeurs Actuelles” ha pubblicato a metà febbraio 2018 una inchiesta choc sulla Sostituzione etnica e religiosa di interi quartieri del centro parigino. Nelle immense banlieus, come noto, i francesi non possono entrare da anni. Ma la piega si sta radicalizzando anche nel centro della capitale francese: i nuovi “padroni” — africani, cinesi, arabi — assumono ed affittano solo ad altri della loro etnia e religione, escludendo deliberatamente i francesi.

[4] Nonostante la chiara formulazione della Costituzione, la legge federale russa e la prassi degli anni di putinismo ricostituiscono un sistema opposto a quello dello stato laico, ben orientato verso un “confessionalismo ortodosso” per quanto improprio o incompleto (si pensi al diritto penale o familiare); significativo che la gran parte di leggi federali, in materia di “libertà religiosa”, siano più “intolleranti” verso il protestantesimo ed il cattolicesimo “ecumenista” (assai disprezzato e deriso dal patriarcato di Mosca) che verso le altre religioni. Al riguardo, si deve segnalare la frequente presenza dei governanti russi alle cerimonie di carattere religioso. Putin ha sempre posto al centro della vita sociale la presenza della Chiesa ortodossa, affermando, ad esempio, nel corso della sua visita all’Athos che la “Russia è la più grande potenza ortodossa del mondo” e stimando i cristiani ortodossi russi in circa 140 milioni di anime, vale a dire circa il 90% della popolazione, forse lievemente eccessivo come calcolo. Putin si ripropone nel solco della tradizione zarista come “supremo difensore” (zascitnik) e custode (chranitel’) della Tradizione ortodossa e come fedele tutore (bljustitel’) dell’Ortodossia.



Print Friendly and PDF

6 commenti:

  • Barbaro D'Urso scrive:
    4 marzo 2018 00:22

    Mah...

    Un lungo scritto pieno di fumose impostazioni "spiritualiste", che pretende di mescolare come in un frullato elementi di strategia militare, politica commerciale, storia, antropologia culturale, filosofia, religione. E senza chiarire un bel niente su nessuno di questi punti. Anzi, chi leggesse un pezzo del genere senza un minimo di retroterra su qualcuno di questi argomenti rischierebbe, ammesso che riesca ad andare oltre le prime dieci righe, di assorbire tante e tali assurdità da averne viziata la prospettiva in futuro. Chi ha un minimo di cognizione e d'esperienza sui paesi in ballo, invece, potrebbe elencare le decine e decine di fumisterie qui esposte. Ma lasciamo proprio stare...

    L'impostazione generale di questo pezzo sembra essere quella di una chiave di lettura estremamente reazionaria e ben poco "materialista", sia in qualsiasi possibile senso marxiano che in quello più spiccio di "cose che esistono davvero". È pur vero che gli analisti seri e competenti in queste materie sono pochissimi, si fanno pagare fior di quattrini e i loro clienti o datori di lavoro sono grandi governi e megafondazioni tipo RAND e via dicendo.

    Detto questo, due considerazioni al volo sulla Russia e su Putin. La cultura "popolare" russa non è affatto quello che l'autore descrive, cioè un revival irresistibile della religiosità ortodossa (e che lui descrive come un idillio). Oggi, il modo di vivere e di pensare della stragrande maggioranza dei russi è in tutto e per tutto assimilabile a quello di qualsiasi altro paese dell'Europa orientale uscito da quarant'anni di "socialismo reale" e rapidamente riadattato in forme predatorie spesso molto violente al capitalismo globalizzato del tardo ventesimo secolo-inizio ventunesimo secolo. L'unica differenza è che, avendo ereditato l'arsenale nucleare sovietico, la Russia ha un'arma e allo stesso tempo uno scudo che le permette di giocare un ruolo che altrimenti sarebbe ben al di sopra delle sue possibilità. L'economia russa è un cesso e il suo PIL, ad oggi, è più o meno uguale a quello della Spagna. Se in tutto questo ci scappa qualche bastonata qua e là agli USA, ben venga!

    Una cosa, poi, è certa. Nonostante sanzioni di qua e sanzioni di là, i miliardi dei merdosi oligarchi - pro o anti-Putin, non si va per il sottile - sono i benvenuti in tutte le piazze finanziarie (e di riciclaggio) occidentali. Tutto denaro frutto di enormi rapine ultratrentennali di ciò che rimaneva dell'economia sovietica, che ora contribuisce a pompare gli indici di borsa e i bilanci delle private banks di Londra, Parigi, New York, Zurigo, Francoforte...

    Putin: negli ultimi anni, molti destri in occidente se lo fanno venire duro al pensiero di questa figura. Decisionista, leaderista, duro, macho. Ovviamente molto diverso rispetto a tutti i pupazzi alquanto ridicoli che girano per i palazzi occidentali. Lui, divertito, ne invita pure qualcuno a Mosca, magari gli scuce un po' di soldi e così "trolla" questo o quel paese. Ma niente di più. Quando piuttosto i Cinesi, gli Indiani e i monarchi del Golfo cominceranno ad aprire veramente i portafogli, allora sì che ne vedremo delle belle!

  • Anonimo scrive:
    4 marzo 2018 11:45

    Per Barbaro D'Urso

    La corporation RAND è inaffidabile e serve varie fondazioni, quindi non considerabile per analisi serie. DEFENSE NEWS buon livello invece.
    Il miglior modo per comprendere la russia è però frequentare russi e russe e parlarc a fondo; nel 1941 pareva morta e sepolta la religione ortodossa ma se Stalin non avesse l'alleanza totale con Ortodossia Nazionalità, la russia era fottuta. Oggi, visto che parli di armi e esercito come punta di diamante del regime, i soldati non possono partire - secondo la Legge federale - se non c'è la benedizione del pope ortodosso. Tutti sanno in Russia che Putin prende le più importanti decisioni sotto consiglio di due o tre suoi confessori spirituali. Sarà spiritualismo? Ma se è così perchè negarlo?

  • Anonimo scrive:
    4 marzo 2018 12:44

    Barbara fumose son le esternazioni teleguidate dai liberali e dai gay europei di voi occidentali sulla Russia, sacra e religiosa dalla origini della nostra storia. La monarchia sacra, secoli di storia bizantina e russa son la nostra leggenda e tradizione e la Chiesa ortodossa che ha resistito a secoli di attacchi occidentali e di sofferenza sta al suo posto, e se lo merita. Anche il Partito comunista russo attuale è prima ortodosso e cristiano, poi socialista, se non fa così non lo considererebbe nessuno, nemmeno gli atei russi credimi....

  • Anonimo scrive:
    4 marzo 2018 13:02

    Le analisi e gli istituti di ricerca su cui si basa Barbaro per la sua presunta conoscenza della Russia son questi:
    https://www.wired.it/attualita/politica/2018/03/02/elezioni-russia-italia-facebook/

  • Anonimo scrive:
    5 marzo 2018 12:56

    Carissimo D'Urso,

    premesso che c'è sempre chi è migliore di noi e qualcuno da cui occorre imparare, (Lei stesso per primo le sono grato per l'intervento), Le vorrei però ricordare che - piuttosto che l'equivoco, controverso e assai commerciale Rand, che ai poveri cristi porterà via pure un mucchio di soldi, ma non azzecca una previsione strategica, da 1 anno..., che sia una anche quando ne mette assieme al contempo 5 più 1 ipotesi di strategia(https://www.rand.org/blog/2017/04/five-dead-ends-and-one-risky-opportunity-when-trump.html) - sono usciti tre fondamentali studi nel 2017 sulla Russia (The Future Is History di Masha Gessen, The Long Hangover di Walker, Lost Kingdom di Plokhy), che Lei forse non ha letto, da cui ho tentato di prendere spunto. Per quanto siano fumose le argomentazioni, si notano chiaramente tre concetti fondamentali. Visto che lei è riuscito a superare le prime dieci righe, su quello avrebbe dovuto entrare nel merito ma ahimè...non lo ha fatto. 1) L'Ortodossia fornisce allo stato putinista una sorta di aura di sacralità, che è comunque, ci piaccia o meno, è fondamentale per il consenso del popolo russo (il Patriarcato ha riformulato con la nuova Dottrina sociale il concetto di Popolo russo) verso la Democrazia sovrana del Cremlino. Chi ha il potere politico a Mosca ha anche il potere economico, vero; ma è antitetico questo modello a quanto avviene in Europa o America, dove chi ha il potere finanziario ha quello economico e poi politico. Lo deve riconoscere se obiettivo. 2) Il legame RussoIsraeliano è STRATEGICO, non tattico. 3) Il Nazionalismo "ortodosso" di Putin potrebbe essere aggredito da una nuova Yalta sinoamericana.  In particolare da un'alleanza tra fazioni ebraiche liberal euroamericane (nient'affatto filoisraeliane, tutt'altro) e capitalismo cinese. 
    Questi i punti che avrebbe dovuto saper leggere. Grazie ancora. F.f.

  • da sputnik scrive:
    5 marzo 2018 17:11

    https://it.sputniknews.com/mondo/201803055733359-siria-israele-in-contatto-con-russia-per-ritiro-truppe-sciiter/?utm_source=https://t.co/SbN8vuqLaO&utm_medium=short_url&utm_content=gTxN&utm_campaign=URL_shortening

LA PAGINA FACEBOOK DEL MOVIMENTO POPOLARE DI LIBERAZIONE - P101

LA PAGINA FACEBOOK DI SOLLEVAZIONE

Lettori fissi di SOLLEVAZIONE

Temi

Unione europea (799) euro (734) crisi (627) economia (545) sinistra (483) finanza (265) Movimento Popolare di Liberazione (243) M5S (240) grecia (237) sfascio politico (235) elezioni (226) resistenza (224) teoria politica (219) banche (204) imperialismo (201) internazionale (199) Leonardo Mazzei (187) P101 (186) risveglio sociale (184) sovranità nazionale (182) alternativa (168) Moreno Pasquinelli (167) seconda repubblica (167) Syriza (151) Tsipras (145) Matteo Renzi (127) debito pubblico (117) antimperialismo (116) marxismo (106) PD (105) sovranità monetaria (105) democrazia (104) spagna (102) destra (101) sollevazione (99) costituzione (97) Grillo (94) elezioni 2018 (93) neoliberismo (93) berlusconismo (91) proletariato (91) Francia (88) filosofia (86) islam (85) piemme (82) austerità (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) Emiliano Brancaccio (77) Germania (76) programma 101 (76) Stati Uniti D'America (74) referendum costituzionale 2016 (74) populismo (73) sindacato (73) Mario Monti (71) Stefano Fassina (70) bce (70) Alberto Bagnai (69) immigrazione (69) Carlo Formenti (66) capitalismo (66) guerra (66) sinistra anti-nazionale (66) Podemos (64) Libia (63) capitalismo casinò (61) Rivoluzione Democratica (59) Medio oriente (58) globalizzazione (58) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (57) bancocrazia (56) rifondazione (55) CLN (54) Sergio Cesaratto (54) Sicilia (54) Siria (54) geopolitica (53) Alexis Tsipras (51) Lega Nord (51) cinque stelle (51) referendum (51) socialismo (51) Movimento dei forconi (49) immigrati (49) fiat (48) legge elettorale (48) sovranità popolare (48) Alitalia (47) Pablo Iglesias (47) campo antimperialista (46) sinistra sovranista (46) Nichi Vendola (45) renzismo (45) sovranismo (45) Beppe Grillo (44) Emmezeta (43) Russia (43) Troika (43) astensionismo (43) inchiesta (43) neofascismo (43) moneta (42) Matteo Salvini (41) Yanis Varoufakis (41) solidarietà (41) brexit (40) Diego Fusaro (39) proteste operaie (38) Fiorenzo Fraioli (37) italicum (37) liberismo (37) sionismo (37) Lega (36) Luciano Barra Caracciolo (36) Mario Draghi (36) Mimmo Porcaro (36) Marine Le Pen (35) Ugo Boghetta (35) immigrazione sostenibile (35) palestina (35) III. Forum internazionale no-euro (34) egitto (34) fiscal compact (34) Israele (33) Manolo Monereo (33) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) Giorgio Cremaschi (32) ISIS (32) default (32) fiom (32) Forum europeo 2016 (31) Sandokan (31) Sel (31) Ucraina (31) governo Renzi (31) populismo di sinistra (31) unità anticapitalisa (31) Merkel (30) Luigi Di Maio (28) eurostop (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Karl Marx (27) islamofobia (27) menzogne di stato (27) nazione (27) xenofobia (27) catalogna (26) silvio berlusconi (26) Beppe De Santis (25) Forum europeo (25) Nello de Bellis (25) elezioni siciliane 2017 (25) Europa (24) Aldo Giannuli (23) Donald Trump (23) Stato di diritto (23) ecologia (23) ora-costituente (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Quantitative easing (22) USA (22) finanziarizzazione (22) nazionalismi (22) Chianciano Terme (21) Fabio Frati (21) Front National (21) Lavoro (21) Simone Boemio (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Unità Popolare (21) patriottismo (21) scuola (21) Marcia della Dignità (20) Nato (20) etica (20) nazionalizzazione (20) repressione (20) scienza (20) uscita dall'euro (20) Governo giallo-verde (19) Laikí Enótita (19) Movimento 5 Stelle (19) Regno Unito (19) Roma (19) Sicilia Libera e Sovrana (19) Tunisia (19) cina (19) fronte popolare (19) iraq (19) keynes (19) religione (19) Izquierda Unida (18) Noi siciliani con Busalacchi (18) pace (18) Assisi (17) Costanzo Preve (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Mariano Ferro (17) Pier Carlo Padoan (17) Putin (17) Venezuela (17) euro-germania (17) iran (17) razzismo (17) storia (17) Emmanuel Macron (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Jacques Sapir (16) Marco Mori (16) Norberto Fragiacomo (16) Tonguessy (16) Vladimiro Giacchè (16) antifascismo (16) ballottaggi (16) coordinamento no-euro europeo (16) melenchon (16) vendola (16) Donbass (15) International no euro forum (15) Luciano B. Caracciolo (15) Prc (15) Renzi (15) casa pound (15) emigrazione (15) indipendenza (15) nazionalismo (15) piattaforma eurostop (15) 15 ottobre (14) Brancaccio (14) Cremaschi (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Monte dei Paschi (14) Stato Islamico (14) Vincenzo Baldassarri (14) obama (14) salerno (14) sciopero (14) Bersani (13) Chavez (13) Jobs act (13) MMT (13) Marino Badiale (13) Perugia (13) Virginia Raggi (13) acciaierie Terni (13) ambiente (13) disoccupazione (13) finanziaria (13) lotta di classe (13) tecnoscienza (13) umbria (13) Alitalia all'Italia (12) D'alema (12) Enrico Grazzini (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Negri (12) complottismo (12) cosmopolitismo (12) decreto salva-banche (12) internazionalismo (12) internet (12) piano B (12) senso comune (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) De Magistris (11) Gennaro Zezza (11) Reddito di cittadinanza (11) Turchia (11) Wilhelm Langthaler (11) chiesa (11) comunismo (11) corruzione (11) cultura (11) de-globalizzazione (11) iniziative (11) keynesismo (11) media (11) ordoliberismo (11) salari (11) sinistra Italiana (11) unione bancaria (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Daniela Di Marco (10) Def (10) Esm (10) Fmi (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Marco Passarella (10) Marco Zanni (10) Mauro Pasquinelli (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Quirinale (10) Salvini (10) Terni (10) appello (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) golpe (10) povertà (10) presidenzialismo (10) sindacalismo di base (10) tasse (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Bernie Sanders (9) Campagna eurostop (9) Costas Lapavitsas (9) Dicotomia (9) Domenico Moro (9) Fausto Bertinotti (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Lista del Popolo (9) Paolo Ferrero (9) Papa Francesco (9) Portogallo (9) Risorgimento Socialista (9) Stefano D'Andrea (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wolfgang Schaeuble (9) analisi politica (9) bail-in (9) diritti civili (9) diritto (9) europeismo (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) George Soros (8) Giulietto Chiesa (8) Goracci (8) II assemblea della CLN (1-3 settembre) (8) Ilva (8) Ingroia (8) Italia Ribelle e Sovrana (8) Mirafiori (8) Paolo Barnard (8) Paolo Savona (8) Sergio Mattarella (8) Yanis Varoufakys (8) borsa (8) classi sociali (8) deficit (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) grexit (8) inflazione (8) liberalismo (8) lira (8) manifestazione (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) nuovo movimento politico (8) privatizzazioni (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) sociologia (8) svalutazione (8) trasporto aereo (8) unità anticapitalista (8) vaccini (8) Alessandro Di Battista (7) Alternative für Deutschland (7) Argentina (7) Articolo 18 (7) CUB (7) Claudio Borghi (7) Cub Trasporti (7) Foligno (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Je so' Pazzo (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Pil italiano (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) confederazione (7) cosmo-internazionalismo (7) debitocrazia (7) derivati (7) destra non euro (7) eurocrack (7) incontri (7) nazismo (7) necrologi (7) proteste (7) questione nazionale (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) tecnologie (7) trasporto pubblico (7) Alessandro Visalli (6) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Dino Greco (6) Eugenio Scalfari (6) Flat tax (6) France Insoumise (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Giuseppe Angiuli (6) Gran Bretagna (6) Lenin (6) M.AR.S. (6) Maduro (6) Massimo Bontempelli (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Pisapia (6) Polonia (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Sandro Arcais (6) Stato (6) Stato nazione (6) Teoria Monetaria Moderna (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) autodeterminazione dei popoli (6) automazione (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) crisi di governo (6) facebook (6) fascismo (6) fisco (6) governo Gentiloni (6) il pedante (6) incontro internazionale (6) la variante populista (6) liberosambismo (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) populismo democratico (6) potere al popolo (6) rivolta (6) suicidi (6) suicidi economici (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) Alberto Negri (5) Aldo Zanchetta (5) Anguita (5) Assad (5) Carl Schmitt (5) Dario Guarascio (5) Dimitris Mitropoulos (5) Eos (5) Federalismo (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Forza Italia (5) Franco Bartolomei (5) Franco Busalacchi (5) Fratelli d'Italia (5) Genova (5) Giancarlo D'Andrea (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Luca Massimo Climati (5) Militant-blog (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Npl (5) Pardem (5) Parigi (5) Partito tedesco (5) Pcl (5) Rete dei Comunisti (5) Riccardo Achilli (5) Romano Prodi (5) Rosatellum 2 (5) Seconda Assemblea P101 (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato di Polizia (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) Wolfgang Munchau (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) giovani (5) governo (5) ideologia (5) il manifesto (5) jihadismo (5) laicismo (5) medicina (5) migranti (5) pomigliano (5) rifugiati politici (5) salvinismo (5) tremonti (5) ALBA (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Angelo Panebianco (4) Anna Falcone (4) Antonio Ingroia (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Corea del Nord (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Frente civico (4) GIAPPONE (4) Giorgia Meloni (4) Giuliano Pisapia (4) Giulio Regeni (4) Imu (4) Jacques Nikonoff (4) Jeremy Corbyn (4) Joseph Stiglitz (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi De Magistris (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Macron (4) Marcello Teti (4) Marx (4) Mattarella (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Noi sicialiani con Busalacchi (4) Oscar Lafontaine (4) Paolo Gerbaudo (4) Papa Bergoglio (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) USB (4) Ungheria (4) Varoufakis (4) Viktor Orban (4) Vladimiro Giacché (4) Xarxa Socialisme 21 (4) Xi Jinping (4) agricoltura (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) bankitalia (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianesimo (4) cristianismo (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) donna (4) elezioni 2017 (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) informatica (4) intelligenza artificiale (4) irisbus (4) irlanda (4) italia (4) ius soli (4) legge di stabilità 2017 (4) massimo fini (4) mediterraneo (4) moneta fiscale (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) questione femminile (4) risparmio (4) seminario (4) spending review (4) spesa pubblica (4) tecnica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) xylella (4) 19 ottobre (3) Africa (3) Alavanos (3) Albert Einstein (3) Alessandro Chiavacci (3) Alessia Vignali (3) Alfiero Grandi (3) America latina (3) Antonio Amoroso (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Bloco de Esquerda. (3) Cerveteri Libera (3) Cia (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) EDWARD SNOWDEN (3) Eleonora Forenza (3) Emanuele Severino (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) Fronte Sovranista Italiano (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giuseppe Pelazza (3) Goofynomics (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jens Weidmann (3) Jugoslavia (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Martin Heidegger (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Modern Money Theory (3) Moldavia (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Paola De Pin (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Thomas Fazi (3) Toni negri (3) Ugo Arrigo (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Visco (3) Yemen (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) austria (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) decreto vaccini (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) divorzio banca d'Italia Tesoro (3) dollaro (3) donne (3) economia sociale di mercato (3) forza nuova (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) legge del valore (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) occidente (3) oligarchia (3) partito (3) partito democratico (3) primarie (3) proteste agricoltori (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) robotica (3) sanità (3) sardegna (3) saviano (3) senato (3) sme (3) socialdemocrazia (3) sovranità e costituzione (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trattati europei (3) tv (3) università (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Ahmadinejad (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Amando Siri (2) Angelo Salento (2) Antonella Stirati (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Gramsci (2) Antonio Rinaldi (2) Arabia saudita (2) Arditi del Popolo (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Certificati di Credito Fiscale (2) Cgia Mestre (2) Chantal Mouffe (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Claudia Castangia (2) Colonialismo (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dani Rodrik (2) De Bortoli (2) Der Spiegel (2) Die Linke (2) Diem25 (2) Diosdado Toledano (2) Don Giancarlo Formenton (2) Dugin (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Emilia Clementi (2) Emiliano Gioia (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) Ernesto Laclau (2) Ettore Livini (2) Eurasia (2) F.List (2) F.f (2) Fausto Sorini (2) Federico Fubini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Forum Popoli Mediterranei (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Generale Pappalardo (2) Gentiloni (2) Giada Boncompagni (2) Giancarlo Cancelleri (2) Giorgio Gattei (2) Giuliano Amato (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Grottaminarda (2) Guido Grossi (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hezbollah (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Italia Ribelle (2) Iugend Rettet (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Minenna (2) Marchionne (2) Maria Elena Boschi (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Tronti (2) Mario Volpi (2) Mark Zuckerberg (2) Marocco (2) Massimo PIvetti (2) Michele Serra (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Mélenchon (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Netanyahu (2) Nicaragua (2) Oriana Fallaci (2) Ostia (2) Palermo (2) Paolo Becchi (2) Paolo Maddalena (2) Papa (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Piano di eradicazione degli ulivi (2) Pier Paolo Dal Monte (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Portella della Ginesta (2) Preve (2) Quarto Polo (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Regioni autonome (2) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Ruggeri (2) Riscossa Italia (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Ryan air (2) SPD (2) STX (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Schumpeter (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) agricoltura biologica (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) animalismo (2) antisemitismo (2) banche venete (2) biotecnocrazia (2) blocco sociale (2) bontempelli (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) clausole di salvaguardia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) comunicazione (2) curdi (2) deregulation (2) domenico gallo (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) eugenetica (2) euroasiatismo (2) expo (2) export (2) fabrizio Marchi (2) fecondazione eterologa (2) fincantieri (2) fine del lavoro (2) frontiere (2) genetica (2) gennaro Migliore (2) giornalismo (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) intimperialismo (2) isu sanguinis (2) libano (2) libertà di pensiero (2) maidan (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) patto politico (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proporzionale (2) psicanalisi (2) razionalismo (2) reddito di base (2) riformismo (2) rivoluzione russa (2) rivoluzione socialista (2) rossobrunismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sinistra patriottica (2) social media (2) società (2) sondaggi (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) terzo polo (2) transumano (2) ulivi (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 25 aprile 2018 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 8 settembre (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amazon (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Andrew Spannaus (1) Angela Matteucci (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Anthony Coughlan (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Armando Siri (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Blade Runner 2049 (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Britannia (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) CNL (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Caritas (1) Carlo Candi (1) Carlo Clericetti (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Cascina Raticosa (1) Casini (1) Cassazione (1) Catarina Martins (1) Cekia (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christian Napolitano (1) Christian Rocca (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Corte Europea sui diritti dell'uomo (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dagospia (1) Dan Glazebrook (1) Daniela Conti (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Masi (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dimitris Christoulias (1) Dio (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emma Bonino (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrica Perucchietti (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Erasmo vecchio (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Cococcetta (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Gotti Tedeschi (1) Eugenio Scalgari (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Florian Philippot (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Foro di Sao Paulo (1) Forum Ambrosetti (1) Forum dei Popoli Mediterranei (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabanelli (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Bergamini (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giorgetti (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni De Cristina (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Schiavon (1) Giovanni Tomei (1) Giovanni di Cristina (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Bonali (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tarro (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Google (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Lutrario (1) Günther Anders (1) HSBC (1) Hainer Flassbeck (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IPHONE (1) IRiS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) Inge Höger (1) Intellettuale dissidente (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jason Barker (1) Je so' Pazz' (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) John Pilger (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugend Rettet (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kemi Seba (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kosovo (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Grassa (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge 194 (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Riboli (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Lorenzo Fioramonti (1) Loris Caruso (1) Luca Donadel (1) Luca Pagni (1) Lucarelli (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luigi Zingales (1) Luka Mesec (1) M. Micaela Bartolucci (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rizzo (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Marcuse (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mark Rutte (1) Maroni (1) Marta Fana (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Gramellini (1) Massimo Recalcati (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Mdp (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michelangelo Vasta (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Microsoft (1) Mihaly Kholtay (1) Militant (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Mladic (1) Mohamed bin Salman (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moscovici (1) Moshe Ya’alon (1) Moves (1) Movimento 77 (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Nancy Fraser (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) New York Times (1) Nicky Hager (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noelle Neumann (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) Nsa (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omnium (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Open Society Foundations (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) P01 (1) PCE (1) PCdI (1) PIANESI MARIO (1) POSSIBILE (1) PRISM (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Di Martino (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito comunista (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul De Grauwe (1) Per una sinistra rivoluzionaria (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Francesco Zarcone (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Attinasi (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) René Girard (1) Report (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rino Formica (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Ferretti (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rosatellum (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) SiAMO (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Slavoj Zizek (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Stefano Zecchinelli (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Tribunale dell'Aia (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ugo Mattei (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolfgang Streeck (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zaia (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zecchinelli (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) Zygmunt Bauman (1) aborto (1) accise (1) adozioni (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antispecismo (1) antropocene (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) armi (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bilancia dei pagamenti (1) bioetica (1) biologia (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bomba atomica (1) bonapartismo (1) brigantaggio (1) bullismo (1) calcio (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) cyborg (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) dracma (1) ebraismo (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) embraco (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fake news (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) femminismo (1) fiducia (1) finan (1) finaza (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forme (1) freelancing (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) governo neutrale (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) illiberale (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) incendi (1) independent contractor (1) india (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) ius sanguinis (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge Madia (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) legge di stabilità 2018 (1) leva (1) lex monetae (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) liberi e uguali (1) linguaggio (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) massoneria (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercantilismo (1) mercato (1) militarismo (1) minibot (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) molestie (1) monetarismo (1) nascite (1) nazion (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) no vax (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) obiezione di coscienza (1) occupy wall street (1) oligarchia eurista (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) partito americano (1) pecchioli luigi (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) post-elezioni (1) post-operaismo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) qualunquismo (1) questione meridionale (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) recensioni (1) rete 28 Aprile (1) ricchezza (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) robot killer (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) seminario teorico (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra transgenica (1) smartphone (1) social forum (1) sondaggio demos (1) specismo (1) spionaggio (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supe-bolla (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) transumanismo (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)