ALITALIA ALL'ITALIA - FIRMA L'APPELLO

lunedì 9 gennaio 2012

NON CI RESTA CHE PIANGERE?

Per il Quarto Reich?
In risposta a Piero Pagliani sugli aspetti geopolitici dell’uscita dell’euro


di Moreno Pasquinelli

Alternativa, il movimento di Giulietto Chiesa, il 21 e 22 gennaio prossimi, svolgerà la sua seconda assemblea nazionale. Uno dei punti dirimenti della discussione è se si debba o no uscire dall’euro e dall’Unione europea. Contro l’uscita è sceso in campo Piero Pagliani. Un intervento, il suo, che mette in fila le ragioni per cui sarebbe meglio restare nell’Unione e tenersi la moneta unica. Qui sotto la risposta di Moreno Pasquinelli.


Premessa

Alternativa è divisa sulla questione dell’uscita dall’Unione europea e dall’euro. Il dibattito, prima solo informale, ha compiuto un salto di qualità il primo gennaio con l’intervento pro-euro di Giulietto Chiesa [Riflessioni su alcuni orientamenti tattici e strategici di Alternativa],

In risposta a Chiesa, muovendo obiezioni davvero consistenti, sono scesi in campo altri esponenti di Alternativa. Prima Marino Badiale e Fabrizio Tringali [Liberi dall’euro e dai vincoli Ue: osservazioni all’intervento di Gilietto Chiesa], ed infine Stefano D’Andrea [La gabbia europea e l’orticello nazionale].

In soccorso a Chiesa è quindi giunto, il sei gennaio, Piero Pagliani. [1992-2012 Sovranità poltica e monetaria. Contributo alla seconda assemblea nazionale di Alternativa]

Un intervento complesso, lungo, che affronta la questione dell’euro e dell’Unione europea dal punto di vista prima economico e poi geopolitico. Mi occupo solo di questo secondo aspetto, e non del lato squisitamente e economico per due ragioni. Anzitutto perché sulla natura squinternata della moneta unica e sulla sua consunzione abbiamo scritto a iosa, non solo noi, ma pure gran parte della “comunità scientifica”. Il secondo perché gli argomenti di economia politica portati dal Pagliani a difesa dell’euro, essendo una riproposizione della vulgata degli “euristi” di regime, hanno già ricevuto su questo sito numerose risposte.

L’argomento forte del Pagliani è quindi di natura geopolitica. Ed è qui che ci pare doveroso, con pieno rispetto per il dibattito in Alternativa, dire la nostra.

Come nasce l’Unione europea

 Pagliani esordisce affermando che il suo contributo affianca quello di Chiesa a favore dell'euro e dell'Unione europea, “del quale condivide totalmente l’impostazione”.  Il punto di partenza dell’argomentazione di Chiesa è una chicca formidabile. Chiesa afferma infatti:

«L’Unione Europea non è nata come la conosciamo oggi. E’ stata una grande e forte idea, nata dalle riflessioni sulla fine della guerra. Un’idea che, alle sue origini, era di pace. E che, se riportata alle sue opzioni originarie, può consentire la pace tra le nazioni e i popoli europei. La valenza culturale e politica di una parola d’ordine come quella di uscire dall’Europa è, a mio avviso, del tutto negativa. Lancia un messaggio regressivo, di chiusura provincialistica, di ristrettezza culturale, di isolazionismo. Alternativa non può fare propria una tale linea perché contraddirebbe se stessa nel momento in cui si propone come movimento transnazionale. Per unificare cosa e chi, se noi per primi ci ritiriamo nel nostro orticello nazionale?». [Giulietto Chiesa. Riflessioni su alcuni orientamenti tattici e strategici di Alternativa]

Ma quale film ha visto Chiesa?
Egli cade con tutti e due i piedi nella trappola ideologica delle classi dominanti, che come sempre, rivestono dei più nobili ideali i loro più meschini interessi. Viene facile sbugiardare le potenze occidentali sulle piccole cose, più difficile smascherare le loro menzogne su quelle grandi. Accreditare la tesi che l’Unione europea nacque per portare la pace in Europa è una bugia dieci volte più grave di quella che affarma, che so, che la NATO è intervenuta in Libia per portare la democrazia.

L’Unione non fu affatto istituita per realizzare gli ideali di pace e di unione tra i popoli europei ma, ben al contrario, nacque in piena Guerra fredda come atto di forza imperialista e divisionista e ostile verso l’altra metà dell’Europa. L’Unione nacque allo scopo di meglio contrastare la “minaccia sovietica e comunista”, di rinsaldare la sudditanza dell’Europa occidentale agli Stati uniti, in vista di un redde rationem con l’URSS staliniana.

La controprova inoppugnabile è che essa sorse come protesi della NATO, per questo venne consacrata dagli Stati Uniti d’America che fecero dell’Europa occidentale uno spazio politico a sovranità limitata, sottoposto alla giurisdizione imperiale.

Basta ritornare indietro per vedere che i sei paesi che diedero vita nel 1950 al primo nucleo dell’Unione (la Comunità europea del carbone e dell’acciaio, Ceca) erano tutti membri fondatori dell’alleanza militare euro-atlantica. La controprova è ch tutti, ma proprio tutti i partiti comunisti, compresi alcuni socialisti e la gran parte dell’estrema sinistra del tempo denunciarono come imperialisti e una minaccia per la pace i Trattati di Roma del 1957 che istituirono la Comunità economica europea (Cee).
Questa avversione della sinistra europea rimase intatta nel 1983, quando, con la guerra fredda al suo apice (installazione dei missili americani Pershing e Cruise puntati contro l’altra metà delll’Europa), venne firmata la Dichiarazione solenne che avrebbe portato dieci anni dopo (Trattato di Maastricht) alla fondazione dell’Unione europea. Soltanto i cosiddetti “eurocomunisti”, tra cui il Pci, sostennero questi passaggi, non a caso, visto che nel frattempo avevano accettato di difendere la NATO.

Non è ammissibile, se si ha a cuore la verità storica, rimuovere il peccato originale che diede vita all’Unione. Imbellettare la sua natura costitutivamente divisionista e imperialista non è nell’interesse del popolo lavoratore ma in quello delle classi dominanti, avvezze a camuffare i loro disegni egemonici e strategici con gli specchietti per le allodole della pace, della democrazia, dei diritti umani, del progresso. E’ dunque doveroso mettere in guardia chi afferma di lottare contro l’imperialismo dal non cadere in trappola poiché si finisce per diventare spacciatori di menzogna.

La visione geopolitica del Pagliani

E’ come minimo singolare che Pagliani, che non perde occasione per sottolineare l’importanza dell’aspetto geo-politico delle questioni, sorvoli candidamente sull’indelebile peccato originale da cui sorse l’Unione europea. Così facendo non solo si getta alle ortiche la memoria storica del movimento operaio, si rimuove un intero periodo storico cancellando radici e cause della più grande catastrofe storica subita nel ‘900 e simboleggiata dalla caduta, prima del Muro di Berlino e poi dell’URSS. Senza dimenticare che, in parallelo, è proprio in nome del grande inganno europeista che il movimento operaio ha dovuto sacrificare le sue storiche conquiste.

Probabilmeme consapevole di questa gravissima rimozione, e tenuto a spiegarci perché mai dovremmo, non solo restare nell’Unione europea, ma addirittura difenderla obtorto collo e tenerci stretta la moneta unica, Pagliani si rifugia in una sottile diavoleria: il concetto di eterogenesi dei fini.

“Va bene —sembra ammettere Pagliani senza tuttavia smentire la  sciocchezza di Chiesa—, forse l’Unione e l’euro che ne rappresenta il punto d’approdo, sono nati storpi, brutti, imperialisti e neoliberisti, ma a dispetto degli artefici e delle loro finalità, essi sono diventati belli, progressisti, per cui sarebbe sbagliato e reazionario sbarazzarsene”.

Sentiamo il Pagliani. La citazione è lunga ma necessaria per coglierne il senso, le sfumature e le implicazioni.

«L’eterogenesi dei fini non permette ad un progetto di avere esattamente l’esito voluto. Non lo permetterebbe a forze esigue come siamo noi e i nostri alleati oggi. Questo è facile da capire ed è proprio su questo che invito alla riflessione politica per non imbarcarci in parole d’ordine fuori dal nostro controllo. Ma non lo permette nemmeno a chi è più potente di noi. E su questo snodo si incardina la questione se l’euro sia o no una minaccia per il dollaro. Per i fautori dell’uscita dall’euro la risposta è chiara: l’euro non ha mai costituito una minaccia per l’egemonia americana. In linea teorica è del tutto vero, e abbiamo visto i convincenti argomenti che erano stati addotti dagli USA. Ma l’eterogenesi dei fini ci racconta un’altra storia.
Seppure l’intendimento degli euristi non sia stato antiegemonista, cioè non fosse mai stato quello di contrastare l’egemonia planetaria statunitense, la presenza dell’euro sul mercato valutario è un’oggettiva alternativa al dollaro.
(…) Insomma, l’euro progettualmente privato di ogni valenza o tentazione politica è finito per essere un oggetto di contesa politica internazionale malgré lui.
Ecco quindi che l’attacco speculativo alla moneta unica assume un colore egemonista imprevisto ma abbastanza netto.
Da una parte gli USA devono rendere poco appetibile l’euro mostrandone tutta la debolezza politica. Non potendo attaccare il suo possente cuore tedesco, attaccano le deboli gambe di periferia. Con la Germania, renitente alla leva antilibica, dovrà invece rinegoziare posizioni di privilegio da viceré. Se possibile.
E questo è il primo motivo. Il secondo è che la posizione tedesca rischia veramente di far andare al macero trilioni di dollari di capitale fittizio (o capitale fuffa).
Lo scontro tra mondo anglosassone e mondo tedesco è come un gigantesco scontro tra economia finanziaria ed economia reale.
L’euro indebolito sembra aver perso per ora i favori di alcuni dei Paesi emergenti. Già i BRICS avevano deciso di denominare le loro transazioni bilaterali preferenzialmente nelle valute nazionali. E’ notizia fresca che lo stesso avverrà tra Cina e Giappone. Ciò spingerà gli USA non ad allentare, bensì a cercare di aumentare la presa sui Paesi dell’Europa mediterranea. E’ una questione prima geopolitica e solo dopo economica e la cintura d’instabilità della sponda Sud del Mediterraneo è parte della trappola». [ sottolineature mie].

Sottile diavoleria, dicevamo, questa dell’eterogenesi dei fini, la quale, sia detto per inciso, non ha alcuna valenza scientifica, ma è solo una metafora concettuale del filosofo. Un concetto che tuttavia il Pagliani pare interpretare nel modo più radicale, ovvero non alla maniera hegeliana, per cui il risultato dell’azione degli uomini  spesso non corrisponde a quanto essi si propongono, ma alla maniera vichiana, per cui il risultato di dette azioni  è quasi sempre opposto ai loro intendimenti. Di qui il pessimismo ontologico del Manzoni il quale, non riponendo alcuna fiducia nell’azione politica, si affidava alla Divina Provvidenza.

In buona sostanza Pagliani afferma che, malgrado l’Unione europea e la moneta unica siano stati concepiti entrambi all’ombra dell’egemonia imperiale statunitense, essi sono diventati non solo un freno alla supremazia americana, ma un vero e proprio antagonista al dominio americano e del dollaro.

Di qui la sua lettura della consunzione dell’euro, che non sarebbe  determinata, come noi in effetti pensiamo, dalle sue native illogicità e antinomie —che la crisi globale ha solo portato alla luce e che la politica delle autorità tedesche ha aggravato—, bensì dal disegno egemonistico degli Stati Uniti che vedono l’euro come un pericolo mortale, una moneta da fare fuori.

Anche qui: che film ha visto pagliani?

Sudditi siamo costretti ad essere: o degli Usa o della Germania?

Il Nostro, in una vera e propria overdose di realpolitik, osa spingersi più avanti ancora. Dato che la Germania è il “possente cuore” dell’Unione e dell’euro, tutte le forze antagoniste europee, tra cui noi italiani compresi, dovremmo smetterla di fantasticare la riconquista di una presunta sovranità nazionale ma, al contrario, prendere atto che l’Italia, quella sovranità l’ha irrimediabilmente ceduta, che è oramai solo solo un vaso di coccio tra i giganti americano e tedesco, e dunque non ci resterebbe, dato che gli Usa sono il nemico principale, non tanto allearci alla Germania, che tanto poco oramai contiamo, ma adeguarsi ai rapporti di forza e ottemperare alle ambizioni imperiali di Berlino.

Questa posizione —che detto di passata trova i suoi difensori in pezzi da novanta dell’establishment finanziario e politico italiano, detto brutalmente proprio in alcuni degli sponsor del governo Monti— non è solo irricevibile al punto di vista dei principi, è del tutto sballata nei fondamentali.

Dal punto di vista dei principi è una palese violenza al principio lenininiano per cui, nella competizione tra predoni imperialisti, il movimento dei lavoratori non può fare da truppa cammellata né all’uno né all’altro e, in caso di conflitto aperto sabotare il conflitto inter-imperialista per “trasformarlo in guerra civile”, per rovesciare la propria borghesia.

Il fatto è che questa lettura sintetica della crisi dell’euro è fasulla, e sta alla realtà quanto i prodotti tossici della finanza creativa stanno all’economia reale.

Né dal punto di vista politico, né da quello economico, le classi dominanti tedesche non stanno sfidando né si sognano di sfidare l’egemonia statunitense. Lo può confermare chiunque abbia un minimo di dimestichezza col dibattito politico tedesco. L’unico, pallido elemento che Pagliani porta a suo sostegno è l’astensione tedesca (che fu un avallo e non un’opposizione reale) sull’aggressione alla Libia. Di contro a questo argomento, per segnalare la sudditanza strategica della Germania agli USA, se ne potrebbero portare  decine di altri, di cui il più importante è che la Germania resta , dal punto di vista strategico, il “possente cuore” militare del dominio americano in Europa. Risulta al Pagliani che ci sia anche solo una forza politica tedesca che chiede l’uscita dalla NATO o lo smantellamento delle enormi basi americane?

E dovrebbe far riflettere il Nostro che proprio in questi giorni Obama abbia dichiarato che gli USA dimezzeranno la loro presenza militare in Europa. Decisione quanto meno strana ove gli USA davvero temessero realmente un “revanchismo tedesco”, se dunque stessero tramando per ammazzare l’euro, quindi l’Unione, col precipitato di esplosivi subbugli geopolitici  e sconquassi sociali che questa morte porterà inevitabilmente con sé.

La verità sta tutta al polo opposto.
Gli Stati uniti non ostacolarono ma auspicarono ieri la creazione del mercato comune europeo prima e la nascita dell’euro poi, e oggi se ne fanno difensori perché essi erano e sono del tutto funzionali ai loro interessi. L’Europa è in assoluto non solo il principale partner economico degli USA, ma la seconda gamba strategica grazie alla quale si regge in piedi l’impero globale americano. Se non c’è alcuna traccia che pezzi di ceto politico tedesco (tranne i rottami nazisti) immaginino di entrare in conflitto con gli USA, nemmeno ce n’è che l’assalto all’euro sia un piano deliberato della Casa Bianca.
L’attacco all’euro evidentemente esiste ma questo non grazie ma a dispetto della volontà del governo americano, del Pentagono o della NATO.

Da chi è portato questo attacco? Davvero solo dalla finanza anglo-americana? No, l’attacco è da parte della finanza globale, tedesca compresa, che semplicemente si sbarazza obbligazioni bancarie europee e dei titoli di debito europei perché non vuole lasciarci le penne, perché da per scontato un crollo monetario e finanziario della moneta unica e dell’Unione. E’ il capitalismo bellezza! Un capitalismo finanziarizzato in cui i grandi giocatori non ubbidiscono ai governi, o a disegni politici di lungo periodo, ma al semplice impulso a fare quattrini, spesso in barba alle direttive politiche della Casa Bianca, che non ha alcun interesse a mutilare il proprio principale alleato, a scatenare una catastrofe monetaria ed economica che avrebbe effetti dirompenti non solo sull’economia USA, ma sugli equilibri mondiali.

Basta analizzare i flussi e le transazioni finanziari avvenuti nell’ultimo anno nelle borse mondiali per verificare in maniera inoppugnabile che non sono solo i pescecani americani e inglesi a sbarazzarsi dei titoli europei. Stessa cosa stanno facendo gli arabi, il Giappone, la Cina, la Russia, i gruppi finanziari e bancari latinoamericani. Lo stesso Pagliani è costretto ad ammettere che «Già i BRICS avevano deciso di denominare le loro transazioni bilaterali preferenzialmente nelle loro valute nazionali», evitando quindi di utilizzare l’euro. Ma il nostro non ne tira le dovute conseguenze, ovvero che la consunzione dell’euro è un processo oggettivo, portato dei suoi difetti strutturali resi irreparabili dalla crisi esplosa nel 2007-2009.

Deciso a trasformarci in ascari dei tedeschi (di qui una certa empatia per il Gauleiter-Monti che si legge tra le righe) Pagliani argomenta che lo scontro in atto tra l’area anglosassone e la Germania è una vera e propria “guerra dei mondi” «… un gigantesco scontro tra economia finanziaria ed economia reale». Uno scontro tra modelli antagonisti di capitalismo.

Anche quest’argomento di ultima istanza è fallace, frutto di una visione stereotipata, irreale, priva di ogni evidenza empirica. Non solo gli Stati Uniti restano di gran lunga la principale potenza industriale. Se confrontiamo il contributo dell’industria ai rispettivi Pil è facile vedere che non ci sono molte differenze e che quello della Germania come “solido paese industriale” è un mito. Sia gli Stati Uniti che la Germania hanno subito un processo parallelo di fortissima deindustrializzazione e di crescita abnorme del settore dei servizi. Abbiamo (stime 2010) che negli Usa l’industria contribuisce al Pil per il 22 % e i servizi per il 76%. In Germania non è così diverso: industria 27%, servizi 71%. L’Italia, come tutto l’Occidente, ha seguito lo stesso andazzo: industria 25%, servizi 73%.

Tra i servizi, com’è noto, un ruolo principe, ce l’hanno le attività finanziarie e bancarie che, come si vede, sono decisamente preponderanti anche in Germania, il cui sistema finanziario e bancario partecipa a man bassa nella bisca del mondiale capitalismo-casinò —e che è anzi primo responsabile (altri che quelli inglesi o americani!) della speculazione parassitica sui debiti sovrani dei paesi europei. Ma questo è un fatto arcinoto, su cui il Pagliani, per far quadrare i suoi conti e accreditare il mito della Germania industriosa e virtuosa, sorvola.

Non solo un mito, quest’ultimo, ma una volgare narrazione dei meschini politicanti tedeschi, quelli conservatori alla Merkel in primis, inventata ad uso e consumo dei sudditi tedeschi per nascondere loro che anche il capitalismo teutonico è un malato grave e per illuderli che la “colpa” è dei “fannulloni mediterranei e latini”. Che questi politicanti abbiano tutto l’interesse a diffondere simili scemenze è comprensibile, non è  ammissibile che se ne facciano carico in Italia dei compagni, i quali giungono addirittura a imbellettare la demagogia dei merkeliani attribuendo a questi nani chissà quali recondite visioni geopolitiche.

V’è un ulteriore gravissimo errore nel ragionamento di Pagliani. Egli sembra affetto dalla medesima illusione economicista e monetarista dei demiurghi europeisti. Questi ritennero che dando vita alla moneta unica, come per gemmazione, sarebbe seguita l’unificazione politica. Disegno miseramente fallito, come si vede. Pagliani sembra infatti consapevole della nanitudine dei politicanti euristi e tedeschi, che essi non perseguono un disegno anti-americano. Il nostro crede tuttavia che questo sganciamento si imporrà per logica sua propria, basta solo che passi la nottata, che l’euro resista agli attacchi. In altre parole, egli ritiene che la moneta unica sia motore e causa efficiente di una Grande Europa imperialista antagonista agli Stati Uniti.

Un fasullo ragionamento economicista e meccanicista, che sfocia in un’inammissibile cedimento all’ideologia imperialistica.

Abbiamo detto che non avremmo trattato in questa sede degli aspetti squisitamente economici della questione della consunzione dell’euro. Un’eccezione qui dobbiamo tuttavia farla. La posizione politica del Pagliani, se ha un senso, conduce a sostenere, fosse anche solo come “male minore”, l’approccio monetarista tedesco alla crisi dell’eurozona, ad appoggiare la teutonica accanita difesa delle clausole di Mastricht, e quindi la rigida posizione della Bundesbank, che si oppone a che la Bce funga da prestatore di ultima istanza (lender of last resort), a respingere che la Bce acquisti non solo sul secondario i titoli di stato dei vari paesi, ad opporsi a che stampi moneta in funzione antirecessiva. A difendere la tetragona decisione della Bundesbank ostile all’emissione di Eurobond.

Pagliani dovrebbe prestare più ascolto, se non a noi, alla gran parte degli analisti ed economisti, anche tedeschi, che non solo ritengono che questa linea sia del tutto sbagliata, non solo che essa sia suicida, ma che sia la causa principale, come minimo, del recente tracollo finanziario europeo. Gli “anglosassoni”, da almeno tre anni, chiedono una politica economica e monetaria esattamente opposta, in poche parole un quantitative easing della Bce il quale, se volete che ve la dica tutta, non risolverà i fattori di fondo della crisi del capitalismo, ma di certo è la sola terapia per evitare il tracollo catastrofico imminente.

Altro che piano anglosassone! A voler fare i dietrologi, se proprio c’è un complotto o disegno per ammazzare l’euro, questo è proprio quello tedesco. Autorità tedesche che, preso atto del fallimento della moneta unica europea, forse puntano ad un più modesto mini-euro cucito su misura. Altro che disegno imperiale!

Di passata: avanzare l'obbiettivo dell'uscita dall'Unione dall'euro non implica affatto accettare una visione nazionalistica, fare concessioni ad idee autarchiche. Come scriviamo nel nostro Manifesto, allo sganciamento economico e geopolitico dal declinante blocco imperialista, può e deve corrispondere un diverso e nuovo posizionamento geopolitico dell'Italia. L'abbiamo detto: noi pensiamo ad una ALBA mediterranea, guardando a sud, est e ovest, e non per forza al nord, e tenendo conto di quello che è lo spazio storico "naturale" del nostro paese. ma su questo avremo modo di tornare.

Sovranità e sollevazione

All’eterogenesi dei fini il Pagliani ricorre anche per metterci in guardia che, perseguendo l’obbiettivo della sovranità politica del nostro paese, e quindi l’uscita dall’Unione e dall’eurozona, determineremmo, malgré nous, la vittoria degli americani, della perfida Albione, quindi del peggior capitalismo.

Dovremmo levarci dalla testa quest’obbiettivo, non perché sia ingiusto in sé, ma perché velleitario data la nostra debolezza e dunque con effetti opposti a quelli desiderati. A parte che non riusciamo a capire quale possa essere la differenza tra soggiacere come satrapia ai tedeschi o agli americani —vallo a chiedere ai lavoratori, che non hanno risparmi in paradiso, che ne pensano della terapia shock impostaci via Monti dalla Germania, e se non preferirebbero la politica espansiva “anglosassone”— chiediamo a Pagliani: e come conquistiamo peso politico e forza d’urto? Forse dicendo alle masse popolari di mettersi l’anima in pace, di subire passivamente le terapie recessive made in Germany? Se la risposta è no, non ne consegue che per aiutare la resistenza popolare contro la cura da cavallo Monti-Merkel-Bundesbank, per darle respiro strategico, occorre indicare un programma antagonista, un orizzonte, un altro modello di società? Se dicessimo ai lavoratori e agli italiani che non ci resta che piangere, ovvero sottostare alla pulsione di morte tedesca, incoraggeremmo forse alla resistenza? Indicheremmo forse ai lavoratori una prospettiva per cui valga la pena combattere? Evidente che no!

Pagliani qui confessa il lignaggio geopoliticista del suo pensiero (geopolitica, non dimentichiamolo mai, che come “scienza” nacque con un marchio di destra e conobbe il suo fulgore proprio in Germania). Nella geopolitica le nazioni sono dotate di uno spirito, hanno una missione e un destino, e gli Stati che lo incarnano, attraverso le élite, sono i demiurghi della storia.
Il Nostro non vede le classi sociali, il tormento e la sofferenza creativa delle masse popolari, l’energia positiva che possono sprigionare –e che è la sola leva per cambiare lo stato di cose esistente. Corriamo dei rischi chiamando alla lotta per un default programmato sul debito? Proponendo l’uscita dall’euro e dall’Unione? Rivendicando la sovranità monetaria (che è solo u aspetto di quella politica)? E grazie!

E’ evidente che senza una sollevazione popolare, senza un cambio di regime, la fine dell’euro, che è nell’ordine delle cose e non frutto di elucubrazioni soggettivistiche, sarà pilotata dalle classi dominanti e avrà pesantissime conseguenze sulle masse popolari. Appunto quella che noi chiamiamo la “catastrofe imminente” che potrebbe anche produrre una svolta reazionaria.

Ma questo discorso vale per ogni passaggio dirimente, per ogni processo eversivo, per ogni svolta storica. Chi non vuole correre dei rischi è meglio che non si immischi con la politica rivoluzionaria, che è sintesi di pensiero profondo e azione audace. Ad ogni tornante  storico le forze socialiste possono uscirne sconfitte. Ma questo non giustifica né una postura attendista, né il fatalismo, né tantomeno attaccarsi alla sottana dell’imperialismo tedesco —chi non crede nella forza rivoluzionaria delle masse finisce sempre per mettersi al servizio del potente di turno, magari con l’alibi del menopeggismo.

Le masse lavoratrici italiane sono oggi incapaci di assolvere alcun compito storico. Sembrano in uno stato apatico e comatoso. Ma se lo sono è anche perché coloro che presumono di saperne di più, oltre a non credere in loro non credono neanche in se stessi. Non saranno in effetti “tutte” queste masse a rizzarsi in piedi, questo scatto lo farà la gioventù precaria, sfruttata, oppressa, condannata ad una vita di schiavitù. Chi è morso dal dubbio, chi invece di preparare la sollevazione si piange addosso o cerca dei supplenti alla forza motrice popolare dovrebbe avere il coraggio di farsi da parte.

Il Pagliani, ricorrendo all’escamotage dell’eterogenesi dei fini, ci risponde a noi che diciamo che la catastrofe può essere evitata solo costituendo un governo d’emergenza popolare, che siamo ingenui  visionari, ma cosa egli ci propone in alternativa? Di starcene buoni e assecondare le presunte ambizioni neoimperialistiche dei tedeschi.

Quest’esito è inaccettabile da ogni punto di vista, morale, politico e strategico. Quest’esito è un suicidio, non foss’altro perché risulta da un’analisi e un giudizio delle forze in campo sbagliati, perché propone di correr dietro ad un fantasma.
Non siamo noi i visionari, gli avventuristi, ma chi, scambiando fischi per fiaschi, ci propone di sacrificarci per resuscitare il cadavere del Reich.
Print Friendly and PDF

4 commenti:

  • Anonimo scrive:
    9 gennaio 2012 13:26

    C'è un nemico da combattere? E qual'è? Vediamo la risposta di Moreno:

    "finanza globale, tedesca compresa, che semplicemente si sbarazza obbligazioni bancarie europee e dei titoli di debito europei perché non vuole lasciarci le penne, perché da per scontato un crollo monetario e finanziario della moneta unica e dell’Unione. E’ il capitalismo bellezza! Un capitalismo finanziarizzato in cui i grandi giocatori non ubbidiscono ai governi, o a disegni politici di lungo periodo, ma al semplice impulso a fare quattrini, spesso in barba alle direttive politiche della Casa Bianca, che non ha alcun interesse a mutilare il proprio principale alleato, a scatenare una catastrofe monetaria ed economica che avrebbe effetti dirompenti non solo sull’economia USA, ma sugli equilibri mondiali."

    D'accordissimo. Peccato che sia il più sfuggente dei nemici che l'umanità si sia mai autocostruita. Un'umanità fatta anche di operai tedeschi, francesi, italiani e greci (categoria estinta per prima). Sembra facile localizzare questo nemico sfuggente, perlomeno fisicamente, nelle banche occidentali. Ma poi scopriamo di essere tutti loro clienti, per forza di cose ed ora anche di legge. E allora un po' di nemico è dentro di noi? Non sarà questo il motivo primario della debolezza delle masse popolari?

    Secondo Preve questa è schizofrenia di sinistra, patologia endemica che colpisce oltre metà della popolazione (l'altra è paranoide, ben distinguibile dalle cronache politiche).

    Ma è solo schizofrenia? E allora che dire del popolo del NO, del FUORI, del CONTRO e basta, senza un day-after su cui ragionare. Io faccio sicuramente parte di questo popolo, e mi sento a disagio per questo. Non basta dire: "io farei così e cosà, e tutto andrebbe a posto". Occorre anche lo scomodo realismo, che diventa un mostro tradotto in politica.

    Se tutte le nostre analisi e i nostri presentimenti sono fondalmente corretti, non ha alcun senso per un elite intellettuale scannarsi sull'uscita o no dall'euro e dall'europa così come ci appaiono oggi, perchè basterebbe mettersi sul fiume ad aspettare. Un fiume milioni di volte più forte di noi.

    A proposito, i cinesi non è che han già preso il posto degli "ariani"? E allora lo psicoterapeuta dovrebbe prescriverci pillole anti-orientali?

    Io son dell'idea che anche i vasi di coccio debbano fare la loro parte, ma con molto giudizio!

    Alberto Conti

  • Anonimo scrive:
    9 gennaio 2012 14:30

    IL 6 FEBBRAIO PROSSIMO LA CORTE COSTITUZIONALE SI ESPRIMERA' SULL'INCOSTITUZIONALITA' DELL'ODIOSA NORMA SALVABANCHE (PRESCRIZIONE BREVE) INSERITA NOTTETEMPO NEL DECRETO MILLEPROROGHE VOTATO DAL GOVERNO BERLUSCONI IL 26.02.2011. E' bene evidenziare come la capitalizzazione trimestrale degli interessi (ANATOCISMO BANCARIO) sia contraria alle norma del Trattato CE, in particolare al combinato disposto degli artt. 3, lettera g), 81 e 82. Come enunciato nel medesimo documento comunitario, l’azione dell’Unione Europea è volta a creare tutte le condizioni affinché la concorrenza non sia falsata nel mercato interno (lettera g) dell’art. 3 CE), per cui sono incompatibili con il mercato comune tutte le decisioni e tutti gli accordi fra imprese, tutte le pratiche che possano fissare condizioni di transazione, limitare o controllare la produzione, gli sbocchi e gli sviluppi tecnici di investimento a danno dei consumatori, applicare condizioni dissimili per rapporti equivalenti, restringere le possibilità di crescita di un’azienda.

  • redazione scrive:
    9 gennaio 2012 15:50

    caro Alberto
    quando chi di noi del Campo Antimperialsta ricordava dieci anni fa al più che amico Preve la centralità del discorso leniniano sull'aristocrazia operaia, ovvero che oggi non è più uno strato alto minoritario ma che nel contesto globale riguardava la gran parte del proletariato occidentale; quando sostenevamo che questo elemento sociale-corruttivo (imborghesimento) era alla base dell'assenza di conflittualità rivoluzionaria; Preve, appunto, ci rideva alle spalle e per anni ci ha bollato come "terzomondisti".
    Questo per dire che con molti di noi sfondi una porta aperta.
    Sul resto argomenteremo, ma è evidente che qui occorre passare per la porta stretta del crollo sistemico, con tutto quanto ne consegue.
    Moreno Pasquinelli

  • Claudio Arivetti scrive:
    10 gennaio 2012 19:03

    Ecco cosa ne pensano gli italiani in un sondaggio:
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=2908028428204&set=a.1096452859947.2017332.1485385656&type=3&theater

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (734) euro (694) crisi (613) economia (495) sinistra (434) finanza (259) Movimento Popolare di Liberazione (239) sfascio politico (235) grecia (229) resistenza (222) elezioni (221) M5S (211) teoria politica (205) banche (200) internazionale (190) imperialismo (185) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (162) Leonardo Mazzei (160) P101 (152) Syriza (148) Moreno Pasquinelli (143) Tsipras (143) Matteo Renzi (123) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) sovranità monetaria (101) democrazia (100) destra (99) sollevazione (99) Grillo (93) berlusconismo (91) proletariato (91) costituzione (87) spagna (85) neoliberismo (82) Francia (81) austerità (79) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) Emiliano Brancaccio (75) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Mario Monti (71) sindacato (71) Stefano Fassina (68) bce (66) filosofia (66) Germania (65) populismo (64) Libia (62) Alberto Bagnai (59) Podemos (58) capitalismo (58) piemme (58) Rivoluzione Democratica (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) sinistra anti-nazionale (57) globalizzazione (54) rifondazione (53) Carlo Formenti (50) Medio oriente (50) Siria (50) bancocrazia (50) Movimento dei forconi (49) immigrazione (49) socialismo (49) Alexis Tsipras (48) programma 101 (48) cinque stelle (47) fiat (47) sovranità popolare (47) immigrati (46) Nichi Vendola (45) Sergio Cesaratto (45) legge elettorale (45) referendum (45) renzismo (45) Beppe Grillo (43) inchiesta (43) sinistra sovranista (43) Pablo Iglesias (42) Troika (42) geopolitica (42) Lega Nord (41) Yanis Varoufakis (41) astensionismo (41) campo antimperialista (41) solidarietà (41) Emmezeta (40) moneta (39) proteste operaie (38) brexit (37) italicum (37) Diego Fusaro (36) Alitalia (35) liberismo (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Mario Draghi (34) Russia (34) egitto (34) sionismo (34) Marine Le Pen (33) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) default (32) fiom (32) palestina (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Matteo Salvini (31) Sel (31) Sicilia (31) governo Renzi (31) neofascismo (31) unità anticapitalisa (31) Luciano Barra Caracciolo (30) Manolo Monereo (30) Mimmo Porcaro (30) fiscal compact (30) Giorgio Cremaschi (29) Ucraina (29) Fiorenzo Fraioli (28) Israele (28) Merkel (28) Ugo Boghetta (28) napolitano (28) populismo di sinistra (28) Assemblea di Chianciano terme (27) immigrazione sostenibile (27) menzogne di stato (27) sovranismo (27) Forum europeo (25) Lega (25) xenofobia (25) CLN (24) Europa (24) islamofobia (24) Nello de Bellis (23) eurostop (23) ora-costituente (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) Aldo Giannuli (21) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (21) Chianciano Terme (21) Donald Trump (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) scuola (21) Marcia della Dignità (20) Quantitative easing (20) finanziarizzazione (20) Front National (19) Lavoro (19) Nato (19) Unità Popolare (19) cina (19) fronte popolare (19) nazione (19) repressione (19) uscita dall'euro (19) Izquierda Unida (18) Roma (18) Tunisia (18) USA (18) ecologia (18) iraq (18) keynes (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Mariano Ferro (17) Regno Unito (17) etica (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Fabio Frati (16) Forum di Atene (16) Norberto Fragiacomo (16) Pier Carlo Padoan (16) ballottaggi (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) Donbass (15) International no euro forum (15) Jacques Sapir (15) Luciano B. Caracciolo (15) Prc (15) Tonguessy (15) nazionalizzazione (15) piattaforma eurostop (15) 15 ottobre (14) Cremaschi (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Monte dei Paschi (14) Renzi (14) Vincenzo Baldassarri (14) coordinamento no-euro europeo (14) iran (14) obama (14) salerno (14) storia (14) Chavez (13) Enea Boria (13) Jobs act (13) MMT (13) Marco Mori (13) Stato Islamico (13) Virginia Raggi (13) Vladimiro Giacchè (13) acciaierie Terni (13) euro-germania (13) finanziaria (13) melenchon (13) umbria (13) Beppe De Santis (12) Bersani (12) Brancaccio (12) Emmanuel Macron (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Marino Badiale (12) Movimento 5 Stelle (12) Negri (12) Perugia (12) Venezuela (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) disoccupazione (12) emigrazione (12) piano B (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Gennaro Zezza (11) Luigi Di Maio (11) Putin (11) Turchia (11) ambiente (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) iniziative (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) salari (11) sciopero (11) sinistra Italiana (11) unione bancaria (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Marco Zanni (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Sandokan (10) Terni (10) antifascismo (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) golpe (10) lotta di classe (10) presidenzialismo (10) scienza (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Campagna eurostop (9) Def (9) Fmi (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Marco Passarella (9) Paolo Ferrero (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) bail-in (9) chiesa (9) cultura (9) diritti civili (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) sindacalismo di base (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Dicotomia (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Enrico Grazzini (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ilva (8) Ingroia (8) Mirafiori (8) Quirinale (8) Reddito di cittadinanza (8) Salvini (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) appello (8) deficit (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) europeismo (8) grexit (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) senso comune (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Daniela Di Marco (7) Fausto Bertinotti (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Stefano D'Andrea (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) confederazione (7) cosmopolitismo (7) destra non euro (7) elezioni siciliane (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) nazismo (7) necrologi (7) privatizzazioni (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) trasporto pubblico (7) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CUB (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Papa Francesco (6) Pil italiano (6) Sergio Mattarella (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) classi sociali (6) cosmo-internazionalismo (6) debitocrazia (6) derivati (6) governo Gentiloni (6) incontro internazionale (6) inflazione (6) liberosambismo (6) magistratura (6) manifestazione (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) trasporto aereo (6) uber (6) utero in affitto (6) Alessandro Visalli (5) Alitalia all'Italia (5) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (5) Dario Guarascio (5) Dino Greco (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Foligno (5) Forza Italia (5) Fratelli d'Italia (5) Genova (5) Giancarlo D'Andrea (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Risorgimento Socialista (5) Romano Prodi (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) jihadismo (5) la variante populista (5) laicismo (5) liberalismo (5) pomigliano (5) questione nazionale (5) rivolta (5) salvinismo (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Anna Falcone (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) Imu (4) Jacques Nikonoff (4) Joseph Stiglitz (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Marcello Teti (4) Militant-blog (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Npl (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Vladimiro Giacché (4) Wolfgang Munchau (4) Xi Jinping (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) automazione (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) giovani (4) governo (4) ideologia (4) il manifesto (4) irisbus (4) ius soli (4) legge di stabilità 2017 (4) massimo fini (4) migranti (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) populismo democratico (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alfiero Grandi (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Cub Trasporti (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Eleonora Forenza (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) France Insoumise (3) Francesco Salistrari (3) Franco Bartolomei (3) GIAPPONE (3) Gianni Ferrara (3) Giorgia Meloni (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jeremy Corbyn (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Massimo Climati (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Paolo Gerbaudo (3) Pardem (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) autodeterminazione dei popoli (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) elezioni 2017 (3) fascismo (3) il fatto quotidiano (3) il pedante (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mediterraneo (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) moneta fiscale (3) nazionalismo (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) tecnologie (3) trattati europei (3) università (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Amoroso (2) Antonio Rinaldi (2) Arditi del Popolo (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Cerveteri Libera (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Federico Fubini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Flat tax (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Gentiloni (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Angiuli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Oriana Fallaci (2) Palermo (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salistrari (2) Sandro Arcais (2) Scenari Economici (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Toni negri (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) deregulation (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) fine del lavoro (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) informatica (2) isu sanguinis (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proporzionale (2) proteste agricoltori (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) sociologia (2) sovranità e costituzione (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) vaccini (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Chiavacci (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amando Siri (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Gramsci (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cekia (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudia Castangia (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte Sovranista Italiano (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia Ribelle (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi De Magistris (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Mark Rutte (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Napoli (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Papa Bergoglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul De Grauwe (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Reddito di inclusione sociale (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Riscossa Italia (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ugo Arrigo (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) animalismo (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) intimperialismo (1) ius sanguinis (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) lex monetae (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) post-operaismo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tecnoscienza (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)