25 MARZO ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALE

25 MARZO ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALE
Il corteo parte da PORTA SAN PAOLO, alle ore 14

sabato 4 giugno 2011

FORZA E LIMITI DELLA RIVOLUZIONE


SIRIA 

Studenti, contadini e disoccupati la forza motrice della rivolta contro il regime


di Khaled Chatila*

Presentiamo ai lettori un inedito intervento di Khaled Chatila, militante rivoluzionario ed esponente del Partito d’Azione Comunista siriano
 Anzitutto: il movimento che ha avuto inizio il 15 marzo 2011 in Siria è sorto del tutto spontaneamente, come reazione a tutte le sofferenze subite dalle masse popolari, sofferenze fisiche, spirituali, nella vita di ogni giorno. Tali condizioni hanno creato una coscienza spontanea che certo non può crescere senza l'intervento di un partito politico che rappresenti la classe operaia e conduca le masse ad una comprensione materialista della situazione e che quindi sappia tradurre il tutto in un programma politico.

Io accuso l’intera sinistra siriana di essere, consapevolmente o inconsapevolmente, diventata parte integrante del sistema di potere. La sua posizione è quella di cercare di porre fine alla crisi attraverso un dialogo con il regime, che è anche la posizione del regime stesso. La sinistra siriana ha vissuto un'esistenza crepuscolare per otto anni, paralizzata e isolata dalle masse popolari. Ora essa diffonde volantini di solidarietà con il movimento, ma insiste nel sostenitore il dialogo politico con il regime per realizzare una riforma graduale e pacifica.

Il movimento, che io chiamerei Movimento popolare per la rivoluzione siriana, iniziato nella città meridionale di Daraa quando due adolescenti sono stati arrestati per aver dipinto uno slogan su un muro, chiede piuttosto il rovesciamento del presidente Bashar al-Assad. Il principale slogan di ogni manifestazione è stato "Il popolo vuole il rovesciamento del regime!".

Questo movimento è spontaneo, come le rivolte in Tunisia ed Egitto, con la differenza che, in Tunisia ad esempio, un’elite politica organizzata e le organizzazioni sindacali hanno preso parte fin dall'inizio alla rivolta, mentre in tutti e due i paesi hanno avuto un peso le organizzazioni della società civile e per i diritti umani internazionalmente collegate.

In Siria, i sindacati sono parte integrante degli apparati dello Stato (alle organizzazioni di sinistra come a tutte le altre è proibito lottare nei sindacati), e la repressione è stata molto più feroce. Ogni organizzazione siriana che abbia contatti all'estero via internet rischia il processo davanti ad un tribunale speciale e anni di carcere  per "intelligenza  con il nemico". Correnti politiche pubbliche come l’egiziana Kifaya (Basta!), un movimento che ha influenzato gli intellettuali e anche i lavoratori di quel paese, non sono mai esistite in Siria dove, al contrario, intellettuali che avessero avuto un orientamento rivoluzionario hanno trascorso almeno 15 anni di carcere.

La drammatica situazione delle masse popolari

La rivolta non si è ancora estesa in tutto il paese e a tutta la società. Abbiamo una serie di insurrezioni periferiche disperse piuttosto che una rivoluzione centralizzata. I protagonisti della rivolta sono stati finora i giovani istruiti e quelli disoccupati in cerca di accesso alla modernità.
I lavoratori industriali vi partecipano a livello individuale, molte delle persone che scendono in strada vengono da quello che io chiamerei “sottoproletariato”: disoccupati, cittadini senza un lavoro regolare, che campano alla giornata. Essi lavorano precariamente, un paio di giorni qui e un paio là, soprattutto fornendo servizi ai borghesi, come camerieri, facchini, portieri, ecc. Essi non hanno alcuna sicurezza sociale o altri benefici.

L'altra componente di questo movimento proviene dalla classe medio-bassa, soprattutto giovani laureati disoccupati. Circa il 20 per cento dei giovani laureati in Siria sono disoccupati. Non possono sposarsi perché devono vivere con i genitori, sia a causa della disoccupazione che per la grave carenza di alloggi.

Ragazzi e ragazze scendono insieme per le strade; la partecipazione delle donne è accolta favorevolmente. Si può vedere su Facebook quanto creativi sono, inventando nuovi metodi rivoluzionari in letteratura, nella comunicazione e nell’organizzazione. L'età media dei manifestanti è di circa 30 anni, mentre quella nei partiti politici e nei membri della società civile è probabilmente di circa 50.

Questi giovani non avanzano rivendicazioni sociali, pensano che la democrazia politica e libertà possano risolvere tutti i problemi che devono affrontare nella loro vita quotidiana. Il loro principale obiettivo specifico, oltre al rovesciamento di Assad, è quello di cambiare la Costituzione. In particolare, esse vogliono sbarazzarsi dell'articolo 8, che designa "il partito socialista arabo Baath", come la guida dello Stato, insieme ad un non definito "Fronte nazionalista progressista", ma che include i due partiti storici comunisti, e nasseriani e i partiti nazionalisti federati con il partito Baath, forze che non hanno più molta influenza.

Questo movimento non è stato ancora in grado di minacciare seriamente l'esistenza del regime. Come spiegherò, vi è un pericolo reale che potrebbe essere stroncato, o da un colpo di stato militare, che potrebbe sbarazzarsi di Assad, ma senza cambiare la struttura di potere, o da una guerra civile lungo linee etniche e religiose. Per mobilitare milioni di siriani, la rivolta dovrebbe avanzare non solo richieste di democrazia politica, ma anche rivendicazioni sociali, le sole che potrebbero ottenere un consenso molto ampio.

Il 25 per cento dei siriani, secondo dati delle Nazioni Unite, e il 50 per cento secondo l’economista d’opposizione Aref Dalila, vivono sotto la soglia di povertà. Sebbene l'economia siriana sia molto più forte di quella della Tunisia, le classi medie sono diventate una minoranza. L'accumulazione del capitale nelle mani di nuovi settori della borghesia con la privatizzazione delle imprese statali e la liberalizzazione dei mercati sotto Bashar e suo padre Hafez, hanno fratturato le classi medie. Una parte del ceto medio è stata in grado di accumulare capitale, mentre gli altri, che vivevano abbastanza bene, conoscono condizioni di vita del tutto simili a quelle della classe dei salariati che costituiscono la maggioranza della popolazione. Un dipendente della pubblica amministrazione o un ufficiale dell'esercito hanno bisogno di fare due o tre lavori lavori per soddisfare le esigenze della famiglia, che normalmente include alcuni membri disoccupati. Ad esempio, essi potrebbero insegnare di giorno e di guidare un taxi di notte.

Il prezzo della carne e frutta è salito alle stelle. Ora i prezzi in Siria sono gli stessi che in Francia. Le persone che vivono col loro lavoro non mangiano carne da anni. Anche le fave che compongono il piatto nazionale sono diventate troppo costose per i lavoratori dipendenti. La gente mangia un sacco di ceci e soprattutto pane. Ravanelli. Ulivi. Cipolle. E pochi altri ortaggi, riso e bulgar (per il tabbouleh), che è il pasto base di entrambe dei salariati e dei sottoproletari.
A differenza di Egitto e Tunisia, poche persone in Siria, vivono di turismo. Agenti di sicurezza seguono i turisti stranieri in giro, facendo del turismo una cosa poco attraente, nonostante il paese abbia molti siti antichi.

La Siria potrebbe essere autosufficiente in agricoltura, ma non lo è. Come in Egitto, il grano e il cotone migliori vengono esportati e lo stato importa cotone di scarsa qualità e grano nero.
I contadini stanno con la rivolta perché la borghesia rurale e grandi proprietari terrieri sono alleati con il regime economicamente, anche se non necessariamente sul piano politico. La riforma agraria ha ridistribuito i fondi di proprietà feudale ai piccoli contadini, ma questi non possono ottenere l'aiuto di cui hanno bisogno, come il credito, i trattori e cooperative di acquisto. Essi sono costantemente minacciati, sia dalla siccità che dalla loro dipendenza dagli ex-feudatari sul piano del  credito. Spesso lavorano per gli ex-feudatari, come lavoratori salariati o come mezzadri o affittuari.

La prova della simpatia dei contadini per la rivoluzione è che la gente delle piccole città e delle  periferie delle grandi città è scesain piazza molto prima dei quella dei grandi centri urbani.
A Damasco e Aleppo, le due più grandi città del paese, dove sono concentrati i lavoratori industriali, le manifestazioni si sono limitate a un paio di facoltà universitarie, come ad esempio gli studenti di medicina e di scienze, che hanno fatto un sit-in nella capitale. Le camere di commercio e industria in queste due città hanno svolto un ruolo molto negativo.

Le manifestazioni più grandi sono stati in città come Daraa e in villaggi come Nawa e Zalkhab. Daraa è rimasta il punto focale principale. Si tratta di un bastione del movimento perché è un bastione della povertà. Le persone sono per lo più piccoli contadini o muratori. Durante l'intervento siriano in Libano, molti muratori andarono a lavorare nel settore delle costruzioni per la borghesia libanese e per i ricchi petrolieri del Golfo. Dal momento che la Siria è stata costretta a ritirarsi, i lavoratori siriani, in particolare i muratori di Daraa, son dovuti tornare a casa. Non c'è lavoro per loro in Siria, perché c'è poco da costruire. Così la situazione di questi muratori disoccupati ci aiuta a capire perché Daraa ha svolto il ruolo centrale che ha.

Contadini poveri

Daraa è la capitale della regione Hauran, dove molti villaggi sono in rivolta. Questa è una zona di grande produzione del frumento, ma la terra vulcanica e i contadini sono molto poveri. Il resto dei Siriani prendono in giro le persone  di questa regione,  grandi lavoratori ma stupidi, disposti a lavorare per niente. A causa della povertà, il livello di istruzione è molto basso. La gente deve andare a lavorare molto giovane. In genere, non sono molto rappresentati nel governo.

Molti dei contadini di questa regione provengono dalla zona curda nel nord-est. Quando la grande diga sul fiume Eufrate fu costruita, nel 1970, il governo li trasferì dando la terra migliore ai contadini arabi. Il regime ha cercato di costruire una "cintura araba" intorno alla diga per ridurre la possibilità di un movimento nazionalista curdo. Così molti dei piccoli contadini nel Hauran hanno sofferto due volte, una volta derubati e repressi dai cosiddetti nazionalisti arabi e poi sfruttati come contadini e muratori.

Ecco perché questa città è stata tra i primi a ribellarsi. E’ il fattore comune della povertà nella regione e l’abitudine ad una vita dura che ha reso la gente molto coraggiosa. La Siria conosce enormi disparità regionali. I ricchi vivono e spendono come in Francia. Ora le proteste si sono diventate concentrate a Homs, vicino al confine libanese, e Baniyas, una città costiera settentrionale. Entrambe le città sono state circondati dai militari. Queste due città sono importanti perché sono collegate alle regioni a maggioranza sunnita e la costa principalmente alawita. (Circa l'80 per cento dei siriani sono musulmani sunniti, il resto sono musulmani alawiti e cristiani)

La struttura di potere si basa sul clan alawita e in generale sull'etnia alawita, ma non esclusivamente. Gli alawiti dominano gli apparati del governo, dell'esercito e della sicurezza. Bashar Assad sta cercando di trasformare la situazione in una guerra civile tra i sunniti, alawiti e cristiani, e la sinistra dice che si deve sostenere il regime a causa di questo pericolo. Il regime e la sinistra che lo appoggia, sottolineano la minaccia di un intervento straniero in una situazione del genere. La verità è che  il movimento, molto chiaramente e consapevolmente, chiede l’unità siriana, questo anche nelle zone curde del nord-est.

Lo slogan Bashar è “Dio, la Siria e Bashar, è tutto quello di cui abbiamo bisogno!" La rivolta lo  trasforma gridando: "Dio, la Siria e la libertà, è tutto quello che abbiamo bisogno!" e "Uniti, uniti, uniti, il popolo siriano è unito!". Il regime utilizza la religione per legittimare se stessa, mettendo Bashar dalla parte di Dio. Come in Egitto, alcuni siriani usarno riferirsi a Dio per dire che Bashar non è la massima autorità. Fra gli arabi, il riferimento a Dio non è necessariamente religioso, ma può esserlo. I giovani in rivolta sono molto consapevoli di questo. Hanno aggiunto la parola "libertà" per distinguersi dai fondamentalisti.
All’inizio, in occasione di una manifestazione all’uscita da una moschea, i fondamentalisti hanno gridato "Allahu Akbar", mentre i giovani cantavano, "Libertà, libertà, libertà!" I giovani hanno usato un quarto slogan: "Il popolo siriano non accetta umiliazioni", riferendosi sia al regime che alla dominazione imperialista nel mondo arabo.

Lo sfondo storico della rivolta in Siria e altrove nel mondo arabo è l'umiliazione subita da questi popoli con l'aggressione imperialista in occasione dellala prima guerra del Golfo del 1991, quando venne cacciato dal Kuwait l'esercito iracheno di Saddam Hussein, [Assad padre si alleò con Bush padre], con la seconda guerra e l'occupazione dell'Iraq e il massacro israeliano a Gaza. Tutti questi eventi hanno dimostrato che il potere siriano, proprio come gli altri regimi arabi, non ha una strategia vera e propria per la liberazione nazionale nonostante la sua retorica nazionalista.

Naturalmente, l'esplosione in Siria è stata molto influenzata dalla Tunisia ed Egitto, ma anche il movimento in Iran dopo le elezioni del 2009 è stato molto importante. Io credo che la rivolta iraniana abbia precorso i movimenti arabi.

Un regime capitalista

Quando si applica una analisi materialista, si può vedere che ci sono due borghesie in Siria, la borghesia burocratica (i burocrati, gli apparatchik) e la borghesia mercantile tradizionale. La borghesia burocratica nacque con la conquista del potere da parte Hafez al-Assad nel 1970. La gente usa l'espressione "signor dieci per cento" per riferirsi ai grandi capi dei servizi militari e di intelligence che ottengono un 10 per cento di commissione per ogni contratto tra Stato e investitori stranieri o per dare un’autorizzazione alla borghesia tradizionale per un progetto o un appalto. Nel corso del tempo i "signori dieci per cento" sono diventati l'apparato dirigente, con il conseguente accumulo di capitale finanziario nelle mani dei burocrati. Quando il figlio Bashar Assad salì al potere nel 2000, i burocrati hanno iniziato a investire il capitale che avevano accumulato, sia nei  mercati internazionale che in quello siriano.

Le riforme economiche del regime di Bashar sono iniziate con le liberalizzazioni per favorire la crescita del settore privato. Questo ha permesso alla borghesia burocratica emersa dalla classe media di diventare ricca. Le liberalizzazioni hanno inoltre prodotto una spaccatura nella classe media. Una parte è diventata molto ricca mentre l'altra ha perso i suoi vantaggi precedenti. Il Baath partito non ha eliminato la borghesia tradizionale quando salì al potere. Il modo di produzione dominante era e rimase capitalista e dipendente dall'imperialismo. La borghesia burocratica ha tentato di descrivere ciò che ha creato come un "modo di produzione sociale" - in altre parole, né capitalistico, né socialista.

Quando i baathisti salirono al potere nel 1963 col colpo di stato, essi nazionalizzarono la grande industria e le medie imprese mettendole sotto la direzione dei loro stessi burocrati. Il partito Baath aveva solo 500 iscritti al momento del colpo di stato. Successivamente aprì le porte ad ogni sorta di opportunisti. Dopo la rottura tra l'Egitto di Nasser e il partito Baath siriano nel 1961 [quando la Siria respinse fusione con l'Egitto voluta da Nasser, Ndt], molti siriani aderirono alla corrente  nasseriana. Una volta che i baathisti, grazie ai militari, presero tutto il potere,  a poco a poco schiacciarono tutti gli altri partiti e istituirono un sistema di partito unico. Non c'era nessuna costituzione, solo il dominio della forza. Tra il 1963 e il 1970, quando Assad capeggiò un altro colpo di stato militare, il settore privato si unì rapidamente alla borghesia burocratica. Gli apparatchik avevano bisogno del mercato capitalistico governare l'economia. Questo fu un periodo molto prospero per il settore immobiliare e il settore degli scambi con l’estero.

Il colpo di stato di Assad, nel 1970, permise un primo consolidamento dello stato siriano [dopo decenni di instabilità politica a causa della rivalità dei centri di potere. Prima dell’indipendenza dlla Francia la Siria, in quanto entità politico-statuale, non esisteva nella sua forma attuale, Ndt]. Così, sia la borghesia mercantile che quella affaristica diventò un alleato organico della borghesia compradora-burocratica —dico compradora perché si trattava di fugure che rappresentavano gli interessi delle multinazionali. Quindi tutte e due queste borghesie prosperarono sotto Hafez Assad. Egli voleva costruire uno Stato costituzionale con una propria forte presenza militare sulla scena internazionale. Il suo sogno era quello di unire il Bilab al-Cham [Siria, Libano, Palestina e Giordania, a volte chiamati erroneamente il Levante in inglese, Ndt] sotto la sua guida. Poco prima del suo colpo di stato, nel 1968, affermò che il Partito Baath era marxista e ipocritamente promise di sostenere i palestinesi.

In realtà Assad, che era sottosegretario generale alla difesa quando Israele occupò nel 1967 le siriane Alture del Golan, giunto al potere cessò tutti gli aiuti ai palestinesi. Permise il massacro dei palestinesi nel nord della Giordania (l'esercito siriano stette a guardare durante il Settembre Nero del 1970, quando il Re di Giordania soffocò nel sangue il movimento palestinese di quel paese, Ndt]. Un mese dopo Assad fece il suo colpo di stato imprigionando tutti i militanti di sinistra.

La Costituzione consegna al Presidente della Repubblica poteri supremi. Egli può dichiarare lo Stato di emergenza, imporre il coprifuoco, formare tribunali speciali e di stabilire un "Tribunale Supremo di Sicurezza dello Stato". Può sciogliere l'Assemblea del popolo [il Parlamento, Ndt] quando vuole e governare per decreto nel corso di un tale periodo di emergenza. Tutti gli articoli della Costituzione che garantiscono le libertà individuali e sociali, per esempio, formare delle organizzazioni civiche e il diritto di manifestare, sono stati sussunti dai poteri speciali generali di Assad. Questo Stato di eccezione dura senza interruzioni dal 1970, malgrado la sinistra abbia avuto, in certi periodi, la libertà di critica e di discussione.

La borghesia mercantile ha goduto di un periodo di grande prosperità, in termini di accumulazione di capitale, grazie alla sua alleanza con la borghesia burocratica. Nel 1975 l'esercito siriano entrò in Libano. Gli Stati Uniti e Israele invocarono questo intervento, affinché l'esercito siriano ponesse fine all’ascesa dei movimenti nazionali libanesi e palestinesi. Questo allargò il mercato siriano sia dei capitali che della forza lavoro. Allo stesso tempo, i Paesi dei petrodollari del Golfo, soddisfatti per l'intervento siriano in Libano, fornirono un grande aiuto ad Assad. Egli usò questo soccorso per  migliorare gli standard di vita e lavoro impiegando centinaia di migliaia di funzionari in compiti inutili, per rafforzare gli apparati di sicurezza, i quali avevano a loro volta centinaia di migliaia di dipendenti.

Makloufistan

Niente potrebbe essere fatto al di fuori del sistema generalizzato di corruzione. Ad esempio, per ottenere un certificato di nascita dal municipio si deve pagare una tangente di 15 dollari. Se per caso sei stato arrestato devi pagare 150 dollari per uscire, o almeno10 se non hai fatto niente. Un commerciante deve avere un generale come proprio protettore, non può ottenere una licenza d'importazione senza il suo permesso connivente, e se sfida questo andazzo può andare in prigione per "corruzione".

Il sistema giudiziario era completamente corrotto, così che i cittadini persero ogni rispetto per esso. Il Parlamento diventò  un “consesso per applaudire il regime”. Il potere esecutivo venne trasformato in un centro di corruzione.

La vecchia ideologia baathista "socialista araba" faceva velo alla pura e semplice violenza. Il regime governava non in nome della legge, ma della forza bruta.

La globalizzazione dell'economia siriana è iniziata con Bashar nei primi anni 2000, un decennio dopo la caduta del muro di Berlino e la rottura del cosiddetto “campo socialista” [di cui la Siria era alleata, Ndt]. La Siria non è stata risparmiata, economicamente e politicamente, dai cambiamenti che il mondo stava subendo. Bashar, come la Tunisia e il Marocco, si è avvicinato alla UE, in cerca di una zona di libero scambio con essa. E ha cercato di avvicinarsi agli Stati Uniti, con un certo successo iniziale.

Ma ha ereditato dal padre il concetto che la forza internazionale della Siria dipende dalle sue alleanze. Dopo la caduta dello Shah in Iran nel 1979, queste alleanze sono state strette con l'Iran,  Hezbollah, e quindi Hamas. Sia Assad padre che figlio sono hanno una concezione machiavellica: ogni alleanza è temporanea e non strategica. Ogni allaenza dipendo dalle condizioni regionali e internazionali. Bashar Assad, che ha avviato trattative segrete con Israele e ha inoltre negoziato con Israele semi-apertamente attraverso la Turchia, era pronto a svendere l'Iran, Hezbollah e Hamas, in cambio di una garanzia da parte delle potenze internazionali guidate dagli Stati Uniti che il suo regime sarebbe rimasto in sella.

In una recente intervista, Rami Maklouf, cugino e stretto alleato di Assad [che il New York Times 11 maggio scorso ha descritto come l’uomo d'affari più potente della Siria, la gente chiama la Siria Makloufistan. Ndt] ha avvertito che la sicurezza di Israele dipende dalla sicurezza della Siria: in altre parole, la sicurezza di Bashar e quella israeliana, hanno un comune nemico: l’odio di massa
Dal 1973, la Siria non ha mai condotto uno scontro armato con Israele, né sparato anche un solo proiettile sparato contro Israele. Quando Israele ha bombardato il sito nucleare siriano [settembre 2007 Ndt] il regime non ha replicato. Israele ha in effetti una certa fiducia in Bashar e la sua cricca.
Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha cercato di tirare dalla sua parte Bashar. Egli ha messo a disposizione l’ENA [la prestigiosa scuola d'élite francese, dove vengono allevati i massimi maneger pubblici. Ndt ] per modernizzare l'amministrazione statale siriana.

Due anni fa Bashar ha liberalizzato il settore bancario e consentito alle banche straniere ad investire in Siria, e le aziende straniere ad investire nel paese grazie all’intermediazione bancaria. All'interno del sistema dominante vi è la forte convinzione che la riforma politica e quella del sistema giuridico sono necessarie per assicurare migliori condizioni per l'accumulazione di capitale e per la prosperità del capitalismo. Anche tra i burocrati si propende per liberalizzazione economica e sociale, per uno Stato di diritto e una nuova Costituzione. E’ ampiamente riconosciuto che la Costituzione del 1973 non va più bene.

Gli Stati Uniti e Unione Europea hanno cercato di incoraggiare Bashar a fare le riforme economiche in linea con la globalizzazione neoliberista e rendere progressive le aperture in termini di diritto e di diritti democratici. Ed è questo quello che i partiti politici chiesto l’ultimo decennio.

Da notare che mentre gli Stati Uniti e i suoi alleati, dopo l'uccisione del primo ministro libanese Rafic Hariri nel 2005, tentarono inizialmente di portare la Siria davanti al tribunale penale internazionale, ora l’accusa è solo verso Hezbollah. E mentre gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni Alle persone intorno a Assad, lo stesso presidente non è stato preso di mira.

La Siria, in quanto formazione economico-sociale, è legata a doppio filo alla globalizzazione imperialista. I due non possono essere separati.

Chi capeggia la rivolta?

Il movimento di disobbedienza civile in Siria è ben lungi dall'essere generalizzato, principalmente a causa della quasi totale assenza di slogan che pongano in primo piano le richieste sociali ed economiche, in particolare la lotta contro la fame, la povertà e la disoccupazione. Queste rivendicazioni potrebbero venire alla ribalta accanto a quelle per la democrazia solo in un ampio  fronte democratico unito in cui la sinistra giochi un ruolo importante. Ma in Siria non vi è né questo fronte né una sinistra.

Il Venerdì della sfida  del 6 maggio è stato il punto più alto che il movimento abbia finora raggiunto, ci sono stati circa 10.000 manifestanti in tutto il paese. Queste proteste sono state decentrate e spontanee, e ferocemente represse dalle forze di sicurezza. Ci sono stati circa 800 morti in due mesi da quando la rivolta iniziata, e circa 8000 persone sono scomparse o in stato di detenzione. La classe politica, compresa i partiti siriani di sinistra, definiscono questo movimento una "sollevazione". Non usano la parola rivoluzione. Questi partiti sono riformisti, ma il loro pensiero non è così diverso da quello del regime stesso, ovvero chiedono una riforma graduale e negoziata. Finora non c'è stato alcun accordo tra il regime e l'opposizione perché il regime dice che non ci possono essere negoziati fino a quando si ferma la rivolta, mentre l'opposizione chiede la liberazione dei prigionieri politici e i negoziati subito. Ma le masse popolari non vogliono sentir parlare di dialogo. Esse sono per le strade, perché quello che vogliono non è un cambiamento che venga dal di dentro la struttura di potere, ma che vada contro di essa.

Ci sono diversi scenari possibili. Uno è che il movimento rivoluzionario di massa possa dare origine a una nuova sinistra in grado di centralizzare e ampliare il movimento. Un altro è che l'Islam politico prenda il sopravvento e devii il movimento verso una guerra civile su linee religiose.

Circa cinque settimane dopo la rivolta sono sorti piccoli gruppi di persone hanno cominciato a gridare “gli alawiti nella fossa, i cristiani a Beirut." Il rifiuto della sinistra di rompere con il regime prepara condizioni favorevoli ai fondamentalisti. E 'anche possibile che il movimento possa essere represso con successo e il regime di Bashar si consolidi, o che un colpo di stato militare sostituisca  l'attuale leadership politica coll’appoggio dell'Iran e di Hezbollah. E se la sollevazione popolare si trasformasse in una rivoluzione, sarebbe ancora di fronte al pericolo di un colpo di Stato sponsorizzato dagli USA o da un loro intervento.

Il fondamentalismo islamico

Prima che i baathisti salissero al potere nel 1963, l'islam politico era molto marginale. Aveva solo una manciata di rappresentanti in parlamento. Nelle elezioni parziali del 1956, segnate dalla sfida tra un baathista e un noto leader musulmano della Fratellanza, i ba'athisti vinsero in modo schiacciante. I siriani derisero i Fratelli Musulmani e il clero.

La Fratellanza musulmana ha sempre agito contro la democrazia e la rivoluzione di liberazione nazionale. Ad esempio, nel 1980 essa si sollevò in armi per istituire un regime musulmano, in un momento in cui i lavoratori, gli intellettuali e gli altri cominciavano a organizzarsi in maniera indipendente del regime e una società civile stava emergendo per la prima volta. Il regime utilizzò questa rivolta come pretesto per sopprimere tutti. Ad Hama, la roccaforte dei Fratelli Musulmani, 5000 uomini armati si sollevarono. Il regime circondò e distrusse la città, e uccise 25.000 persone in due giorni. Neanche una mosca poté sfuggire. E 'stato come a Daraa oggi. Musulmani sunniti, cristiani e comunisti allo stesso modo sono stati uccisi, e anche dei baathisti. L’esercito sparò su tutto quello che si muoveva.

Oggi la Fratellanza Musulmana è divisa in due correnti principali. Una ha cambiato nome e ha alcuni legami con il regime e cerca negoziati. L'altra ha mantenuto il nome originale e obiettivi. Dopo il massacro di Hama Assad sancì che l'appartenenza alla Fratellanza era sanzionabile con la condanna a morte. Essa sopravvive soprattutto all'estero e ha poco peso politico tra il popolo. I siriani, di destra o di sinistra, sunniti compresi, non hanno fiducia in essa.

Mlgrado ciò, visto il fallimento totale e ripetuto dei partiti di sinistra siriani (nazionalisti, socialisti e  democratici), visto il crollo del "socialismo reale" e l'aggressione contro l'Iraq, l'Afghanistan e i palestinesi, la società siriana cerca una ideologia. Quella più vicina e a portata di mano è l'Islam, ciò  nel senso più ampio del termine, includendo sia le tendenze liberali progressisti che quelle fanatiche.
In questo contesto, un piccolo gruppo islamista, potrebbe ancora una volta, con l’aiuto saudita, far credere che l'Islam sia la soluzione politica. Il popolo, in Siria, è oppresso in nome della laicità e della modernità, da un regime che rappresenta invece solo lo sfruttamento selvaggio della maggioranza delle persone. Indossare l’hijab è un gesto che si è generalizzato durante il regno di Bashar, come un modo delle persone per distinguere se stessi da un regime cosiddetto laico e dalla modernizzazione, ciò assieme alla diffusione della preghiera, all’osservanza dele feste religiose e del pellegrinaggio alla Mecca.

Le manifestazioni di strada dimostrano l'assenza di un movimento religioso in quanto tale. Anche coloro che sono più devoti non cercano un regime religioso, ma vogliono la democrazia e la libertà. Anche i Fratelli Musulmani hanno lanciato un appello per uno stato civile. Ci sono tuttavia piccoli gruppi di salafiti. Essi non rappresenterebbero alcun pericolo se la società politica apertamente prendesse parte alla rivoluzione e chiedesse la caduta del regime. Altrimenti vi è il rischio di incoraggiare il settarismo religioso trasformando la rivolta contro i musulmani alawiti e i cristiani.

Un nodo complesso geopolitico

La Siria rappresenta un nodo geopolitico più complesso geopolitico di altri paesi. Isolare l'Iran è un obiettivo centrale per i regimi dei petrodollari guidati dall’Arabia Saudita. Nel corso degli ultimi 30 anni i sauditi hanno speso molti miliardi di dollari per incoraggiare la diffusione di un fondamentalismo simile a loro Islam wahabita. A tal fine, l'Arabia Saudita mira ad aizzare i sunniti contro gli sciiti in Iraq e in Libano e vorrebbe un regime change in Siria.

C’è un’ulteriore complicazione: Erdogan [detto Effendi, il soprannome dato al primo ministro turco usando la definizione del capo del governo ai tempi degli ottomani, Ndt] sembra incoraggiato dagli Stati Uniti e Israele a svolgere un ruolo che potrebbe sembrare un fastidio diplomatico per Israele appunto. Un riavvicinamento tra Siria e Turchia (e gli Stati Uniti) potrebbe ridurre la necessità della Siria di dipendere l'Iran in quanto sorta di base aerea contro Israele. In questo complesso nodo  geopolitico, tutti gli attori coinvolti —gli Stati Uniti, i sauditi, la Turchia e Israele — hanno tutto l'interesse ad cambio di regime in Siria, in modo da isolare l'Iran, di sbarazzarsi di Hezbollah e di rendere la Turchia, la forza trainante della regione.

Ma il vento potrebbe andare in entrambe le direzioni. Una è che lo svolgersi degli eventi potrebbe favorire gli interessi geopolitici imperialistici. L'altra che gli eventi potrebbero far fallire i piani imperialistici —se il processo rivoluzionario continuasse, e la società politica prendesse parte alla rivolta siriana, e se i processi in Egitto e Tunisia continuassero senza venir soffocati  dall'esercito.

La questione più importante è la seguente: qualunque cosa accada —una guerra civile, l'intervento straniero, un colpo di stato, che Bashar sia in grado di attuare riforme— il processo rivoluzionario iniziato il 15 marzo darà vita ad una nuova sinistra nuova e ad una nuova leadership?
Qualunque cosa possa ottenere, il movimento potrebbe essere infatti usurpato dai militari e dalla borghesia. Oggi come oggi, 13 maggio, il processo continua per le strade di Egitto, Tunisia, Yemen  e Siria, e le manifestazioni odierne ribadiscono il sostegno alla Palestina. Quindi la cosa importante non è quella di avviare una rivoluzione, ma di continuarla, come i bolscevichi impararono ben presto.

*Fonte: Kasama
** Traduzione a cura del Campo Antimperialista
Print Friendly and PDF

0 commenti:

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (710) euro (680) crisi (609) economia (486) sinistra (416) finanza (258) Movimento Popolare di Liberazione (238) sfascio politico (235) grecia (229) resistenza (221) elezioni (205) teoria politica (199) banche (198) M5S (195) internazionale (190) imperialismo (184) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (152) Leonardo Mazzei (151) Syriza (148) Tsipras (143) Moreno Pasquinelli (129) Matteo Renzi (122) P101 (122) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) sollevazione (99) democrazia (98) sovranità monetaria (97) Grillo (93) destra (93) berlusconismo (91) proletariato (90) costituzione (87) spagna (84) neoliberismo (80) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Emiliano Brancaccio (71) Mario Monti (71) sindacato (68) bce (66) Germania (64) Stefano Fassina (63) filosofia (63) Libia (62) populismo (60) Francia (58) capitalismo (58) Alberto Bagnai (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) Podemos (56) Rivoluzione Democratica (56) rifondazione (51) sinistra anti-nazionale (50) Movimento dei forconi (49) Siria (49) bancocrazia (49) globalizzazione (49) Alexis Tsipras (48) Medio oriente (48) socialismo (48) fiat (47) piemme (47) immigrazione (46) Nichi Vendola (45) Sergio Cesaratto (45) renzismo (45) immigrati (43) inchiesta (43) programma 101 (43) referendum (43) Troika (42) cinque stelle (42) sovranità popolare (42) Yanis Varoufakis (41) solidarietà (41) Carlo Formenti (40) Pablo Iglesias (40) campo antimperialista (40) geopolitica (40) sinistra sovranista (40) Emmezeta (39) Lega Nord (39) astensionismo (39) Beppe Grillo (38) moneta (38) proteste operaie (38) italicum (37) brexit (36) legge elettorale (35) III. Forum internazionale no-euro (34) egitto (34) liberismo (34) Diego Fusaro (33) Mario Draghi (33) Russia (33) azione (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) default (32) fiom (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) governo Renzi (31) neofascismo (31) palestina (31) unità anticapitalisa (31) fiscal compact (30) Matteo Salvini (29) Ucraina (29) Israele (28) Manolo Monereo (28) Merkel (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) Luciano Barra Caracciolo (27) Sicilia (27) menzogne di stato (27) Mimmo Porcaro (26) immigrazione sostenibile (26) Forum europeo (25) Lega (25) Ugo Boghetta (25) xenofobia (25) Europa (24) Giorgio Cremaschi (24) islamofobia (24) populismo di sinistra (24) ora-costituente (23) sovranismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) Chianciano Terme (21) Nello de Bellis (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Aldo Giannuli (20) Donald Trump (20) Marcia della Dignità (20) Marine Le Pen (20) Quantitative easing (20) finanziarizzazione (20) scuola (20) Unità Popolare (19) fronte popolare (19) nazione (19) repressione (19) Izquierda Unida (18) Nato (18) Tunisia (18) cina (18) ecologia (18) iraq (18) keynes (18) uscita dall'euro (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) Roma (17) etica (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Pier Carlo Padoan (16) Regno Unito (16) eurostop (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) CLN (15) Donbass (15) Front National (15) International no euro forum (15) Prc (15) USA (15) 15 ottobre (14) Eurogruppo (14) Luciano B. Caracciolo (14) Monte dei Paschi (14) Norberto Fragiacomo (14) Renzi (14) Vincenzo Baldassarri (14) coordinamento no-euro europeo (14) iran (14) obama (14) storia (14) Enea Boria (13) Ernesto Screpanti (13) Jacques Sapir (13) Jobs act (13) MMT (13) Stato Islamico (13) acciaierie Terni (13) finanziaria (13) piattaforma eurostop (13) umbria (13) Bersani (12) Chavez (12) Cremaschi (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Marco Mori (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Virginia Raggi (12) Vladimiro Giacchè (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) emigrazione (12) euro-germania (12) salerno (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Putin (11) Tonguessy (11) Turchia (11) Venezuela (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) disoccupazione (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) Movimento 5 Stelle (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) golpe (10) iniziative (10) piano B (10) presidenzialismo (10) salari (10) sinistra Italiana (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Alitalia (9) Art. 18 (9) Beppe De Santis (9) Brancaccio (9) Fmi (9) Luigi Di Maio (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) ballottaggi (9) cultura (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) lotta di classe (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) scienza (9) sciopero (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Def (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Fabio Frati (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Marco Zanni (8) Mirafiori (8) Paolo Ferrero (8) Quirinale (8) Salvini (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) diritti civili (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) europeismo (8) grexit (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Campagna eurostop (7) Daniela Di Marco (7) Enrico Grazzini (7) ISIL (7) Ilva (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) cosmopolitismo (7) deficit (7) elezioni anticipate 2017 (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) nazionalizzazione (7) nazismo (7) necrologi (7) privatizzazioni (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Ars (6) Bottega partigiana (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Samuele Mazzolini (6) Sergio Mattarella (6) Stefano D'Andrea (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) cosmo-internazionalismo (6) derivati (6) incontro internazionale (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Banca centrale europea (5) Casaleggio (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) confederazione (5) cuba (5) debitocrazia (5) destra non euro (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) governo Gentiloni (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberalismo (5) liberosambismo (5) pomigliano (5) questione nazionale (5) rivolta (5) salvinismo (5) sindacalismo di base (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) uber (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) Genova (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Morgan Stanley (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Sharing Economy (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) debitori (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) ideologia (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) manifestazione (4) patrimoniale (4) pensioni (4) populismo democratico (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) trasporto pubblico (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alessandro Visalli (3) Alfiero Grandi (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (3) CUB (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Chiavacci Alessandro (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Bertinotti (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) Franz Altomare (3) Fratelli d'Italia (3) GIAPPONE (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Militant-blog (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Mosul (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Sarkozy (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Wolfgang Munchau (3) Xi Jinping (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) giovani (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) manifestazione 25 marzo 2017 (3) massimo fini (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) migranti (3) minijobs. Germania (3) nazionalismo (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) senso comune (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Eleonora Forenza (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Ferdinando Pastore (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Flat tax (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gianni Ferrara (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) automazione (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) deregulation (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) il pedante (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) trasporto aereo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Benzoni (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amando Siri (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio Amoroso (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Fiumicino (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Bartolomei (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgia Meloni (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Basso (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Mark Rutte (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autodeterminazione dei popoli (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) lex monetae (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) moneta fiscale (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) sovranità e costituzione (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)