lunedì 14 settembre 2015

ECCO IL PROGRAMMA DI UNITÀ POPOLARE (Laikí Enótita)

[ 14 settembre ]

Presentiamo ai lettori la traduzione in lingua italiana del programma di Unità Popolare, il nuovo movimento politico sorto dalla scissione di SYRIZA dopo la capitolazione di Tsipras.

Aiutateci a farlo circolare!

Come abbiamo già scritto, ad Unità Popolare hanno aderito i nostri compagni greci, quelli con cui abbiamo promosso il Forum internazionale svoltosi ad Atene del giugno scorso.


Un programma che nei suoi punti fondamentali, tra cui la riconquista della sovranità nazionale e la necessaria uscita dall'euro-prigione noi condividiamo e che risulta del tutto analogo alla proposta politica del Coordinamento europeo delle sinistre no-euro, nonché a quella di Ora-costituente.

Unità popolare si definisce un fronte il quale, pur nascendo da una costola della sinistra, si dichiara aperto ad altre identità politiche e culturali, a patto che siano decise nel difendere gli interessi del popolo lavoratore ed a rovesciare il regime di tirannia neoliberista. Ma non un fronte sgangherato, che agirà invece come soggetto politico unico, per quanto pluralistico al suo proprio interno.
Un esempio che si dovrebbe seguire anche in Italia.
Presentiamo dunque in anteprima questo programma i nostri lettori, nella speranza che su di esso si apra un dibattito, non accademico tuttavia, ma per verificare quanti siamo nel nostro Paese a volerci impegnare per dare vita ad un movimento politico di massa che proponga un'uscita da sinistra dall'euro.


IL PROGRAMMA DI UNITÀ POPOLARE (Laikí Enótita)
«Unità Popolare nasce dopo il massiccio “NO” del popolo greco al referendum del 5 luglio.

Al terrorismo delle forze dominanti nell’Unione Europea e in Grecia, una grande maggioranza sociale, con una forte presenza di giovani, ha opposto una genuina rivolta popolare.

La resistenza del popolo greco, una resistenza senza precedenti per durata e per carattere massiccio – soprattutto i primi due anni di imposizione dei memoranda - è un patrimonio prezioso per Unità Popolare. Il nostro partito è l’espressione della resistenza generalizzata contro il piano strategico d’imposizione di un’austerità permanente, di privazione di qualsiasi diritto del lavoro, accaparramento dei beni pubblici, smantellamento della democrazia e imposizione di un regime a sovranità limitata.

Non più di un mese dopo il “NO” del popolo greco al referendum, l’adozione del Terzo Memorandum ha causato uno scompiglio nel campo politico. L’équipe dirigente del governo, portata al governo dalle elezioni del 25 gennaio, ha brutalmente fatto a pezzi il contratto sociale che la legava alla maggioranza popolare, seminando desolazione e alimentando di nuovo la paura. Essa è passata sulla riva opposta, quella delle Forze dei Memoranda, bombardando i lavoratori e il ceto medio di nuove misure antipopolari. Questa inversione di tendenza ha permesso ai creditori di andare avanti di nuovo, con un colpo di Stato politico in violazione di qualsiasi nozione di sovranità popolare. Con il Terzo Memorandum, la sorveglianza internazionale diventa ancora più soffocante, l’esempio più evidente di questa umiliazione è la creazione del famoso «fondo», del Fondo incaricato di mettere sotto ipoteca i beni nazionali e la ricchezza sociale per generazioni intere.

Ma il Terzo Memorandum non è che l’inizio. All’ordine del giorno sono già scritti lo smantellamento completo del diritto del lavoro e delle relazioni professionali, una nuova riduzione, a livelli ridicoli, della pensione principale e della previdenza complementare, una razzia fiscale sui redditi degli agricoltori come anche degli strati sociali medio-bassi e tutta una serie di altre misure che saranno applicate nei prossimi mesi.

E’ per questa ragione, e per impedire la formazione di un fonte anti-memorandum di politica alternativa, che il governo è stato costretto a dimettersi e guidare il paese verso le elezioni anticipate. E’ il tentativo di monopolizzare il voto popolare, prima che il popolo possa informarsi e sperimenti, nella vita quotidiana e in tutta la loro estensione, gli effetti del Terzo memorandum. Questi tentativi godono del sostegno incondizionato dei dominanti d’Europa – Merkel, Junker, Moscovici, Dijsselbloem – i quali hanno fatto di tutto, da due mesi, per impedire che si eserciti il diritto di espressione democratica del popolo greco via referendum.

Nessuno può seriamente credere che queste misure, dalle conseguenze sociali catastrofiche, potranno in qualche modo, essere efficaci anche da un punto di vista strettamente finanziario. Esse sono destinate al fallimento, e questo fallimento porterà dritto a nuove ondate di misure antipopolari, per alimentare un circolo vizioso che avbbiamo conosciuto sotto i governi pro-memoranda precedenti. Operai, contadini, giovani, professionisti e piccoli imprenditori sono devastati al solo fine di garantire il pagamento delle tranches di “aiuti” che, non appena vengono incassati, al 99% sono rimborsati sia ai creditori che ai banchieri. Non resta nulla per l’economia reale e per i cittadini che si trovano sull’orlo dell’estinzione economica.

E’ ridicolo attendersi da questa classe dirigente, che ha firmato il Terzo memorandum e che è stata incensata dai rappresentanti dei creditori e dell’oligarchia nazionale, che essa giunga - un giorno lontano, in un modo ancora da stabilire – a liberarsi da questa catena. Se prendete il treno sbagliato, la stazione d’arrivo non sarà quella giusta. Si sbaglia chiunque crede che un governo, che ha accettato di ritirare immediatamente 93 euro al mese ai più poveri dei poveri, riducendo la pensione minima al livello umiliante di 393 euro, sarà in grado di scagliarsi contro gli interessi dominanti.

PER UN AMPIO FRONTE DEL «NO FINO IN FONDO»
Per tutte queste ragioni, si è rivelata urgente la necessità di formare Unità Popolare, un fronte politico e sociale di opposizione ai Memoranda, contro l’austerità che uccide, la deriva antidemocratica e la trasformazione della Grecia, con la leva del debito, in una colonia nel cuore d’Europa, .

Abbiamo bisogno di un ampio fronte popolare e patriottico, affidabile, coerente e disinteressato, che ripristini le speranze tradite, vinca la paura e conduca alla vittoria l’ampia corrente giovanile e popolare del “OXI” del 5 luglio. Parlano invano, quelli che denunciano a priori questo tentativo come una “operazione dei franchi tiratori”, presumibilmente responsabili della caduta del “primo governo di sinistra”. Non si è avuto un rinnegamento se non da parte di coloro che hanno scelto di diventare il terzo governo dei Memoranda del paese.

Unità Popolare non è una bandiera di comodo, e non vuole aggiungere ulteriormente il suo nome a quello dei partiti dell’establishment in bancarotta. Si tratta di un’alleanza di organizzazioni politiche, movimenti e cittadini impegnati senza etichette, e mira a dare la sua voce, ispirare e rafforzare un vero movimento popolare con iniziative auto-organizzate. Vogliamo che diventi la voce di coloro che ora non hanno voce, la forza dei deboli. Vogliamo che costituisca il punto di partenza del fronte che suggellerà l’alleanza dei lavoratori, dei disoccupati, dei contadini, dei lavoratori autonomi, dei ceti urbani medi e inferiori, degli intellettuali e degli uomini di lettere e di cultura, in uno sforzo comune perché la società greca cambi la direzione di marcia.

Questo punto di vista non è compatibile con la logica di egemonia e di verità esclusiva. Tutte le sensibilità sociali, tutte le tradizioni politiche progressiste e le inclinazioni ideologiche hanno il loro posto. Il funzionamento democratico è, per questo fronte, la conditio sine qua non della sua esistenza, attorno agli stessi attivisti, alle loro richieste e domande. Le forze, i militanti e le militanti che partecipano a Unità Popolare sono legati da un forte accordo politico per una soluzione alternativa e radicale immediata, assolutamente necessaria, alla tragedia dei Memoranda.

Questa soluzione si dimostrerà efficace e a beneficio delle classi popolari, a scapito del grande capitale, e libererà la Grecia dalla dominazione mortale dei centri imperialisti. Siamo uniti dalla comune ricerca, attraverso diversi percorsi, di una società nuova, libera dalle catene dello sfruttamento e di ogni forma di oppressione, una società coesa, giusta e libera, sulla strada del socialismo del XXIesimo secolo.

MISURE IMMEDIATE PER L’USCITA DALLA CATASTROFE SOCIALE
Unità Popolare si da come obiettivo immediato la creazione, attraverso i movimenti sociali e l’azione politica, dentro e fuori dal Parlamento, di condizioni per una soluzione alternativa radicale alla realtà attuale dei Memoranda.

Le coordinate fondamentali dell’altra via sono già state definite da molte forze di sinistra, movimenti radicali e scientifici progressisti. La soluzione alternativa che noi difendiamo mira a fornire risposte a tutte le questioni cruciali della politica, dell’economia, della società, dello Stato e della politica estera. Una alternativa che naturalmente non si limita alla questione della politica monetaria, come affermano falsari e sicofanti che denunciano una presunta «lobby della dracma».

Il problema di questa soluzione alternativa non sta nella presunta insufficienza del trattamento “tecnico” che presenterebbe, ma nella sua mancanza di preparazione politica: non è stata fatta sufficientemente oggetto di discussione tra le persone e le comunità sociali. Vale a dire, tra coloro che saranno chiamati ad ingaggiare una lotta feroce, di fronte a enormi interessi, per fare di questa alternativa una realtà. E’ questo gap che noi aspiriamo a colmare senza indugio, per una massiccia campagna di dialogo pubblico, di fronte a coloro che cercano di imporre un nuovo “attacco sui generis” per demonizzare e criminalizzare ancora il dibattito “proibito”.

Le misure immediate e urgenti che devono essere adottate per aprire una via, sono le seguenti:

- Soppressione dei Memoranda assassini tanto della società quanto dell’economia, nonché gli accordi coloniali di prestito che
che li accompagnano, ipoteca sul nostro futuro

- Cessazione del rimborso del debito —di cui anche il Fondo Monetario Internazionale, dal suo particolare punto di vista, riconosce l’insostenibilità— con l’orizzonte della cancellazione globale della maggior parte di questo debito. La sospensione dei pagamenti sarà accompagnata da azioni politiche e giuridiche a livello internazionale, che sfrutteranno anche le conclusioni in materia della Commissione Verità sul Debito Pubblico del Parlamento ellenico.

- Indipendentemente da ciò, ma parallelamente all’azione internazionale sulla questione del debito saranno immediatamente e con insistenza poste delle esigenze —a carattere politico, giuridico nonché cittadino— per quanto riguarda il pagamento degli importi dovuti dalla Germania a titolo di riparazione per le vittime e la devastazione causata dalla barbarie nazista.

- Fine immediata dell’austerità e attuazione di una politica di redistribuzione della ricchezza sociale a favore dei lavoratori e a spese degli oligarchi. Particolare attenzione deve essere data ai segmenti della popolazione più colpiti dalla crisi, con un rafforzamento del loro reddito e un aumento progressivo minimo dei salari, le pensioni e le indennità di disoccupazione, l’assistenza medica garantita e i beni fondamentali (elettricità, acqua, riscaldamento) per tutti.

Più in generale saranno sostenuti gli stipendi, le pensioni e la spesa sociale per l’istruzione pubblica gratuita, sanità popolare, la cultura. Il loro aumento graduale sarà promosso, in base al ritmo di crescita. Le misure fiscali e tutte quellepreviste dai memoranda, che decimano gli agricoltori ei lavoratori autonomi, saranno revocate. L’ENFIA (imposta fondiaria unificata) verrà cancellata e sarà stabilita solo una tassa sui grandi patrimoni terrieri.

- Nazionalizzazione delle banche e loro funzionamento sotto controllo sociale, assicurando una garanzia assoluta dei risparmi popolari. Il nuovo sistema bancario, nazionalizzato e libero dal “patrocinio” della BCE, garantirà la cancellazione del debito per le famiglie sfinite dalla crisi. Esso fornirà liquidità indispensabile per i professionisti e le PMI, che sono in via di estinzione. In questo contesto, la Banca Agricola e la Cassa di Risparmio Postale riapriranno e gli scandali legati alla loro svendita saranno oggetto di indagine. La nazionalizzazione delle banche permetterà che siano individuati e indagati i prestiti facili [“thalassodània”] concessi ai gruppi in posizione di monopolio e i casi di evasione fiscale, attraverso varie liste, proprio come la lista Lagarde.

RICOSTRUZIONE ECONOMICA E RINASCITA CULTURALE
Accanto a queste misure di estrema urgenza che daranno un primo respiro all’economia e alle classi lavoratrici, riforme radicali saranno attuate in vista della trasformazione del modello di crescita in fallimento e il rovesciamento dei rapporti di forza sociali in favore del popolo e a spese degli oligarchi e delle loro reti.

Queste riforme comprendono, tra le altre:

- La revisione radicale della legislazione del lavoro, con il ripristino dei contratti e della contrattazione collettiva. Prevenzione contro il dispotismo patronale, con misure di dissuasione e limitazioni poste in materia di licenziamenti, la mobilitazione e il rafforzamento degli ispettorati del lavoro. Un OAED [Organismo per l’impiego di manodopera, Ndt] riformato, sociale e pubblico, e l’abolizione delle società private subfornitura dei lavoratori.

- La creazione di un sistema fiscale stabile, socialmente equo e basato sul principio di redistribuzione, quindi il costo della crisi sarà, finalmente, non a carico delle solite bestie da soma, ma dei ricchi.

- La fine delle privatizzazioni rapaci, dei tagli all’occupazione e delle chiusure aziendali, reti e infrastrutture (gestione pubblica dell’energia elettrica, del gas naturale, dei porti, degli aeroporti, degli edifici e dei terreni demaniali, ecc.); La rimozione immediata di TAIPED [Fondo per lo sviluppo dei beni della Repubblica ellenica, Ndt]. Il recupero dei beni pubblici trasferiti al capitale privato attraverso l'annullamento di decisioni illegali e incostituzionali circa la loro assegnazione, senza indennizzo, con l'eccezione dei piccoli azionisti. Nazionalizzazione, ricostruzione e rilancio, sotto il controllo operaio e sociale, di tutte le aziende, le reti e le infrastrutture di importanza strategica, che assumeranno il ruolo di locomotiva dell'economia. L'obiettivo è di garantire la rapida rivitalizzazione dell'economia che creerà posti di lavoro rafforzando il coinvolgimento dei lavoratori, ciò nel rispetto dell'ambiente.

- La ricostruzione del sistema sanitario nazionale —che è stato completamente smantellato—, ospedali pubblici e di un sistema sanitario che assicuri cure primarie di alta qualità, accessibili a tutti, nella capitale e nelle province.

- La lotta contro la desertificazione culturale e garanzia del carattere pubblico delle istituzioni culturali e l'accesso di tutta la popolazione alla produzione culturale. Il sostegno pubblico ad ogni iniziativa per creare uomini di cultura e per tutti i cittadini.

- Ricostruzione economica attraverso lo spostamento del centro di gravità: a) dal consumo di prodotti importati alla produzione —principalmente per la produzione industriale e agricola di prodotti di alta qualità, e b), della compressione del costo del lavoro alla massimizzazione del plusvalore. Noi siamo, infine, per una transizione da una crescita al servizio di chi sfrutta lavoro e natura ad una crescita centrata sull’adeguamento tecnologico, l'innovazione, l’organizzazione moderna e, soprattutto basata sui fattori di ricchezza sociale. Questa crescita sarà basata sui saperi, sull’entusiasmo e la creatività dei lavoratori. Questo orientamento richiede una politica di pianificazione democratica a livello centrale, come nella periferia, con una forte dimensione ambientale.

- Il sostegno sostanziale all’istruzione pubblica e gratuita ed a alla ricerca, che costitusice, oltre a tutte le altre misure, una condizione fondamentale della conversione verso un nuovo ed efficiente modello sociale.

- Il “Terzo settore" (a fianco dei settori pubblico e privato) è una componente essenziale della ricostruzione economica: le cooperative, le imprese autogestite che sono state abbandonate dai loro proprietari, strutture solidali, ecc ... Si richiederà un sostegno sostanziale da parte del sistema bancario pubblico e dell’apparato statale.

- La politica di solidarietà e di umanità nei confronti dei rifugiati e dei migranti economici. Noi combatteremo qualsiasi comportamento xenofobo e razzista, di cui Alba Dorata è un esempio estremo che tende a trasformare la guerra sociale del capitale in guerra "civile" etnica, all'interno dello stesso mondo del lavoro. Lotteremo contro le guerre imperialiste che aggravano il problema dei rifugiati e dei migranti. Rivendichiamo il sostegno che deve essere dato al nostro paese e agli altri paesi della "prima linea" dagli altri paesi del Nord Europa, mentre chiediamo la rimozione degli Accordi di Dublino II che trasformano la Grecia in una gigantesca prigione per migranti.

USCITA DALLA PRIGIONE MONETARIA DELL'EUROZONA
Siamo pienamente consapevoli che anche solo la cancellazione dei memoranda, e le modifiche radicali che abbiamo descritto, susciteranno la reazione virulenta delle forze dominanti dell'Unione europea. Queste cercheranno di soffocare subito la nostra attività, utilizzando come leva principale l’arresto della liquidità fornita dalla BCE alle banche greche. Questo è esattamente ciò che abbiamo vissuto negli ultimi sei mesi, anche con il molto più moderato governo SYRIZA-ANEL.

Pertanto, le questioni relative all' uscita dalla zona euro e della rottura con le politiche neoliberiste dell'Unione europea —che s’incammina su strade sempre più conservatrici e anti-democratiche— sono all'ordine del giorno. Non si tratta di un’ossessione ideologica, ma del più elementare realismo politico. L'esperienza del mese scorso, pagata a caro prezzo, ha mostrato anche agli scettici che le forze dominanti all'interno dell’euro-germania, non sono né "alleate" né "partner". Sono piuttosto dei ricattatori economici e degli stupratori politici. Non esitano a vendicarsi di un intero popolo, applicando la più feroce delle "punizioni collettive" quando le decisioni di questo popolo non gli convengono.

La riconquista della sovranità monetaria e l'istituzione —su nuove basi: democratiche, sociali e orientate alla crescita— di una nuova moneta, non costituiscono un fine in sé. Sono solo uno degli strumenti necessari per realizzare i cambiamenti radicali che abbiamo descritto; di questi cambiamenti, il garante finale non sarà il denaro, ma la lotta delle classi lavoratrici. Nonostante le inevitabili difficoltà del primo mese, nulla giustifica le Cassandre che identificano questa iniziativa con un olocausto economico e la morte della nazione. Nel corso del XX secolo, 69 unioni monetarie sono crollate senza provocare la fine del mondo. L'istituzione di una moneta nazionale, come condizione per l'applicazione di un programma progressivo di ricostruzione e per uscire dall'impasse non è solo una scelta praticabile; si tratta di una scelta di speranza, in grado di mettere il Paese su un nuovo percorso di sviluppo.

Non siamo affatto nostalgici della Grecia capitalista della dracma. Sappiamo bene che la situazione del nostro paese, prima dell'euro, era tutt'altro che idilliaca. Ma i 13 anni che abbiamo vissuto con l'euro, in particolare l'ultimo, non sono stati niente di meglio: i primi sette anni sono stati, per alcune parti della popolazione, un’era di ubriachezza, di credito facile e di consumi, ciò sulle rovine della base produttiva del paese. Tuttavia, i sei anni successivi sono stati quelli del brusco risveglio da questo ustato di ubriachezza, e la discesa agli inferi dei Memoranda, senza un minimo di luce alla fine del tunnel. E’ giunto oramai il momento di provare un’uscita salutare.

La riconquista della sovranità monetaria, con la Banca di Grecia sganciata dalla BCE, che opera sotto la responsabilità del governo, pubblica e sociale, e l'emissione di una moneta nazionale, fornirà la liquidità necessaria all'economia, senza le condizioni odiose di finanziamento. Ciò contribuirà in modo decisivo a sostenere le esportazioni, la limitazione e la graduale sostituzione delle importazioni con prodotti locali, e il rafforzamento della base produttiva del paese ed infine i flussi turistici.

La riconquista della sovranità monetaria promuoverà la creazione di occupazione, grazie ad un programma di investimenti pubblici, di iniziative per lo sviluppo delle grandi imprese pubbliche, al sostegno del settore pubblico dell'economia e di avvio del credito concesso alle PMI. La rimozione di oneri, tasse incluse, che pesano sui redditi e le imprese modesti e medi —imposti dal memorandum al solo scopo di rendere sostenibile il rimborso del debito— consentirà di rilanciare la domanda e portare a una crescita. Presenteremo e sottometteremo al dibattito, un piano specifico per la Grecia, che realizzi un programma radicale, progressista, con una moneta nazionale.

PER UN POSTO EQUO DELLA GRECIA NEL MONDO MODERNO
L'uscita dalla "prigione" economica della zona euro non implica affatto, come affermano erroneamente i nostri avversari, l’ "autarchia" e l’isolamento politico internazionale. Al contrario, inaugurando la via del cambiamento radicale, il popolo greco sarò un faro di speranza per gli altri popoli d'Europa e del mondo, assicurandosi simpatie, appoggi e alleanze preziose. Il percorso alternativo che proponiamo priverebbe la Grecia solo delle sue attuali catene che la stringono nel ruolo di braccio euro-atlantico. L’uscita libererà le sue potenzialità in termini di sviluppo di relazioni reciprocamente vantaggiose con tutti i paesi che rispettano la sua sovranità e la sua decisione di essere amichevole nei confronti di tutti i popoli del mondo, senza sconti per nessuna potenza.

Noi ci daremo una nuovo orientamento politico, multidimensionale e indipendente nel campo delle relazioni internazionali, come in quello dell'energia, dell'economia e della politica. Queste relazioni internazionali non si limiteranno alle rigide frontiere dell'UE. Vogliamo sviluppare una cooperazione politica energetica nel Mediterraneo, nei Balcani, nel Medio Oriente. Questa politica metterà in evidenza le nuove potenzialità di partnership reciprocamente vantaggiose con le potenze emergenti dei BRICS, dell’America Latina e delle altre regioni.

Noi siamo contro la nuova "guerra fredda" e una nuova divisione dell'Europa, con la costruzione di un nuovo muro con la Russia. Lottiamo contro le scelte e le strategie imperialiste e avventuristiche della NATO. Ci impegniamo per l'uscita della Grecia da questa alleanza, una macchina da guerra che smantella Stati, opprime i popoli e destabilizza l'ampio asse geopolitico della nostra regione, dall’Ucraina orientale al Medio Oriente. Lottiamo per la chiusura delle basi americane e della NATO, per la non partecipazione della Grecia a qualsiasi organismo imperialista. Noi desideriamo che i problemi relativi alle relazioni turco-elleniche causati dalle esigenze di Ankara vengano affrontate attraverso il dialogo pacifico, sulla base del pieno rispetto delle convenzioni internazionali, del diritto internazionale e in particolare del diritto marittimo.

Noi siamo fermamente contrari a qualsiasi tentativo di modificare i confini della nostra regione. Respingiamo qualsiasi riaccendersi di tendenze nazionaliste e scioviniste. Lottiamo per una soluzione giusta e duratura a Cipro sulla base delle risoluzioni delle Nazioni Unite per una Cipro indipendente, senza le truppe di occupazione o basi straniere. Riteniamo necessario interrompere la cooperazione militare con Israele —potenza d’occupazione di terre straniere nella zona— e il riconoscimento immediato dello stato di Palestina. Siamo fermamente solidali con tutti i popoli del mondo che lottano per la libertà, la giustizia e l'autodeterminazione.

L'uscita della zona euro e l'attuazione di un programma radicale con il popolo organizzato come protagonista, comporta un conflitto con le scelte della UE e dei suoi antidemocratici organismi sovranazionali. L'accordo di Maastricht, il processo di costituzione della Ue servono cause neoliberaliste, rafforzano i punti di vista imperialisti delle grandi potenze e minano la sovranità popolare.

Di fronte agli attacchi inevitabili del capitale finanziario e dei suoi rappresentanti politici, il popolo deve essere pronto a tutto. La questione dell’uscita della Grecia dall'Unione europea può essere posta in qualsiasi momento all’ordine del giorno. In questo caso, chiameremo il popolo ad applicare l'agenda progressista che esso ha scelto, a pronunciarsi con un referendum per decidere se restare o uscire dall’Unione europea —come del resto è già stato fatto ed ancora viene fatto in altri paesi europei.

In tutti i casi, l'uscita della zona euro e la rottura con il quadro soffocante della Ue non significano l'isolamento della Grecia nei confronti del suo ambiente europeo. Ci rivolgiamo in particolare agli altri popoli, ai movimenti sociali ed alle forze progressiste dei paesi dell’Unione, ai quali siamo legati da profondi legami economici, politici e culturali. Il nostro obiettivo è di contribuire alla creazione di un movimento paneuropeo attorno agli obiettivi che riguardano gli interessi comuni del mondo del lavoro, a prescindere dalla nazionalità di ciascuno.

Il partenariato transatlantico di Commercio e gli Investimenti (Ttip) è un passo fondamentale della mutazione conservatrice della Ue. Questo accordo cede i beni pubblici (acqua, istruzione, sanità, ecc) alle imprese multinazionali e spalanca la porta agli alimenti geneticamente modificati, eliminando qualsiasi nozione di diritto del lavoro e di sovranità nazionale in quanto suscettibile di costituire un ostacolo alla impunità degli "investitori". Ci batteremo con tutte le nostre forze, con tutti i movimenti progressisti in Europa, per impedire la ratifica di questo accordo mostruoso.

DEMOCRAZIA OVUNQUE, POTERE POPOLARE 

Un elemento essenziale della nostra proposta alternativa è la radicale trasformazione dello Stato, della giustizia e della pubblica amministrazione. Il ristabilimento e l'ampliamento delle libertà democratiche, dallo spazio del lavoro fino al diritto di manifestare, la rimozione dei MAT [forze di polizia antisommossa, Ndt] e più in generale la lotta contro meccanismi repressivi contro il "popolo nemico", la democratizzazione e la trasparenza nel settore dei media, la lotta decisiva contro la corruzione e la collusione; queste sono le misure più urgenti in questo campo.

In parallelo, esamineremo il ruolo e la direzione adottate, in settori cruciali, dalle "autorità indipendenti" che regolano i settori bancario, delle telecomunicazioni, dell’energia, dell’informazione, etc. Naturalmente, altre autorità indipendenti, che sono in grado di svolgere un importante ruolo sociale, come ad esempio ASEP [Consiglio superiore di selezione del personale, Ndt] saranno mantenute e sostenute con un rafforzamento della trasparenza e del controllo sociale. Inoltre, avvieremo un'ampia consultazione sociale per la revisione profonda della Costituzione e l'intero sistema politico, in vista di una nuova Assemblea Costituente che emergerà in apposite future elezioni. Questa revisione ha per obbiettivo centrale l'introduzione di una forma di democrazia nuova e più avanzata, che combinerà democrazia rappresentativa e democrazia diretta, il governo col sostegno all'iniziativa popolare, all'autonomia, con la partecipazione popolare diretta e decisioni popolari dirette, ciò basandosi sulle migliori pratiche ed esperienze che in questo campo si sono date in tutto il mondo.

Il perseguimento del potere governativo non è per noi un fine in sé. Fa parte dell'obiettivo generale per cui l'esercizio del potere politico è prerogativa di una grande alleanza popolare. Serve un programma per un'uscita immediata dall’impasse, che può essere messo in pratica da un governo che si baserà sulla forza di popolo organizzato e le sue istituzioni, sul movimento operaio, sul movimento giovanile, sui movimenti di solidarietà locali e ambientali, su forme popolari di autogestione.

L'attuazione di tale programma è anche suscettibile di modificare i rapporti di forza sociali facendo emergere la concreta possibilità di aprire una nuova strada per la società greca in una prospettiva socialista».

Atene, Mercoledì 2 settembre, 2015


* Fonte: Laikí Enótita
** Traduzione a cura della redazione


Print Friendly and PDF

10 commenti:

  • Anonimo scrive:
    14 settembre 2015 18:41

    Ho visto qualche sondaggio e mi pare molto sconfortante, si parla di una forchetta tra 2,5 e il 4%.

    Per i greci si preannuncia una attraversata nel deserto che potrà essere fatale.

    Comunque l'importante è almeno dare un'alternativa politica.

    Tra 5 anni dopo che avranno implementato le richieste della troika ci sarà ancora la Grecia?

    Riccardo.

  • Redazione SollevAzione risponde:
    15 settembre 2015 10:38

    Vedremo....

    Altri sondaggi la forchetta di Up la danno tra il 4 ed il 7%.

  • Chris K scrive:
    16 settembre 2015 09:42

    la foto è falso
    l'originale è da PAME (Lavoratori Fronte Militante) class-oriented movimento sindacale del KKE
    opportunisti Unità Popolare hanno cambiato il banner

  • Anonimo scrive:
    16 settembre 2015 09:43

    VERGONIA la fotografia e' prodotto di PHOTOSHOP ed e' dal 27 Giugno del 2011 dalla manifestazione del PAME (organizazione sindacale sostenuta dal partito comunista greco),allora non esisteva laiki enotita.Dalla foto e' sparita la sritta in greco e la firma anziche PAME e' stata sostituita da lae.

  • Christos Ntovas scrive:
    16 settembre 2015 10:52

    This image is completely fake and photoshopped! The party made that demonstration in Acropolis was the Communist Party of Greece and not Laiki Enotita...
    http://2.bp.blogspot.com/_s0PclczZhRE/S9-eFyMlkJI/AAAAAAAACWE/MfkL-73ZzLE/s320/PAME_Akropolis.jpg

  • Anonimo scrive:
    16 settembre 2015 11:07

    This is a demonstration of PAME and the Greek Communist Party not LAE

    http://content-mcdn.feed.gr/filesystem/images/20110627/low/newego_LARGE_t_1101_53605802.JPG

  • Redazione SollevAzione risponde:
    16 settembre 2015 12:30

    CALMA RAGAZZI!

    E' vero che lo striscione era del Pame, del sindacato greco del Kke.
    Il fotomontaggio è opera della nostra redazione.
    Ci siamo presi una licenza...grafica.

  • Chris K scrive:
    16 settembre 2015 12:34

    vergogna indurre in errore il popolo
    Solo il ΚΚΕ si batte per il popolo

  • Gas scrive:
    16 settembre 2015 12:57

    Photoshoping isn't your best skil right?

    http://redflyplanet.blogspot.com/2011/06/blog-post_8000.html

    Τhis is the TRUE banner from PAME and not Laiki Enotita...
    Someone isn't so pleased that LAE NEVER put a banner in akropolis and tried to... CREATE it!

    Good job there!

  • talkative & chatty scrive:
    16 settembre 2015 13:25

    Ragazzini,
    calmate tutti, e cercate di trovare il vero rivoluzionario della Grecia:
    http://3.bp.blogspot.com/-g-b2OKjlXuQ/VaYh8tcaxVI/AAAAAAAAEPg/WRz34gZ4f1I/s1600/630_lfjgrllgr.jpg

    https://www.youtube.com/watch?v=wtY9UGFXvbg

    Cambia la tua foto con la nostra per avere graficamente IL PROGRAMMA DI UNITÀ POPOLARE (Laikí Enótita)"

    senza licenza del PAME

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (712) euro (681) crisi (609) economia (486) sinistra (416) finanza (258) Movimento Popolare di Liberazione (238) sfascio politico (235) grecia (229) resistenza (221) elezioni (205) teoria politica (199) banche (198) M5S (197) internazionale (190) imperialismo (184) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (153) Leonardo Mazzei (151) Syriza (148) Tsipras (143) Moreno Pasquinelli (129) P101 (124) Matteo Renzi (122) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) sollevazione (99) democrazia (98) sovranità monetaria (97) Grillo (93) destra (93) berlusconismo (91) proletariato (90) costituzione (87) spagna (84) neoliberismo (80) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Emiliano Brancaccio (71) Mario Monti (71) sindacato (68) bce (66) Germania (64) Stefano Fassina (63) filosofia (63) Libia (62) populismo (60) Francia (58) capitalismo (58) Alberto Bagnai (57) Rivoluzione Democratica (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) Podemos (56) rifondazione (51) sinistra anti-nazionale (50) Movimento dei forconi (49) Siria (49) bancocrazia (49) globalizzazione (49) Alexis Tsipras (48) Medio oriente (48) socialismo (48) fiat (47) piemme (47) immigrazione (46) Nichi Vendola (45) Sergio Cesaratto (45) renzismo (45) immigrati (43) inchiesta (43) programma 101 (43) referendum (43) sovranità popolare (43) Troika (42) cinque stelle (42) Carlo Formenti (41) Yanis Varoufakis (41) solidarietà (41) Pablo Iglesias (40) campo antimperialista (40) geopolitica (40) sinistra sovranista (40) Emmezeta (39) Lega Nord (39) astensionismo (39) Beppe Grillo (38) moneta (38) proteste operaie (38) italicum (37) brexit (36) legge elettorale (35) III. Forum internazionale no-euro (34) egitto (34) liberismo (34) Diego Fusaro (33) Mario Draghi (33) Russia (33) azione (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) default (32) fiom (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) governo Renzi (31) neofascismo (31) palestina (31) unità anticapitalisa (31) fiscal compact (30) Matteo Salvini (29) Ucraina (29) Israele (28) Manolo Monereo (28) Merkel (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) Luciano Barra Caracciolo (27) Sicilia (27) menzogne di stato (27) Mimmo Porcaro (26) immigrazione sostenibile (26) Forum europeo (25) Lega (25) Ugo Boghetta (25) xenofobia (25) Europa (24) Giorgio Cremaschi (24) islamofobia (24) populismo di sinistra (24) ora-costituente (23) sovranismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) Chianciano Terme (21) Nello de Bellis (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Aldo Giannuli (20) Donald Trump (20) Marcia della Dignità (20) Marine Le Pen (20) Quantitative easing (20) finanziarizzazione (20) scuola (20) Unità Popolare (19) fronte popolare (19) nazione (19) repressione (19) uscita dall'euro (19) Izquierda Unida (18) Nato (18) Tunisia (18) cina (18) ecologia (18) iraq (18) keynes (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) Roma (17) etica (17) eurostop (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Pier Carlo Padoan (16) Regno Unito (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) CLN (15) Donbass (15) Front National (15) International no euro forum (15) Prc (15) USA (15) 15 ottobre (14) Eurogruppo (14) Luciano B. Caracciolo (14) Monte dei Paschi (14) Norberto Fragiacomo (14) Renzi (14) Vincenzo Baldassarri (14) coordinamento no-euro europeo (14) iran (14) obama (14) storia (14) Enea Boria (13) Ernesto Screpanti (13) Jacques Sapir (13) Jobs act (13) MMT (13) Stato Islamico (13) Virginia Raggi (13) acciaierie Terni (13) finanziaria (13) piattaforma eurostop (13) umbria (13) Bersani (12) Chavez (12) Cremaschi (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Marco Mori (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Vladimiro Giacchè (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) emigrazione (12) euro-germania (12) salerno (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Putin (11) Tonguessy (11) Turchia (11) Venezuela (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) disoccupazione (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) Luigi Di Maio (10) Movimento 5 Stelle (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) golpe (10) iniziative (10) piano B (10) presidenzialismo (10) salari (10) sinistra Italiana (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Alitalia (9) Art. 18 (9) Beppe De Santis (9) Brancaccio (9) Fmi (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) ballottaggi (9) cultura (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) lotta di classe (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) scienza (9) sciopero (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Def (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Fabio Frati (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Marco Zanni (8) Mirafiori (8) Paolo Ferrero (8) Quirinale (8) Salvini (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) diritti civili (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) europeismo (8) grexit (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Campagna eurostop (7) Daniela Di Marco (7) Enrico Grazzini (7) ISIL (7) Ilva (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) cosmopolitismo (7) deficit (7) elezioni anticipate 2017 (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) nazionalizzazione (7) nazismo (7) necrologi (7) privatizzazioni (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Ars (6) Bottega partigiana (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Samuele Mazzolini (6) Sergio Mattarella (6) Stefano D'Andrea (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) cosmo-internazionalismo (6) derivati (6) incontro internazionale (6) magistratura (6) manifestazione 25 marzo 2017 (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Banca centrale europea (5) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (5) Casaleggio (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) confederazione (5) cuba (5) debitocrazia (5) destra non euro (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) governo Gentiloni (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberalismo (5) liberosambismo (5) pomigliano (5) questione nazionale (5) rivolta (5) salvinismo (5) sindacalismo di base (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) uber (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Franz Altomare (4) Frente civico (4) Genova (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Morgan Stanley (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Sharing Economy (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Wolfgang Munchau (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) debitori (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) ideologia (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) manifestazione (4) patrimoniale (4) pensioni (4) populismo democratico (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) trasporto pubblico (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alessandro Visalli (3) Alfiero Grandi (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CUB (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Chiavacci Alessandro (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Bertinotti (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) Fratelli d'Italia (3) GIAPPONE (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Militant-blog (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Mosul (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Sarkozy (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Xi Jinping (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) giovani (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) massimo fini (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) migranti (3) minijobs. Germania (3) nazionalismo (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) senso comune (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Eleonora Forenza (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Ferdinando Pastore (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Flat tax (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gianni Ferrara (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) autodeterminazione dei popoli (2) automazione (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) deregulation (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) il pedante (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) trasporto aereo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Benzoni (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amando Siri (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio Amoroso (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Fiumicino (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Bartolomei (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgia Meloni (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Basso (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Mark Rutte (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandokan (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) lex monetae (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) moneta fiscale (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) sovranità e costituzione (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)