25 MARZO ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALE

25 MARZO ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALE
Il corteo parte da PORTA SAN PAOLO, alle ore 14

lunedì 15 aprile 2013

CHE COS'È LO STATO? SVILUPPANDO IL DISCORSO DI GRAMSCI di Moreno Pasquinelli

15 aprile. Siamo dentro una crisi epocale, che segna il passaggio ad un ordine sociale nuovo. Se esso sarà più avanzato o regressivo rispetto a quello attuale dipenderà da diversi fattori, anzitutto dall'esito della lotta tra le forze reazionarie e quelle rivoluzionarie. Questa lotta, che domani si deciderà sul terreno pratico, oggi avviene su quello delle idee. Qui ci occupiamo della teoria dello Stato. La prossima parte del concetto di Libertà. La terza parte di quello di Sovranità. La quarta di quello di Democrazia.

Dalla critica dello Stato di diritto post-moderno alla ricostruzione di una teoria socialista del Diritto e dello Stato.
(Prima parte)


di Moreno Pasquinelli*

Lo Stato e della Res Publica

«Non condividiamo, poiché semplicistica, la tesi della vulgata marxista secondo cui lo Stato sorge solo ove la comunità si sia divisa in classi ostili e antagoniste, e che esso sia dunque soltanto o anzitutto un apparato coercitivo armato posto a difesa della classe dominante. 
 Dove c’è comunità, insieme di uomini associati, anche liberi ed eguali, anche quand’essa fosse armonicamente autogovernata, li avremo quantomeno statualità (Polis o Res Publica), poiché non esiste comunità qualsivoglia senza ordine, amministrazione, norme giuridiche, strumenti atti a tutelarle e finalità politiche.

Il non-Stato è l’anarchia, e non vogliamo dar credito all’idea errata che quest’ultima sia l’equivalente o il sinonimo di comunismo. L’anarchismo presuppone infatti  l’uomo come essere perfettibile, il suo carattere divino, cosi che la società non deve normare e indirizzare le sue congenite facoltà, deve soltanto lasciare che si dispieghino liberamente e senza freni. L’anarchismo è una robinsonata, un liberale benthamismo estremistico. In realtà l’uomo come mero individuo non può essere posto al centro di nulla. La comunità, pur riconoscendo le istanze singolari e individualistiche di cui esso è portatore, non può poggiare su di esse, bensì su quelle di tutti, ciò che implica la mediazione della politica. 
L’autogoverno non è se non la forma più alta di ordine sociale. Se lo Stato è solo una delle forme possibili della Res Publica, una forma coercitiva, storicamente determinata, il comunismo come regno della libertà, non è se non una Res Publica nella sua forma più organica, una auto-statualità della comunità.



Marx aveva ragione affermando che la fisiologia dell’uomo ci consente di capire quella della scimmia. Se è così dobbiamo respingere la metodologia hegeliana, ripresa tale e quale da Engels,  che parte sempre metafisicamente dall’analisi dell’elemento originario e primordiale per spiegare, sul filo di una catena progressiva di eventi causali, quello conclusivo. Dobbiamo invece partire dallo Stato capitalistico postmoderno (così abbiamo scelto di chiamare sistema politico imperialistico occidentale e la cui anatomia è decisamente più complicata di quella presente a Marx), che è la forma più complessa e sofisticata sin qui esistita, qualcosa di molto più ampio e articolato che una pura e semplice “banda armata”. 


Il suo carattere di apparato coercitivo a disposizione della  classe dominante si manifesta solo in ultima istanza, contestualmente ad un insieme di funzioni che esulano il crudo esercizio della forza. Queste funzioni debbono concorrere tutte alla conservazione dell’ordine sociale esistente, ma l’ordine esistente è una nozione astratta, la società essendo un disordine reale e dunque sempre mutevole, che può essere normato e tenuto in piedi solo a condizione che il sistema sia policentrico e  inclusivo, che sappia cioè inglobare nel suo seno le molteplici spinte dei diversi ceti sociali, assicurando loro non solo una porzione della ricchezza sociale, ma uno Status adeguato, che non sia solo giuridico, ma politico e sociale. 


In questo quadro lo Stato capitalistico postmoderno non può tutelare solo gli interessi di un "pugno di capitalisti", ma quelli di un articolato e ampio blocco sociale plebeale di cui la borghesia capitalistica è solo l’apice. Chiamiamo plebeale questo blocco, volendo sottolineare che esso include, oltre alla classe economicamente dominante, la piccola borghesia produttiva (che lungi dall’estinguersi è diventata più numerosa), la zona alta dello sterminato ceto medio impiegatizio (le cui file, con la terziarizzazione della società moderna, si sono infittite). Ma il tratto davvero distintivo dei sistemi imperialistici, è che essi hanno inglobato buona parte della stessa classe proletaria, quella classe che per un lungo periodo, soprattutto in Europa, era stata la fonte di un’accanità conflittualità. 


Si capisce che l’egemonia capitalistica non è data automaticamente, solo in virtù delle sue posizioni di forza nella sfera dei rapporti di produzione. Lo stesso blocco dominante è infatti segnato da una permanente conflittualità interna, da una dinamica lotta tra le componenti, i cui equilibri sono sempre instabili e precari. Se quella capitalistica fosse una società castale, diremmo che la sovranità non appartiene ad una sola, ma ad un aggregato mutevole, i cui confini non sono mai dati una volta per tutte. Lo Stato è anche il garante di questa dinamica inclusiva e cooptativa, assicura che questa competizione avvenga in base a norme certe, ciò allo scopo di impedire che la competizione interna al blocco dei ceti e delle classi dominanti si trasformi in conflitto aperto, col rischio che parte di esso decida di raggiungere coloro i quali sono esclusi e tenuti fuori dal perimetro sociale in cui si esercita la sovranità politica. 


Lo Stato è dunque tanto più saldo quanto più agisce come custode del carattere ampio e inclusivo del blocco dei dominanti, quando non si manifesta in prima battuta come uno Stato di classe, ma come arbitrale soggetto interclassista, luogo di sintesi delle molteplici soggettività che compongono la formazione sociale capitalistica e in primis di quelle che sono a vario titolo interessate alla sua conservazione.



La sua potenza si esprime ovviamente nella sua capacità di contrastare le spinte eversive proletarie e dei ceti esclusi dall’esercizio della sovranità politica. Questa funzione di contrasto è prima di tutto capacità di neutralizzazione, consiste nell’impedire agli esclusi di prendere coscienza dei loro interessi, nell’inibire la loro soggettivizzazione politica, nel soffocare le spinte alla nascita di un loro contropotere. Quando questa funzione preventiva si inceppa, solo allora lo Stato si manifesta crudamente come apparato di coercizione, come Stato di Polizia. Allora esso si spoglia dei suoi panni democratici, si toglie la sua veste arbitrale, per ostentare la sua muscolare aggressività.


Ma resta che esso è tanto più è forte tanto meno deve ricorrere alla forza per contenere sia le tensioni al suo interno che quelle che si presentano come antagonistiche. Entro i confini nazionali (verso l’esterno periferico le modalità sono di ben altro segno) esso esercita infatti  le sue funzioni non tanto con la critica delle armi che vengono brandite come deterrente e usate comunque verso quegli strati proletari che vivono ai margini del processo di produzione e riproduzione capitalistici e che come detto non accedono alla Sovranità poiché il loro diritti di cittadinanza sono sostanzialmente menomati, ma con le armi della critica. La sua potenza, dello Stato, è infatti prima di tutto politica, consiste nella sua capacità di esercitare egemonia ideologica, di assicurare, oltre all’unità del blocco sociale dominante, la possibilità di quest’ultimo di integrare nel suo seno anche quelli esclusi. 


L’egemonia è il primato di una concezione del mondo, che nel caso dello Stato capitalistico postmoderno consiste si nel conferire sovranità al Capitale ma solo in quanto suprema forza motrice del mercato, un mercato il quale si manifesta come luogo aperto, pervasivo, in costante espansione e, quel che più conta, come cornice che consente una crescita costante del progresso e del benessere collettivo. Ove il mercato non assicuri questa diffusione del benessere l’egemonia capitalistica vacilla e il sistema scricchiola (che è esattamente che quel sta accadeno oggi con questa crisi sistemica, Ndr).



In questo senso, se il Capitale è l’astratto demiurgo che sta alle spalle dello Stato, questo si presenta in verità come organo proteiforme, tentacolare, plurifunzionale. 
Accanto agli organismi attraverso cui esso esercita sovranità diretta (esecutivo, legislativo, giudiziario, poliziesco), v’è un sistema multiforme di sovranità indiretta composto non soltanto da istituzioni collaterali quali scuole, media, chiese, fondazioni, enti filantropici, organizzazioni non governative, ecc, ma pure da partiti, sindacati e spesso movimenti —apparentemente eversivi e che invece spesso sono soltanto la forma con cui ceti sociali esclusi, emarginati o vittime di una perdita di status, tentano di forzare le compatibilità di sistema per entrare o rientrare entro il campo del blocco dei dominanti. Tutto quello che passa comunemente sotto il nome di società civile

Deve esserci una relazione di coessenzialità e di osmosi tra gli apparati della sovranità diretta o statuale e quelli della sovranità indiretta o della società civile. I primi non possono esercitare potere in maniera unilaterale e autoreferenziale, ma solo grazie al vitale supporto della società civile. Quest’ultima alimenta gli apparati della sovranità diretta in svariate e modulari maniere, riciclando l’ideologia dominante, aggiornandola e scrostandola dagli elementi obsolescenti, assicurando il ricambio del personale politico dirigente, fornendo gli intellettuali senza i quali semplicimente il sistema rischierebbe di perdere la sua plasticità e capacità egemonica.



Quando questa relazione cortocircuita e si spezza abbiamo quella che possiamo chiamare crisi di egemonia, crisi che diventa rivoluzionaria solo ove l’avversario del Capitale, soggettivizzatosi politicamente, sia riuscito e costruire attorno a sé un blocco sociale non meno largo e rappresentativo di quello dominante; sia cioè riuscito a rappresentarsi come potenza generale e costituente, quindi attorno ad una concezione del mondo non meno universalistica e pervasiva di quella mercantile di cui il Capitale si fa interprete e campione.



Quando affermiamo, sviluppando il ragionamento di Gramsci, che lo Stato capitalistico postmoderno compone l’insieme degli apparati della sovranità diretta e di quelli della sovranità indiretta, stiamo in effetti correggendo Marx il quale, torcendo non poco la tesi di Hegel, riteneva la società civile mera sede dei “rapporti materiali d’esistenza”, cioè dei rapporti di produzione e di scambio, ovvero la reale struttura economica sulla quale si ergeva la sovrastruttura statuale. Se dovessimo ricorrere ad una metafora anatomica (che  come ogni analogia va presa con le pinse), parzialmente accogliendo le tesi althusseriane, diremo che l’organismo sociale che chiamiamo sistema capitalistico è una struttura, le cui parti tutte concorrono, a seconda delle loro specifiche funzioni, alla sua complessiva vitalità e riproduzione. Se i rapporti di proprietà sono il sistema osseo di questo organismo, gli apparati statuali della sovranità diretta o coercitiva costituiscono il suo sistema nervoso, mentre quelli della sovranità indiretta o società civile corrispondono al resto: sistemi muscolare, cutaneo e circolatorio, gli apparati digerente, respiratorio e escretore.



Se il marxismo ortodosso, col suo rigido schema binario struttura-sovrastruttura, non ha saputo spiegare lo Stato capitalistico postmoderno, tanto meno possono farlo le scuole liberali borghesi. La realtà ha infatti smentito e superato tutte le dottrine. Esso non è il rousseauviano ente che rappresenta e incarna la volontà generale. Non è un contrattualistico patto di individui atomizzati dotati di potere costituente. Non è una pura e semplice formazione giuridica o democrazia costituzionale. Non è lo Stato dei liberali che supponevano la perfetta coincidenza tra interesse privato e quello pubblico, né l’apparato puramente amministrativo dei liberisti, né quello di Hegel o Croce che lo dipingevano come l’ingresso di Dio nel mondo o l’incarnazione dell’Io assoluto


Esso, lo Stato, è in Occidente, al suo per ora ultimo stadio di sviluppo, un organismo complesso che può governare la formazione sociale solo in quanto può rappresentarla in modo autoritario ma pluralisticamente, ed anche, foucaultianamente, perché abbisogna che i cittadini abbiano introiettato come naturale non solo lo scambio mercantile ma pure la necessità della propria autocoercizione.


Come vedremo più avanti lo Stato capitalistico postmoderno è infine polimorfico, contiene in sé elementi democratici, aristocratici, oligarchici e monarchici, il cui dosaggio cambia a seconda delle tradizioni nazionali, delle circostanze sociali, delle sue necessità di autopreservazione.



Erodoto distingueva tre forme di governo: di uno solo, di pochi, di tutti. Noi diremo che lo Stato postmoderno, che negli U.S.A. si è venuto strutturando prima che altrove, riesce ad essere democratico in quanto consente alla moltitudine ci concorrere alle decisioni politiche, ma nell’ambito di un sistema istituzionale blindato che si avvicina al Leviatano di Hobbes, ovvero ad un onnipotente Stato di Polizia».

-Prossima Parte: Il concetto di Libertà


* Questo scritto apparve, col titolo Libertà e comunità, nel marzo 2003, nella rivista PRAXIS n.31. Era preceduto dalla Premessa qui sotto.
 
«Marx si promise di trattare scientificamente le problematiche relative alle Stato, ma non riuscì a farlo. Tra tutti i suoi epigoni Lenin fu il solo a tentare una sistemazione teorica che avesse una sufficiente coerenza. Lo fece, pressato dalla temperie rivoluzionaria russa, con l’intento di contrastare le deformazioni riformistico-legalitarie diventate da almeno un ventennio egemoni nel movimento socialista internazionale, e di difendere il marxismo come “dottrina rivoluzionaria”. Senza esitazioni egli accolse la tesi engelsiana (sostenuta dallo stesso Marx) per cui lo Stato appare solo ad un certo grado dell’evoluzione storico-sociale, quando gli antagonismi sociali sono inconciliabili e la classe dominante si dota di un apparato coercitivo allo scopo di tutelare i suoi interessi e conservare la propria supremazia. Sotto questa luce lo Stato era dunque anzitutto una “banda armata”.

Dopo Lenin, Gramsci fu il solo a porre l’esigenza di un’analisi più articolata e rigorosa dello Stato, che nei paesi a più alto sviluppo delle forze produttive, come vedremo, non è soltanto un apparato coercitivo, ma uno strumento complesso di fabbricazione di egemonia ideologica e sociale. L’assenza di una seria ricerca scientifica sullo Stato moderno era una prova della lenta agonia teorica che il marxismo ha conosciuto, soprattutto dopo la seconda guerra mondiale. Un’agonia che si spiega anche con l’apparente  irreversibile ascesa del socialismo reale, che sembrava risolvere praticamente e storicisticamente gli ossimori e i nodi teorici irrisolti.

Stessa sorte è toccata alla questione delo Stato di Diritto (in quanto sistema giuridico-normativo di una data società) e al Diritto Soggettivo (ovvero alle libertà e alle facoltà individuali).



Come spiegare il fatto che questo silenzio ha coinvolto anche la sinistra radicale e le sette ereticali di vario stampo? Se lo stalinismo, prigioniero com’era o dell’apologia del modello russo o dello storicismo, poteva solo rimuovere la problematica, i marxismi ereticali avrebbero dovuto, proprio per dare respiro e rigore alla loro critica del “socialismo reale”, sviluppare analisi più accurate. Non lo hanno fatto a causa del loro dogmatismo dottrinario. Stato e Diritto, essendo mere sovrastrutture sociali, non meritavano indagine scientifica. Una volta scomparse le classi lo Stato, e con esso il Diritto (concepito come suo mero rivestimento giuridico), non potevano che automaticamente e inesorabilmente dissolversi nel corpo della società socialista. Stessa sorte toccava ai diritti soggettivi fondamentali e a quale sorte spettasse loro nel passaggio al comunismo: l’indagine era superflua in quanto un’autentica società senza classi sarebbe stata il regno della libertà totale e dispiegata. Avveniva insomma una torsione meccanicistica ed economicistica di quella che al tempo fu una fondamentale scoperta materialistico-storica di Marx: «Sono stato dai miei studi condotto alla conclusione che sia i rapporti giuridici sia le forme dello stato non potevano essere compresi né di per se stessi né per il cosiddetto sviluppo generale dello spirito umano, ma che sono radicati nei rapporti materiali dell’esistenza, il cui complesso è abbracciato da Hegel con il nome di Società civile: l’anatomia di questa Società civile dev’essere cercata nell’economia politica». (Per la critica dell’economia politica)

Gli eretici usando vuote tautologie o limitandosi alla sterile esegesi filologica del testo di Marx, gli staliniani adottando una machiavellica realpolitik, andavano dunque nella stessa direzione. Non è per caso che la penosa implosione dell’URSS abbia trascinato con sé tutte le eresie, nessuna esclusa.



Vi è forse un’altra ragione, più profonda e che attiene ad un aspetto sottaciuto ma costitutivo del marxismo. Dietro alla supponenza con la quale i marxisti ortodossi di tutte le chiese hanno liquidato l’etica come ideologia, in realtà di annidava un’incoffessata accettazione dell’etica rousseauviana. La natura umana è buona. Conflitti e ostilità sono sorti con la comparsa della proprietà e la fissazione dei diritti di proprietà. Ergo: aboliti questa e quelli gli uomini sarebbero tornati alla beatitudine dello stato di natura. Tutto molto semplice, tutto molto metafisico. Il comunismo come aristotelica entelechia: la compiuta e finale realizzazione della innata potenza umana.



E’ nostra intenzione tentare di mettere ordine in questo campo, per giungere a delle conclusioni (che se non sono delle congetture popperiane sono pur sempre passibili di falsificazione), per quanto attiene alle sorti dello Stato, del  Diritto e dei Diritti soggettivi nella società comunista. Per farlo dobbiamo transitare un territorio minato e saldamente presidiato dal pensiero politico borghese, ricostruendo i concetti di Stato, Sovranità, Libertà, Popolo Democrazia e Stato di Diritto. Ai lettori stabilire se le nostre fatiche abbiano prodotto un impianto concettuale, se non già rigorosamente scientifico, almeno potenzialmente tale».
Print Friendly and PDF

4 commenti:

  • Palme Palmester scrive:
    15 aprile 2013 13:30

    Condivido molto quest'ultima analisi "Come vedremo più avanti lo Stato capitalistico postmoderno è infine polimorfico, contiene in sé elementi democratici, aristocratici, oligarchici e monarchici, il cui dosaggio cambia a seconda delle tradizioni nazionali, delle circostanze sociali, delle sue necessità di autopreservazione."
    Per colpire almeno in parte questo modello sposterei l'attenzione e quindi la problematica dello stato capitalistico sul piano delle risorse dell'ecosistema e del suo sfruttamento. In una visione a medio lungo periodo lo stato si dovrebbe occupare di come ridistribuire le risorse tra i membri della società e sopratutto mantenute e preservate per le generazioni future.
    Quindi il problema nella sfera delle risorse limitate è che il capitalismo è di per se poco efficiente perché guarda al profitto nel breve periodo esternalizzando i costi nel medio lungo periodo portando alla distruzione o comunque un disequilibrio nel futuro..."ora mangio poi si vedrà, magari troveremo un metodo per creare acqua potabile dal niente"

  • Guido scrive:
    20 aprile 2013 22:38

    Ê un articolo veramente interessante, ma mi sembra che questa analisi sia un pò "ingiusta" nei confronti degli anarchici.

    Anni fa lessi l'Anarchia di Errico Malatesta e, francamente, non mi pare che il tipo di società auspicato dagli anarchici fosse così strampalato come ero in origine incline a pensare o come sembra esserlo anche in questa analisi.

    In effetti, se non ricordo male, in quel testo emergono due concetti
    interessanti ed essenzialmente veri:
    - Lo Stato viene in genere percepito come un potere sociale astratto, mentre gli anarchici lo considerano come la collettività dei soggetti che lo compongono.
    - Partendo da questa impostazione
    emerge come quest'ultimo possa essere "deviato" per fare gli interessi delle classi dominanti.

    Ora...io credo non si possa dare tutti i torti agli anarchici:

    Hanno infatti ragione quando sostengono che lo "Stato" può essere (e in genere è) "dirottato" per fare gli interessi della classe dominante.

    Questo avviene nella società capitalista, ma è avvenuto anche negli esperimenti (falliti) del Socialismo Reale, dove all'eliminazione della classe capitalista è succeduto l'apparire di una "borghesia di Partito" che era la beneficiaria del potere dello Stato.

    Francamente credo che la eccessiva semplicità con cui è stata "eliminata" l'opzione anarchica nella parte iniziale del testo, pur mantenendo l'efficacia dell'analisi per l'area specifica individuata (Stato capitalistico post-moderno) comporti il rischio, nella riproposizione di una alternativa,
    di sottovalutare questo rischio intrinseco dello Stato che tanto male ha fatto alle esperienze del Socialismo Reale.

    ->

  • Guido scrive:
    20 aprile 2013 22:39

    ->

    Quanto all'inibizione della soggettività politica, alla sovranità indiretta ed alla capacità della classe dominante di integrare gli esclusi...mi paiono concetti essenzialmente connessi da un unico fattore:

    I soggetti oppressi sono incapaci di riconoscere il fatto che l'unica cosa che hanno da perdere sono le loro catene.

    A mio avviso sempre nel libro di Malatesta si trova un esempio molto azzeccato di come gli oppressi percepiscono le "catene" dello Stato:

    "Così uno, il quale fin dalla nascita avesse avuto le gambe legate e pure avesse trovato modo di camminare alla men peggio, potrebbe attribuire la sua facoltà di muoversi precisamente a quei legami, che invece non fanno
    che diminuire e paralizzare l’energia muscolare delle
    sue gambe. Se poi agli effetti naturali dell’abitudine s’aggiunga l’educazione data dal padrone, dal prete, dal professore, ecc., i quali sono interessati a predicare che i signori ed il governo sono necessari; se si aggiunga il giudice ed il birro, che si forzano di ridurre al silenzio chi pensasse diversamente e fosse tentato a propagare il suo pensiero, si comprenderà come abbia messo radice, nel cervello
    poco coltivato della massa laboriosa, il pregiudizio della
    utilità, della necessità del padrone e del governo.
    Figuratevi che all’uomo dalle gambe legate, che abbiamo
    supposto, il medico esponesse tutta una teoria e mille
    esempi abilmente inventati per persuaderlo che colle
    gambe sciolte egli non potrebbe né camminare, né vivere;
    quell’uomo difenderebbe rabbiosamente i suoi legami
    e considererebbe nemico chi volesse spezzarglieli.
    "

    ->

  • Guido scrive:
    20 aprile 2013 22:40

    ->

    Ê precisamente questa percezione illusoria alla base dell'incapacità degli oppressi
    di riconoscere il proprio potenziale e di ribellarsi:

    Le catene vengono vissute come una condizione fisiologica.

    Lo Stato viene percepito come l'unico interlocutore da cui ottenere giustizia in modo "civile".

    L'uomo così illuso di poter ottenere ciò che vuole senza dover ricorrere alla violenza (prerogativa esclusiva dello Stato) se ne stà docile con i ceppi a mani e piedi e si lascia opprimere.

    Ê la comprensione della illusorietà
    della civiltà, del diritto (inteso come concetto astratto ed universale, contrapposto al diritto-conquista ottenuto e mantenuto con la minaccia della violenza) e della concezione dello Stato come "ente morale" e lo sprone legato alla disperazione che costituiscono le necessarie premesse per l'innesco dell'impulso di farsi giustizia da sè attraverso la rivoluzione (e la violenza rivoluzionaria che ad essa è associata).

    Leggendo il testo mi è parso che l'egemonia ideologica e gli apparati di sovranità indiretta vengano letti come un elemento innovativo di questo tipo di Stato,
    ma, se la civiltà ed il diritto li consideriamo illusori e se consideriamo falsa l'idea che lo Stato sia un "ente morale" (e non l'insieme dei soggetti specifici che lo compongono) al quale appellarsi, penso che questi "strumenti" siano una sorta di "evoluzione" di strumenti pre-esistenti:

    Inizialmente c'era il suffragio universale...

    ...poi ci sono stati i "sindacati addomesticati"...

    ...e così via...

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (710) euro (680) crisi (609) economia (486) sinistra (416) finanza (258) Movimento Popolare di Liberazione (238) sfascio politico (235) grecia (229) resistenza (221) elezioni (205) teoria politica (199) banche (198) M5S (195) internazionale (190) imperialismo (184) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (152) Leonardo Mazzei (151) Syriza (148) Tsipras (143) Moreno Pasquinelli (129) Matteo Renzi (122) P101 (122) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) sollevazione (99) democrazia (98) sovranità monetaria (97) Grillo (93) destra (93) berlusconismo (91) proletariato (90) costituzione (87) spagna (84) neoliberismo (80) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Emiliano Brancaccio (71) Mario Monti (71) sindacato (68) bce (66) Germania (64) Stefano Fassina (63) filosofia (63) Libia (62) populismo (60) Francia (58) capitalismo (58) Alberto Bagnai (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) Podemos (56) Rivoluzione Democratica (56) rifondazione (51) sinistra anti-nazionale (50) Movimento dei forconi (49) Siria (49) bancocrazia (49) globalizzazione (49) Alexis Tsipras (48) Medio oriente (48) socialismo (48) fiat (47) piemme (47) immigrazione (46) Nichi Vendola (45) Sergio Cesaratto (45) renzismo (45) immigrati (43) inchiesta (43) programma 101 (43) referendum (43) Troika (42) cinque stelle (42) sovranità popolare (42) Yanis Varoufakis (41) solidarietà (41) Carlo Formenti (40) Pablo Iglesias (40) campo antimperialista (40) geopolitica (40) sinistra sovranista (40) Emmezeta (39) Lega Nord (39) astensionismo (39) Beppe Grillo (38) moneta (38) proteste operaie (38) italicum (37) brexit (36) legge elettorale (35) III. Forum internazionale no-euro (34) egitto (34) liberismo (34) Diego Fusaro (33) Mario Draghi (33) Russia (33) azione (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) default (32) fiom (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) governo Renzi (31) neofascismo (31) palestina (31) unità anticapitalisa (31) fiscal compact (30) Matteo Salvini (29) Ucraina (29) Israele (28) Manolo Monereo (28) Merkel (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) Luciano Barra Caracciolo (27) Sicilia (27) menzogne di stato (27) Mimmo Porcaro (26) immigrazione sostenibile (26) Forum europeo (25) Lega (25) Ugo Boghetta (25) xenofobia (25) Europa (24) Giorgio Cremaschi (24) islamofobia (24) populismo di sinistra (24) ora-costituente (23) sovranismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) Chianciano Terme (21) Nello de Bellis (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Aldo Giannuli (20) Donald Trump (20) Marcia della Dignità (20) Marine Le Pen (20) Quantitative easing (20) finanziarizzazione (20) scuola (20) Unità Popolare (19) fronte popolare (19) nazione (19) repressione (19) Izquierda Unida (18) Nato (18) Tunisia (18) cina (18) ecologia (18) iraq (18) keynes (18) uscita dall'euro (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) Roma (17) etica (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Pier Carlo Padoan (16) Regno Unito (16) eurostop (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) CLN (15) Donbass (15) Front National (15) International no euro forum (15) Prc (15) USA (15) 15 ottobre (14) Eurogruppo (14) Luciano B. Caracciolo (14) Monte dei Paschi (14) Norberto Fragiacomo (14) Renzi (14) Vincenzo Baldassarri (14) coordinamento no-euro europeo (14) iran (14) obama (14) storia (14) Enea Boria (13) Ernesto Screpanti (13) Jacques Sapir (13) Jobs act (13) MMT (13) Stato Islamico (13) acciaierie Terni (13) finanziaria (13) piattaforma eurostop (13) umbria (13) Bersani (12) Chavez (12) Cremaschi (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Marco Mori (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Virginia Raggi (12) Vladimiro Giacchè (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) emigrazione (12) euro-germania (12) salerno (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Putin (11) Tonguessy (11) Turchia (11) Venezuela (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) disoccupazione (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) Movimento 5 Stelle (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) golpe (10) iniziative (10) piano B (10) presidenzialismo (10) salari (10) sinistra Italiana (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Alitalia (9) Art. 18 (9) Beppe De Santis (9) Brancaccio (9) Fmi (9) Luigi Di Maio (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) ballottaggi (9) cultura (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) lotta di classe (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) scienza (9) sciopero (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Def (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Fabio Frati (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Marco Zanni (8) Mirafiori (8) Paolo Ferrero (8) Quirinale (8) Salvini (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) diritti civili (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) europeismo (8) grexit (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Campagna eurostop (7) Daniela Di Marco (7) Enrico Grazzini (7) ISIL (7) Ilva (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) cosmopolitismo (7) deficit (7) elezioni anticipate 2017 (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) nazionalizzazione (7) nazismo (7) necrologi (7) privatizzazioni (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Ars (6) Bottega partigiana (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Samuele Mazzolini (6) Sergio Mattarella (6) Stefano D'Andrea (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) cosmo-internazionalismo (6) derivati (6) incontro internazionale (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Banca centrale europea (5) Casaleggio (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) confederazione (5) cuba (5) debitocrazia (5) destra non euro (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) governo Gentiloni (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberalismo (5) liberosambismo (5) pomigliano (5) questione nazionale (5) rivolta (5) salvinismo (5) sindacalismo di base (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) uber (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) Genova (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Morgan Stanley (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Sharing Economy (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) debitori (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) ideologia (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) manifestazione (4) patrimoniale (4) pensioni (4) populismo democratico (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) trasporto pubblico (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alessandro Visalli (3) Alfiero Grandi (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (3) CUB (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Chiavacci Alessandro (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Bertinotti (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) Franz Altomare (3) Fratelli d'Italia (3) GIAPPONE (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Militant-blog (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Mosul (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Sarkozy (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Wolfgang Munchau (3) Xi Jinping (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) giovani (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) manifestazione 25 marzo 2017 (3) massimo fini (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) migranti (3) minijobs. Germania (3) nazionalismo (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) senso comune (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Eleonora Forenza (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Ferdinando Pastore (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Flat tax (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gianni Ferrara (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) automazione (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) deregulation (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) il pedante (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) trasporto aereo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Benzoni (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amando Siri (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio Amoroso (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Fiumicino (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Bartolomei (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgia Meloni (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Basso (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Mark Rutte (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autodeterminazione dei popoli (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) lex monetae (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) moneta fiscale (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) sovranità e costituzione (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)