giovedì 22 settembre 2011

USCIRE DALL'EURO SI DEVE, OGGI

Per evitare la catastrofe


di Alberto Lombardo*


Consegnamo ai lettori una tra le più 
incisive spiegazioni in favore 
della riconquista della sovranità 
monetaria e della nazionalizzazione del sistema bancario



Chi ‘produce’ il denaro? 


Il denaro di solito viene pensato solo nella forma di carta moneta, stampata da una banca centrale su espresso ordine del Governo. In realtà la massa monetaria cartacea oggigiorno è solo una piccola parte di quello che chiamiamo comunemente denaro. Basta pensare a quanti assegni di conto corrente circolano, a quante cambiali a quante transazioni si effettuano attraverso le carte di credito o i bonifici bancari. 


Tutto questo è anch’esso denaro, solo che noi lo pensiamo come una forma non alternativa al denaro ‘vero’ perché di solito riteniamo che, emettendo un assegno o eseguendo un pagamento con carta di credito, si effettui una operazione molto semplice: il denaro che ho precedentemente depositato in banca, e che fisicamente risiede lì, viene trasferito a un’altra persona o ditta e quindi l’operazione ‘fisica’ di trasferimento del denaro in forma cartacea viene effettuato a nome mio da qualcun altro: la banca. 


Purtroppo le cose non stanno così. 


Infatti la banca, così come altre società di intermediazione, ha la facoltà di concedere prestiti. I prestiti, per essere concessi, contrariamente a quanto si potrebbe credere, non necessitano di un precedente deposito di un equivalente ammontare di denaro da parte di qualcun altro. Infatti la banca ha la facoltà di concedere prestiti anche per un ammontare superiore a quanto ha raccolto come depositi da parte dei propri clienti. Infatti si suppone che, avendo un cliente depositato per esempio 1000 euro, non si precipiti l’indomani a prelevarli tutti e 1000, ma ne lascerà giacenti una quota anche considerevole. La banca deve solo detenere, in carta moneta o titoli di Stato, una quota di sicurezza, onde evitare di trovarsi nell’impossibilità di evadere le eventuali richieste di prelevamento. 


Questa quota è del 2%. Significa che, se una banca ha in deposito 2 milioni euro, ne può prestare fino a 100 milioni, ossia può fare credito semplicemente scrivendo nella propria contabilità una cifra in uscita (il prestito) e una in entrata (nel proprio patrimonio). Questo denaro non viene mai convertito, se non occasionalmente e in minima parte, in carta moneta, ma viaggerà esclusivamente in forma bancaria (assegni, bonifici, giroconti, crediti presso altre banche, ecc.) 


Questo significa ‘creare’ 98 milioni di euro? 


Formalmente no, perché quando il prestito viene rimborsato, il debito si estingue e quindi quei 98 milioni, creati dal nulla, ritornano da dove sono venuti, cioè dalla pancia dei computer della banca che li ha emessi. Tutto tornerebbe come prima, se il giro non ricominciasse da capo con un altro prestito. Al limite quei 98 milioni potrebbero non scomparire mai, se ci fosse sempre chi chiede quel denaro in prestito. 


Quindi, oltre che dalla massa di denaro ‘primario’ depositato, la quantità di denaro (bancario, ma non meno reale dell’altro) dipende anche e soprattutto dalla velocità di circolazione dello stesso. 
L’espansione di massa monetaria all’interno di un sistema economico si chiama inflazione.


Effetti sui prezzi 


Qual è l’effetto sui prezzi dell’inflazione? 


Se l’incremento della massa monetaria è bilanciata da un equivalente aumento di beni e servizi acquistabili, l’effetto sui prezzi non si sente. 


Se prima c’erano 10 euro in circolazione e 100 mele, ogni mela costava 10 centesimi. Se ora ci sono 11 euro in circolazione e 110 mele, ogni mela ha lo stesso costo di prima. Ma se ora ci sono 11 euro in circolazione e solo 100 mele si ha un aumento del 10% del prezzo delle mele. 


Quindi è opportuno che non ci siano fenomeni inflazionistici, altrimenti questi avrebbero una ripercussione sul livello dei prezzi. 


Ma come si possono generare questi fenomeni inflazionistici? 


Ammettiamo che io scopra in soffitta un antico dipinto. Esso viene valutato 10 milioni di euro. Che significa? Che ora in circolazione c’è un bene che prima non c’era e quindi la massa monetaria può aumentare di 10 milioni senza generare inflazione. Apparentemente. 


Infatti, se un privato o una ditta vuole rinunciare a godere di 10 milioni in beni e servizi di altro tipo per scambiarli con il mio ritratto, l’inflazione non si genera. Ma se invece io, avendo come garanzia quel dipinto, mi faccio prestare dalla banca denaro che essa ha generato nel suo computer, in pratica il dipinto resta ad ammuffire in un sottoscala e in giro ci sono 10 milioni in più che producono inflazione. 


Ma quanti sono i dipinti che si possono trovare nelle soffitte? Pochi? 


Bene, supponiamo che io dipinga una emerita crosta, ma un critico d’arte compiacente dica che quel dipinto vale 10 milioni. L’effetto è lo stesso. 


Un esempio più vicino al nostro mondo. 


Una società calcistica acquista un giocatore per 1 milione e l’indomani lo mette sul mercato per 10 milioni. Si dirà: ma chi lo comprerà? Semplice, un’altra società che ha acquistato un altro giocatore per 1 milione e ora lo vuole vendere per 10 milioni. Basta che le due società semplicemente si mettano d’accordo per scambiarsi i propri giocatori, perché ora si siano creati per magia ben 20 milioni. Ora le due società potranno andare in banca, presentare i propri bilanci gonfiati ognuna di 10 milioni e farsi prestare il denaro sulla base della garanzia data dal ‘valore’ dei due giocatori. 


Si sono messi in circolazione ben 20 milioni senza alcun reale corrispettivo in beni o servizi ma che producono stipendi, dividendi, contratti… E tutto questo lo chiamano ‘far girare l’economia’.


La ‘bolla’ finanziaria 


Tutto il meccanismo della borsa è basato su questo principio. Il valore delle azioni non è determinato dal contenuto in beni e servizi che è incorporato nell’azienda di cui ogni azione è un piccolo pezzettino, ma dal ‘mercato’ ossia dal prezzo a cui ogni azione viene scambiata. Si badi bene che vale un principio di estensione, per cui il valore di un’azienda è dato dalla somma dei prezzi delle azioni in cui il suo capitale è suddiviso, e tale prezzo è quello al quale è stata ‘quotata’ solo un’infinitesima parte di azioni, cioè quelle che sono state scambiate (vendute e acquistate) oggi. 


Quando si dice che oggi in borsa si sono ‘bruciati’ 2 miliardi di euro, non si intende altro che la seguente affermazione: sono state vendute alcune azioni a un prezzo inferiore, se fossero state scambiate tutte quelle relative alle aziende coinvolte, allora la loro capitalizzazione (la somma dei valori del loro capitale) sarebbe inferiore di 2 miliardi. Una cosa del tutto ipotetica. 


Tutto ciò però espone l’economia reale alla cosiddetta ‘bolla’ speculativa. Se ciò che conta nella determinazione del capitale non è la quantità di beni e servizi incorporata nella società, ma solo i valori figurativi che si possono mettere a bilancio al fine di far aumentare i prezzi delle azioni, allora si può barare come si vuole. Si possono mettere a bilancio le idee ancora da applicare, i profitti futuri, le scoperte ancora da effettuare (non sto scherzando) e tutto ciò farà lievitare i bilanci e quindi i prezzi delle azioni. 


Per esempio la bolla immobiliare americana è consistita nel prestare denaro in misura ancora maggiore rispetto ai relativi immobili acquistati, anche a poveracci che non avevano alcuna possibilità di rimborso, nella certezza che il mercato dovesse salire illimitatamente. Ciò che conta per la banca è poter dimostrare che presta sempre più denaro e così aumentano i propri profitti. I debiti dei clienti poi venivano impacchettati in altri prodotti finanziari e venduti ad altre società, che a loro volta facevano lo stesso, creando un groviglio inestricabile (i cosiddetti ‘titoli tossici’). Alla fine, quando il mercato immobiliare si è fermato, come logicamente era da attendersi, la bolla è scoppiata e qualcuno è rimasto col cerino acceso in mano di questa immane catena di Sant’Antonio. 


Lo stesso è successo per esempio anni fa coi titoli delle aziende informatiche. 


Questo è ciò che si intende per finanziarizzazione dell’economia. 


La massa di ‘moneta’ che oggi gira per i computer delle banche di tutto il mondo è oltre 10 volte il PIL di tutti i Paesi messi insieme! Hanno stampato moneta 'falsa' per oltre dieci volte quella vera. 


D-M-D’ D-D’ 


Marx ha descritto il ciclo economico capitalistico come un ciclo in cui il capitalista, in possesso di un capitaleD, lo investe in un’attività produttiva creando una nuova merce M nella quale viene incorporato nuovo valore grazie all’attività della manodopera, che viene remunerata solo per una parte del proprio valore. Il plus-valore invece viene trattenuto dal capitalista e incrementa il capitale iniziale che diventa D’. Ma questo passaggio attraverso la produzione di beni o servizi per il capitalista è una pura perdita di tempo se egli riesce a incrementare il proprio capitale senza mediazione: D-D’. 


Naturalmente questa attività puramente speculativa è mera rapina. Non che il passaggio D-M-D’ non lo sia una rapina, ma essa avviene ai danni degli sfruttati che vedono una parte del valore proprio prodotto espropriato. Tuttavia la rapina resta confinata in questo rapporto e la massa del prodotto del sistema cresce. Invece il passaggio D-D’ non provoca alcun aumento della produzione e la rapina viene perpetrata ai danni dell’intera società al pari di chi stampa carta moneta falsa: si immette nel sistema economico una massa di denaro puramente inflazionistico. 


L’unica soluzione per reggere questo andamento è quello di trasferire quote crescenti di profitto dall’economia reale a quella finanziaria. Crescenti vuol dire che occorre spremere sempre di più qualunque cosa possa produrre denaro: i lavoratori in primis, ma anche pezzi dei beni pubblici, come le società statali, e poi i beni dello Stato quali la scuola, la sanità, i beni demaniali e artistici. 


Questo è il motivo per il quale non è tanto utile avere un’azienda sana che produce utili, ma questi utili dovranno essere sempre crescenti e questo a scapito anche dell’azienda stessa, che alla rincorsa di tassi di profitto crescenti, tenderà a sostituire alle politiche di lungo periodo le politiche a breve.


La sovranità monetaria 


Fino a quando avevamo una moneta nazionale, vi erano alcuni strumenti di politica monetaria che si potevano usare. 


Il più importante era il debito pubblico. Lo Stato emette titoli di Stato e il mercato (imprese e famiglie) lo acquistano con un’asta pubblica. Se l’asta non raggiunge i livelli prefissati, la Banca d’Italia poteva acquistare l’eccedenza praticamente stampando carta moneta. Ciò alimentava l’inflazione. 


A questo fenomeno si accoppiava un altro fenomeno conseguente. Poiché il valore della moneta all’interno del mercato nazionale si deprezza, ciò ha un effetto pure negli scambi internazionali e quindi si doveva adeguare il valore della moneta alle altre monete attraverso la svalutazione. Questo fenomeno in sé non è negativo, se resta entro i limiti di tollerabilità, perché rende i beni dall’estero più cari (e quindi ne limita l’attrattività) e rende più competitivi quelli nazionali. Inoltre per un Paese in massima parte di trasformazione, perché privo di grandi risorse naturali come l’Italia, ciò non ha un peso rilevante sulla bilancia dei pagamenti. Inoltre dovrebbe stimolare la ricerca di beni e risorse nazionali, quali le energie alternative. 


L’inflazione è una tassa che pagano tutti i cittadini in funzione del denaro posseduto e della capacità di adeguarsi all’inflazione. I lavoratori ne erano parzialmente al riparo fino a quando c’era la scala mobile che adeguava automaticamente i salari ai prezzi. 


Ritorniamo all’esempio del quadro. Un privato di presenta sul mercato con soldi che non hanno una contropartita reale e acquista beni e servizi al posto di qualcun altro. Ma se a entrare nel mercato con soldi senza contropartita è lo Stato, tutti i cittadini in proporzione sono chiamati a finanziare questa operazione. Tutto dipende che cosa si fa del debito pubblico accumulato. Serve a far sviluppare il Paese con infrastrutture, ricerca e educazione, o a far ingrassare i soliti noti? 


In questo caso il meccanismo dell’inflazione è anche benefico per i conti pubblici. In pratica il debito ‘evapora’ da solo. È vero che ad alta inflazione devono corrispondere anche alti tassi di remunerazione del debito pubblico. Ma – come dimostra la storia d’Italia – il massimo differenziale tra inflazione e remunerazione non si ebbe nell’epoca dei grandi incrementi di debito, ma dopo, quando arrivarono i 'salvatori della Patria'.


L’epoca dell’euro 


Vediamo come si sono modificati gli strumenti che le autorità monetarie hanno a disposizione dopo l’introduzione dell’euro e del Trattato di Maastricht. Come ricorderemo tutti, l’adesione dell’Italia all’euro è stata molto sofferta. Se un paese entra in un sistema monetario apportando una elevata capacità di inflazione, ossia di immettere denaro senza adeguate contropartite in beni e servizi prodotti, significa che partecipa al banchetto comune senza pagare il relativo prezzo, o pagando con soldi falsi. 


È per questo che si sono creati i parametri di Maastricht, che costringono un Paese ad assumere politiche monetarie non inflattive tenendo tendenzialmente il debito pubblico sotto una certa soglia. 


Ma quello che è poco noto, è un altro meccanismo che è stato manomesso: la vecchia abitudine di emettere titoli di Stato da fare acquistare alla Banca di emissione (per noi la Banca d’Italia) è stata proibita. I titoli emessi dallo Stato devono essere immessi sul mercato e poi eventualmente acquistati dalla Banca di emissione. La finalità è quella di garantire che sia il mercato internazionale a fissare il prezzo dei titoli e di non turbare la sua funzione regolatrice. Quindi uno Stato non si può permettere più di emettere titoli a volontà, pena dover alzare moltissimo il rendimento degli stessi per poterli fare acquistare a un mercato sospettoso. 


Dove sta il problema? Guardiamo la situazione dell’Italia. Il risparmio delle famiglie italiane è (o forse è stato fino a ieri) uno dei più alti al mondo. Quindi l’elevato debito dello Stato ha sempre trovato copertura presso i risparmiatori italiani. Non importa se il debito sia elevato oppure no, purché si trovi sempre qualcuno disposto a sottoscriverlo. Si tenga conto che in verità mai nessuno ha mai pensato che il debito italiano, così come quello di ogni altro Paese, dovesse essere prima o poi estinto, ma solo tenuto sotto controllo pagandone gli interessi. 


È come se una giovane coppia avesse preso in prestito una cospicua somma di denaro dai rispettivi genitori per comprare una casa: questi non si aspettano di avere il debito estinto, ma solo di ottenere dai giovani una congrua remunerazione, simile a quella ottenibile da una banca. Il sistema è in equilibrio. 


Vediamo invece cosa succede oggi nel mondo e in particolare in Italia. 


Improvvisamente si sono scatenate delle tensioni speculative su alcuni Paesi europei: si badi bene, non quelli più esposti (Francia e soprattutto Germania, per non parlare del Belgio, sono messi peggio della Grecia!) ma quelli più deboli politicamente (geostrategicamente, direbbe qualcuno), facendo balenare la possibilità che le nuove emissioni di questi Paesi potessero non essere più assorbite dal mercato e quindi facendo lievitare la necessaria remunerazione degli stessi (il famoso spread tra i Bund tedeschi e i BTP italiani), con grave danno per quelle Nazioni. Se quei Paesi avessero ancora in mano i rispettivi strumenti di politica monetaria, la speculazione si fermerebbe perché le Banche nazionali comprerebbero il debito stampando carta moneta, ciò porterebbe a un certo incremento dell’inflazione che si scaricherebbe sul tasso di cambio. Il Paese sarebbe in un certo senso globalmente un po’ più povero, ma l’economia sospinta da un cambio favorevole, potrebbe riprendersi. 


È come se i nostri giovani amici, indebitati coi genitori, avessero un’improvvisa necessità, saltassero una mensilità e la volessero ripagare a fine anno, magari rinunciando a un viaggio. No, questo non si può fare. I nostri amici sono subito dichiarati pagatori inaffidabili, i creditori chiudono il credito e loro possono solo andare a farsi prestare i soldi dagli usurai, rovinandosi definitivamente. I genitori hanno i soldi da prestare loro, ma i figli sono rovinati! 


La speculazione internazionale si è avventata contro diversi Paesi dell’area euro, a cominciare dai più deboli (politicamente, non economicamente), allora questi hanno dovuto subito mettere in campo politiche monetarie restrittive draconiane, in modo da tranquillizzare i mercati, ma strangolando l’economia. 


È quello che è già successo in Argentina. Questo Paese è andato in rovina non quando faceva i debiti, ma quando i creditori internazionali, capitanati dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale, hanno imposto politiche restrittive. Non si è concesso più di svalutare, ma si è imposto un cambio fisso col dollaro (così come accade oggi con il nostro euro), si è imposta la svendita dei gioielli di famiglia, costituiti dalle aziende nazionali, e la distruzione del welfare. Le aziende nazionali, incapaci di reggere la concorrenza internazionale non protetti da meccanismi di svalutazione competitiva sono andate in fallimento e l’economia è crollata. Finché il Governo non ha dichiarato il default, ossia l’insolvenza, pagando i propri debiti (i famosi bond) circa un quarto del valore nominale. Solo che nel frattempo le banche di tutto il mondo se ne erano sbarazzati rifilandoli ai piccoli risparmiatori e ai fondi di investimento delle pensioni americane. Risultato: Paese depredato, debito altissimo, economia in rovina, risparmiatori di tutto il mondo frodati. 


Quando a un’auto togli il cambio, lo sterzo, il freno e l’acceleratore, come fai a guidare? Deve guidare qualcun altro al posto tuo. Sei su un bel trenino e devi andare dove decide la locomotiva. 


Chi si è chiesto come mai Paesi come la Gran Bretagna o la Svezia si sono tenuti ben stretta la loro moneta e non sono andati certo in fallimento? 


Ma torniamo a noi. La Grecia rappresenta poco più del 2% del prodotto di tutti i Paesi dell’area euro: con una colletta si risolveva il problema e poi magari si imponevano dei controlli perché non si ripetessero i brogli statistici compiuti dai governi passati (brogli che tutti, dico tutti, i Paesi europei hanno fatto, a cominciare da Francia e Germania). 


La manovra in Italia a cosa serve? 54 miliardi di euro o sono troppissimi o sono troppo pochi, dovendo noi rinnovare a ogni asta centinaia di miliardi di euro. Del resto non ce lo hanno spiegato dove andranno questi soldi. La manovra tedesca è stata di 100 miliardi, un disastro epocale. 


In realtà il cosiddetto ‘mercato’ ha imposto le sue regole, ha minacciato di far crollare un Paese piccolo come la Grecia (il cui debito è prevalentemente con le banche tedesche e francesi) per imporre le politiche restrittive che serviranno ad aumentare quel flusso di capitali dall’economia reale all’economia finanziaria di cui abbiamo già parlato e svendere i residui patrimoni pubblici di quel Paese. E ciò in Grecia, come in Germania, in Italia e in tutta l’area euro. Ci hanno fatto spaventare per farci inghiottire questo boccone. 


Ma se davvero le banche francesi e tedesche erano spaventate che il loro cliente, lo Stato greco, potesse essere messo in difficoltà, avevano uno strumento facilissimo: dichiarare che avrebbero sottoscritto loro e a tassi legali (l'1,5%) il debito. 


Un creditore cerca di non far fallire il debitore, altrimenti perde il proprio denaro. Ma se è uno strozzino, lo fa spaventare, in modo da poterli infliggere un nuovo prestito a tassi maggiorati. Ed è quello che è successo: alla Grecia è stato fatto un prestito a tassi che non potrà mai ripagare. Siamo sulla strada dell’Argentina. 


Anche in Italia, nonostante la nostra situazione di fondo sia ancora in equilibrio (sempre più precario in verità, perché le ruberie del Governo Berlusconi non sono bilanciate dai tagli dolorosissimi che sono stati affibbiati al Paese), perché nonostante ci sia ancora un consistente risparmio che proprio ora avrebbe tutta l’intenzione di acquisire titoli di Stato, siamo stati attaccati dalla speculazione. 


La prova di questo ragionamento sta nell’osservare l'andamento dei rendimenti dei titoli di Stato italiani. Questi rendimenti fino a poco tempo fa erano molto bassi, vuol dire che c’era elevata richiesta e fiducia in essi: i tassi erano quasi a livello negativo (considerando le commissioni bancarie) ossia lo Stato paga il nuovo debito quasi niente. Del resto è comprensibile. Dove dovrebbero investire i piccoli risparmiatori il loro denaro? Bond? fondi di investimento?? azioni??? Con tutte le sberle che hanno preso meglio i cari vecchi BOT. 


Cosa è successo improvvisamente? Nessuno lo sa. Il meccanismo è stato manomesso dal ‘mercato’ speculativo, che mostra la sua vera natura che è ben lontana dall’essere un ‘regolatore’ perfetto, ma solo una canea di strozzini. 


Quali sono state le forze politiche e sindacali che si sono opposte a questo disegno criminale? 


Berlusconi si è difeso dicendo che era l’Europa che ci imponeva i sacrifici (fatto del resto in un certo senso non falso, come abbiamo visto). Degli altri CHI ha denunciato che è la stessa Europa a essere in mano ai banchieri tedeschi e francesi, che poi sono gli stessi che innescano la speculazione. I nostri politici non hanno battuto ciglio. Si è attaccato Berlusconi sulla distribuzione dei tagli, non sulla reale necessità degli stessi! Del resto a ‘sinistra’ non siedono gli epigoni dei Prodi, dei Padoa Schioppa, tutta gente che viene dalle viscere di Goldman-Sachs e altre eminenti banche internazionali, che sono i registi di tutta questa ‘macelleria sociale’? 


L'Italia e la storia di questi 10 anni di euro 


La moneta unica doveva essere l’ultima delle azioni da eseguire. Prima si dovevano fare leggi, economie, culture comuni. 


Perché hanno fatto così? Prima si mettono tutti i vagoni in corsa alla stessa velocità e poi si agganciano rigidamente gli uni agli altri. 


Cosa succederebbe se si agganciassero rigidamente vagoni che hanno velocità differenti? 


Quando si dice che l’Euro è l’unica moneta senza uno Stato dietro, si dice una cosa vera solo in parte. Non c’è per scelta precisa un’autorità monetaria governativa che ha strumenti di intervento fuori dal mercato, a parte la possibilità di determinare il “tasso di sconto”, che ormai è solo un riferimento teorico, in quanto le banche regolano le proprie transazioni con tassi che si basano solo su tassi di mercato. Inoltre, l’unica operazione che può essere fatta è quella di diminuire o aumentare tale tasso in modo indiscriminato e senza poter attuare attraverso esso una politica economica, con la conseguenza o di comprimere l’inflazione e con essa l’economia o di stimolare l’economia e con essa l’inflazione. 


Perché questa scelta? Quali le conseguenze? 


Partendo dall’assunto che a stabilire le strategie economico-monetarie continentali siano delle persone estremamente capaci e non dei cretini improvvisati, dai risultati si possono capire gli obiettivi che ci si proponeva fin dall’inizio con la creazione dell’Euro: 



  • a) La moneta unica impedisce la svalutazione competitiva. I Paesi forti europei (Germania e Francia in testa) hanno sempre sofferto la competizione italiana che riusciva a scaricare le proprie inefficienze all’interno del Paese con una moderata inflazione. 

  • b) La moneta unica fa sì che il grosso debito pubblico non evapori lentamente nel tempo. Esso dovrà essere pagato in moneta “forte” e quindi “strozza” il debitore, mettendo il “creditore” nelle condizioni di forza per ottenere apertura dei mercati, privatizzazioni (svendita delle aziende e del patrimonio economico e naturale nazionali). 

  • c) L’impossibilità per le Banche Nazionali di intervenire sul mercato primario del debito pubblico (come abbiamo visto) espone le Nazioni alle speculazioni del mercato, fatto principalmente dalle primarie banche europee e internazionali. 



L’acquisto operato dalla Banca Europea dei titoli di debito pubblico dei PIGS è stato fatto passare come il “salvataggio” dell’Europa fatto dai virtuosi a favore degli scapestrati. Nulla di più falso. Ci hanno solo incastrato ancor di più comprendo i nostri debiti a prezzi di saldo. 


Perché i Paesi deboli d’Europa (i PIGS) hanno messo la testa in questo cappio? 


La storia d’Europa è una storia di colonizzazione interna a costo zero e profitti massimi. 


A paragone la colonizzazione del Meridione d’Italia è stata una storia in cui la borghesia del Nord ha dovuto scendere a patti con l’aristocrazia del Sud, inglobandola nella gestione del potere. Il Sud è stato colonizzato, ma le CLASSI dirigenti hanno beneficiato affacciandosi su un teatro politico di respiro internazionale. Diciamo che è stata una classe che ha svenduto il proprio popolo. Ciò naturalmente non è durato molto. Passata la festa gabbato lo santo. Il periodo del “trasformismo” ha annichilito le classi dominanti meridionali, riducendole al rango di “paglietta” e quindi tradendo anche se stesse. 


La colonizzazione europea al contrario sta ripercorrendo la stessa storia a livello continentale bruciando le tappe. Questa volta non sono intere classi sociali delle candidate “semi-colonie” (Italia, Spagna, Grecia, Portogallo) a venire “sussunte” al potere, ma solo ristrettissimi pezzi di queste: tecnocrati cresciuti all’ombra delle banche europee che vengono gratificati del loro posticino (Prodi, Barroso, Draghi…), europarlamentari che vengono ben pagati per simulare una inesistenze “democrazia” continentale, una burocrazia farraginosa che sposta miliardi di euro a favore di ristretti circoli di ben individuate lobbies. 


E allora? 


La quota del debito pubblico sottoscritta dai privati cittadini è sempre mediata dalle banche (non si può più da tempo acquistare direttamente titoli di Stato se non attraverso le intermediazioni bancarie). Tuttavia in caso di default degli Stati, le banche possono sempre ricattare i propri correntisti che hanno affidato loro i risparmi, dicendo che poiché lo Stato non paga più, esse non possono più ripagare i propri clienti. Ma in verità le banche non possono mai fallire, perché possono sempre “stampare” nuova moneta, ossia accendere nuovi conti nei propri computer. Del resto i debiti non rimborsati dai clienti insolventi non vanno nel “passivo” della banca, proprio perché non devono essere restituiti a nessuno, ma vanno in un conto speciale, detto “sofferenze”, e lì muoiono. 


Ripetiamo: la limitatezza del credito ai privati cittadini è dovuta solo a fattori in parte di opportunità per evitare l’esplosione dell’inflazione, ma soprattutto a rendere la merce “moneta” una merce rara e quindi preziosa. 


Figura 1 – Andamento degli aggregati monetari
M1 (moneta e depositi in conto corrente),
M2 - M1 (i depositi bancari), M3 - M2
(titoli a reddito fisso con scadenza a breve termine).
È importante ricordare che negli ultimi anni la quantità di moneta bancaria (M2 – M1) è cresciuta in Europa negli ultimi anni a tassi che vanno dal 5% al 20% l’anno: questa è la vera e propria “inflazione”. Mentre l’incremento dei prezzi (alla produzione e anche al consumo) che dovrebbe esserne una diretta conseguenza, non ha mai superato mediamente il 2-4%.



Che significa? Chi ha pagato questa differenza? Ciò significa che ogni anno c’è un enorme sposta-mento di ricchezza dai produttori al mercato speculativo, che drena risorse e le distrugge. La quantità di “moneta” che circola nel mercato speculativo ormai è, come detto, decine di volte il PIL, mentre nel mercato reale si assiste a una deflazione (diminuzione di moneta a disposizione dei pro-duttori) che strozza l’economia reale. 


È del tutto evidente che se non si mettono in luce le politiche esercitate dalle classi dirigenti centro-europee ai danni dei popoli, in particolare del Sud Europa, non si possono articolare percorsi politici che siano efficaci e accettabili per lavoratori e i popoli. 


Intanto è follia pensare che tutto questo sia dovuto al caso o all’insipienza di alcuni tecnocrati. Invece è un disegno ordito dai capitali finanziari ed economici della Mitteleuropa. Stiamo arrivando proprio dove ci volevano portare: debito alto, economia debole, moneta forte, competitività bassa, un mix esplosivo che conduce al fallimento. Conseguenza: spoliazione dell’intera nazione. 


È altresì risibile dire che l’Europa dovrebbe fare come gli USA: stampare denaro. A chi lo facciamo digerire e, soprattutto, come? Ci mettiamo in concorrenza con gli USA? 


Dall’altro lato invocare una indiscriminata insolvibilità dello Stato provocherebbe una crisi del risparmio e farebbe insorgere tutta l’Italia, dove ricordiamo c’è il maggior risparmio delle famiglie (in diminuzione, ma comunque ancora gigantesco) del mondo. Tutte le famiglie, ma proprio tutte, hanno ancora qualcosa da parte. Inoltre sono moltissimi che hanno debiti con le banche non solo dovute al consumo (tendenza purtroppo crescente a causa della crisi) ma soprattutto ai mutui immobiliari. In Italia c’è la maggior quota di proprietari della propria casa di residenza. 


Ricordiamo che il default argentino provocò un assalto alle banche per ritirare i risparmi e esse dovettero contingentare i prelievi. Sarebbe uno scenario apocalittico in Italia che provocherebbe danni incalcolabili. 


Uscire al più presto dall’euro e tornare alle monete nazionali 


Prima di vedere le conseguenze di una tale azione, studiamo ancora una volta la storia dell’Argentina. Dopo che è andata in default alla fine del 2001, ha dovuto affrontare un breve pe-riodo di forte flessione, ma ha avuto un rapido recupero che è poi proseguito a lungo. Sganciando il peso dal dollaro e respingendo (purtroppo fin troppo tardi) le ricette della Banca Mondiale del FMI, si fece sì che dopo un anno di transizione l’economia argentina riprendesse a crescere.
Fugura 2 - Andamento deel Pil in Argentina


Lì fu possibile anche accompagnare la politica con un taglio del debito perché il paese era poco esposto al proprio interno. 


In Italia tornare alla moneta nazionale, diciamo una nuova lira che potrebbe inizialmente essere quotata con un cambio con l’Euro alla pari, porterebbe, si dice, a un attacco indiscriminato dei mercati speculativi, che non rinnoverebbero più i titoli pubblici in scadenza neanche a tassi altissimi. Ebbene, uno Stato che recuperasse la propria capacità di acquistare i titoli sul mercato primario, potrebbe puramente e semplicemente stampare moneta. Ricordiamo che dei 1,9 mila miliardi di euro di debito (circa il 130% del PIL), ce n’è in scadenza circa il 10% l’anno, ossia 200 miliardi. Quindi nelle peggiori condizioni non si andrebbe ad un incremento di inflazione se non dell’ordine del 10%-13% l’anno. 


Ma le proposte non possono fermarsi qui. Occorre fermare lo strapotere delle banche nell’emissione di moneta bancaria, riportando la sovranità allo Stato. Quindi le banche devono essere ricondotte immediatamente a veri intermediatori finanziari, cioè tra chi ha i soldi VERI e chi ne ha bisogno, riservando allo Stato la possibilità di immettere liquidità secondo criteri economici. Non occorre togliere loro il denaro, basta stamparne di nuovo. 


Eliminando la loro possibilità di immettere moneta del tutto virtuale nel mercato finanziario si eliminerebbe la causa principale di “inflazione” che potrebbe largamente bilanciare l’incremento di moneta immessa dallo Stato. La speculazione internazionale non potrebbe nulla contro questa manovra. 


Il debito dello Stato verso i cittadini verrebbe preservato, mentre sarebbe in crisi quello delle banche internazionali, le quali potrebbero rifiutarsi di pagare i depositi ai cittadini. Ma questo non è proprio possibile perché i depositi delle banche sono interconnessi a livello internazionale. In buona sostanza come potrebbero rifiutarsi di pagare il credito depositato da un cittadino italiano e invece pagare il debito di un cittadino francese o tedesco? 


Le banche italiane, dove i nostri cittadini hanno la maggior parte dei propri depositi, potrebbero invece trovarsi in difficoltà perché costrette a pagare i depositi in euro e non nelle nuove monete nazionali. Ma a questo punto potrebbe intervenire lo Stato attraverso una grande campagna di acquisizione del debito delle banche nazionali (che significa NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE) e pagamento del debito in moneta nazionale grazie alla propria autorità sovrana (trasformazione del debito privato in debito pubblico) con rimborsi selettivi e ristrutturazione del restante. In pratica, poiché molto del debito pubblico italiano è proprio con le banche italiane, la loro nazionalizzazione porterebbe automaticamente a una cancellazione di questa quota. Lo Stato inoltre dovrebbe garantire il piccolo risparmio attraverso la solvibilità delle banche nazionalizzate mediante l'emissione di una quantità di moneta adeguata. 


Per alleggerire il debito, ora in moneta nazionale, e migliorare la competitività del Paese all’estero e all’interno, una buona dose di svalutazione conseguente a tutto ciò non può che aiutare. Ricordiamo che non è detto che ciò si trasformi immediatamente in incremento dei prezzi al consumo. È vero che le merci, a cominciare dall’energia, acquistata all’estero costerebbe di più. Ma si potrebbe lanciare una grande campagna di risparmio energetico e uso delle rinnovabili prodotte all’interno, con effetti benefici nella bilancia dei pagamenti e dal punto di vista ecologico. Inoltre, essendo l’Italia un Paese prevalentemente di trasformazione, ciò potrebbe essere direttamente scaricato sulle esportazioni, rendendo più competitiva comunque la quota di valore aggiunto nazionale. 


Inoltre c’è da considerare che la crisi è sempre crisi di sovrapproduzione e non di sottoconsumo. 


C’è scarsità di beni al supermercato, le concessionarie auto hanno difficoltà a reperire i modelli richiesti, c’è scarsità di forza lavoro? Sappiamo benissimo che è proprio l’esatto contrario. 


L’economia si ferma non perché non si sono beni e servizi offerti o offribili sul mercato, ma perché ce ne sono troppi rispetto alla capacità del mercato, ossia alle disponibilità degli acquirenti. 


La crisi economica, rendendo la moneta sempre più scarsa per i produttori-consumatori e sempre più abbondante per gli speculatori, non fa che distruggere forze produttive, restringendo la base produttiva, nel tentativo di rendere comunque positivo il TASSO di profitto, che è invece storicamente tendente a zero. 


Uno Stato che recupera la propria sovranità economica può lanciarsi in grandi campagne per produrre di più, ma soprattutto meglio e aumentare la possibilità per i produttori di accedere al proprio prodotto. 


I limiti politico-militari (diciamolo con franchezza: non sarebbe così liscia come può apparire seduti a casa propria: chi tocca le banche muore!) sono del tutto evidenti. Ma due considerazioni sono da fare. 


La prima storica. In Argentina non mandarono i bombardieri. Forse perché gli affari li avevano già fatti e non c’era più nulla da spremere se prima non si fosse reingrassato il Paese. 


La seconda politica. Uscire dall’Euro sarà contrastato da tutti in Italia. La stessa Lega abbaia, abbaia e poi? Per non parlare del PD che è proprio il partito dell’Euro, caratterizzato per spingere sul pedale dei sacrifici e delle privatizzazioni. Del resto è proprio il partito filo europeo per eccellenza. 


Ma anche a “sinistra” c’è molta confusione. 


Vendola su questi temi tace o invoca più “equità” rimanendo comunque all’interno della compatibilità capitalista. 


Ferrero riesce a mala pena a dire “facciamo come gli USA” e stampiamo moneta, una proposta che, se non passa come abbiamo visto dall’uscita dall’Euro e dalla nazionalizzazione delle banche, è del tutto inattuabile e velleitaria. 


Uscire dall’Euro e nazionalizzare le banche, garantire il credito nazionale e rimettere in moto l’economia capitalistica è una proposta politica che può aggregare i popoli d’Europa contro lo strapotere finanziario mittel-europeo. È una proposta che potrebbe essere adottata anche solo da una regione o da un gruppo di regioni, che facessero la secessione, oppure la tutta una serie di Stati, per esempio dai cosiddetti PIGS (Portogallo, Italia, Grecia e Spagna). Essi potrebbero subito dare vita a un’area di libero scambio basata su economie simili e compatibili, con monete che potrebbero seguire e assecondare le rispettive capacità di ripresa. Soprattutto sarebbero un fronte così vasto che non potrebbe essere attaccato tutto insieme contemporaneamente dalla speculazione e anche – mettiamocelo nel conto – militarmente dal resto d’Europa. E quindi questa proposta unisce e non divide i popoli d’Europa. 


Sintesi 


La “crisi” dell’Euro è prevista e anzi è stata creata dalle grandi banche europee per strozzare i popoli europei e dal capitalismo mittel-europeo per far fuori la concorrenza dei Paesi sud europei e ridurli al rango di “semi-colonie” interne. 


L’uscita da questa morsa non può che passare dall’uscita dall’Euro dei popoli sotto attacco. 


La conversione dei debiti pubblici nelle nuove monete e conseguente moderata svalutazione penalizzerà fortemente la speculazione internazionale, ma non il piccolo risparmio nazionale che continuerà a effettuare transazioni nelle monete nazionali e quindi relativamente protette dalle oscillazioni del cambio. Quindi non è necessario un default del debito nazionale, che invece pena-lizzerebbe anche i piccoli risparmiatori. 


Ciò deve essere accompagnato dalla nazionalizzazione delle banche, che invece rischieranno la bancarotta, per ripristinare la sovranità degli Stati sulle emissioni monetarie, e soprattutto sul credito, e tenere sotto controllo l’inflazione monetaria. 


La svalutazione controllata avrà anche un effetto benefico sulla produzione nazionale, rendendo di nuovo competitive produzioni di beni e servizi (soprattutto energetiche) nazionali e disincentiverà le delocalizzazioni. È possibile e quindi indispensabile riformulare totalmente il mercato del lavoro in Italia con leggi da sempre osteggiate dall’Europa che proteggano i diritti dei lavoratori e dei consumatori. 


Tutto ciò non può non passare dalla creazione di un ampio fronte antiliberista che associ al movimento anticapitalista anche ampi settori produttivi in caduta libera di rappresentanza.
12.09.2011



Diamoci da fare
22-23 ottobre
assemblea nazionale


* Fonte: comedonchisciotte
Print Friendly and PDF

5 commenti:

  • Anonimo scrive:
    22 settembre 2011 15:49

    PIGS, sta per Portogallo, IRLANDA, Grecia e Spagna e no Italia anche se in parte ci hanno provato a fare in modo che divenisse PIIGS

  • Bastian Contrario scrive:
    22 settembre 2011 19:47

    In parole povere, è ora che lo Stato si riappropri dell'unica funzione che ne giustifichi l'esistenza.

  • Bastian Contrario scrive:
    22 settembre 2011 19:49

    Ah, tra parentesi: è inutile sperare che il nostro centro-sinistra attui le misure necessarie, dato che loro per primi hanno internazionalizzato il debito pubblico. Come se ne esce?

  • redazione scrive:
    23 settembre 2011 13:52

    Se ne esce con la CANCELLAZIONE, del debito. non con ristrutturazioni. Non si deve negoziare coi briganti mentre compiono una rapina, ci si deve ribellare.

  • Bastian Contrario scrive:
    23 settembre 2011 20:42

    Perfettamente d'accordo. Infatti continuo a dire che non basta cacciare l'attuale governo. Occorre ribellarsi contro tutti quanti hanno avuto e hanno ruoli di guida.

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (725) euro (689) crisi (610) economia (494) sinistra (425) finanza (258) Movimento Popolare di Liberazione (239) sfascio politico (235) grecia (229) resistenza (222) elezioni (217) M5S (204) teoria politica (201) banche (198) internazionale (190) imperialismo (185) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (159) Leonardo Mazzei (156) Syriza (148) Tsipras (143) P101 (139) Moreno Pasquinelli (136) Matteo Renzi (122) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) sovranità monetaria (101) democrazia (100) sollevazione (99) destra (94) Grillo (93) berlusconismo (91) proletariato (91) costituzione (87) spagna (84) neoliberismo (82) austerità (79) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) Francia (78) Emiliano Brancaccio (75) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Mario Monti (71) sindacato (69) Stefano Fassina (67) bce (66) filosofia (65) Germania (64) populismo (63) Libia (62) Alberto Bagnai (59) capitalismo (58) Rivoluzione Democratica (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) Podemos (56) piemme (55) sinistra anti-nazionale (54) globalizzazione (53) rifondazione (53) Siria (50) Medio oriente (49) Movimento dei forconi (49) bancocrazia (49) socialismo (49) Alexis Tsipras (48) immigrazione (48) Carlo Formenti (47) fiat (47) programma 101 (47) sovranità popolare (47) cinque stelle (46) Nichi Vendola (45) Sergio Cesaratto (45) immigrati (45) referendum (45) renzismo (45) inchiesta (43) sinistra sovranista (43) Troika (42) Pablo Iglesias (41) Yanis Varoufakis (41) campo antimperialista (41) solidarietà (41) Beppe Grillo (40) Emmezeta (40) Lega Nord (40) geopolitica (40) astensionismo (39) moneta (39) legge elettorale (38) proteste operaie (38) brexit (37) italicum (37) Diego Fusaro (36) liberismo (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Mario Draghi (34) Russia (34) egitto (34) sionismo (34) Marine Le Pen (33) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) default (32) fiom (32) palestina (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) governo Renzi (31) neofascismo (31) unità anticapitalisa (31) Matteo Salvini (30) fiscal compact (30) Giorgio Cremaschi (29) Luciano Barra Caracciolo (29) Ucraina (29) Alitalia (28) Israele (28) Manolo Monereo (28) Merkel (28) Mimmo Porcaro (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) Sicilia (27) Ugo Boghetta (27) menzogne di stato (27) populismo di sinistra (27) immigrazione sostenibile (26) Forum europeo (25) Lega (25) sovranismo (25) xenofobia (25) Europa (24) islamofobia (24) ora-costituente (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) Nello de Bellis (22) silvio berlusconi (22) CLN (21) Chianciano Terme (21) Donald Trump (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Aldo Giannuli (20) Marcia della Dignità (20) Quantitative easing (20) eurostop (20) finanziarizzazione (20) scuola (20) Front National (19) Lavoro (19) Unità Popolare (19) cina (19) fronte popolare (19) nazione (19) repressione (19) uscita dall'euro (19) Izquierda Unida (18) Nato (18) Tunisia (18) ecologia (18) iraq (18) keynes (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Mariano Ferro (17) Roma (17) USA (17) etica (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Norberto Fragiacomo (16) Pier Carlo Padoan (16) Regno Unito (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) Donbass (15) Fabio Frati (15) International no euro forum (15) Luciano B. Caracciolo (15) Prc (15) ballottaggi (15) 15 ottobre (14) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (14) Cremaschi (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Jacques Sapir (14) Monte dei Paschi (14) Renzi (14) Vincenzo Baldassarri (14) coordinamento no-euro europeo (14) iran (14) obama (14) piattaforma eurostop (14) storia (14) Chavez (13) Enea Boria (13) Jobs act (13) MMT (13) Marco Mori (13) Stato Islamico (13) Virginia Raggi (13) Vladimiro Giacchè (13) acciaierie Terni (13) finanziaria (13) salerno (13) umbria (13) Bersani (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Venezuela (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) emigrazione (12) euro-germania (12) melenchon (12) nazionalizzazione (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Brancaccio (11) Emmanuel Macron (11) Gennaro Zezza (11) Movimento 5 Stelle (11) Putin (11) Tonguessy (11) Turchia (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) disoccupazione (11) iniziative (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) piano B (11) salari (11) sinistra Italiana (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Luigi Di Maio (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) antifascismo (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) golpe (10) lotta di classe (10) presidenzialismo (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Beppe De Santis (9) Def (9) Fmi (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Marco Zanni (9) Paolo Ferrero (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) bail-in (9) cultura (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) scienza (9) sciopero (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Campagna eurostop (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Mirafiori (8) Quirinale (8) Reddito di cittadinanza (8) Salvini (8) Sandokan (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) chiesa (8) deficit (8) diritti civili (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) europeismo (8) grexit (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Daniela Di Marco (7) Enrico Grazzini (7) Fausto Bertinotti (7) ISIL (7) Ilva (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Marco Passarella (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) confederazione (7) cosmopolitismo (7) destra non euro (7) elezioni anticipate 2017 (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) nazismo (7) necrologi (7) privatizzazioni (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) sindacalismo di base (7) taranto (7) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CUB (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Samuele Mazzolini (6) Sergio Mattarella (6) Stefano D'Andrea (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) classi sociali (6) cosmo-internazionalismo (6) derivati (6) governo Gentiloni (6) incontro internazionale (6) inflazione (6) liberosambismo (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Casaleggio (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Foligno (5) Genova (5) Giancarlo D'Andrea (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitocrazia (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberalismo (5) pomigliano (5) questione nazionale (5) rivolta (5) salvinismo (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Alessandro Visalli (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Fratelli d'Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Militant-blog (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Wolfgang Munchau (4) Xi Jinping (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) debitori (4) demografia (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) ideologia (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) manifestazione (4) massimo fini (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) populismo democratico (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) senso comune (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) trasporto pubblico (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alfiero Grandi (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Eleonora Forenza (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Ferdinando Pastore (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) GIAPPONE (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Risorgimento Socialista (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) autodeterminazione dei popoli (3) automazione (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) giovani (3) il fatto quotidiano (3) il pedante (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) migranti (3) minijobs. Germania (3) nazionalismo (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trasporto aereo (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Amoroso (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dario Guarascio (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Fiumicino (2) Flat tax (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Bartolomei (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gentiloni (2) Giorgia Meloni (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Pardem (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) deregulation (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) fine del lavoro (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) informatica (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) moneta fiscale (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proteste agricoltori (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) sociologia (2) sovranità e costituzione (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amando Siri (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Gramsci (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cekia (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudia Castangia (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cub Trasporti (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico Fubini (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) France Insoumise (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Mark Rutte (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noi Mediterranei (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) PSUV (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul De Grauwe (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Reddito di inclusione sociale (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Riscossa Italia (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tomaso Montanari (1) Tommaso Nencioni (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) elezioni comunali 2017 (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) lex monetae (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) proporzionale (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)