mercoledì 4 settembre 2013

LEGGE SEVERINO: E SE BERLUSCONI AVESSE RAGIONE? di Piemme

5 settembre. Lunedì prossimo è giorno fatidico. Il Congresso USA deciderà l'attacco alla Siria, mentre alle ore 15 si riunirà a Roma  la Giunta delle elezioni e delle immunità del Senato. 
Verrà esaminata la questione della decadenza da Senatore di Silvio Berlusconi. Da questo sembrano dipendere le sorti del governicchio Letta-Napolitano. Formalmente la Giunta deve solo calanderizzare la sua agenda, visto che l'Ufficio di Presidenza non ha raggiunto un accordo. La manfrina potrebbe quindi andare per le lunghe. 

I berluscones, compresi i "falchi" che minacciano sfracelli, sono aggrappati alla speranza, sempre più vana, che il Pd, col beneplacito di Napolitano, si decida a conservare il titolto di Senatore per il Cavaliere.

In ballo c'è l'interpretazione della legge 190 del 6/11/2012 (nota come Legge Severino) che disciplina l'incandidabilità di coloro che hanno riportato condanne definitive a pene superiori a due anni di reclusione. Questo è appunto il caso di Berlusconi. Il Pdl solleva l'incostituzionalità della legge. 

Lana caprina? Non proprio. Sotto almeno due profili —quello se la Legge Severino possa avere validità retroattiva e se spetti ancora alla Camere decidere dell'incompatibilità di un condannato con la sua funzione di parlamentare—, ed entrambi chiamano in causa la Costituzione.

Come hanno ben spiegato Marcello Gallo e Gaetano Insolera sul Corriere della Sera del 3 settembre in base alle norme nessuna legge può avere una validità reotroattiva: «La legge non dispone che per l'avvenire: essa non ha effetto retroattivo". Si capisce che essendo questa legge ordinaria [la Severino, NdR] può essere derogata da altra legge ordinaria. Purché derogata non sia una legge penale. Quest'ultima è assistita dalla riserva dettata dall'articolo 25, comma 2, della Costituzione: l'eccezione può essere posta unicamente da norma prodotta secondo le modalità che caratterizzano la produzione di norme costituzionali»).

 I Nostri osservano quindi: 
«Ciò posto, pare opportuno chiarire che cosa significhi «retroattività» di una norma. Non sembri pedanteria, ma riteniamo che certi termini non vadano usati ad orecchio. Per venire al dunque, c'è retroattività se la norma si applica anche a vicende costituite, in tutto o in parte, da elementi, di fatto o di diritto, necessari ad una determinata conseguenza giuridica, verificatisi prima dell'entrata in vigore della norma stessa. Verificatisi prima, cioè quando il soggetto destinatario delle conseguenze giuridiche non poteva calcolare tali elementi in quanto condizionanti determinati effetti, sì da regolarsi a ragion veduta. Anche a superare tutte le perplessità di cui sopra si è fatto cenno, c'è un limite che non può essere superato senza attento, approfondito esame: la legge Severino deve essere letta come se disponesse la propria retroattività? Senza dubbio non lo fa in modo immediato e diretto. Può darsi che ad una conclusione affermativa si arrivi dalle pieghe dei suoi commi. Se così stessero le cose questo sarebbe il vero, assai serio, appunto da muovere alla legge stessa. L'eccezione, così importante, ad una regola così importante, come quella della irretroattività della legge, non dovrebbe essere enunciata in maniera criptica, per allusioni ed ammiccamenti, ma proclamata in tutta chiarezza, in modo immediato e diretto.
A tacer d'altro, teniamo presente che qui si tratta di una posizione giuridica che interesserebbe non soltanto il destinatario della cosiddetta decadenza, ma, verrebbe da dire, in primo luogo, la massa dei soggetti titolari del diritto di elettorato attivo che hanno espresso la loro volontà. Ed è riflessione questa che investe tutte le misure interdittive dell'agire politico: corriamo il rischio di guardare all'albero e di perdere di vista il bosco».
L'antiberlusconismo acceca. State svegli!

Immaginiamo infatti che una forza anticapitalista presenti le sue liste, e che uno o più candidati abbiamo subito condanne a più di due anni, magari per reati di tipo politico afferenti alla loro battaglia sociale e politica. In base alla Legge Severino le autorità, d'imperio, li casserebbero dalle liste.

Sorge poi l'altra questione, non meno controversa, non più solo l'incandidabilità, ma la decadenza da parlamentare nel caso la condanna penale sopraggiunga dopo che un candidato sia stato eletto. 

Il problema (si fa presto a parlare di Stato di Diritto) è dunque se il potere giudiziario possa, sua sponte, mandare in galera un deputato del popolo. Non dimentichiamo che l'immunità parlamentare (garanzia d'impunibilità) venne adottata illo tempore appunto per difendere i diritti delle opposizioni rispetto ai sovrani assoluti e agli Stati di polizia.

Ricordiamo quindi che l'immunità venne abrogata, da una maggioranza giustizialista (Pds, Prc, Lega Nord, Msi, radicali) il 12 ottobre 1993 sull'onda di Mani Pulite. Al tempo, noi di Mpl, pur  diversamente collocati, condannammo quella decisione come nefasta e anticostituzionale.

La Costituzione italiana, già stuprata, recita all'articolo 66 che spetta comunque a ciascuna delle due Camere il giudizio sulle cause di sopraggiunta incompatibilità dei suoi componenti. Né la legge che abolì l'immunità né la Severino hanno cancellato l'articolo 66. 

Per cui non è vero, come dicono i giustizialisti, che la Giunta del Senato deve solo passare le carte, limitarsi a prendere atto della sentenza della Cassazione su Mediaset. Ed ha torto chi dice che in base allo Stato di diritto Berlusconi dovrebbe "decadere" — che poi si sia dovuto dimettere siccome è un furfante, questa è un'altra questione. La legge deve sì essere certo uguale per tutti (e sappiamo che non lo è), ma la Legge è subordinata a quella suprema, al dettato costituzionale, e al principio che il Parlamento (non la magistratura) esprime la sovranità popolare, e quindi ogni singolo deputato, espressione diretta dei cittadini.

Se nel Parlamento fosse esistita una forza politica anticapitalista e socialista avrebbe dovuto, proprio in difesa dello Stato di Diritto e della democrazia, votare contro l'abrogazione dell'immunità ed a maggior ragione contro la anticostituzionale Legge Severino. E se questa forza fosse in Parlamento adesso, se avesse dei membri nella Giunta che si riunisce lunedì prossimo, essi, così almeno io la penso, dovrebbero, senza con ciò mischiarsi con la feccia dei berluscones, opporsi alla cosiddetta "decadenza" e sì, inviare la Legge Severino alla Corte Costituzionale.

In gioco non ci sono in questo caso solo le sorti di Silvio Berlusconi, ma quelle di basilari principi democratici sanciti dalla Costituzione.  Sorvoliamo sul Pd, che essendo un pilastro della Seconda Repubblica non ha perso occasione per sbudellare Costituzione, repubblica parlamentare e Stato di diritto. E' tristissimo che il M5S, che fa della difesa della Carta uno dei suoi punti qualificanti, sacrifichi i principi della Costituzione in nome dell'antiberlusconismo e sull'altare della guerra per bande che dilania il potere.

Grillo e i suoi stanno giocando una partita tutta tattica. Sperano in elezioni subito e sperano che i  berluscones facciano cadere il governo subito. Essi ritengono che il manettarismo giustizialista porti loro tanti voti. Forse, forse sarà così. Resta che per un piatto di lenticchie si sono resi corresponsabili di un'altra lesione allo Stato di Diritto.

Print Friendly and PDF

37 commenti:

  • Anonimo scrive:
    4 settembre 2013 21:29

    Condivido. BASTA COL GIUSTIZIALISMO AD OLTRANZA. Che non è altro che un retaggio del moralisto fricchettone di stampo anglosassone.

    Solo una cosa stimo del sistema anglo: la consuetudinarietà delle leggi. Su questo punto di vista vorrei aprire nei limiti consentiti dall'area commenti se in una prospettiva socialista un sistema consuetudinario, sempre disciplinato da una costituzione per carità, possa essere coerente in un sistema socialista.

    Stirner

  • Anonimo scrive:
    4 settembre 2013 22:40

    Una precisazione : i radicali non possono essere annoverati nel gruppo e dei giustizialisti....credo che il riferimento sia una imprecisione.
    In secondo luogo consiglio di rileggere la vicenda elettorale di Andrea Costa agli albori del movimento operaio e socialista , sarebbe utile .

  • Redazione SollevAzione risponde:
    5 settembre 2013 01:16

    Non, non è un errore, anche i radicali votarono per abolire l'ìmmunità parlamentare

  • salvatore scrive:
    5 settembre 2013 11:32

    noto con piacere che esiste una certa dialettica tra i compagneros di Sollevazione Popolare, almeno a proposito della macchina affaristica di casaleggio. E si, perchè piemme non dice le stesse cose dell'altro compagnero, quel tale leonardo mazzei che in un incredibile post aveva addirittura auspicato che:"se il M5S saprà fare un salto di qualità, ponendosi all'altezza delle aspettative di larghi settori popolari, ne vedremo delle belle." amen. piemme viceversa , e correttamente, prende atto del carattere tattico equindi strumentale di QUALSIVOGLIA posizione politica dei pentastellati.strumentale alla pubblicità e agli introiti che può ricavarne il blog del piazzista col veliero. questo non significa che casaleggio non abbia un progetto politico per l'Italia. ma è un progetto che si deve tenere nascosto salvo realezzarlo una volta controllate le casematte del potere.consiste nello spazzare via i pilastri della costituzione repubblicana, parlamento, governo, deputati, e delegare il "CONTROLLO" della nuova macchina politico-amministrativa alla rete. e tutti sappiamo che è molto più facile manipoare il "virtuale" rispetto al "fisico".
    forse per fare un po' di chiarezza sulla macchina della truffa dei pentastellati bisognerebbe che i sollevatori si interrogassero sulle antinomie della democrazia diretta web-business-oriented.

  • Redazione SollevAzione risponde:
    5 settembre 2013 12:07

    Non mi mettere contro Mazzei!! Certo Mpl non è il PCUS... in Mpl c'è discussione sul M5S. L'importante è capire che votare M5S non equivale a sposarlo.
    Quando ci giunsero critiche perché demmo indicazione di voto ai pentastellati (cosa che ancora ritengo giusta) mi pare Pasquinelli, su questo blog scrisse che M5S, marxianamente parlando, era una forza di tipo borghese, ma erede della tradizione democratica. Oppure vogliamo buttarla in caciara e affermare che che non ce ne importa niente delle divisioni nel campo della borghesia?
    Vogliamo mettere M5S sullo stesso piano di Pdl-Pd-Monti?
    E' poi un errore confondere il fenomeno di M5S (che ha intercettato a livello elettorale la protesta di massa) con la setta di Casaleggio .
    infine: sei così sicuro che tra Casaleggio e Grillo ci sia perfetta sintonia e concordanza?
    Piemme

  • salvatore scrive:
    5 settembre 2013 12:46

    noto con disappunto che redattori di s.p. non colgono l'essenza dell'm5s. non è un movimento che DOPO si e coagulato con fattezze organizzative e politico-istituzionali ma è un esperimento organizzativo fatto a tavolino che POI ha preso le fattezze del falso-movimento(falso perchè subordinato ai canoni del marketing pubblicitario).esperimento organizzativo con le stimmate del (partito)-azienda, vedere il curriculum vitae di casaleggio, ed per ogni azienda che deve creare valore non è ammessa la CRITICA, la DISCUSSIONE, vale insomma il princpio decisionale gerarchico. punto.si dia il caso che l'm5s abbia sbancato le ultime elezioni e che dati i numeri siano stati eletti anche elementi non affidabili al 100x100. e chiaro che alle prossime elezioni questo non succederà, casaleggio ha imparato la lezione, ma intanto, che lui e grillo si preoccupino di sbattere fuori gli indesiderabili, come un marchionne qualsiasi , a noi CHE CE NE FREGA? il punto rimane quello che se si vuole creare un'alternativa PATRIOTTICA (semplicemente patriottica), bisognerebbe abbandonare una volta per tutta questi stucchevoli distinguo e prendere la macchina m5s di casaleggio per quello che è , una carta che la borghesia finanzcapitalistica potrebbe giocare allorchè sarebbe indispensabile normalizzare drasticamente gli spazi pubblici di CRITICA e DISCUSSIONE.

  • Carlo scrive:
    5 settembre 2013 13:11

    Scusate, ma, nella sentenza della cassazione, non era prevista anche l'interdizione dai pubblici uffici per 4 anni?
    Carlo

  • Carlo scrive:
    5 settembre 2013 13:11

    Scusate, ma, nella sentenza della cassazione, non era prevista anche l'interdizione dai pubblici uffici per 4 anni?
    Carlo

  • Redazione SollevAzione risponde:
    5 settembre 2013 13:11

    Non è che ogni volta possiamo ripetere ciò che diciamo.
    Avremo pubblicato, riguardo a M5S, decine di articoli, per non parlare delle decine e decine di commenti di risposta ai lettori.
    E' un errore grave, per chi voglia fare politica, s'intende, ridurre la questione al "piano di casaleggio", più o meno occulto.
    nel suo piano non c'era che alla prima prova elettorale nazionale M5S sarebbe diventato primo partito. A questo punto siamo davanti ad un fenomeno politico di prima grandezza. Ammesso che sia sorto come un "partito-azienda" adesso, ingrossato dall'ingresso di miglia e migliaia di attivisti, M5S è un contenitore di tante sensibilità, delle idee più disparate e veicolo di una nuoiva e sana volontà di partecipazione diretta alla politica dei cittadini.
    Confondere questa spinta sana con le elucubrazioni di Casaleggio è sommamente sbagliato.
    Ci manca poi che ci mettiamo a difendere i parlamentari M5S filo-Pd, o che vogliono, pur di difendere la poltrona, trovare un accordo col Pd (che per noi è il nemico numero uno).
    Piemme

  • Anonimo scrive:
    5 settembre 2013 14:10

    "Ammesso che sia sorto come un "partito-azienda" adesso, ingrossato dall'ingresso di miglia e migliaia di attivisti, M5S è un contenitore di tante sensibilità, delle idee più disparate e veicolo di una nuoiva e sana volontà di partecipazione diretta alla politica dei cittadini"

    Beh, questo nella maggior parte di tutte le cosiddette "novità". Anche i vari FI, l'ex PCI, Lega, ecc... accade questo fenomeno di partecipazione.

  • Anonimo scrive:
    5 settembre 2013 14:24

    "nel suo piano non c'era che alla prima prova elettorale nazionale M5S sarebbe diventato primo partito. A questo punto siamo davanti ad un fenomeno politico di prima grandezza"

    Non ho capito il senso di tale frase. Sembra quasi un elogio. Riguardo al fatto che non voleva vincere, io ho votato 5 stelle alle scorse elezioni e mi sono pure beccato del"cretino" da un grillino perchè li avevo votati per mandarli al governo. E lui mi disse "Ci vorranno almeno tre anni per svilupapre una classe politica". Per chi non sapesse leggere tra le righe significa che al governo non ci volevano andare. E allora perchè friare i cabbasisi e chidere i voti mi domando? Per fare bella scena?? Sì io faccio il pompiere ma l'acqua non la porto. Ma andiamo, và. Non capisco allora perchè se la prendino così tanto con quelli che hanno votato PD o PdL o per i Renziani anti-Prodi, dovrebbero ringraziarli per averli permesso di guadagnare tempo.

    A me sti discorsi non mi piacciono, ma non ne do una colpa al 5 stelle ma alla razza italiota, che è la vera maggioranza etnica in questo paese, il resto: Siciliani, Sardi, Valdostani, Padani e Italiani sono solo minoranze succube.
    E badate che italiota non si trova in un solo partito o in una sola squadra di calcio (che sono la stessa cosa) ma è come ho detto l'etnia dominante, quindi si trova ovunque. Anche dove meno te l'aspetti

    BY
    IL VILE BRIGANTE

  • Anonimo scrive:
    5 settembre 2013 14:49

    Brava redazione,condivido totalmente la risposta data all'ennesimo "critico" delle presunte nequizie prodotte dal M5S.Credo non sia neanche piu'utile replicare a simili tesi precostituite,ricordando loro pero',che e'sempre possibile,anzi ,decisamente piu'gratificante scrivere tali amenita'su siti che hanno come riferimento la linea politico/sociale dell'attuale governo,in sintonia piena con la Troika che vede nel movimento di Grillo un potenziale contenitore di sacrosante istanze popolari.Il M5S non e'il partito bolscevico,ma non e'neppure,e non sara'mai,al servizio dei camerieri dei poteri forti multinazionali.







  • Anonimo scrive:
    5 settembre 2013 15:01

    Bravi bravi continuate a fare i contenitori, e poi prendete per cretini quelli che vi votano come hanno fatto con me perchè volevo che a febbraio andassero al governo da soli.

    Io ormai me ne sono stancato. Ho la mia teoria e che è che qua il problema principale è la razza. Per ulteriori informazioni leggere il mio commento di sopra. Per quanto mmi riguarda io ho sposato la causa del separatismo siciliano. NE' EUROPA NE' ITALIA MA LIBERA SOVRANA.
    Il petrolio è nostro e ce lo teniamo noi.
    BY
    IL VILE BRIGANTE

  • salvatore scrive:
    5 settembre 2013 15:11

    SOLO ancora un paio di osservazioni per i compagneros pentastellati.
    la prima , di natura sociologica.
    è un dato di fatto che grillo sia una "creatura politica" di casaleggio e che l'm5s ha sbancato le elezioni passate grazie alla presenza mediatica di grillo, grazie al SOLO slogan contro la casta (quindi, evviva lo stato minimo..).allora, per vedere nel "fenomeno" lideristico ed autoritario dell'm5s un "veicolo di una nuoiva e sana volontà di partecipazione diretta alla politica dei cittadini" ci vogliono come minimo gli occhi strabici.
    poi una considerazione psicologica.
    essere così pervicacemente attaccati ad un partito "one man show" è sintomo che non si è ancora addivenuti all'età adulta, insomma non si è ucciso (simbolicamente) il padre.
    della serie, Linus e la sua coperta, oppure, ma è lo stesso, la vannamarchi colla barba ed i suoi rutti.l'italia dei bamboccioni..


  • Anonimo scrive:
    5 settembre 2013 15:51

    Salvatore non sono d'accordo. Secondo me sbagli a dare una risposta estrema ad un'altra domanda estrema. Ognuno sul 5 stelle può avere l'opinione che vuole, ma dire (correggimi se ho capito male) che sollevazione e i militanti siano attaccati a un partito one-man show è come dire che tutti quelli che militano nella lega sono attaccati a un one man show (Bossi) o tutti quelli che militano nel PdL sono attaccati tutti a un one man show (Berlusconi). In tutti i casi la realtà è più complessa.

    IL VILE BRIGANTE

  • salvatore scrive:
    5 settembre 2013 16:57

    chi ha votato m5s non sa neppure cos'è un meetup.
    i compagneros pentastellati confondono l'adesione (il voto) più o meno distratta, più o meno convinta ad un partito con la partecipazione dal basso.
    che tristezza, non ci sono più i Comunisti di una volta.

  • Anonimo scrive:
    5 settembre 2013 17:15

    E quali sarebbero le formazioni "democratiche"e adulte,secondo l'illuminato che si degna, dall'alto della sua saggezza,di emettere giudizi cosi "sobri"su un movimento che,evidentemente attira a tal punto la sua sensibilita' di uomo attento ai contenuti,da sembrare quasi uno di quei militanti nel campo del "sogno europeo"?.Il "fine"argomentare infatti,mi ricorda tanto quello mefitico degli "smacchiatori di giaguari"o, peggio, degli uomini della provvidenza (di lor signori),incaricati di "salvare l'Italia"(da chi?).Infatti il moloch da combattere strenuamente non sono le propaggini interne al nostro paese del capitale multinazionale sommamente devastante per chi non possiede altro che la propria forza lavoro,bensi il M5S che ha notoriamente destabilizzato un tranquillo(per la Troika),cammino verso un radioso avvenire costellato di miseria e umiliazioni per le classi subalterne.No, questo scenario e' troppo estremo per le delicate sensibilita'degli aficionados delle "larghe intese",meglio anestetizzarle con la cura del "Pericolo grillino"! F.to Un infante maturo

  • salvatore scrive:
    5 settembre 2013 17:32


    "il M5S che ha notoriamente destabilizzato un tranquillo(per la Troika),cammino verso un radioso avvenire costellato di miseria e umiliazioni per le classi subalterne".
    ti dispiacerebbe approfondire questo punto? a me risulta che al giornalista che gli chiedeva ripetutamente se era favorevole all'uscita dall'euro, il VOSTRO rispondeva balbettando che non spetta ad un leader politico dare indicazioni ed influenzare gli elettori. COMICO vero?

    PS. al contrario della strana coppia, il gatto e la volpe, grillo e casaleggio io affermo senza dubbio alcuno di essere per l'uscita dell'italia dall'euro follia. è chiara adesso la differenza tra la truffa e la verità?

  • Anonimo scrive:
    5 settembre 2013 17:35

    Non abbiamo capito: sei per l'uscita o no?

  • salvatore scrive:
    5 settembre 2013 17:42

    quanto ti paga casaleggio per trolleggiare di qua e di la?

  • Anonimo scrive:
    5 settembre 2013 17:53

    Finalmente un articolo contro il giustizialismo e l'antiberlusconismo.
    Peccato che se a scriverlo è uno che ha votato per il principale partito giustizialista italiano il cui primo punto è L'INCANDIDABILIA' PERPETUA (ALTRO CHE SEVERINOOOOOOOO!!!!!!!) dei condannati, perde ogni dignità.
    La A scarlatta per chi ha votato Grillo non ve la toglierete mai..hai voglia a scrivere articoli di rettifica!

  • Anonimo scrive:
    5 settembre 2013 18:21

    Troll? Ma guarda,si potrebbe dire:"Da che pulpito viene la predica"!O forse è il" Più Europa"in fase calante di consenso che rende così nervosi e saccenti i seguaci dell'"Austerità espansiva"?Ah saperlo!

  • Redazione SollevAzione risponde:
    5 settembre 2013 18:55

    Refuso: più sopra deve leggersi: "Per invertire la rotta"

  • Anonimo scrive:
    5 settembre 2013 21:56

    Mi fa piacere che una volta tanto una "pacata e civile discussione tra compagni",tranne qualche fisiologica punta polemica,non finisca come nelle sezioni di partito di un tempo,tirandosi le sedie(quelli eran giorni,sì)... A parte gli scherzi,devo dire che Grillo e i suoi vanno sfidati sul terreno concreto dell'uscita dall'eurofollia(come è stata giustamente chiamata) e dei trattati europei.'E qui che bisogna saggiare di che metallo è fatto quell'oggetto ancora abbastanza misterioso che è l'M5S.Kirillov

  • Redazione SollevAzione risponde:
    6 settembre 2013 09:41

    Ecco,
    siamo pienamente d'accordo con Kirilov.
    E' sbagliato sputare addosso aprioristicamente su M5S. L'approccio dev'essere positivo, di sfida. L'ora della verità per M5S si avvicina, perché si avvicina l'ora della verità per tutto il paese. M5S ha dato rappresentanza ad una protesta di massa senza precedenti nella II Repubblica. Bene.
    Adesso si tratta di stabilire che ci facciamo con quella messe di voti.
    Grillo e C. li butteranno nel cesso? Allora M5S sarà stata una meteora.
    Ad altri spetterà allora il compito di dargli (alla protesta di massa) spessore, contenuti, continuità.

  • Anonimo scrive:
    6 settembre 2013 09:51

    Chi ha votato Grillo è marchiato a vita.

  • Anonimo scrive:
    6 settembre 2013 11:04

    "Chi ha votato Grillo è marchiato a vita".Ergo:sono pronti i campi di sterminio, organizzati dai kapò nostrani, diretti da chi se ne intende e non ha mai dimenticato la sua efficacia risolutrice e"purificatrice", utilissima per le elette popolazioni del Nordeuropa?

  • Unknown scrive:
    6 settembre 2013 13:05

    All'anonimo del 5 settembre. FI e Lega sono stati fenomeni relativamente di massa, ma con contenuti apertamente reazionari. Bisogna essere miopi per non vedere le differenze col M5S.
    @il vile
    La Padania non esiste storicamente e comunque il separatismo del nord è per essenza reazionario. E poi non condivido assolutamente la tua analisi etno-centrica: l'indipendenza (concetto che va ben oltre la separazione, obiettivo minimale e non risolutore di per sé) è una necessità storica dei popoli marginalizzati dello stato italiano, ciò non toglie che serva non a isolarsi ed a separare le etnie (che tra l'altro sono in continua evoluzione) ma anzi a rapportarsi su basi nuove, paritarie, non più su un piano sviluppo-sottosviluppo. E da ciò deriva anche che la lotta per l'autogoverno o è anche lotta per il socialismo o non è.
    L'indipendentismo che sta facendo passi da gigante in Sardegna (alle prossime regionali potrebbero esserci sorprese) non è etnocentrico ed è progressista, non a caso.

  • Anonimo scrive:
    6 settembre 2013 14:15

    @Unknow: la Padania era una provocazione, anche se, magari a causa della mia giovane età, non vedo dove sia l'aspetto reazionario. Il concetto di "etnia" che ho usato era in senso lato, per intenddere una categoria di individui ignoranti e decerebrati che sono, e questo non lo si può non negare, la stragrande maggioranza della popolazione, che come ribadisco non si trova rappresentata in un vero e proprio partito, ma ovunque. Parafrasando: la mamma dei cretini è sempre in cinta.

    Riguardo all'idea di indipendentismo che hai tu sono totalmente daccordo con te, se non lo fossi bazzicherei in qualche sito legaiolo, ma questo non mi pare proprio che lo sia ;-)

    IL VILE BRIGANTE

    PS: ma una domanda, il Partito Sardo d'Azione non si era alleato col PdL alle scorse elezioni regionali?

  • Unknown scrive:
    6 settembre 2013 15:15

    @ilvile
    Purtoppo si, il PSdAZ si diverte a prostituire la bandiera dei quattro mori (alle prossime pare vada col centrosinistra). Tuttavia storicamente rappresentò l'unico movimento di massa e radicato in Sardegna in epoca moderna e va detto che è ancora, nel suo piccolo, una realtà.
    Però alle prossime regionali si profila un terzo polo sardocentrico ed anticolonialista egemonzzato dall'indipendentismo progressista che fa ben sperare. Purtroppo la legge elettorale è terribile e c'è l'incognita M5S (con il quale io tenterei pure un'alleanza ma sono un po' autoreferenziali e vorranno investire al massimo il successo ottenuto fino ad ora). Di buono c'è che la situazione è socialmente interessante e che il modello di sviluppo impostoci da decenni a questa parte è messo radicalmente in discussione da pezzi crescenti del nostro popolo.

  • Unknown scrive:
    6 settembre 2013 15:18

    Sulla Padania: il Nord Italia è quello che ha sempre costruito il suo sviluppo sullo sfruttamento di Sud Italia, Sicilia e Sardegna, il separatismo dei leghisti è del tutto egoistico, oltre ad essere condito da pillole sparse di razzismo gratuito.

  • Anonimo scrive:
    6 settembre 2013 18:47

    @Salvatore:per VOSTRO cosa intendi?Se ti riferisci a me sappi che hai ridicolmente sbagliato bersaglio.In primis perche'non sono un militante o, come si suol dire,un sostenitore del m5s se e'questo che pensi.Ho alle spalle,peraltro abbastanza larghe,lunghi anni di militanza in quella che allora e ancora oggi viene definita sinistra di classe,per cui tutti i panegirici sulla presunta mancanza di dialettica interna al m5s mi fa un po'sorridere,avendo visto all'opera anche in anni recenti,il cosiddetto centralismo democratico rivisitato in chiave piddina.Si vada a esaminare piuttosto che cosa sono state le candidature dei "nominati",non degli eletti ,del partito che piu'ha premuto per "l'entrata in Europa".Altro che monarchia grillina!Per concludere,ma soprattutto per chiarezza,penso siano una minoranza coloro i quali ,schierati a sinistra(quella vera),sono disposti a credere ad un Grillo sovvertitore del sistema,ma piuttosto ad un movimento di massa in cui il disagio e le nefandezze del losco agire del capitale venga denunciato,magari in maniera a volte primitiva,ma comunque denunciato.Nulla piu'.Per il cambio dell'ordine esistente non basta,e'evidente,ma oggi,dato il contesto,chi ha il coraggio di farlo?

  • Anonimo scrive:
    6 settembre 2013 20:53

    @Chi ha il coraggio? Molti altri movimenti che non hanno visibilità, come ARS ed altri.
    Comunque riguardo alla denuncia delle nefandezze del capitale, mi sento di dissentire visto che viene denunciato il classico problema: castacriccacorruzzione e si propaga l'ideale del capitalismo buono, quello che: basta sostiuire il PIL con l'indice degli alberi abbattuti all'anno e abbiamo risolto il problema.
    E poi quando si vanno a denunciare le nefandezze del capitale si avanzano teorie assurde del tipo: signoraggio, il complotto giudo-pluto-massonico-comunista. Che attecchirà su quelli come te, ma su tutti gli altri? Io preferisco le vecchie sane analisi scientifico sociali di una volta, quelle che fecero morire Lenin di Ictus per intenderci. Eh, sì; avvolte studiare per dare un contributo all'umanità comporta sacrifici.

    Landru

  • Anonimo scrive:
    7 settembre 2013 11:38

    @Landru:capitalismo buono?Chi ha parlato di castacriccacorruzione?Il riferimento era al funzionamento "oggettivo" del modo di produzione capitalistico,non alle sue immanenti distorsioni implicite nel suo agire;il capitale possiede già al suo interno quella componente che gli esegeti della sua presunta "correzione"in senso "democratico",credono possibile,illusione perpetuata dalle recenti prese di posizione di illustri economisti di scuola keynesiana.Il capitale, con le dinamiche sue proprie,non può essere "riformato",per una semplice e "irrazionale"ragion d'essere,e cioè perchè poggia le sue basi proprio su quelle "nefandezze" a cui facevo riferimento.Solo superando e abolendo il plusvalore estratto dal lavoro salariato e dallo sfruttamento dell'uomo sull'uomo,si potrà ristabilire e rifondare dalle macerie lasciate dal capitale,una società più giusta ed egualitaria.Per quanto riguarda Ars,la conosco attraverso il sito di Fraioli,e devo dire che sono puntualmente d'accordo con le sue analisi,meno quando strizza l'occhio ad un personaggio che ha trasformato il suo blog in una vetrina degli insulti, e della disputa con Bagnai la sola e unica linea di condotta da adottare.Se poi l'invito è alla lettura o rilettura,dipende dai soggetti in questione,di Lenin,consiglio la lettura del testo che ha analizzato meglio il ciclo del capitale monopolistico nella sua fase globalizzante:"L'imperialismo fase suprema del capitalismo".Si può non essere d'accordo,ma è indubbio che la procedura d'analisi "scientifica"di Lenin,ereditata da Marx è stata pienamentte rispettata.

  • Anonimo scrive:
    7 settembre 2013 21:05

    @Anonimo premesso che non mi riferivo a te ma al mantra che viene citato del cpaitalismo buono pronunciato non so dai militanti perchè non li conosco ma da intellettuali ed importanti persone vicine al 5 stelle, tipo Gomez, Modigliani, lo stesso Grillo quando venne nella mia città a fare la campagna elettorale ci parlò degli eroici quaranta cinesi che portarono il capitalismo in Cina andando a vendere il riso di nascosto al mercato. Per carità: ognuno può avere opinioni diverse sul maoismo e la Cina, ma la sostanza era quella.
    Su Lenin concordo, il suo testo cui mi sto premunendo di leggere è di estrema utilità e ricco di aneddoti.
    Penso che se tu hai questa passione dovresti se li conosci andare da qualche militante e spiegarli queste cose. Gli inceneritori e il riciclaggio sono importanti, ma ogni battaglia passiva nei confronti del capitalismo è persa in partenza.

    Landru

  • Anonimo scrive:
    12 settembre 2013 19:37

    Assolutamente in disaccordo con Piemme; qui non si tratta di salvare un "rappresentante" del popolo da accuse POLITICHE, qui si tratta di un becero capitalista che ha barato per fare più profitti, di un padrone plurimiliardario che si è fatto i soldi sfruttando i lavoratori e imbrogliando a destra e a manca...Quali garanzie del cavolo vogliamo dargli??? Ma siamo pazzi???Basta con questa manfrina del "giustizialismo"! Forse non dovremmo giudicare gli affamatori del popolo? Non dovremo farla pagare a chi ha sfruttato, ucciso, costretto al suicidio e alla fame, etc etc Ma fatemi il piacere VOI NONGIUSTIZIALISTI!!! Avete una strana idea della giustizia e vi dite comunisti ed egualitari, magari!!! Avete rotto le scatole col "refrain" del giustizialismo; in realtà volete farla fare franca a chi ha creato sofferenze indicibili e in questo caso vorreste forse che in Parlamento ci tenessimo un pregiudicato,un vile truffatore???Per non parlare di tutto quello che ha fatto a livello "politico": leggi ad personam,illegalità e illiceità a piè sospinto (anche procedurali, in Parlamento, e sappiamo che in certi casi la "forma" è sostanza!!), compravendita di parlamentari, etc etc etc COSE PER CUI CI VERGOGNIAMO di essere italiani. MA FATEMI IL PIACERE!!!!E poi, da quando in qua ad uno che gioca SPORCO dovremmo rispondere con il rispetto delle regole, AMMESSO CHE ci sia qualche dubbio su questo??? E io non credo che si stia facendo male a espellere questo disonesto dal Parlamento; da quando in qua io debbo rispettare le regole con uno che BARA?????? Ma che comunisti siete????


Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (720) euro (684) crisi (610) economia (488) sinistra (423) finanza (258) Movimento Popolare di Liberazione (239) sfascio politico (235) grecia (229) resistenza (222) elezioni (211) M5S (202) teoria politica (200) banche (198) internazionale (190) imperialismo (184) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) Leonardo Mazzei (156) sovranità nazionale (156) Syriza (148) Tsipras (143) P101 (136) Moreno Pasquinelli (133) Matteo Renzi (122) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) democrazia (99) sollevazione (99) sovranità monetaria (98) destra (94) Grillo (93) berlusconismo (91) proletariato (91) costituzione (87) spagna (84) neoliberismo (81) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) Emiliano Brancaccio (74) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Mario Monti (71) Francia (69) sindacato (69) Stefano Fassina (67) bce (66) filosofia (65) Germania (64) Libia (62) populismo (62) Alberto Bagnai (58) capitalismo (58) Rivoluzione Democratica (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) Podemos (56) rifondazione (53) sinistra anti-nazionale (52) globalizzazione (51) piemme (51) Siria (50) Movimento dei forconi (49) bancocrazia (49) socialismo (49) Alexis Tsipras (48) Medio oriente (48) fiat (47) immigrazione (47) programma 101 (47) cinque stelle (46) Carlo Formenti (45) Nichi Vendola (45) Sergio Cesaratto (45) referendum (45) renzismo (45) sovranità popolare (45) immigrati (44) inchiesta (43) Troika (42) sinistra sovranista (42) Pablo Iglesias (41) Yanis Varoufakis (41) solidarietà (41) Emmezeta (40) Lega Nord (40) campo antimperialista (40) geopolitica (40) Beppe Grillo (39) astensionismo (39) moneta (39) proteste operaie (38) brexit (37) italicum (37) Diego Fusaro (35) legge elettorale (35) liberismo (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Russia (34) egitto (34) Mario Draghi (33) azione (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) default (32) fiom (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) governo Renzi (31) neofascismo (31) palestina (31) unità anticapitalisa (31) Matteo Salvini (30) fiscal compact (30) Ucraina (29) Israele (28) Luciano Barra Caracciolo (28) Manolo Monereo (28) Marine Le Pen (28) Merkel (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) Giorgio Cremaschi (27) Mimmo Porcaro (27) Sicilia (27) Ugo Boghetta (27) menzogne di stato (27) immigrazione sostenibile (26) populismo di sinistra (26) Forum europeo (25) Lega (25) xenofobia (25) Europa (24) islamofobia (24) ora-costituente (23) sovranismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) Chianciano Terme (21) Nello de Bellis (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Aldo Giannuli (20) Alitalia (20) Donald Trump (20) Marcia della Dignità (20) Quantitative easing (20) finanziarizzazione (20) scuola (20) CLN (19) Unità Popolare (19) fronte popolare (19) nazione (19) repressione (19) uscita dall'euro (19) Izquierda Unida (18) Lavoro (18) Nato (18) Tunisia (18) cina (18) ecologia (18) eurostop (18) iraq (18) keynes (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Front National (17) Laikí Enótita (17) Mariano Ferro (17) Roma (17) etica (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Norberto Fragiacomo (16) Pier Carlo Padoan (16) Regno Unito (16) USA (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) Donbass (15) Fabio Frati (15) International no euro forum (15) Luciano B. Caracciolo (15) Prc (15) 15 ottobre (14) Cremaschi (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Monte dei Paschi (14) Renzi (14) Vincenzo Baldassarri (14) coordinamento no-euro europeo (14) iran (14) obama (14) storia (14) Chavez (13) Enea Boria (13) Jacques Sapir (13) Jobs act (13) MMT (13) Stato Islamico (13) Virginia Raggi (13) acciaierie Terni (13) ballottaggi (13) finanziaria (13) piattaforma eurostop (13) umbria (13) Bersani (12) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Marco Mori (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Venezuela (12) Vladimiro Giacchè (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) emigrazione (12) euro-germania (12) salerno (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Brancaccio (11) Gennaro Zezza (11) Movimento 5 Stelle (11) Putin (11) Tonguessy (11) Turchia (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) disoccupazione (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) piano B (11) salari (11) sinistra Italiana (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Luigi Di Maio (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) golpe (10) iniziative (10) lotta di classe (10) presidenzialismo (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Beppe De Santis (9) Def (9) Fmi (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Paolo Ferrero (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) cultura (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nazionalizzazione (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) scienza (9) sciopero (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Marco Zanni (8) Mirafiori (8) Quirinale (8) Salvini (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) chiesa (8) diritti civili (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) europeismo (8) grexit (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) melenchon (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Campagna eurostop (7) Daniela Di Marco (7) Enrico Grazzini (7) Fausto Bertinotti (7) ISIL (7) Ilva (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Reddito di cittadinanza (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) confederazione (7) cosmopolitismo (7) deficit (7) elezioni anticipate 2017 (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) nazismo (7) necrologi (7) privatizzazioni (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Ars (6) Bottega partigiana (6) CUB (6) Contropiano (6) Emmanuel Macron (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Samuele Mazzolini (6) Sergio Mattarella (6) Stefano D'Andrea (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) cosmo-internazionalismo (6) derivati (6) destra non euro (6) governo Gentiloni (6) incontro internazionale (6) liberosambismo (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) sindacalismo di base (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Banca centrale europea (5) Casaleggio (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Foligno (5) Franz Altomare (5) Giancarlo D'Andrea (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) cuba (5) debitocrazia (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberalismo (5) pomigliano (5) questione nazionale (5) rivolta (5) salvinismo (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Alessandro Visalli (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Fratelli d'Italia (4) Frente civico (4) Genova (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Militant-blog (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Wolfgang Munchau (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) debitori (4) demografia (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) ideologia (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) manifestazione (4) massimo fini (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) populismo democratico (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) senso comune (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) trasporto pubblico (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alfiero Grandi (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Eleonora Forenza (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) GIAPPONE (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sandokan (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Xi Jinping (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) giovani (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) migranti (3) minijobs. Germania (3) nazionalismo (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Amoroso (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Ferdinando Pastore (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Fiumicino (2) Flat tax (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Bartolomei (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gentiloni (2) Gianni Ferrara (2) Giorgia Meloni (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Risorgimento Socialista (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) autodeterminazione dei popoli (2) automazione (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) deregulation (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) il pedante (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) moneta fiscale (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proteste agricoltori (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) trasporto aereo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amando Siri (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Gramsci (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cekia (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudia Castangia (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico Fubini (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Mark Rutte (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noi Mediterranei (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) PSUV (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Reddito di inclusione sociale (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tomaso Montanari (1) Tommaso Nencioni (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) lex monetae (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) sovranità e costituzione (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)