venerdì 25 novembre 2011

MEGLIO IL DEFAULT?


Alfonso Gianni, a destra, in cattiva compagnia
Eppur si muove....
di Alfonso Gianni*
Anzitutto default, o insolvenza, non significa affatto fallimento. Tuttavia questo intervento è di grande lucidità. Se Alfonso Gianni, che è un esponente di Sinistra ecologia e libertà, insinua, pur tra contorsioni, che dichiarare l'insolvenza  sarebbe il male minore, qualcosa si muove nella sinistra italiana.


La parola default, nel suo significato di insolvenza finanziaria ovvero di fallimento, è diventata ormai uno dei termini più usati non solo nel linguaggio degli specialisti economici, ma anche in quello dei commentatori televisivi o della carta stampata e persino in quello comune. Per molti – e sono ancora  la maggior parte – quel vocabolo evoca tremendi scenari di distruzione dell’ordine economico e di disperazione dei singoli. Altri sembrano essersene invaghiti – ma sono, per ora, solo una netta minoranza – e per loro quel termine suscita addirittura speranza. Ovviamente stiamo qui parlando del fallimento di uno stato intero, non semplicemente di una banca o di un istituto finanziario per quanto grosso esso sia. D’altro canto il precetto too big to fail è già stato ampiamente contraddetto dagli eventi di questa lunga crisi, a partire dal fallimento di Lehman Brothers. Naturalmente gli americani ne hanno fatto un film, proprio con quel titolo che la distribuzione italiana ha scioccamente storpiato facendone perdere il senso.
 Il “salvataggio” della Grecia
Le ultime misure assunte a fine Ottobre dalla Ue nei confronti della Grecia – sulle quali Papandreu con notevole coraggio ha annunciato un referendum popolare – altro non sono che una sorta di default pilotato, ovvero una robusta ristrutturazione del debito. Il valore nominale del debito greco è stato ridotto di 100 miliardi. L’adesione al salvataggio greco da parte degli istituti di credito dovrebbe essere volontario, ma in realtà verrà incentivato dai governi dell’Eurozona (fino a 30 miliardi). Le banche più esposte, ovvero quelle che hanno in pancia il più grande numero di titoli di Stato ellenici, oltre a quelle greche sono le francesi (più di 51 miliardi), le tedesche (oltre 33 miliardi), le inglesi (oltre 12 miliardi), mentre relativamente limitata è l’esposizione delle banche di casa nostra (quasi 4 miliardi).
Questo comporta comunque la necessità di una ricapitalizzazione degli istituti bancari. Infatti questo problema è stato al centro del vertice Ue di fine Ottobre e sui cui tra poco torneremo.
Sono misure che giungono tardi e male. Già da più di un anno a questa parte era chiaro che la Grecia non avrebbe potuto onorare il debito accumulato. La sua misura esorbitante rispetto al Pil di quel paese è stata raggiunta grazie alle politiche, non dimentichiamolo, del governo delle destre di Karamanlis con il compiacente contributo di istituti finanziari e banche, come la Goldman Sachs e la JP Morgan Chase che hanno aiutato il governo greco a mascherare la sua reale situazione debitoria.
D’altro canto esso non costituisce una grande cifra: 350 miliardi di euro, meno del  3% del Pil della Ue. In altre parole una bazzecola, che una maggiore flessibilità nei principi rigoristi, che invece purtroppo prevalgono negli organi di governo della Ue, avrebbe potuto risolvere con relativa tranquillità. Invece si è cominciato con prestiti ad alto tasso di interesse che hanno costretto il governo socialista greco – incapace di mutare rotta, e qui sta lo specifico della sua colpa,  rispetto a quella tracciata a Bruxelles e a Francoforte – ad assumere una politica letteralmente di lacrime e sangue, senza peraltro venirne a capo sul fronte del debito.
 Le scelte della Ue aumentano squilibri e diseguaglianze
Pensare che tutto ciò sia dovuto solo alla insipienza dei governanti europei, alla sindrome del “questa volta è diverso” di cui ci hanno parlato Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff nel loro fortunato libro,  o alla permanenza cocciuta di un substrato ideologico marcatamente neoliberista, è indubbiamente ingenuo. Anche se questi elementi non vanno affatto sottovalutati in ragione di un rigido determinismo economico, poiché la forza delle idee è reale, come ci ha insegnato Keynes nella famosa chiusura del suo trattato sulla moneta. Questo avviene specialmente quando queste sono sbagliate e al contempo si presentano sotto la forma di regole dettate da un padre molto severo, ma in fondo amoroso. Ma il ritardo nell’assumere decisioni largamente ritenute inevitabili contiene anche, se non soprattutto, il disegno dei grandi gruppi finanziari di acquisire pezzi della Grecia a un prezzo da svendita fallimentare, compreso fette del suo territorio.
Non solo. Mentre per concedere 110 miliardi di prestiti assai ben remunerati nel maggio del 2010 si sono alzati alti lai, soprattutto da parte tedesca, ben diverso è stato l’atteggiamento nei confronti degli istituti finanziari del Nord Europa. Infatti tra il settembre del 2008 – quando la crisi si mostrò in tutta la sua aggressività nel Vecchio Continente – e il dicembre 2010, i 27 dell’Unione hanno messo a disposizione niente meno che 4.825 miliardi di euro per tenere in piedi gli istituti di credito, vale a dire il 36% del Pil della Ue, con Germania e Gran Bretagna a fare la parte del leone (500 miliardi a testa). Di questa cifra sono stati erogati effettivamente 1.240 miliardi e naturalmente il 60% è piovuto sui mercati bancari inglesi, francesi e tedeschi. In altre parole i dieci maggiori istituti di credito hanno avuto la metà e la restante metà è andata ad altre 210 banche. Non male come esempio di diseguaglianza!
 La crisi bancaria e i suoi paradossi
Come ha osservato recentemente Paul De Grauwe (Financial Times del 20 ottobre) non bisogna essere un laureato in economia per capire che una crisi del debito sovrano si trascina inevitabilmente in una crisi bancaria. A questo punto la situazione si complica enormemente. Si crea inevitabilmente una sorta di circolo vizioso. Non è infatti credibile che le banche possano ricapitalizzarsi sul mercato in una condizione di estrema volatilità quale quella attuale. Ne consegue che solo i governi degli stati membri possono rapidamente soddisfare alla esigenza di ricapitalizzazione, la cui misura viene calcolata attorno a 106 miliardi di euro. Ma, facendo questo, gli stati rischiano di indebitarsi ulteriormente, il che può comportare una loro degradazione da parte delle agenzie di rating. A questo punto il valore dei titoli del debito pubblico che le banche hanno in possesso diminuisce ulteriormente e siamo quindi punto da capo.
In effetti le decisioni assunte il 26 ottobre scorso sottolineano la necessità di giungere a un coefficiente patrimoniale più elevato, pari al 9% entro la fine di giugno del 2012. Secondo gli auspici di Bruxelles questo dovrebbe avvenire facendo ricorso al capitale privato, ma, poiché ciò appare poco credibile agli stessi estensori dell’accordo, si raccomanda ai governi di sostenere l’impresa e si preannuncia fin d’ora che si potrà fare ricorso a prestiti da parte del cosiddetto fondo salva stati (FESF), la cui capienza è stata portata a mille miliardi, essendo quella precedente di 450 del tutto insufficiente, come avevamo previsto su questa rivista qualche mese fa.
 L’Europa carolingia difende il proprio sistema bancario
In sostanza, come hanno osservato in diversi (Moyra Longo e Fabio Pavesi su il Sole24Ore del 29 ottobre e Joseph Halevi su il manifesto del 1° novembre) L’Autorità bancaria europea (ABE) pretende una ricapitalizzazione da parte delle banche dei Piigs (portoghesi, italiane, irlandesi, spagnole e greche) perché queste sono rigonfie di titoli di stato dei loro rispettivi paesi, mentre non si procede affatto ad una bonifica dei titoli tossici non di stato. La Deutsche Bank e la Bnp-Paribas, per fare solo due esempi, sono fortemente esposte su questo versante, ma non sono destinatarie di alcun provvedimento da parte dell’Autorità. La discrepanza di trattamento torna nuovamente ad essere evidente e finanche clamorosa. L’Europa carolingia alza il ponte levatoio per proteggere i propri istituti di credito, mentre chiede ai paesi mediterranei politiche di lacrime e sangue, mettendo a serio repentaglio la persistenza stessa dell’Unione europea.
D’altro canto l’insistenza sulla ricapitalizzazione delle banche ha anche un altro effetto dagli esiti disastrosi. Quello di una contrazione del credito a famiglie e imprese. Una vero e proprio credit crunch, che si dice di temere a parole ma che poi viene provocato nella realtà da provvedimenti di questo tipo. Se infatti si decide che il rapporto fra patrimonio e credito elargito deve esse più elevato, le banche hanno due modi per ottenere un simile obiettivo: o aumentare il patrimonio o diminuire il credito. In una situazione in cui la ricapitalizzazione è difficile per i motivi già detti, è facile prevedere che le banche si indirizzeranno verso la seconda soluzione, ovvero la restrizione del credito. Ne segue un’ulteriore depressione dell’economia reale, nell’attività delle imprese e nella capacità di spesa delle famiglie. La qual cosa è già in atto visti i vistosi rallentamenti di tutte le economie del continente.
L’unità europea è a rischio
Da un lato, la crisi economica che ora si rovescia con più virulenza sul Vecchio Continente e soprattutto le risposte che riesumano il peggiore neoliberismo, guidate dalla politica neomercantile della Germania, mettono in dubbio la stessa unità europea. Dall’altro lato, la rigidità riaffermata dei vincoli dei trattati, peggiorati di volta in volta dalle conclusioni dei vertici Ue, come in questo ultimo caso, e il commissariamento di fatto dei governi nazionali soffocano in particolare i paesi già in difficoltà. Viene quindi da domandarsi se, in una situazione stretta da questa tenaglia, possa esistere una risposta da sinistra che preveda contemporaneamente l’uscita dalla crisi senza un massacro sociale e la trasformazione della Unione europea in un vero soggetto politico e autonomo capace di praticare politiche di convergenza al proprio interno?
Il quesito non è da poco ed è bene quindi che il dibattito si sviluppi in tutta la sua ampiezza. Se ne è avuto un consistente assaggio in questi mesi nella discussione che si è articolata a livello internazionale dopo un intervento di Rossana Rossanda su il manifesto e nel sito di Sbilanciamoci. Già vi avevo fatto cenno nel numero precedente della nostra rivista, ma conviene tornarci con maggiore ampiezza. Non c’è dubbio infatti che l’idea di una fuoriuscita dall’euro e dalla Ue, sull’onda dei disastri che accadono, è tutt’altro che un capriccio e quindi va presa seriamente in considerazione. Lo stesso annuncio di un referendum in Grecia – del resto al momento in cui si scrive non se ne sa di più – oltre a sconvolgere i guardiani del neoliberismo per il solo fatto che un atto di democrazia possa incrinare la lex mercatoria, ha l’effetto di spostare questo interrogativo dall’ambito della riflessione teorica a quello della lotta e del pronunciamento politico di milioni di persone. Qualunque sarà l’esito di quel referendum è facile prevedere che sarà destinato ad avere più influenza dei precedenti pronunciamenti popolari avvenuti in Francia o nei Paesi Bassi, data l’incandescenza dell’attuale situazione economica e sociale. 
Ai paesi in difficoltà conviene abbandonare la Ue?
Va preliminarmente detto che uscire dall’euro o uscire dall’Europa è la stessa cosa. O meglio sulla base dell’attuale Trattato (art. 50 del TUE) l’unica uscita prevista è quella dalla Ue, previa approvazione da parte degli altri Stati a maggioranza qualificata. Infatti l’adesione dei singoli paesi alla Ue è considerata come un processo sostanzialmente irreversibile dal quale non si può recedere con atto unilaterale. Tuttavia, anche se finora la questione non si è mai posta in più di cinquant’anni di vita con cui, pur in diverse forme, si è concretizzata la unità europea, non è affatto da escludersi che una tale evenienza si presenti concretamente nel corso dell’attuale crisi.
Vi è allora da chiedersi, a cominciare dalla situazione greca, quali potrebbero essere i vantaggi e gli svantaggi di una fuoriuscita dalla Ue. In linea teorica la piena riconquista di una sovranità nazionale garantirebbe al paese che la ottiene la potestà di stampare moneta, di agire sul mercato dei cambi, di applicare norme a protezione delle proprie merci, di controllare il flusso in entrata e in uscita dei capitali, di incentivare a proprio piacimento settori specifici della propria economia. Sulla carta non è poco, specialmente per quanto riguarda la libertà della “politica del torchio”, ossia il signoraggio monetario.
Tuttavia se si guarda la cosa dal punto di vista di cosa prevedibilmente può avvenire dopo una mossa del genere si può concludere che il gioco non vale la candela, ovvero gli svantaggi supererebbero molto probabilmente i vantaggi, o quantomeno i primi sono più certi dei secondi. Infatti non è difficile supporre che la condizione di cambio nella quale si troverebbe la nuova moneta nazionale sarebbe estremamente svantaggiosa (come ha ricordato recentemente Luciano Gallino), che la questione del debito pubblico resterebbe comunque irrisolta, restando in euro quello nei confronti dell’estero, che si “verificherebbe una fuga dei depositi in euro, mentre il valore delle passività nella nuova valuta schizzerebbe verso l’alto” come hanno scritto Riccardo Bellofiore e Jan Toporowski (il manifesto del 1° novembre), che la potenziata capacità esportativa si rivelerebbe più teorica che reale, visto che bisognerebbe avere merci appetibili da esportare, mentre sarebbe certa la drastica limitazione del credito internazionale e di quello interno, e la svalutazione peserebbe negativamente proprio sul potere d’acquisto delle classi inferiori. Questa è la ragione per la quale credo che sia anche poco credibile la tattica di usare l’abbandono della Ue come arma di pressione o minaccia nei confronti dei paesi più forti. Una minaccia è tale solo quando uno è disposto a perseguire fino in fondo quanto afferma. Se al fine non gli conviene è meglio non agitare l’argomento, a meno che non si voglia rientrare nell’apologo di Sansone che distrugge il tempio con i filistei.
 La pratica dell’auditing e il diritto all’insolvenza
Se si scarta la strada della fuoriuscita dalla Ue, rimane però tutto da risolvere il problema di come modificare le sue attuali iniquità e la politica economica che la contraddistingue e prima ancora di come risollevare i paesi che si trovano nelle peggiori condizioni economiche e quindi sottoposti ai diktat degli organi di governo di Bruxelles.
Nel dibattito in corso ricorrono spesso gli esempi dell’Argentina, dell’Islanda, dell’Ecuador. Ma ci si dimentica più volentieri di casi meno noti e meno virtuosi, come quello dell’Ucraina.  Tre esperienze significative, ognuna diversa dall’altra, di rifiuto al pagamento del debito. Nel caso islandese, come è noto, vi è stato anche un ricorso al pronunciamento popolare per via referendaria che ha confortato l’orientamento del governo di centrosinistra di quel piccolo paese (non più di 131mila abitanti in tutto, meno del numero dei conti correnti aperti nelle banche islandesi dai cittadini britannici!). Nel caso dell’Argentina si è verificata quasi una situazione similrivoluzionaria che ha portato a varare importanti esperienze di autogestione di imprese da parte di lavoratori che ancora adesso durano con successo. In Ecuador vi è stata una analisi delle cause del debito estero che ha portato a considerarne una parte come del tutto illegittima e quindi a rifiutarne il rimborso. E’ la cosiddetta pratica dell’auditing. Essa è sostenuta che grande o buona parte del debito di un paese è niente altro che il frutto di un’oppressione secolare da parte dei paesi più forti, delle malversazioni e dei tradimenti delle proprie classi dirigenti, dei tassi usurari cui sono stati concessi i prestiti dagli organi finanziari internazionali. Di fronte a queste palesi ingiustizie si proclama così il diritto all’insolvenza, nella piena consapevolezza  che quest’ultima non comporta affatto l’immiserimenti altrui.
La diversità delle condizioni economiche, sociali, politiche e istituzionali dei tre paesi citati rispetto a qualunque paese membro della Ue sono troppo evidenti da dovere essere enumerate. Tuttavia il senso del diritto all’insolvenza e della proposta di auditing potrebbe e dovrebbe essere recuperato e riproposto anche nella vecchia Europa. Se fosse stata applicata nel caso greco si sarebbe visto con tutta evidenza il peso del tutto sproporzionato, pari a più di tre volte rispetto agli altri paesi europei, delle spese militari greche in rapporto al proprio Pil, a causa della questione cipriota e dei pessimi rapporti con la Turchia. L’ingresso di quest’ultima nella Ue e la soluzione pacifica dei contenziosi da sole avrebbero comportato una significativa riduzione della spesa pubblica greca e quindi un bel contributo al risanamento del suo debito. In tutti i casi fare una radiografia della formazione del debito sovrano significherebbe ripercorrere e rendere evidente la storia dei rapporti tra le classi che soggiace alla distribuzione ineguale della ricchezza.
Ma affermare l’esistenza di un diritto e difenderlo da chi lo vorrebbe negare in vario modo, non significa di per sé praticarlo in ogni momento e in qualunque circostanza. La posta in gioco è elevatissima e la scelta non può non ispirarsi alla prudenza ed essere ben ponderata. Mi pare invece che ci sia una certa leggerezza nel considerare la possibilità di un’estensione a tutti i paesi in difficoltà del default, sia pure in forma pilotata e selettiva. A questo riguardo diversi economisti ci invitano a considerare le difficoltà intrinseche in una simile selezione, soprattutto per quanto riguarda l’individuazione dei creditori, con il rischio molto consistente di farlo pagare in primo luogo ai piccoli risparmiatori.
Quindi fermo restando il diritto e la convinzione di poterlo usare in ultima istanza, è necessario percorrere in primo luogo altre strade.
 Il caso italiano
Ovviamente il percorso non può che essere differenziato a seconda delle condizioni dei singoli paesi. Un conto è il caso della Grecia, che abbiamo già descritto, ove lo stato di pratica insolvenza avrebbe dovuto essere riconosciuto per tempo, un altro conto quello del nostro paese o della Spagna. Nel caso dell’Italia il suo elevato debito è insieme elemento di debolezza ma anche di forza. Come dice un proverbio popolare chi ha mille euro di debito con una banca ha un problema, ma se il debito è di un milione il problema è della banca. In altre parole il default italiano trascinerebbe con sé troppe cose e persone per poterlo attuare a cuor leggero.
Nouriel Roubini, riferendosi al caso italiano, scriveva qualche settimana fa che il nostro debito era perfettamente sostenibile se la crescita fosse stata pari al 1,2%, il tasso sui titoli decennali inferiore al 7% e l’avanzo primario non inferiore al 4,5%. Purtroppo quelle condizioni non ci sono e non ci saranno nel tempo breve in cui la crisi rischia di diventare catastrofe. Infatti la crescita non supera lo 0,7% e quella misura di avanzo primario c’era solo ai tempi dell’ultimo governo Prodi, senza peraltro che venisse opportunamente sfruttata.
Se quindi la semplice stabilizzazione del debito, che si sarebbe potuta e dovuta fare già da qualche anno, appare oggi una difesa troppo debole di fronte al rapidissimo degrado della situazione (al punto che tra il momento della scrittura e della lettura di questo articolo potremmo trovarci in condizioni politiche e economiche sensibilmente diverse per il nostro paese), quella della ristrutturazione del debito appare come la migliore soluzione nel tempo breve.
Per fare un esempio, Bellofiore e Toporowski ci parlano nel già citato articolo di un’ operation twist, ossia della possibilità di emettere titoli a breve scadenza che avrebbero facile possibilità di essere acquistati  dalle banche essendo i loro tassi di interesse più vantaggiosi rispetto ai depositi presso la banca centrale, impiegando poi la valuta così raccolta per riacquistare sul mercato secondario i titoli a lunga scadenza, provocando in questo modo l’abbassamento dei tassi di interesse.
L’ingegneria finanziaria può forse fornire altre e più brillanti soluzioni. Il punto di partenza però non può che essere il rifiuto della logica e del merito della famigerata lettera della Bce al governo italiano che sintetizza quanto la stessa aveva deciso nel vertice del marzo scorso. Il rifiuto di ciò che ci viene presentato come necessità inderogabile e che invece corrisponde semplicemente all’interesse di corto periodo del direttorio franco-tedesco è la precondizione della ricerca di una soluzione che non precipita immediatamente e necessariamente in un default, pur ribadendo il diritto all’insolvenza. Tale ricerca è tanto più motivata dal fatto che, spento l’incendio della speculazione finanziaria, bisogna contemporaneamente trovare la via per un nuovo modello di sviluppo e incrementare così retribuzioni e investimenti, quindi la domanda interna, senza il quale nessun gioco di prestigio finanziario ci può salvare. E per fare questo abbiamo bisogno di un paese in piedi e con qualche fiducia in sé stesso.
 La modifica della mission della Bce
La partita però non si gioca solo, e forse neppure principalmente, a livello nazionale. Le esortazioni a tirarci fuori con le nostre mani giunte in questi giorni dal Quirinale o da Palazzo Koch diventano puramente moralistiche e inefficaci se non si modificano le regole e i comportamenti che governano la Ue.
E’ ormai parere assai diffuso, anche in commentatori solitamente accorti e coperti, che il solo fondo salva stati non è in grado di risolvere il problema, e neppure di spegnere i focolai più vigorosi dell’incendio. Per quanto la sua capienza sia stata aumentata dalle ultime decisioni essa è sempre limitata ed è già chiaro che essa sarebbe del tutto insufficiente a contenere gli effetti di una catastrofe che dalla Grecia si allargasse. L’operazione si presenterebbe quindi come il classico tentativo di svuotare la vasca con uno scolapasta.
E’ quindi indispensabile modificare radicalmente la mission della banca centrale europea. Il suo fine non può più essere quello di guardiano dell’inflazione (peraltro un contenuto aumento della medesima non potrebbe che fare bene a chi deve pagare gli interessi sul debito), ma deve preoccuparsi della stabilità finanziaria dell’Europa. Il che significa in primo luogo una cosa: la Bce deve trasformarsi in prestatore in ultima istanza (lender of last resort, come dice la lingua dominante in materia finanziaria), ovvero dichiarare ed essere pronta ad assorbire in quantità illimitata i titoli di stato dei paesi in difficoltà ben prima che essi si trovino di fronte alla drammatica circostanza di dovere dichiarare fallimento. Solo così si possono tagliare le unghie alle manovre speculative sul nascere, poiché il pericolo di rimanere con titoli spazzatura in mano sarebbe eliminato alla radice. In questo modo si può concretamente evitare la cosiddetta crisi di panico che si impadronisce dei mercati.
Alcuni ritengono una scelta del genere un “azzardo morale” e una vigorosa spinta all’incremento dell’inflazione. Ma, oltre alle considerazioni già fatte, ha più ragione di tanti altri Martin Wolf nella sua pubblica missiva, densa di consigli e ammonimenti,  a Mario Draghi sul Sole24ore del 26 ottobre, quando osserva che non è affatto automatico che l’espansione della base monetaria comporti un eguale ampliamento dell’offerta complessiva di moneta, visto che siamo nel mezzo di una grande crisi finanziaria. Far “gemere il torchio”, stampare moneta, quindi,  diceva Luigi Einaudi, a dimostrazione che tra liberalesimo e liberismo c’è una bella differenza. E’ quello che bisogna fare nella dimensione sovrannazionale dell’Europa.
Perciò alla domanda semanticamente paradossale, ma politicamente reale e attuale: è nel default la speranza? ora risponderei come nel tormentone musicale di qualche estate fa di Jarabe De Palo: depende.

* Fonte: “Alternative per il socialismo”.
Print Friendly and PDF

0 commenti:

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (700) euro (673) crisi (609) economia (481) sinistra (413) finanza (258) Movimento Popolare di Liberazione (238) sfascio politico (235) grecia (228) resistenza (218) elezioni (203) banche (198) teoria politica (197) M5S (192) internazionale (190) imperialismo (184) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (149) Leonardo Mazzei (147) Syriza (147) Tsipras (142) Moreno Pasquinelli (126) Matteo Renzi (121) P101 (112) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) sollevazione (99) democrazia (98) sovranità monetaria (96) Grillo (93) destra (93) berlusconismo (91) proletariato (88) costituzione (86) spagna (83) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) neoliberismo (78) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Emiliano Brancaccio (71) Mario Monti (71) sindacato (67) bce (66) Germania (64) filosofia (63) Libia (62) Stefano Fassina (62) Francia (58) capitalismo (58) populismo (58) Alberto Bagnai (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) Rivoluzione Democratica (56) Podemos (55) rifondazione (51) Movimento dei forconi (49) Siria (49) bancocrazia (49) Medio oriente (48) socialismo (48) Alexis Tsipras (47) fiat (47) globalizzazione (47) piemme (46) sinistra anti-nazionale (46) Nichi Vendola (45) renzismo (45) immigrazione (44) inchiesta (43) referendum (43) Sergio Cesaratto (42) Troika (42) programma 101 (42) Yanis Varoufakis (41) cinque stelle (41) immigrati (41) solidarietà (41) campo antimperialista (40) sinistra sovranista (40) sovranità popolare (40) Lega Nord (39) Pablo Iglesias (39) astensionismo (39) geopolitica (39) Carlo Formenti (38) Emmezeta (38) proteste operaie (38) italicum (37) Beppe Grillo (36) brexit (36) moneta (36) legge elettorale (35) III. Forum internazionale no-euro (34) egitto (34) liberismo (34) Mario Draghi (33) Russia (33) azione (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) Diego Fusaro (32) default (32) fiom (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) governo Renzi (31) palestina (31) unità anticapitalisa (31) fiscal compact (30) neofascismo (30) Ucraina (29) Israele (28) Merkel (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) Luciano Barra Caracciolo (27) Manolo Monereo (27) Matteo Salvini (27) menzogne di stato (27) Sicilia (26) Forum europeo (25) Lega (25) Mimmo Porcaro (25) xenofobia (25) Europa (24) Ugo Boghetta (24) immigrazione sostenibile (24) islamofobia (24) Giorgio Cremaschi (23) ora-costituente (23) populismo di sinistra (23) sovranismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) Chianciano Terme (21) Nello de Bellis (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Marcia della Dignità (20) Marine Le Pen (20) Quantitative easing (20) finanziarizzazione (20) scuola (20) Aldo Giannuli (19) Donald Trump (19) Unità Popolare (19) fronte popolare (19) repressione (19) Izquierda Unida (18) Nato (18) Tunisia (18) cina (18) ecologia (18) iraq (18) keynes (18) nazione (18) uscita dall'euro (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) etica (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Pier Carlo Padoan (16) Regno Unito (16) Roma (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) CLN (15) Donbass (15) Front National (15) International no euro forum (15) Prc (15) 15 ottobre (14) Luciano B. Caracciolo (14) Monte dei Paschi (14) Norberto Fragiacomo (14) Renzi (14) USA (14) Vincenzo Baldassarri (14) eurostop (14) iran (14) obama (14) storia (14) Enea Boria (13) Eurogruppo (13) Jobs act (13) MMT (13) Stato Islamico (13) acciaierie Terni (13) coordinamento no-euro europeo (13) finanziaria (13) umbria (13) Bersani (12) Chavez (12) Cremaschi (12) Ernesto Screpanti (12) Forum europeo 2015 (12) Jacques Sapir (12) Legge di stabilità (12) Marco Mori (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Vladimiro Giacchè (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) emigrazione (12) euro-germania (12) salerno (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Putin (11) Tonguessy (11) Turchia (11) Venezuela (11) Virginia Raggi (11) comunismo (11) corruzione (11) disoccupazione (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) piattaforma eurostop (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) de-globalizzazione (10) decrescita (10) golpe (10) iniziative (10) presidenzialismo (10) salari (10) sinistra Italiana (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Brancaccio (9) Fmi (9) Luigi Di Maio (9) Movimento 5 Stelle (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) ballottaggi (9) cultura (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) piano B (9) scienza (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Beppe De Santis (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Def (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Marco Zanni (8) Mirafiori (8) Paolo Ferrero (8) Quirinale (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) diritti civili (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) europeismo (8) grexit (8) lotta di classe (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) sciopero (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Daniela Di Marco (7) Enrico Grazzini (7) ISIL (7) Ilva (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Salvini (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) cosmopolitismo (7) deficit (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) nazismo (7) necrologi (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Ars (6) Bottega partigiana (6) Campagna eurostop (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Samuele Mazzolini (6) Sapir (6) Stefano D'Andrea (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) cosmo-internazionalismo (6) derivati (6) elezioni anticipate 2017 (6) incontro internazionale (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) privatizzazioni (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Banca centrale europea (5) Casaleggio (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Noi con Salvini (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Sergio Mattarella (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) cuba (5) debitocrazia (5) destra non euro (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberosambismo (5) pomigliano (5) questione nazionale (5) rivolta (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Morgan Stanley (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Target 2 (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) al-Sisi (4) alleanze (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) debitori (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) governo Gentiloni (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) liberalismo (4) nazionalizzazione (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) salvinismo (4) sindacalismo di base (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alfiero Grandi (3) Alitalia (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Chiavacci Alessandro (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Ernest Vardanean (3) Fabio Frati (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Bertinotti (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) Franz Altomare (3) Fratelli d'Italia (3) GIAPPONE (3) Genova (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) L'Altra Europa con Tsipras (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Militant-blog (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Mosul (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Prodi (3) Rodoflo Monacelli (3) Romano Prodi (3) Ruggero Arenella (3) Sarkozy (3) Sharing Economy (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Wolfgang Munchau (3) Xi Jinping (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) giovani (3) ideologia (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) manifestazione (3) massimo fini (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) migranti (3) minijobs. Germania (3) nazionalismo (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) populismo democratico (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) senso comune (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) trasporto pubblico (3) trattati europei (3) uber (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Alessandro Visalli (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Eleonora Forenza (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gianni Ferrara (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Olanda (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) automazione (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) confederazione (2) curdi (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tassisti (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Galli Della Loggia (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferdinando Pastore (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Flat tax (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Bartolomei (1) Franco Venturini (1) Fratoianni (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgia Meloni (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Basso (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autodeterminazione dei popoli (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) deregulation (1) di Monica Di Sisto (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) il pedante (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) moneta fiscale (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) sovranità e costituzione (1) squatter (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trasporto aereo (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)